In che modo la dieta cheto può aiutare a curare il cancro?

Una nuova ricerca sui topi suggerisce che tenere sotto controllo la glicemia usando la dieta chetogenica o un farmaco per il diabete potrebbe aiutare a curare alcuni tumori aumentando l’efficacia della chemioterapia standard.


La dieta chetogenica consiste in cibi ricchi di grassi, alimenti che contengono un’adeguata quantità di proteine ​​e una bassissima quantità di carboidrati .

Normalmente, il corpo umano ottiene la sua principale fonte di energia (zucchero) dai carboidrati.

Tuttavia, la dieta chetogenica priva il corpo di glucosio, inducendo uno stato di ” chetosi “.

Durante la chetosi, il corpo è costretto a scomporre il grasso immagazzinato anziché lo zucchero per produrre una fonte alternativa di energia.

La dieta chetogenica, o “cheto”, esiste da secoli. Tradizionalmente, alcuni lo hanno usato come terapia per condizioni come il diabete e l’ epilessia .

Nuovi studi hanno iniziato a esaminare il potenziale terapeutico della dieta cheto per altre condizioni, come il cancro , la sindrome dell’ovaio policistico e il morbo di Alzheimer .

Il potenziale della dieta cheto come trattamento del cancro
Ad esempio, ricerche recenti hanno suggerito che la dieta cheto potrebbe integrare le terapie standard per il cancro come la chemioterapia e la radioterapia .

La dieta potrebbe aumentare il potere del trattamento convenzionale del cancro inducendo selettivamente lo stress ossidativo metabolico nelle cellule tumorali, ma non in quelle normali.
Altri studi hanno anche suggerito che alcuni tumori dipendono fortemente dal glucosio per produrre energia. Quindi, limitare l’accesso delle cellule cancerose allo zucchero può essere un modo valido di sensibilizzarle alla chemioterapia.

Una nuova ricerca esplora la dieta cheto come potenziale via per il trattamento del cancro. Jung-Whan Kim, assistente professore di scienze biologiche all’Università del Texas a Dallas, è l’autore corrispondente del nuovo studio.

Utilizzando un modello murino di carcinoma polmonare ed esofageo, Kim e colleghi hanno limitato i livelli di glucosio circolante dei roditori alimentando loro una dieta chetogenica e somministrando loro un farmaco per il diabete che impedisce ai reni di riassorbire lo zucchero nel sangue.

I ricercatori hanno pubblicato il loro articolo sulla rivista Cell Reports . Meng-Hsiung Hsieh è il primo autore.

La dieta cheto e il carcinoma a cellule squamose
Kim e il suo team hanno precedentemente dimostrato che un tipo di cancro chiamato carcinoma a cellule squamose (SCC) si affida molto di più al glucosio per sostenere la sua “capacità antiossidante e la sopravvivenza” rispetto ad altri tipi di cancro, come adenocarcinoma polmonare.

Quindi, nel nuovo studio, il team ha affermato che la limitazione del glucosio renderebbe SCC più vulnerabile al trattamento. Hanno alimentato topi con tumori xenotrapianti o una dieta chetogenica composta dallo 0,1% di carboidrati o una normale dieta chow.

“La crescita del tumore xenotrapianto di SCC […] polmonare e SCC […] esofageo è stata significativamente inibita dalla dieta chetogenica rispetto ai normali gruppi alimentati con cibo”, riportano gli autori dello studio.

“Sia la dieta chetogenica che la restrizione farmacologica della glicemia da sole hanno inibito l’ulteriore crescita dei tumori [SCC] nei topi con carcinoma polmonare “, afferma Kim.

“Mentre questi interventi non hanno ridotto i tumori, hanno impedito loro di progredire, il che suggerisce che questo tipo di cancro potrebbe essere vulnerabile alla restrizione del glucosio”, aggiunge.

Tuttavia, la restrizione del glucosio non ha influenzato altri tumori non SCC. “I nostri risultati suggeriscono che questo approccio è specifico del tipo di cellula tumorale. Non possiamo generalizzare a tutti i tipi di cancro”, afferma Kim.

” La scoperta chiave del nostro nuovo studio sui topi è che una dieta chetogenica da sola ha un certo effetto inibitorio sulla crescita tumorale in [SCC] […]. Quando l’abbiamo combinato con il farmaco per il diabete e la chemioterapia, è stato ancora più efficace. “

Jung-Whan Kim

Risultati che spostano il paradigma
I ricercatori hanno anche studiato i livelli di zucchero nel sangue in campioni di 192 persone con SCC del polmone o dell’esofago. Li hanno quindi confrontati con quelli di 120 persone con adenocarcinoma polmonare.

“Sorprendentemente”, afferma Kim, “abbiamo trovato una solida correlazione tra una maggiore concentrazione di glucosio nel sangue e una peggiore sopravvivenza tra [le persone] con [SCC]”.

“Non abbiamo trovato tale correlazione tra i pazienti con adenocarcinoma polmonare. Questa è un’osservazione importante che implica ulteriormente la potenziale efficacia della restrizione del glucosio nell’attenuare la crescita [SCC]”, aggiunge.

Sebbene gli autori riconoscano che questo studio era preclinico e che sono necessarie ricerche più approfondite, i risultati, dicono, indicano un “cambio di paradigma” nel trattamento del cancro.

“La manipolazione dei livelli di glucosio nell’ospite sarebbe una nuova strategia diversa dal semplice tentativo di uccidere direttamente le cellule tumorali”, afferma Kim.

“Credo che questo sia parte di un cambiamento di paradigma dal prendere di mira le cellule tumorali stesse. L’immunoterapia è un buon esempio di ciò, in cui il sistema immunitario umano è attivato per inseguire le cellule tumorali”.

“Forse possiamo manipolare un po ‘il nostro sistema biologico o attivare qualcosa che abbiamo già in atto per combattere in modo più efficace il cancro”, conclude.