Category Archives: tumori

Che cosa causa l’urina nel sangue negli uomini?

Published by:

ematurie

Il sangue nelle urine è un sintomo di molti problemi comuni nei maschi. Il termine medico per il sangue nelle urine è l’ematuria.
In questo articolo, scopri nove possibili cause di ematuria nei maschi, insieme ai loro sintomi aggiuntivi e informazioni su quando vedere un medico.

Le cause


Nei maschi, il sangue nelle urine può risultare da uno dei seguenti:

Infezione del tratto urinario


Le infezioni del tratto urinario (UTI) sono una causa comune di sangue nelle urine. Anche se si verificano più frequentemente nelle donne, gli uomini possono anche svilupparli.

I fattori di rischio per le UTI nei maschi includono problemi alla prostata e cateterizzazione recente.

UTI possono verificarsi quando i batteri entrano nell’uretra, che è il tubo che trasporta l’urina dalla vescica fuori dal corpo.

Oltre al sangue nelle urine, i sintomi di una UTI includono:

  • minzione urgente e frequente
  • dolore o bruciore nell’uretra
  • urina torbida e maleodorante


Raramente, un UTI può influenzare i reni. In questo caso, l’infezione tende ad essere più grave e può causare i seguenti sintomi aggiuntivi:

  • dolore alla schiena, ai fianchi e all’inguine
  • nausea e vomito
  • febbre e brividi

Calcoli renali e vescicali


Se il sangue contiene troppo poco liquido e troppi rifiuti, i prodotti di scarto possono legarsi con sostanze chimiche nelle urine, formando pietre dure nei reni o nella vescica.

Spesso le pietre sono abbastanza piccole da passare attraverso la minzione. Pietre più grandi possono rimanere nel rene o nella vescica o rimanere bloccate altrove nel tratto urinario.

Pietre più grandi generano generalmente sintomi più evidenti, come ad esempio:

  • sangue nelle urine
  • inferiore mal di schiena su entrambi i lati
  • mal di stomaco persistente
  • nausea o vomito
  • una febbre e brividi
  • urina torbida o maleodorante

Ematuria da esercizio fisico


L’ematuria indotta dall’esercizio (EIH), nota anche come ematuria post-sforzo, si riferisce al sangue nelle urine che si verifica dopo che una persona si esercita.

I medici non sono sicuri di cosa causi l’EIH, ma tendono ad essere associati ad esercizi ad alta intensità, piuttosto che alla durata dell’esercizio.

Anche le persone che non stanno adeguatamente idratate durante l’allenamento possono avere un rischio maggiore.

Uno studio del 2018 ha studiato la presenza di EIH in un gruppo di 491 partecipanti adulti sani.

Un totale del 12 percento ha mostrato EIH a seguito di una corsa di 5 km limitata nel tempo. Questa cifra è scesa a solo l’1,3% quando i partecipanti hanno completato la corsa senza limiti di tempo, suggerendo che il sangue nelle urine si è verificato a causa dell’intensità dello sforzo durante la corsa a tempo.

Gli autori osservano che l’EIH di solito si risolve entro 3 giorni e suggerisce di consultare un medico per qualsiasi sanguinamento che dura più di 2 settimane.

La prostata ingrandita


L’iperplasia prostatica benigna (IPB) è il termine medico per un ingrossamento della prostata.

La prostata è una ghiandola che fa parte del sistema riproduttivo maschile e aiuta a produrre lo sperma. Si trova sotto la vescica e di fronte al retto.

Una prostata allargata può premere sull’uretra, rendendo difficile la minzione. La vescica può compensare lavorando di più per rilasciare l’urina, che potrebbe portare a danni e sanguinamento.

L’IPB colpisce circa il 50% dei maschi adulti di 51-60 anni e il 90% di quelli di età superiore agli 80 anni.

I sintomi di BPH includono:

  • un bisogno urgente di urinare
  • minzione frequente, soprattutto di notte
  • difficoltà a iniziare la minzione
  • bisogno di spingere o filtrare mentre urina
  • un flusso di urina debole o intermittente
  • una sensazione che la vescica è piena anche dopo aver urinato
  • sangue nelle urine
  • Nei casi più gravi, una persona con BPH può non essere in grado di urinare del tutto. Questa è un’emergenza medica che richiede attenzione immediata.

Cateterizzazione recente


Alcune persone possono avere difficoltà a passare l’urina a causa di un infortunio, un intervento chirurgico o una malattia. Un catetere urinario (UC) è un tubo flessibile che aiuta a drenare l’urina dalla vescica.

Nei maschi, le UC possono essere presenti o esterne. Un catetere a permanenza viene inserito nella vescica attraverso l’uretra. Può rimanere nella vescica per diversi giorni o settimane.

Un catetere esterno è un dispositivo che si adatta sopra il pene e raccoglie l’urina in un sacchetto di drenaggio.

Entrambi i tipi di catetere possono consentire ai batteri di entrare nell’uretra e moltiplicarsi, portando eventualmente a un’infezione del tratto urinario associato al catetere (CAUTI). Ciò può causare sangue nelle urine.

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il 75 percento delle UTI acquisite negli ospedali risulta dall’uso del catetere.

I sintomi di un CAUTI sono gli stessi di quelli delle UTI generali, ma possono anche includere spasmi nella parte bassa della schiena o nell’addome.

Lesioni ai reni


I glomeruli sono piccole strutture all’interno dei reni che aiutano a filtrare e pulire il sangue. Glomerulonefrite (GN) è il termine per un gruppo di malattie che possono danneggiare queste strutture.

Nelle persone con GN, i reni feriti non sono in grado di rimuovere i rifiuti e il fluido in eccesso dal corpo. Senza trattamento, la GN può portare all’insufficienza renale.

La GN cronica si verifica spesso in giovani uomini che hanno anche perdita dell’udito e della vista.

La GN acuta si accende improvvisamente e può causare i seguenti sintomi:

  • gonfiore facciale al mattino
  • sangue nelle urine
  • minzione ridotta
  • mancanza di respiro
  • tosse
  • alta pressione sanguigna


La GN cronica si sviluppa lentamente. In alcuni casi, le persone potrebbero non manifestare i sintomi per diversi anni. Segni e sintomi possono includere:

  • sangue nelle urine
  • proteina nelle urine
  • gonfiore del viso o delle caviglie
  • minzione notturna frequente
  • urina spumeggiante o schiumosa

Farmaci


I seguenti farmaci possono causare ematuria:

  • Diluenti del sangue: questi farmaci aiutano a prevenire i coaguli di sangue, ma alcuni tipi, tra cui il warfarin e l’ aspirina , possono causare sangue nelle urine.
  • Farmaci antiinfiammatori non steroidei o FANS: se una persona li usa per lunghi periodi, può danneggiare i reni e causare la comparsa di sangue nei test delle urine. Tuttavia, è improbabile che causino sangue visibile nelle urine.
  • Ciclofosfamide e ifosfamide: questi sono farmaci chemioterapici che possono causare cistite emorragica , che è l’insorgenza improvvisa di sangue nelle urine e dolore e irritazione alla vescica.
  • Senna: l’uso a lungo termine di questo lassativo può provocare ematuria.
  • Chiunque sospetti che il sangue nelle loro urine derivi dall’uso di farmaci dovrebbe parlare con un medico del passaggio a un altro farmaco o dei modi per alleviare gli effetti collaterali.

