Cipolle e aglio possono proteggere dal cancro al seno

Una nuova ricerca esamina il consumo di cipolla e aglio tra le donne di Puerto Rico e suggerisce che le verdure possono ridurre significativamente il rischio di cancro al seno.

Mangiare più cipolle e aglio potrebbe tenere a bada il cancro al seno.
Cipolle e aglio fanno parte del genere allium, insieme a porri, erba cipollina e centinaia di altre specie.

Ricchi di sapore, con un calcio forte e pungente, queste verdure “esuberanti” possono anche essere in grado di combattere malattie , come diabete , malattie cardiache e cancro , secondo prove emergenti.

Per quanto riguarda il cancro, diversi studi hanno esplorato in modo specifico i collegamenti tra il consumo di cipolla e aglio e il rischio di tumori del colon-retto, dello stomaco e della prostata .

Complessivamente, questi studi hanno scoperto che più di queste verdure consumano, minore è il rischio di sviluppare questi tumori.

Tuttavia, ricerche meno approfondite sono entrate nel collegamento con il cancro al seno , affermano i ricercatori guidati da Gauri Desai, dottorando in epidemiologia all’Università di Buffalo (UB), parte della State University di New York.

Quindi, Desai e il team hanno iniziato a indagare ulteriormente su questo argomento, guardando una popolazione di donne a Puerto Rico. Le ragioni per scegliere questa popolazione erano duplici. In primo luogo, “Puerto Rico ha tassi di cancro al seno più bassi, rispetto alla terraferma [Stati Uniti], che lo rende una popolazione importante da studiare”, spiega Desai.

In secondo luogo, un condimento chiamato “sofrito”, che consiste in gran parte di aglio e cipolla, è una salsa portoricana tradizionale che viene ampiamente consumata in tutta l’isola.

I ricercatori hanno pubblicato i risultati delle loro scoperte sulla rivista Nutrition and Cancer .


Studiare cipolle, aglio e rischio di cancro


Desai e il team hanno utilizzato i registri di ospedali e cliniche per identificare 314 donne di età compresa tra 30 e 79 anni che avevano un tumore al seno tra il 2008 e il 2014. I ricercatori hanno anche incluso 346 partecipanti al controllo che erano stati abbinati in base all’età e alla zona residenziale.

I partecipanti al controllo non presentavano anamnesi di cancro, a parte il carcinoma cutaneo non melanoma . I ricercatori hanno utilizzato un questionario sulla frequenza alimentare per indagare sui modelli dietetici e sull’assunzione totale di cipolla e aglio, che includeva il consumo di sofrito.

Il team ha utilizzato la regressione logistica incondizionata per esaminare l’associazione tra l’assunzione di cipolla e aglio e l’insorgenza del cancro al seno, adattandosi a fattori quali età, istruzione, storia familiare, indice di massa corporea, stato di fumo e altri.

Sofrito legato al 67% di rischio di cancro al seno più basso
I ricercatori hanno trovato un’associazione inversa tra il consumo totale medio-alto di cipolla e aglio e i casi di cancro al seno, rispetto al basso consumo di queste verdure.

I loro risultati sono stati coerenti dopo che i ricercatori hanno stratificato i risultati in base allo stato della menopausa, suggerendo che “Il consumo elevato di cipolla e aglio è protettivo contro il cancro al seno nella popolazione [studiata]”.

In particolare, gli autori scrivono: “L’assunzione di Sofrito, se esaminata da sola, era inversamente associata al cancro al seno; per coloro che consumavano sofrito più di una volta al giorno, c’era un calo del rischio del 67%, rispetto ai consumatori mai”.

“Abbiamo scoperto che tra le donne portoricane, l’assunzione combinata di cipolla e aglio, così come il sofrito, era associata a un ridotto rischio di cancro al seno”.

Gauri Desai
“Studiare le donne portoricane che consumano molte cipolle e aglio come sofrito era unico”, aggiunge Desai, riferendosi a un punto di forza della ricerca.

Perché le cipolle, l’aglio potrebbero ridurre il rischio di cancro?


La coautrice dello studio Jo Freudenheim, Ph.D., cattedra di epidemiologia e salute ambientale presso UB. Commenta anche l’unicità dello studio, dicendo: “Esistono pochissime ricerche sul cancro al seno a Puerto Rico”.

“Questo studio è stato una collaborazione tra i miei colleghi qui alla UB e all’Università di Puerto Rico per aiutarci a capire perché i tassi sono inferiori rispetto al resto degli Stati Uniti e perché i tassi continuano ad aumentare, mentre stanno diminuendo il resto degli [US]. “

Sebbene lo studio sia stato osservativo e non possa spiegare i meccanismi alla base dei risultati. I ricercatori sospettano che i flavonoli e i composti organosulfur abbondanti in cipolle e aglio possano essere responsabili degli effetti antitumorali.

In particolare, la S-allilcisteina, diallil disolfuro e diallil solfuro nell’aglio e l’alchilen-cisteina solfossidi nelle cipolle hanno mostrato “proprietà anticarcinogene negli esseri umani. Nonché in studi su animali sperimentali”, afferma la dott.ssa Lina Mu, professore associato di epidemiologia e salute ambientale presso UB e autore senior dello studio.

Alcuni limiti di studio


Tuttavia, gli autori riconoscono anche alcune limitazioni alla loro ricerca. Ad esempio, scrivono: “La dimensione dello studio era piccola, in particolare per le analisi stratificate sullo stato della menopausa”.

In secondo luogo, il numero di persone che non avevano mai consumato aglio o cipolla era troppo piccolo per essere utilizzato come gruppo di riferimento. Pertanto, il gruppo a bassa esposizione consumava ancora un po ‘di cipolla e aglio.

Per questo motivo, affermano i ricercatori, i risultati “potrebbero aver sottostimato la vera associazione tra assunzione di aglio e cipolla e cancro al seno”.

“Inoltre, non esiste una ricetta standardizzata per il sofrito. Un condimento che è spesso fatto in casa e quindi varia almeno un po ‘nella ricetta da persona a persona”, aggiungono gli autori. “Quindi, non siamo stati in grado di stimare la quantità di cipolla e aglio nel sofrito.”

“Anche se la ricetta del sofrito varia in una certa misura, di solito vengono aggiunti altri ingredienti, come peperoni, pomodori, coriandolo e pepe nero. Dato che non abbiamo modificato i nostri modelli per questi ingredienti. Non possiamo essere sicuri che i nostri risultati fossero dovuti al solo effetto di cipolle e aglio “.