I semi di albicocca possono trattare i sintomi del cancro?

Panoramica
Il nocciolo di albicocca è un seme piccolo ma potente che è stato collegato a un possibile trattamento del cancro. Si trova all’interno del centro di una pietra di albicocca.

Il primo utilizzo di semi di albicocca come trattamento per il cancro negli Stati Uniti risale agli anni ’20. Il Dr. Ernst T. Krebs, Sr., ha affermato di aver usato oli estratti dai semi di albicocca per ottenere “risultati sostanziali” per le persone affette da cancro. Tuttavia, il trattamento è risultato troppo tossico per l’uso generale. Suo figlio più tardi trovò una formula più sicura e non tossica negli anni ’50. Questa formula è stata anche estratta dai semi di albicocca.

Questo trattamento alternativo è sicuro ed efficace? Continuate a leggere per saperne di più.

Quali sostanze nutritive contengono i semi di albicocca?
Le albicocche condividono molte proprietà e usi simili con le mandorle . I semi di albicocca sonocostituito da Trusted Source di:

45-50% di olio
25 percento di proteine
8 per cento di carboidrati
5 per cento di fibre
Sono anche carichi di grassi sani che aiutano a ridurre il colesterolo “cattivo” . I noccioli contengono acidi grassi essenziali (omega-6 e omega-3). Questi aiutano a combattere le malattie cardiache, migliorare la salute mentale e hanno una miriade di altri benefici .

Quali sono le affermazioni?
I noccioli di albicocca contengono anche il composto chimico amigdalina. Questo è stato precedentemente collegato a rivendicazioni per combattere il cancro.Laetrile Trusted Source è il nome del farmaco brevettato per l’amigdalina.

Il figlio di Krebs chiamato laetrile vitamina B-17. luiha rivendicato la fonte attendibile che il cancro era causato da una carenza di vitamina B-17 e che l’integrazione con esso avrebbe fermato lo sviluppo delle cellule tumorali.

Con i suoi vari nomi, l’amigdalina è stata dichiarata detentore di vari benefici antitumorali, anche adesso. Al momento non esiste alcuna ricerca scientifica credibile a sostegno delle affermazioni. Ma molti siti Web che supportano l’amigdalina si basano su affermazioni di sostegno di persone affette da cancro.

Un’altra teoria suggerisce che poiché l’amigdalina viene convertita in cianuro nel corpo, il cianuro lavora per distruggere le cellule tumorali all’interno del corpo. Questo è detto per prevenire la crescita dei tumori.
Quali sono gli avvertimenti?
È proprio questa conversione al cianuro che rende pericolose le affermazioni sui benefici dei semi di albicocca.

La banca dati delle piante tossiche della FDA (Food and Drug Administration) statunitense rileva il legame tra i noccioli di albicocca e l’avvelenamento da cianuro. Casi multipli hanno mostrato che l’ingestione di grandi quantità di noccioli di albicocca portava le persone a sperimentare sintomi come “vomito forte, sudore, vertigini e svenimento”.

La FDA non approva l’amigdalina (o laetrile o vitamina B-17) come una forma di trattamento del cancro. Ha ribaltato una precedente decisione che consentiva “l’importazione di laetrile per il trattamento di pazienti con cancro del malato terminale attraverso il sistema di affidavit di un medico”.

Cosa dice la ricerca?
Una recensione del 2015 pubblicata dalla Cochrane Library ha osservato che a causa del possibile avvelenamento da cianuro associato al consumo di grandi quantità di amigdalina, tutte le forme di laetrile sono pericolose.

“Esiste un rischio considerevole di gravi effetti avversi da avvelenamento da cianuro dopo laetrile o amigdalina, specialmente dopo l’ingestione orale”, hanno scritto gli autori. “Il rapporto rischio / beneficio del laetrile o dell’amigdalina come trattamento per il cancro è quindi inequivocabilmente negativo”.

Tuttavia, un altro studio , pubblicato nel 2016, ha osservato gli effetti dell’amigdalina sulla crescita delle cellule tumorali della prostata. Ha scoperto che una dose della sostanza chimica (in particolare, 10 milligrammi per millilitro) “mostra una significativa attività antitumorale”.

Ricerche successive hanno trovato che la dose massima accettabile di amigdalina attraverso i semi di albicocca è di 0,37 grammi (o tre piccoli chicchi) per un adulto. Dosi più elevate, o anche meno della metà di un kernel di grandi dimensioni, potrebbero superare la dose massima accettabile ed essere tossiche per gli adulti.

Tuttavia, la stragrande maggioranza delle ricerche e delle recensioni ha respinto le affermazioni secondo cui i semi di albicocca e l’amigdalina o il laetrile hanno benefici in termini di lotta contro il cancro.

Uno studio di peer review del 2006 ha osservato 36 segnalazioni sull’uso del laetrile per combattere il cancro. Gli autori hanno concluso che “l’affermazione che il laetrile ha effetti benefici per i pazienti oncologici non è supportata da dati clinici solidi”. Hanno anche scritto che nessuno dei loro studi di casi “ha dimostrato l’efficacia del laetrile”.
Tasso di successo nel trattamento del cancro
Nonostante affermazioni aneddotiche, non c’è stata alcuna ricerca verificata che abbia collegato i semi di albicocca al successo del trattamento del cancro. Non farti ingannare dai trattamenti del cancro fasullo.

Sebbene contengano benefici nutrizionali che migliorano la salute del cuore e del cervello, l’uso di semi di albicocca come trattamento naturale per il cancro è ancora in gran parte non comprovato. La presenza di amigdalina (conosciuta anche come laetrina o vitamina B-17) all’interno del seme può avere effetti avversi sulla salute.

L’ingestione di laetrina può causare sintomi di avvelenamento da cianuro. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) , questi includono:

vertigini
mal di testa
nausea e vomito
respirazione rapida
battito cardiaco accelerato
irrequietezza
debolezza
Un’alta dose di laetrina può anche portare a danni al cuore, al cervello e ai nervi e può anche portare alla morte.

Parlate con il vostro medico prima di iniziare qualsiasi terapia alternativa per il trattamento del cancro. Anche se i semi di albicocca non hanno dimostrato di curare il cancro, ci sono altri trattamenti promettenti che potrebbero funzionare per voi. Parlate con il vostro medico delle opzioni, così come tutti i trattamenti alternativi che si desidera provare. Un nutrizionista autorizzato può anche essere in grado di formulare raccomandazioni dietetiche per completare il trattamento.