Cancro alla prostata


Circa un uomo su dieci negli Stati Uniti riceverà una diagnosi di cancro alla prostata nel corso della propria vita.

Con la diagnosi precoce e il trattamento, il cancro alla prostata è solitamente curabile . Tuttavia, pochi uomini sperimenteranno sintomi durante le prime fasi della malattia, quindi è fondamentale partecipare a regolari test di screening.

Quando si presentano i sintomi del cancro alla prostata, possono essere simili a quelli dell’IPB.

Ulteriori segni e sintomi del cancro alla prostata includono:

  • dolore sordo nella zona pelvica inferiore
  • dolore nella parte bassa della schiena, fianchi o coscia
  • eiaculazione dolorosa
  • sangue nello sperma
  • perdita di appetito
  • perdita di peso inspiegabile
  • dolore osseo


Gli uomini che avvertono uno qualsiasi dei sintomi del cancro alla prostata devono visitare il medico il prima possibile.

Cancro alla vescica


Nelle prime fasi del cancro della vescica , le persone possono sperimentare pochissimi sintomi. La prima indicazione è di solito il sangue nelle urine.

Alcune persone potrebbero notare lo scolorimento delle urine. Per gli altri, le tracce di sangue sono rilevabili solo in un test delle urine.

Altri possibili sintomi del cancro della vescica nella fase iniziale includono:

un bisogno frequente o urgente di urinare, specialmente di notte
difficoltà a urinare
un debole flusso di urina
dolore o bruciore durante la minzione
I sintomi del carcinoma della vescica più avanzato includono:

  • un’incapacità di urinare
  • dolore lombare su un lato
  • gonfiore ai piedi
  • una perdita di appetito
  • perdita di peso inspiegabile
  • dolore osseo


Tipi di ematuria


Ci sono due tipi di sangue nelle urine:

  • Ematuria lorda: è quando il sangue nelle urine è visibile ad occhio nudo. Le persone possono passare coaguli di sangue o notare l’urina che è rossa o marrone.
  • Ematuria microscopica: questo è quando il sangue nelle urine è visibile solo al microscopio.

Trattamento


Il trattamento per l’ematuria dipende dalla sua causa sottostante. Possibili trattamenti possono includere:

  • antibioticotrattamento per le infezioni
  • intervento chirurgico per rimuovere grandi calcoli renali
  • rilassanti muscolari, bloccanti ormonali e interventi chirurgici per trattare i problemi della prostata
  • farmaci o procedure di filtraggio del sangue per GN
  • chirurgia, chemioterapia e radioterapia per curare tumori o escrescenze benigne

Quando vedere un dottore


Mentre il sangue nelle urine nei maschi raramente è un segno di una grave malattia, chiunque si accorga del sangue nelle urine dovrebbe parlare con un medico.

Un test delle urine aiuterà a confermare la presenza di sangue. Un medico può anche eseguire un esame fisico per verificare l’ingrossamento o la tenerezza della prostata nella vescica o nei reni.

I test di imaging possono aiutare un medico a identificare l’ingrossamento della prostata oi blocchi del tratto urinario.

Sommario


Nei maschi, c’è una serie di possibili cause di sangue nelle urine, da UTIs a problemi con la prostata.

Raramente, l’ematuria può essere un avvertimento del cancro che colpisce il tratto urinario o il sistema riproduttivo. Questi tipi di cancro sono spesso curabili con la diagnosi e il trattamento precoci.

A volte, l’ematuria è rilevabile solo al microscopio, quindi chiunque soffra di sintomi urinari persistenti o ricorrenti dovrebbe parlare con un medico.

Il diabete può influenzare la diffusione del cancro?

Published by:

diabete e cancro

Alcuni ricercatori sostengono che potrebbe esserci un legame diretto tra il diabete e l’esposizione ad un aumentato rischio di metastasi nel cancro.

Una nuova ricerca convalida questa idea, spiegando come il diabete possa elevare questo rischio.

Una nuova ricerca indaga su come il diabete possa promuovere la diffusione del cancro.
Centinaia di milioni di persone in tutto il mondo vivono con una forma di diabete , che rende questa una delle condizioni di salute più comuni che i medici diagnosticano.

Le persone con diabete tendono ad avere un rischio più elevato di sviluppare determinate condizioni mediche aggiuntive, inclusi problemi alla vista, malattie cardiache e altri problemi cardiovascolari.

Ora, prove emergenti suggeriscono anche che il diabete potrebbe aumentare il rischio di tumori che metastatizzano – o si diffondono – nel cancro .

Recentemente, un team di ricercatori della Cornell University di Ithaca, NY, ha esplorato i potenziali meccanismi alla base del rapporto tra diabete e cancro metastatico.

“Il cancro e il diabete sono due dei peggiori problemi di salute nei paesi sviluppati, e c’è un legame tra i due”, dice l’autore dello studio Prof. Mingming Wu.

“Per il cancro, metà della storia è ancora in genetica, solo di recente ci siamo resi conto che c’è un’altra metà che ci è sfuggita, che è il microambiente”, aggiunge il professor Wu.

In altre parole, la crescita e la diffusione del cancro potrebbero essere altamente dipendenti dall’ambiente biologico che la circonda e il diabete, secondo i ricercatori, potrebbe creare la giusta impostazione per aumentare la motilità (capacità di movimento) delle cellule tumorali.

“La glicazione aumenta il tasso di metastasi”


Metastasi – o diffusione del cancro – si verifica quando le cellule tumorali sono in grado di “viaggiare” dal sito dei tumori primari verso altre parti del corpo, dando origine a nuovi tumori.

Per arrivare dal sito di un tumore primario ad altre parti del corpo, le cellule tumorali devono navigare nella matrice extracellulare, una rete che fornisce supporto e struttura alle cellule del corpo. Diversi tipi di macromolecole, che comprendono collagene e glicoproteine, costituiscono questa matrice.

Il Prof. Wu e colleghi spiegano che un aumento della glicemia nelle persone con diabete può avere un impatto sulla struttura delle fibre di collagene in un modo che rende più facile il movimento delle cellule tumorali.

Le modifiche alle fibre di collagene avvengono attraverso un processo chiamato ” glicazione “, una reazione tra zuccheri e proteine ​​o altri composti biologici.

“Le persone con diabete hanno livelli più elevati di zucchero nel sangue, che portano alla glicazione e modifica la struttura del collagene nei loro tessuti”, spiega l’autore principale dello studio, Young Joon Suh, che è attualmente uno studente laureato alla Cornell.

” Se hanno il cancro, crediamo che questo processo di glicazione promuova il tasso di metastatizzazione”.

Nel loro studio – i cui risultati appaiono nella rivista Integrative Biology – i ricercatori hanno testato questo meccanismo osservando come le cellule cancerose provenienti da tumori al seno sono state trasportate in ambienti con diversi livelli di glicazione.

I loro esperimenti hanno rivelato che le cellule avevano un aumento della motilità – cioè, erano in grado di muoversi a velocità più elevate, e anche di “viaggiare” più lontano dal sito originale – quando il loro ambiente aveva un’alta glicazione.

