Category Archives: Uncategorized

Questi marcatori del sangue possono indicare un rischio più elevato di malattia e morte

Published by:

marker che definiscono malattie e rischi

Un nuovo studio suggerisce che alcune letture degli esami del sangue di routine potrebbero aiutare a identificare le persone a maggior rischio di malattia e morte legate alla malattia. I medici attualmente usano le letture come marker di condizioni immunitarie e infiammazioni.
I ricercatori dello studio hanno analizzato 12 anni di dati provenienti da 31.178 partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey (Fonte attendibile NHANES).

Hanno scoperto che quelli con bassi livelli di linfociti, un tipo di globuli bianchi, avevano maggiori probabilità di morire per malattie cardiache , cancro e malattie respiratorie, come polmonite e influenza .

L’analisi ha mostrato che il legame tra i linfociti bassi – una condizione chiamata linfopenia – e un rischio più elevato di malattia e morte non variava con l’età o altri fattori di rischio comuni.

Tuttavia, il potere predittivo del basso numero di linfociti è aumentato quando gli scienziati hanno aggiunto altre due misure di anormalità del sangue: una relativa all’infiammazione e l’altra alla capacità di mantenere un apporto di globuli rossi.

La ricerca è opera di team dell’Università Cleveland Medical Center dell’Università dell’Ohio e di altre istituzioni. Riferiscono i loro risultati in un recente documento JAMA Network Open .

Un nuovo studio suggerisce che alcune letture degli esami del sangue di routine potrebbero aiutare a identificare le persone a maggior rischio di malattia e morte legate alla malattia. I medici attualmente usano le letture come marker di condizioni immunitarie e infiammazioni.

Una nuova ricerca individua marcatori di sangue che potrebbero identificare le persone a rischio di malattia e morte prematura.
I ricercatori dello studio hanno analizzato 12 anni di dati provenienti da 31.178 partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey (Fonte attendibile NHANES).

Hanno scoperto che quelli con bassi livelli di linfociti, un tipo di globuli bianchi, avevano maggiori probabilità di morire per malattie cardiache , cancro e malattie respiratorie, come polmonite e influenza .

L’analisi ha mostrato che il legame tra i linfociti bassi – una condizione chiamata linfopenia – e un rischio più elevato di malattia e morte non variava con l’età o altri fattori di rischio comuni.

Tuttavia, il potere predittivo del basso numero di linfociti è aumentato quando gli scienziati hanno aggiunto altre due misure di anormalità del sangue: una relativa all’infiammazione e l’altra alla capacità di mantenere un apporto di globuli rossi.

La ricerca è opera di team dell’Università Cleveland Medical Center dell’Università dell’Ohio e di altre istituzioni. Riferiscono i loro risultati in un recente documento JAMA Network Open .

Usando marcatori da analisi del sangue di routine


“Gli scienziati hanno fatto di tutto per sviluppare nuovi biomarcatori per identificare le persone a maggior rischio di morte e malattie”, afferma l’autore dello studio Jarrod E. Dalton, Ph.D., che ha co-condotto le indagini.

“Qui”, aggiunge, “abbiamo adottato un approccio più pragmatico – indagando il potere predittivo dei componenti del conteggio dei globuli bianchi di un paziente, che viene raccolto come parte del normale lavoro del sangue durante gli esami di salute standard”.

Dalton è un epidemiologo presso il Lerner Research Institute della Cleveland Clinic.

Nel loro documento di studio, lui e i suoi colleghi sottolineano la crescente disponibilità di farmaci che prendono di mira il sistema immunitario per curare la malattia accertata. Questi trattamenti cercano di ridurre o aumentare l’attività immunitaria, a seconda della relazione di base con la malattia.

Tuttavia, sollecitano che vi sia anche una grande e insoddisfatta necessità di strumenti e metodi per aiutare a prevenire in primo luogo le malattie immuno-correlate nella popolazione generale.

Bassa conta dei linfociti


n giro 20–40% di fonte attendibiledei globuli bianchi sono i linfociti. Una carenza di linfociti lascia il corpo suscettibile alle infezioni.

Mentre gli scienziati hanno riconosciuto che una bassa conta dei linfociti è un forte fattore di rischio per morte prematura nelle persone con una particolare condizione della valvola cardiaca, ci sono state poche ricerche sul suo valore come predittore più generale della sopravvivenza.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno voluto scoprire se la conta dei linfociti potrebbe essere un modo efficace per valutare il rischio di malattia e morte correlata alla malattia in una popolazione adulta rappresentativa a livello nazionale.

Hanno eseguito l’analisi con il conteggio dei linfociti da solo, quindi insieme ad altri due marker.

I due marcatori aggiuntivi erano la larghezza di distribuzione dei globuli rossi (RDW) e la proteina C-reattiva (CRP)
RDW è una misura di come l’organismo può produrre e mantenere un apporto sano di globuli rossi. CRP è un marker di infiammazione .

L’analisi ha collegato una bassa conta dei linfociti con una ridotta sopravvivenza sia da sola che in combinazione con altri marcatori del sangue, in particolare RDW e CRP.

Strumento di screening “comodo ed economico”


Dall’analisi, i ricercatori concludono che circa il 20% della popolazione adulta generale degli Stati Uniti sembra avere un profilo di rischio elevato, secondo questi indicatori.

Inoltre, hanno calcolato che la probabilità di morire entro i prossimi 10 anni per quelli con i profili di rischio più elevati era del 28%, rispetto al solo 4% per quelli con i profili di rischio più bassi.

Il team suggerisce che con ulteriori ricerche, dovrebbe presto essere possibile comprendere la natura biologica della relazione tra questi marcatori e la malattia. Tali conoscenze potrebbero aiutare a identificare obiettivi terapeutici adeguati.

Nel frattempo, dovrebbe essere possibile aiutare i medici a utilizzare i marker per identificare quelli con il più alto rischio di morte prematura come parte delle cure preventive e dello screening di routine.

” Il test emocromocitometrico completo è conveniente, economico e, come suggeriscono i nostri risultati, può essere utilizzato per aiutare i medici a selezionare e prevenire la malattia e la mortalità correlata alla malattia.”

Jarrod E. Dalton, Ph.D.