Diagnosi del cancro della vescica

Il trattamento efficace del cancro della vescica richiede una valutazione diagnostica approfondita, con l’esatta localizzazione di tutti i tumori.

I maggiori centri di ricerca italiani offrono i più avanzati test diagnostici e servizi di imaging per aiutare i team di assistenza multidisciplinare a progettare il corso di trattamento più efficace per ciascun paziente.

La diagnosi inizia con un esame fisico e la discussione di tutti i sintomi, seguita da un test delle urine, chiamato citologia. Questo aiuterà a rilevare le cellule tumorali nelle urine. In genere sono richiesti ulteriori test di imaging e un esame interno della vescica.

Questi test iniziali di solito possono essere eseguiti da urologi altamente qualificati e specializzati in una clinica vicino a casa tua.

Analisi dei sintomi e valutazione fisica completa

A differenza di altri tumori urologici, non è disponibile un test di screening o una valutazione per aiutare a rilevare precocemente il cancro alla vescica.

La maggior parte dei pazienti con carcinoma della vescica presenta alcuni o tutti questi sintomi:

Dolore alla vescica
perdita di peso inspiegabile
Sangue microscopico o evidente nelle loro urine
Urinaria frequenza / urgenza

Sintomi possono simulare le infezioni del tratto urinario, l’ingrossamento della prostata negli uomini o i sintomi comuni del tratto urinario inferiore nelle donne.

Spesso i pazienti vengono trattati prima per questi problemi più comuni, portando a un ritardo nella diagnosi. Tuttavia, il sangue nelle urine non è mai normale e non dovrebbe persistere dopo un breve intervallo di trattamento per malattie più comuni, come i calcoli renali.

Se i sintomi persistono o si ripresentano, in particolare il sangue nelle urine, l’ulteriore valutazione da parte di uno specialista è cruciale.

Imaging completo e altri test diagnostici

Un urologo discuterà i tuoi sintomi con te ed eseguirà un esame fisico. Altri test che possono essere eseguiti includono:

Citologia: un test delle urine per rilevare le cellule tumorali nelle urine, simile a un Pap test che rileva il cancro cervicale nelle donne. Questo test richiede due o tre giorni per un risultato, tuttavia, e in molti casi non è conclusivo.


Imaging: la maggior parte dei pazienti richiederà un test di imaging che guardi il rivestimento della vescica. Questi test possono includere una tomografia computerizzata (TC), una risonanza magnetica (MRI) o un’ecografia. CT è il test preferito.


Cistoscopia: questo test viene eseguito posizionando un minuscolo telescopio flessibile nell’uretra della clinica e ispezionando l’uretra e la vescica. Se viene rilevato un tumore o viene identificata un’area sospetta, il medico programmerà una seconda cistoscopia flessibile da eseguire in sala operatoria sotto anestesia.

Ciò consente la rimozione del tumore, la diagnosi e in alcuni casi un ulteriore trattamento terapeutico. Questa procedura può anche essere eseguita in ambito clinico come parte di un piano di sorveglianza per pazienti già diagnosticati.

Diagnostica avanzata con cistoscopia flessibile alla luce blu

La cistoscopia a luce blu è un tipo più recente di cistoscopia flessibile disponibile presso i maggiori centri di cura e ricerca sul cancro sia per la diagnosi che per il trattamento. L’utilizzo della tecnica della luce blu contro una luce bianca ha dimostrato di migliorare l’accuratezza della diagnosi e di ritardare la recidiva del tumore.

La cistoscopia a luce blu utilizza una sostanza chimica speciale che viene assorbita dai tumori. Questo fa apparire le cellule tumorali come un tessuto blu brillante nella vescica. Di conseguenza, un piccolo tumore difficile da vedere diventa molto più ovvio. Altri benefici della cistoscopia a luce blu includono:

Recidiva del tumore più lenta.

Uno studio ha rilevato che la recidiva del tumore della vescica ha impiegato sette mesi in più con la tecnica della luce blu, consentendo ai pazienti di evitare procedure invasive e potenzialmente di ridurre la frequenza dei controlli della vescica.
Migliore identificazione ad alto rischio: la tecnologia a luce blu è in grado di identificare tumori ad alto rischio oltre a tumori a basso rischio. La diagnosi precoce di questo tipo di tumore significa che i pazienti possono iniziare il trattamento più rapidamente, quando c’è la più grande possibilità di cura.

La tua valutazione diagnostica completa, compresa la revisione di tutti i risultati di test e imaging, comporterà l’input di molti specialisti altamente qualificati e competenti. Il tuo urologo lavorerà con oncologi, radiologi, patologi e altri esperti di cancro per formare una diagnosi completa e un piano di trattamento efficace e personalizzato.