In effetti, il team spiega che la velocità media di movimento delle cellule del cancro al seno era più alta in tutti e tre i tipi di ambienti di collagene che utilizzavano – quando erano glicate.

Questi risultati, secondo i ricercatori, indicano che le condizioni che il diabete crea nel corpo possono effettivamente aumentare il rischio di metastasi di una persona se hanno il cancro.

Andando avanti, gli scienziati mirano a distinguere ulteriormente tra l’impatto meccanico e chimico della glicazione sul processo di metastasi.

“Il lavoro futuro sarà necessario per chiarire l’impatto biochimico della glicazione nell’invasione delle cellule tumorali”, scrivono i ricercatori.

Gestione del dolore e perché è così personale

Published by:

gestione del dolore

La maggior parte dei pazienti pensa alle medicine contro il dolore in termini di sintomi che trattano.

“Questa è la mia medicina per il mal di testa, e questa è la mia medicina per l’artrite”, dicono spesso.

Gli operatori sanitari hanno maggiori probabilità di classificare i farmaci per il dolore in base al loro modo di lavorare: alcuni sono anti-infiammatori, alcuni influenzano le terminazioni nervose e altri influenzano il modo in cui il cervello percepisce il dolore.

Ma la verità è che non importa come classifichi le medicine per il dolore, non c’è modo di sapere se ti aiuteranno finché non le proverai per te stesso.

La maggior parte delle persone non si rende conto che la gestione del dolore è personale.

La ricerca sta iniziando a aiutarci a capire perché le persone rispondono ai farmaci in modo così diverso, e un giorno probabilmente saremo in grado di personalizzare i piani di trattamento con maggiore successo.

Per ora, ci sono diversi motivi genetici noti per cui i farmaci antidolorifici sono più o meno efficaci per un individuo rispetto all’altro.

I geni influenzano :

Il numero di enzimi che abbattono i farmaci e li rimuovono dal corpo.

Alcune persone hanno un numero maggiore di questi enzimi e quindi richiedono più farmaci per sentire i suoi effetti antidolorifici. Altri possono essere fortemente colpiti anche da piccole dosi di droga.

Le variazioni del recettore della medicina del dolore possono rendere un farmaco efficace e un altro (quasi la stessa medicina) inefficace nell’alleviare il dolore.

Differenze nelle molecole portanti che trasportano la medicina del dolore attraverso il flusso sanguigno e nelle cellule che provocano sensazioni di dolore. Alcune persone hanno meno molecole portatrici per portare la medicina sul luogo del dolore.

Il numero di molecole di neurotrasmettitore “uomo medio” che passano lungo la risposta al dolore. Troppe di queste molecole possono ridurre il legame con i farmaci e disattivare l’effetto antidolorifico di alcuni farmaci.

Quando il dolore è grave, possono essere necessari i farmaci prescritti. Tuttavia, il dolore da lieve a moderato può essere efficacemente gestito con farmaci da banco (OTC) .

Approccio iniziale

Credo in partenza in basso, approccio lento a trovare la più piccola dose efficace di farmaci antidolorifici. Consiglio sempre ai miei pazienti di leggere e seguire tutte le istruzioni riportate sull’etichetta Drug Facts per accertarsi che non si sovrappongano accidentalmente ai principi attivi.

Quando scelgo un antidolorifico con i miei pazienti, la prima cosa che penso sono i potenziali effetti collaterali.

Alcuni farmaci (come i farmaci antinfiammatori non steroidei come l’ibuprofene e il naproxen sodico) possono essere duri sul rivestimento dello stomaco o causare sanguinamento nelle persone a rischio. Altri medicinali (come il paracetamolo) possono danneggiare il fegato se usati in eccesso, mentre i farmaci antidolorifici possono causare stitichezza e sonnolenza.

La migliore medicina del dolore per iniziare è quella che è meno probabile che possa causare danni alla persona specifica.

La prossima cosa che chiedo è se la medicina abbia funzionato o meno per il paziente in passato.

L’esperienza precedente è uno dei migliori indicatori del successo futuro. Poiché so che il mio paziente ha un numero unico e determinato geneticamente di enzimi, trasportatori e recettori, l’esperienza precedente con i farmaci antidolorifici mi darà una buona idea di quanto bene lo tollereranno di nuovo e se sarà efficace.

Tipologie di dolore.

  • Il dolore è causato da infiammazione (da un infortunio, un intervento chirurgico o un’artrite), considererò un medicinale con proprietà principalmente antinfiammatorie.
  • Se il dolore è causato da tensioni (come il mal di testa) o complicate dalla febbre, potrei considerare prima il paracetamolo.
  • Se il dolore proviene da un nervo (come la sciatica o la neuropatia), userò i farmaci antidolorifici che funzionano specificamente per il dolore nervoso.
  • Quando il dolore è complicato dalla depressione, potrei discutere altre medicine e approcci.

A volte, le combinazioni di farmaci sono significativamente più efficaci di un farmaco da solo nel trattamento del dolore (questo è il motivo per cui alcuni antidolorifici prescritti sono combinazioni di oppioidi e paracetamolo).

Quando si utilizza più di un medicinale antidolorifico, è importante confrontare gli ingredienti attivi sia con i farmaci prescritti che con i prodotti OTC per assicurarsi che non si verifichino overdose accidentali.

Raccomando anche di consultare un operatore sanitario se ci sono preoccupazioni circa le interazioni tra farmaci o se il paziente è già in un numero significativo di farmaci che potrebbero interagire con le sue scelte di medicina del dolore OTC.

La linea di fondo è che la scienza sta ancora recuperando la gestione del dolore. Forse un giorno un semplice esame del sangue ci aiuterà a determinare il miglior regime di terapia del dolore per un determinato paziente in un dato momento.

Ma fino ad allora, l’unica soluzione è adottare una strategia di prove ed errori attenti (evitare effetti collaterali indesiderati, usare le dosi più basse e consultare un medico quando il dolore è grave). Non preoccuparti troppo se una medicina specifica è “la migliore” per il tuo dolore. La gestione del dolore è molto personale, quindi dovrai scoprire la tua soluzione migliore.

Cos’è il cancro del dotto biliare?

Published by:

cancro del dotto biliare

Il cancro del dotto biliare inizia in un dotto biliare. Per capire questo cancro, aiuta a conoscere i dotti biliari e cosa fanno normalmente.

Circa i dotti biliari

I dotti biliari sono una serie di tubi sottili che vanno dal fegato all’intestino tenue. Il loro compito principale è quello di spostare un fluido chiamato bile dal fegato e dalla cistifellea nell’intestino tenue, dove aiuta a digerire i grassi nel cibo.

Diverse parti del sistema dei dotti biliari hanno nomi diversi. Nel fegato inizia come tanti piccoli tubi (chiamati duttule) in cui la bile si raccoglie dalle cellule del fegato. I dotti si uniscono per formare tubi chiamati piccoli dotti. Questi si fondono in condotti più grandi e quindi i dotti epatici sinistro e destro. Tutti questi dotti all’interno del fegato sono chiamati dotti biliari intraepatici.

I dotti epatici sinistro e destro escono dal fegato e si uniscono per formare il dotto epatico comune in un’area chiamata ilo. Più in basso, la cistifellea (un piccolo organo che immagazzina la bile) viene unita al dotto epatico comune da un piccolo condotto chiamato il dotto cistico. Questo condotto combinato è chiamato il dotto biliare comune. Il dotto biliare comune attraversa parte del pancreas prima che si unisca al dotto pancreatico e si svuota nella prima parte dell’intestino tenue (il duodeno) all’ampolla di Vater.

Tipi di tumori del dotto biliare per posizione

Il cancro può iniziare in qualsiasi parte del sistema dei dotti biliari. Sulla base di dove sono i tumori (vedi l’immagine qui sotto), sono raggruppati in 3 tipi:

  • Tumori del dotto biliare intraepatico
  • Cancro del dotto biliare periile (detto anche ilare)
  • Cancro del dotto biliare distale

Un altro nome per il cancro del dotto biliare è il colangiosarcoma.

Tumori del dotto biliare intraepatico


Questi tumori iniziano nei rami del dotto biliare più piccoli all’interno del fegato.

A volte sono confusi con tumori che iniziano nelle cellule del fegato, che sono chiamati carcinomi epatocellulari, che sono spesso trattati allo stesso modo.

Cancro del dotto biliare periile (detto anche ilare)


Questi tumori iniziano dall’ilo, dove i dotti epatici sinistro e destro si sono uniti e stanno appena uscendo dal fegato. Questi sono anche chiamati tumori Klatskin. Questi tumori sono raggruppati con tumori del dotto biliare distale come tumori del dotto biliare extraepatico.

Cancro del dotto biliare distale


Questi tumori si trovano più in basso lungo il dotto biliare, più vicino all’intestino tenue. Come i tumori del peri, questi sono i cancri del dotto biliare extraepatico perché iniziano fuori dal fegato.

Tipi di cancro del dotto biliare per tipo di cellula


I cancri del dotto biliare possono anche essere suddivisi in tipi basati su come le cellule tumorali guardano al microscopio.

Quasi tutti i cancri del dotto biliare o colangiocarcinoma sono adenocarcinomi, che sono tumori che iniziano nelle cellule ghiandolari. L’adenocarcinoma del dotto biliare inizia nelle cellule delle ghiandole mucose che rivestono l’interno dei dotti.

Altri tipi di cancro del dotto biliare sono molto meno comuni. Questi includono sarcomi, linfomi e tumori a piccole cellule. Le nostre informazioni non coprono questi altri tipi di cancro del dotto biliare.

Tumori benigni del dotto biliare


Non tutti i tumori del dotto biliare sono cancerogeni. Gli amartomi del dotto biliare e gli adenomi del dotto biliare sono esempi di tumori benigni (non tumorali).

Altri tumori nel fegato


Il tipo più comune di cancro che inizia nel fegato – molto più comune di colangiosarcoma – è il carcinoma epatocellulare, che inizia nelle cellule che formano il fegato.

I tumori che iniziano in altri organi possono diffondersi nel fegato. Questi sono chiamati metastasi epatiche o cancro metastatico al fegato.

La loro prospettiva e il loro trattamento non sono gli stessi del cancro che inizia nel fegato (come il carcinoma epatocellulare) o i dotti biliari (come il colangiocarcinoma), ma dipendono invece da dove è iniziato il cancro.

Per questo motivo, è importante sapere se un tumore nel fegato è iniziato nei dotti biliari (è un colangiocarcinoma), o se è costituito da cellule tumorali che hanno iniziato in un altro organo (come il colon) e diffuse nel fegato (è metastatico cancro).

Che cosa è un sarcoma dei tessuti molli?

Published by:

sarcoma

Il cancro inizia quando le cellule iniziano a crescere senza controllo. Le cellule in quasi tutte le parti del corpo possono diventare cancerose e possono diffondersi in altre aree. Per saperne di più su come i tumori iniziano e si diffondono, vedi Che cos’è il cancro?

Esistono molti tipi di tumori dei tessuti molli e non tutti sono cancerogeni. Molti tumori benigni si trovano nei tessuti molli. La parola benigna significa che non sono un cancro. Questi tumori non possono diffondersi ad altre parti del corpo. Alcuni tumori dei tessuti molli si comportano in modo tra un cancro e un non-cancro. Questi sono chiamati tumori intermedi dei tessuti molli.

Quando la parola sarcoma è parte del nome di una malattia, significa che il tumore è maligno (cancro). Un sarcoma è un tipo di cancro che inizia in tessuti come ossa o muscoli. I sarcomi delle ossa e dei tessuti molli sono i principali tipi di sarcoma. I sarcomi dei tessuti molli possono svilupparsi nei tessuti molli come grasso, muscoli, nervi, tessuti fibrosi, vasi sanguigni o tessuti cutanei profondi. Possono essere trovati in qualsiasi parte del corpo. La maggior parte inizia con le braccia o le gambe. Possono anche essere trovati nel tronco, nella zona della testa e del collo, negli organi interni e nell’area posteriore della cavità addominale (nota come retroperitoneo). I sarcomi non sono tumori comuni.

I sarcomi che più spesso iniziano nelle ossa, come gli osteosarcomi ei sarcomi che si osservano più spesso nei bambini, come la famiglia Ewing dei tumori e il rabdomiosarcoma, non sono coperti qui.

Tipi di sarcomi dei tessuti molli


Esistono più di 50 diversi tipi di sarcomi dei tessuti molli. Alcuni sono piuttosto rari e non tutti sono elencati qui:

  • Il fibrosarcoma adulto di solito colpisce il tessuto fibroso nelle gambe, nelle braccia o nel tronco. È più comune nelle persone di età compresa tra 20 e 60 anni, ma può verificarsi in persone di qualsiasi età, anche nei neonati.
  • Il sarcoma alveolare delle parti molli è un tumore raro che colpisce soprattutto i giovani adulti. Questi tumori iniziano più comunemente a gambe.
  • L’angiosarcoma può iniziare nei vasi sanguigni (emangiosarcomi) o nei vasi linfatici (linfangiosarcomi). Questi tumori a volte iniziano in una parte del corpo che è stata trattata con radiazioni. Gli angiosarcomi sono talvolta visti nel seno dopo radioterapia e negli arti con linfedema.
  • Il sarcoma a cellule chiare è un cancro raro che spesso inizia nei tendini delle braccia o delle gambe. Sotto il microscopio, ha alcune caratteristiche del melanoma maligno, un tipo di cancro che inizia nelle cellule della pelle che producono pigmenti. Come i tumori con queste caratteristiche iniziano in parti del corpo diverse dalla pelle non è noto.
  • Il piccolo tumore a cellule rotonde di Desmoplastic è un raro sarcoma di adolescenti e giovani adulti. Si trova più spesso nell’addome (pancia).
  • Il sarcoma epitelioide inizia più spesso nei tessuti sotto la pelle delle mani, degli avambracci, dei piedi o delle gambe. Adolescenti e giovani adulti sono spesso colpiti.
  • Il sarcoma del fibromaxo, basso grado è un cancro a crescita lenta che inizia più spesso come una crescita indolore nel tronco o nelle braccia e nelle gambe (in particolare nella coscia). È più comune negli adulti giovani e di mezza età. A volte è chiamato un tumore di Evans.
  • Il tumore stromale gastrointestinale (GIST) è un tipo di sarcoma che inizia nel tratto digestivo. Vedi Tumore Stromale Gastrointestinale (GIST) per maggiori dettagli.
  • Il sarcoma di Kaposi è un tipo di sarcoma che inizia nelle cellule che rivestono linfa o vasi sanguigni. Vedi il sarcoma di Kaposi.
  • I liposarcomi sono tumori maligni del tessuto grasso. Possono iniziare in qualsiasi parte del corpo, ma iniziano più spesso nella coscia, dietro il ginocchio e all’interno della parte posteriore dell’addome (pancia). Si verificano soprattutto negli adulti tra i 50 ei 65 anni.
  • Il mesenchimoma maligno è un raro tipo di sarcoma che mostra le caratteristiche del fibrosarcoma e le caratteristiche di almeno altri 2 tipi di sarcoma.
  • I tumori maligni della guaina dei nervi periferici comprendono neurofibrosarcoma, schwannomi maligni e sarcomi neurogenici. Questi sono sarcomi che iniziano nelle cellule che circondano un nervo.
  • Myxofibrosarcomas, di basso grado si trovano più spesso nelle braccia e nelle gambe dei pazienti anziani. Sono più comuni dentro o appena sotto la pelle e potrebbero esserci più di un tumore.
  • Il rabdomiosarcoma è il tipo più comune di sarcoma dei tessuti molli osservato nei bambini. Vedi Rabdomiosarcoma.
  • Il sarcoma sinoviale è un tumore maligno del tessuto attorno alle articolazioni. Le posizioni più comuni sono l’anca, il ginocchio, la caviglia e la spalla. Questo tumore è più comune nei bambini e nei giovani adulti, ma può verificarsi nelle persone anziane.
  • Il sarcoma pleomorfo indifferenziato era una volta chiamato istiocitoma fibroso maligno (MFH). Si trova più spesso nelle braccia o nelle gambe. Meno spesso, può iniziare all’interno della parte posteriore dell’addome (il retroperitoneo). Questo sarcoma è più comune negli anziani. In genere tende a crescere in altri tessuti attorno al punto in cui è iniziato, ma può diffondersi in parti distanti del corpo.

I sarcomi dei tessuti molli possono essere trovati precocemente?


Le persone che hanno una forte storia familiare di sarcomi dei tessuti molli o che hanno avuto altri tumori quando erano giovani, potrebbero voler parlare con un medico dei benefici e degli svantaggi dei test genetici. I risultati del test dovrebbero sempre essere spiegati da un consulente genetico o da un medico appositamente formato che possa interpretare i risultati e consigliare i pazienti ad alto rischio sulla necessità di test precoci di rilevamento del cancro.

Le famiglie con una storia di alcune condizioni ereditarie causate da difetti in alcuni geni hanno un aumentato rischio di sarcomi dei tessuti molli. I geni modificati (mutati) possono essere rilevati da test genetici, quindi i familiari dovrebbero discutere questa opzione con i loro medici. Dovrebbero anche vedere immediatamente il loro medico se notano eventuali grumi o escrescenze. (Le condizioni ereditarie legate al sarcoma dei tessuti molli sono trattate in fattori di rischio per i sarcomi dei tessuti molli)

Nessun test di screening ed esami sono raccomandati per le persone che non hanno una storia familiare di sarcoma o altri fattori di rischio di sarcoma. Per queste persone, l’approccio migliore alla diagnosi precoce è quello di dire al proprio fornitore di assistenza sanitaria di eventuali grumi o crescite inspiegabili o di altri sintomi che possono essere causati da un sarcoma dei tessuti molli.

Cancro al rene

Published by:

tumore ai reni

Il cancro del rene, chiamato anche carcinoma renale, è uno dei tipi più comuni di cancro. Colpisce di solito gli adulti nei loro anni ’60 o ’70 ed è raro nelle persone sotto i 50 anni.

Spesso può essere curato se è preso presto. Ma una cura probabilmente non sarà possibile se non viene diagnosticata fino a quando non si è diffusa oltre il rene.

Esistono diversi tipi di cancro del rene. Queste pagine si concentrano sul tipo più comune – carcinoma a cellule renali. Il sito web di Cancer Research UK contiene ulteriori informazioni su altri tipi di cancro del rene.

Sintomi del cancro del rene


In molti casi, all’inizio non ci sono sintomi evidenti e il cancro del rene può essere rilevato solo durante i test effettuati per un altro motivo.

Se i sintomi si verificano, possono includere:

  • sangue nella tua pipì – potresti notare che la tua pipì è più scura del normale o di colore rossastro
  • un dolore persistente nella parte bassa della schiena o laterale, appena sotto le costole
  • un nodulo o gonfiore nella tua parte (anche se il tumore al rene è spesso troppo piccolo per sentirsi)

Quando cercare un consiglio medico


Vedi il tuo medico di famiglia se hai sintomi di cancro al rene.

Anche se è improbabile che tu abbia il cancro, è importante che i sintomi vengano controllati.

Il tuo medico ti informerà sui tuoi sintomi e potrebbe testare un campione di urina per vedere se contiene sangue o un’infezione.

Se necessario, possono indirizzarti a uno specialista ospedaliero per ulteriori test per scoprire qual è il problema.

Cause del cancro del rene


La causa esatta del cancro del rene è sconosciuta, ma alcune cose possono aumentare le possibilità di svilupparlo:

Questi includono:

  • obesità – un indice di massa corporea (BMI) di 30 o più; usa il calcolatore di peso sano per calcolare il tuo indice di massa corporea
  • fumare: più si fuma, maggiore è il rischio
  • pressione alta (ipertensione)
  • storia familiare – è più probabile che tu abbia il cancro ai reni se hai un parente stretto con esso
  • condizioni genetiche – alcune condizioni genetiche ereditarie aumentano il rischio di cancro del rene, come la sindrome di Von Hippel-Lindau
  • dialisi a lungo termine – un trattamento per la malattia renale in cui una macchina riproduce alcuni dei lavori dei reni
  • Mantenere un peso sano, una pressione sanguigna sana e non fumare è il modo migliore per ridurre il rischio di cancro del rene.

Trattamenti per il cancro del rene


Il trattamento per il cancro del rene dipende dalla dimensione del tumore e se si è diffuso ad altre parti del corpo.

I trattamenti principali sono:

  • intervento chirurgico per rimuovere parte o tutto il rene interessato – questo è il trattamento principale per la maggior parte delle persone
  • crioterapia o ablazione a radiofrequenza – dove le cellule cancerose vengono distrutte dal congelamento o dal riscaldamento
  • terapie biologiche – farmaci che aiutano a fermare la crescita o la diffusione del cancro
  • embolizzazione – una procedura per interrompere l’afflusso di sangue al cancro
  • radioterapia – utilizzo di radiazioni ad alta energia per colpire le cellule tumorali e alleviare i sintomi

Prospettive per il cancro del rene


Le prospettive per il cancro del rene in gran parte dipende da quanto è grande il tumore e quanto si è diffuso nel momento in cui viene diagnosticato.

Se il cancro è ancora piccolo e non si è diffuso oltre il rene, la chirurgia può spesso curarla. All’inizio alcuni tumori a crescita lenta e di piccole dimensioni potrebbero non avere bisogno di cure.

Di solito non è possibile una cura se il tumore si è diffuso, sebbene a volte il trattamento possa aiutare a tenerlo sotto controllo. Alcune persone si ammalano rapidamente, ma altre possono vivere per diversi anni e sentirsi bene nonostante il cancro.

Complessivamente, circa 7 persone su 10 vivono almeno un anno dopo la diagnosi e circa 5 su 10 vivono almeno 10 anni.

Cancro del colon retto: cosa devi sapere

Published by:

cancro del colon retto

Il cancro del colon-retto, noto anche come cancro intestinale, cancro del colon o carcinoma del retto, è un qualsiasi tumore che colpisce il colon e il retto.


L’American Cancer Society stima che circa 1 su 21 uomini e 1 su 23 donne negli Stati Uniti svilupperanno il cancro del colon-retto durante la loro vita.

È la seconda causa principale di morte per cancro nelle donne e la terza per gli uomini. Tuttavia, a causa dei progressi delle tecniche di screening e dei miglioramenti nei trattamenti, il tasso di mortalità per tumore del colon-retto è diminuito.

Il cancro del colon-retto può essere benigno, o non-canceroso o maligno. Un tumore maligno può diffondersi in altre parti del corpo e danneggiarle

Sintomi

I sintomi del cancro del colon-retto comprendono:

  • cambiamenti nelle abitudini intestinali
  • diarrea o stitichezza
  • una sensazione che l’intestino non si svuota correttamente dopo un movimento intestinale
  • sangue nelle feci che fa sembrare nere le feci
  • sangue rosso vivo proveniente dal retto
  • dolore e gonfiore nell’addome
  • una sensazione di pienezza nell’addome, anche dopo aver mangiato per un po ‘.
  • stanchezza o stanchezza
  • perdita di peso inspiegabile
  • un grumo nell’addome o nel passaggio posteriore sentito dal medico
  • carenza di ferro inspiegabile negli uomini, o nelle donne dopo la menopausa


La maggior parte di questi sintomi può anche indicare altre possibili condizioni. È importante consultare un medico se i sintomi persistono per 4 settimane o più.

Trattamento


Il trattamento dipenderà da diversi fattori, tra cui la dimensione, la posizione e lo stadio del tumore, indipendentemente dal fatto che sia ricorrente o meno, e l’attuale stato generale di salute del paziente.

Le opzioni di trattamento comprendono la chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia.

Chirurgia per il cancro del colon-retto


Questo è il trattamento più comune. I tumori maligni colpiti e tutti i linfonodi vicini saranno rimossi, per ridurre il rischio di diffusione del cancro.

L’intestino viene solitamente cucito di nuovo insieme, ma a volte il retto viene rimosso completamente e viene attaccata una sacca per la colostomia per il drenaggio. La borsa della colostomia raccoglie le feci. Di solito è una misura temporanea, ma può essere permanente se non è possibile unire le estremità dell’intestino.

Se il tumore viene diagnosticato abbastanza presto, la chirurgia può rimuoverlo con successo. Se la chirurgia non arresta il cancro, allevia i sintomi.

Chemioterapia


La chemioterapia comporta l’uso di una medicina o di una sostanza chimica per distruggere le cellule cancerose. È comunemente usato per il trattamento del cancro del colon. Prima di un intervento chirurgico, può aiutare a ridurre il tumore.

La terapia mirata è un tipo di chemioterapia che si rivolge in modo specifico alle proteine ​​che favoriscono lo sviluppo di alcuni tumori. Possono avere meno effetti collaterali rispetto ad altri tipi di chemioterapia. I farmaci che possono essere usati per il cancro del colon-retto comprendono bevacizumab (Avastin) e ramucirumab (Cyramza).

Uno studio ha rilevato che i pazienti con carcinoma del colon avanzato che ricevono la chemioterapia e che hanno una storia familiare di cancro del colon-retto hanno una probabilità significativamente più bassa di recidiva e morte del cancro.

Radioterapia


La radioterapia utilizza fasci di radiazione ad alta energia per distruggere le cellule tumorali e per impedire che si moltiplichino. Questo è più comunemente usato per il trattamento del cancro del retto. Può essere usato prima dell’intervento chirurgico nel tentativo di ridurre il tumore.

Sia la radioterapia che la chemioterapia possono essere somministrate dopo l’intervento chirurgico per ridurre le possibilità di recidiva.

Ablazione


L’ablazione può distruggere un tumore senza rimuoverlo. Può essere effettuato utilizzando radiofrequenza, etanolo o criochirurgia. Questi vengono consegnati utilizzando una sonda o un ago guidato dalla tecnologia di scansione TC o ultrasuoni.

Recupero


I tumori maligni possono diffondersi in altre parti del corpo se non trattati. Le possibilità di una cura completa dipendono enormemente da quanto tempo il cancro viene diagnosticato e trattato.

Il recupero di un paziente dipende dai seguenti fattori:

la fase in cui è stata fatta la diagnosi
se il cancro ha creato un buco o un blocco nel colon
lo stato di salute generale del paziente
In alcuni casi, il cancro può tornare.

Prevenzione

Un certo numero di misure di stile di vita può ridurre il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto:

  • Proiezioni regolari: coloro che hanno avuto il cancro del colon-retto in precedenza, che hanno superato i 50 anni di età, che hanno una storia familiare di questo tipo di cancro o che hanno il morbo di Crohn, dovrebbero sottoporsi a screening regolari.
  • Nutrizione: seguire una dieta ricca di fibre, frutta, verdura e carboidrati di buona qualità e un minimo di carni rosse e lavorate. Passa dai grassi saturi ai grassi di buona qualità, come avocado, olio d’oliva, oli di pesce e noci.
  • Esercizio: è stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare e regolare ha un impatto significativo sull’abbassamento del rischio di sviluppare un cancro del colon-retto.
  • Peso corporeo: il sovrappeso o l’obesità aumentano il rischio di molti tumori, compreso il cancro del colon-retto.


Uno studio pubblicato sulla rivista Cell ha suggerito che l’aspirina potrebbe essere efficace nell’aumentare il sistema immunitario nei pazienti affetti da cancro al seno, alla pelle e all’intestino.

Tumori cardiaci

Published by:

tumori al cuore

Quali sono i tumori cardiaci?

I tumori cardiaci sono anormali escrescenze nelle valvole cardiache o cardiache. Esistono molti tipi di tumori cardiaci. Ma i tumori cardiaci, in generale, sono rari.

I tumori possono essere cancerogeni (maligni) o non cancerosi (benigni).

I tumori che iniziano a crescere nel cuore e rimangono lì sono chiamati tumori primari. I tumori che iniziano in un’altra parte del corpo e si spostano verso il cuore (metastatizza) sono chiamati tumori secondari. La maggior parte dei tumori cardiaci è benigna.

Ma anche i tumori benigni possono causare problemi a causa delle loro dimensioni e posizione. A volte, piccoli frammenti di tumore cadono nel flusso sanguigno e vengono trasportati su vasi sanguigni lontani e ostacolano il flusso sanguigno verso gli organi vitali (embolia).

Quali sono i tipi di tumori cardiaci?

Tumori primari

I tumori primari colpiscono solo 1 su 1.000 a 100.000 persone. Il tipo più comune di tumore cardiaco primario è il mixoma. La maggior parte di questi sono benigni.

I pazienti di qualsiasi età possono sviluppare un mixoma. Sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini. La maggior parte delle volte, il tumore cresce nella camera superiore sinistra del cuore (atrio sinistro) del setto atriale, che divide le due camere superiori del cuore.

I mixomi possono crescere in altre aree del cuore o nelle valvole cardiache, ma tale crescita è rara. Circa il 10% dei mixomi è ereditario o si sviluppa a seguito di altre malattie (vedi sopra).

Altri tipi di tumori primitivi benigni sono fibroelastomi papillari, fibromi, rabdomiomi, emangiomi, teratomi, lipomi, paragangliomi e cisti pericardiche. I tumori primari maligni includono il mesotelioma pericardico, il linfoma primario e il sarcoma.

Tumori secondari

I tumori cardiaci secondari sono molto più comuni dei tumori primari. Non iniziano nel cuore. Invece, si spostano verso il cuore dopo essersi sviluppati in un’altra area del corpo. Molto spesso, questi tumori iniziano nei polmoni, nel seno, nello stomaco, nei reni, nel fegato o nel colon. Possono anche essere tumori correlati a linfoma, leucemia o melanoma.

Quali sono i sintomi dei tumori cardiaci?

Molte volte, i pazienti non sanno di avere un tumore cardiaco. Si trovano spesso quando il paziente ha un ecocardiogramma per un altro motivo. Se il tumore diventa indurito dai depositi di calcio (calcificati), può essere visto su una radiografia del torace.

La maggior parte dei tumori cardiaci primari vengono scoperti quando i pazienti hanno tra i 50 e i 60 anni. Tuttavia, possono essere trovati anche nei pazienti più giovani.

I pazienti con mixoma cardiaco nell’atrio sinistro possono sviluppare sintomi. Ciò è dovuto al blocco del flusso sanguigno attraverso la valvola mitrale.

Il flusso di sangue può essere bloccato tutto il tempo, o solo quando il paziente si trova in una certa posizione fisica (cioè, sdraiato). Mentre molti pazienti non hanno sintomi, se il flusso sanguigno è bloccato e c’è maggiore pressione nell’atrio sinistro, può causare mancanza di respiro, vertigini o tosse. L’infiammazione può causare febbre e il paziente può avere dolori articolari o non stare bene.

Che cosa causa tumori cardiaci?

Una piccola percentuale di pazienti con tumori cardiaci ha una storia familiare della condizione. A volte, i tumori possono far parte di un’altra condizione di salute, come la Sindrome di NOME, la sindrome di agnello o la sindrome del carney. Molto spesso, il tumore si sviluppa senza una di queste condizioni o la storia familiare. Sono il risultato della crescita eccessiva delle cellule che inizia nel cuore o si muove verso il cuore.

Cancro alla testa e al collo

Published by:

cancro testa-collo

Quali sono i tumori della testa e del collo?

I tumori che sono noti collettivamente come tumori della testa e del collo di solito iniziano nelle cellule squamose che rivestono le superfici umide e mucose all’interno della testa e del collo (per esempio, all’interno della bocca, del naso e della gola).

Questi tumori a cellule squamose sono spesso indicati come carcinomi a cellule squamose della testa e del collo. I tumori della testa e del collo possono anche iniziare nelle ghiandole salivari, ma i tumori delle ghiandole salivari sono relativamente rari.

Le ghiandole salivari contengono molti tipi diversi di cellule che possono diventare cancerose, quindi ci sono molti diversi tipi di cancro alle ghiandole salivari.

I tumori della testa e del collo sono ulteriormente categorizzati dall’area della testa o del collo in cui iniziano. Queste aree sono descritte di seguito ed etichettate nell’immagine delle regioni del tumore della testa e del collo.

Cavità orale:

comprende le labbra, i due terzi anteriori della lingua, le gengive, il rivestimento interno delle guance e delle labbra, il pavimento (in basso) della bocca sotto la lingua, il palato duro (parte superiore ossuta della bocca), e la piccola area della gomma dietro i denti del giudizio.

Faringe:

la faringe (gola) è un tubo cavo lungo circa 5 pollici che inizia dietro il naso e conduce all’esofago. Ha tre parti: il rinofaringe (la parte superiore della faringe, dietro il naso); l’orofaringe (la parte centrale della faringe, incluso il palato molle [la parte posteriore della bocca], la base della lingua e le tonsille); l’ipofaringe (la parte inferiore della faringe).

Laringe:

la laringe, chiamata anche voicebox, è un breve passaggio formato dalla cartilagine appena al di sotto della faringe nel collo. La laringe contiene le corde vocali. Ha anche un piccolo pezzo di tessuto, chiamato l’epiglottide, che si muove per coprire la laringe per evitare che il cibo entri nei passaggi dell’aria.

Seni paranasali e cavità nasali:

i seni paranasali sono piccoli spazi vuoti nelle ossa della testa che circondano il naso. La cavità nasale è lo spazio vuoto all’interno del naso.

Ghiandole salivari:

le principali ghiandole salivari si trovano nel pavimento della bocca e vicino all’osso mascellare. Le ghiandole salivari producono la saliva.


Cosa causa il cancro alla testa e al collo?

L’uso di alcol e tabacco (incluso il tabacco senza fumo, talvolta chiamato “tabacco da masticare” o “tabacco da fiuto”) sono i due più importanti fattori di rischio per tumori della testa e del collo, in particolare i tumori del cavo orale, l’orofaringe, l’ipofaringe e la laringe

. Almeno il 75% dei tumori della testa e del collo sono causati dal consumo di tabacco e alcool (6). Le persone che usano sia il tabacco sia l’alcol sono maggiormente a rischio di sviluppare questi tumori rispetto alle persone che usano solo tabacco o alcool.

Il consumo di tabacco e alcol non sono fattori di rischio per i tumori delle ghiandole salivari.

L’infezione da tipi di papillomavirus umano (HPV) che provocano il cancro, in particolare l’HPV di tipo 16, è un fattore di rischio per alcuni tipi di tumori della testa e del collo, in particolare tumori orofaringei che coinvolgono le tonsille o la base della lingua.

Negli Stati Uniti, l’incidenza dei tumori orofaringei causata dall’infezione da HPV è in aumento, mentre diminuisce l’incidenza dei tumori orofaringei correlati ad altre cause . Ulteriori informazioni sono disponibili nella pagina HPV e Cancro.

Altri fattori di rischio per i tumori della testa e del collo sono i seguenti:

Paan (betel quid).

Gli immigrati provenienti dal sud-est asiatico che usano paan (betel quid) in bocca dovrebbero essere consapevoli che questa abitudine è stata fortemente associata ad un aumentato rischio di cancro orale.

Alimenti conservati o salati.

Il consumo di alcuni cibi conservati o salati durante l’infanzia è un fattore di rischio per il cancro rinofaringeo (14, 15).

Igiene orale.

Scarsa igiene orale e denti mancanti possono essere deboli fattori di rischio per tumori della cavità orale. L’uso del collutorio ad alto contenuto alcolico è un possibile, ma non dimostrato, fattore di rischio per i tumori della cavità orale.

Esposizione professionale

L’esposizione professionale alla polvere di legno è un fattore di rischio per il cancro rinofaringeo.

Alcune esposizioni industriali, comprese le esposizioni all’amianto e alle fibre sintetiche, sono state associate al cancro della laringe, ma l’aumento del rischio rimane controverso.

Le persone che lavorano in determinati lavori nei settori dell’edilizia, del metallo, del tessile, della ceramica, del legname e dell’industria alimentare possono avere un aumentato rischio di cancro della laringe. L’esposizione industriale al legno o alla polvere di nichel o formaldeide è un fattore di rischio per i tumori dei seni paranasali e della cavità nasale.

Esposizione alle radiazioni.

La radiazione alla testa e al collo, per condizioni non cancerose o cancro, è un fattore di rischio per il cancro delle ghiandole salivari.

Infezione da virus Epstein-Barr.

L’infezione da virus Epstein-Barr è un fattore di rischio per il carcinoma rinofaringeo (25) e il cancro delle ghiandole salivari.

Ascendenza.

La discendenza asiatica, in particolare l’ascendenza cinese, è un fattore di rischio per il cancro rinofaringeo.

I lettini abbronzanti causano il cancro?

Published by:

lampade e cancro

Un importante gruppo di ricerca mondiale sul cancro sta dichiarando che l’uso del lettino abbronzante ha un rischio significativo di cancro.

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dee l’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno diffuso un annucio. Ovvero di aver spostato i lettini abbronzanti UV nella sua categoria di rischio di cancro più elevata – “cancerogeno per l’uomo”.

Prima dello studio, il gruppo aveva classificato la lampada solare e il lettino solare come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”.

In un’intervista con WebMD, Vincent Cogliano dell’IARC, PhD, ha fatto questa dichiarazione. L’evidenza scientifica che collega l’abbronzatura indoor al melanoma mortale del cancro della pelle “sufficiente e convincente”.

Un drammatico aumento del melanoma, soprattutto tra le giovani donne, compare sulla scena negli ultimi anni.

Abbondanza di prove

Cogliano ha affermato che gli studi condotti nell’ultimo decennio forniscono “un’abbondanza di prove”. L’uso del lettino abbronzante ha avuto un ruolo in questo aumento, insieme all’esposizione diretta al sole.
“La gente vede erroneamente l’abbronzatura come un segno di salute quando in realtà è un segno di danno alla pelle”, dice.

UVA e UVB provocano il cancro


Cogliano afferma che il gruppo IARC si è riunito il mese scorso per esaminare la ricerca sui lettini abbronzanti. Soprattutto hanno discusso il ruolo dell’esposizione alla luce ultravioletta nel cancro della pelle.

Gli studi hanno scoperto che la radiazione ultravioletta A (UVA), la radiazione ultravioletta B (UVB) e la radiazione ultravioletta C (UVC) causano il cancro nei modelli animali.

Questo è significativo perché l’industria dell’abbronzatura indoor ha spesso affermato che i lettini abbronzanti sono sicur. Perché le lampadine hanno più radiazioni UVA rispetto ai raggi UVB, dice Len Lichtenfeld, MD.

“Questo rapporto mette a tacere l’argomento secondo cui l’abbronzatura con luce UVA è sicura”, ha detto Lichtenfeld in una nota. “Come notato dal rapporto IARC, la luce UVA è anch’essa un cancerogeno di classe I e dovrebbe essere evitata.”

Lettini abbronzanti e aumento del melanoma

Il rapporto citava l’analisi di ricerca del gruppo pubblicata nel 2006.l’uso di lettini abbronzanti prima dei 30 anni veniva associato ad un aumento del 75% nel rischio di melanoma.

E’ stato condotto studio separato riportato lo scorso luglio da ricercatori del National Institutes of Health. Questo studio ha rilevato che i tassi di melanoma tra le giovani donne negli Stati Uniti sono quasi triplicati tra il 1973 e il 2004.


A partire dai primi anni ’90, un aumento particolarmente drammatico è stato osservato nelle lesioni più spesse e più letali del melanoma, portando i ricercatori a concludere che l’abbronzatura ha probabilmente svolto un ruolo significativo in questo aumento.

All’inizio di quest’anno, i ricercatori del Northern California Cancer Center hanno riferito che i casi di melanoma sono raddoppiati negli Stati Uniti tra la metà degli anni ’90 e il 2004. I ricercatori hanno concluso che l’aumento non può essere spiegato con uno screening migliore e una diagnosi precoce del cancro.

Hanno diagnosticato circa 62.000 nuovi casi di melanoma negli Stati Uniti. Circa 8.000 persone con conseguente decesso di circa 8000 personenel 2018, secondo l’ACS.

“Non siamo stati in grado di esaminare le possibili cause di questo aumento, ma ci sono molte prove che siano legate all’abbronzatura”, ha detto Clarke a WebMD.

La coautrice dello studio Eleni Linos, MD, DrPh, della Stanford University, indica gli studi che mostrano gli aumenti nelle conciate all’aperto e al coperto negli ultimi anni, specialmente tra le giovani donne.
“Uno dei fattori di rischio stabiliti per il melanoma è la luce UV, quindi sia l’esposizione al sole che l’esposizione ai lettini abbronzanti sono probabilmente fattori di rischio”.

L’industria dell’abbronzatura risponde


Lo scorso settembre, il direttore esecutivo della International Tanning Association (ITA) John Overstreet ha dichiarato a WebMD che un rapporto condotto da ricercatori nei campi della ricerca sul melanoma, della dermatologia e della biologia cellulare richiede una maggiore regolamentazione dell’abbronzatura indoor includendo “asserzioni irresponsabili senza fornire alcun collegamento concreto tra abbronzatura al coperto e melanoma. “

Nella primavera del 2018, l’ITA ha lanciato una campagna nazionale per mettere in discussione questo collegamento.

In un comunicato pubblicato all’epoca, la portavoce ITA Sarah Longwell ha dichiarato: “Hanno demonizzato inutilmente sia il sole che i lettini abbronzanti spèinti da interessi speciali che usano la scienza della spazzatura e le tattiche intimidatorie”.

Ma in un comunicato stampa diffuso oggi, il presidente di ITA Dan Humiston ha riconosciuto che l’esposizione ai raggi UV dei lettini abbronzanti non è nettamente diversa dall’esposizione ai raggi UV del sole.

“Il fatto che lo IARC abbia usato il lettino abbronzante nella stessa categoria della luce solare non è certo degno di nota”, ha osservato. “La luce UV proveniente da un lettino abbronzante è equivalente alla luce UV del sole, che ha avuto una classificazione (cancerogena) dal 1992. Alcuni altri articoli di questa categoria sono il vino rosso, la birra e il pesce salato. L’ITA ha sempre sottolineato l’importanza della moderazione quando si tratta di luce UV dal sole o da un lettino abbronzante. “