Le conoscenze degli uomini sul cancro alla prostata

Nonostante gli strumenti, c’è un disallineamento quando si tratta di informazioni e trattamenti.
I ricercatori dell’UBC hanno determinato che la maggior parte degli uomini è in difficoltà quando si tratta di comprendere la diagnosi e il trattamento del cancro alla prostata.

I professori Joan Bottorff e John Oliffe sono scienziati con il programma di ricerca sulla salute maschile di UBC.

Insieme, studiando le conoscenze degli uomini o l’alfabetizzazione del cancro alla prostata, hanno realizzato che molti sono all’oscuro quando si tratta di ciò che sanno della malattia. E, ancora più importante, quale direzione prendere dopo la diagnosi.

“In termini di alfabetizzazione sanitaria, c’è una lunga storia di persone che dicono che gli uomini non sono al passo con i tempi”, dice Oliffe. “Questo include le loro conoscenze quando si tratta di capire i farmaci e le dosi prescritte. Sia che conoscano le fasi di una malattia e come applicano la conoscenza che hanno.”

L’alfabetizzazione sanitaria è la capacità di accedere, comprendere e utilizzare le informazioni relative alla salute per prendere decisioni informate e gestire la salute personale. Tuttavia, quando si tratta di cancro alla prostata, l’informazione è schiacciante per molti uomini, aggiunge il coordinatore della ricerca e lo studio autore principale Cherisse Seaton.

La ricerca

“La nostra ricerca guarda a come gli uomini applicano la conoscenza che hanno”, dice. “Molto spesso ci sono così tante informazioni là fuori ed è complesso in termini di scelta”.

Il cancro alla prostata è il tumore più comune tra gli uomini e ha un alto tasso di sopravvivenza. Tuttavia, afferma Seaton, la scarsa alfabetizzazione sanitaria è considerata un fattore di rischio per problemi di salute e scarsa capacità decisionale.

“Gli uomini hanno alcune grandi decisioni da prendere dopo la diagnosi”, dice Seaton. “Non tutti i tumori alla prostata sono aggressivi e può essere difficile prevedere se un paziente ha un tumore a crescita lenta o aggressivo, i pazienti devono decidere quale tipo di corso di trattamento seguire. Per farlo devono essere ben informati e capire di tutte le opzioni. “

Un’opzione di trattamento comune – sorveglianza attiva – chiama per nessun intervento chirurgico o trattamenti attivi. L’obiettivo è di aspettare la malattia consultando regolarmente un medico. Mentre la sorveglianza attiva può essere un’opzione, lo studio mostra che oltre il 91% degli uomini intervistati ha optato per il trattamento.

“Ci sono alcuni uomini che vogliono davvero liberarsi del cancro indipendentemente da ciò che viene loro detto”, dice Bottorff, che insegna alla scuola di infermieristica UBC.

“Avanzano con l’intervento chirurgico o con un trattamento più aggressivo di quanto potrebbero aver bisogno, molto spesso per paura o mancanza di conoscenza.

Queste opzioni di trattamento attivo hanno effetti collaterali considerevoli e crediamo che meglio l’alfabetizzazione sanitaria degli uomini, meglio faranno quando si tratta di fare scelte informate ed evitare rimpianti decisionali “.

Sebbene la ricerca mostri che gli uomini valutano molto bene la loro conoscenza delle informazioni sanitarie. Molti ritengono di non avere abbastanza informazioni per gestire la loro salute personale.

Il sito web interattivo

Per aiutare l’alfabetizzazione della salute degli uomini per il cancro alla prostata. Il team di ricerca sulla salute maschile ha creato un sito Web interattivo intitolato If I Were Tom. Il sito, spiega Oliffe, è utile per gli uomini subito dopo la diagnosi. Un certo numero di video segue il paziente immaginario chiamato Tom attraverso il test della prostata, la diagnosi e una decisione di trattamento. I visitatori del sito possono prendere decisioni con Tom e apprendere le numerose opzioni disponibili.

Il sito web interattivo condivide anche i messaggi di sopravvissuti, fornitori di assistenza sanitaria e familiari.

“La nostra ricerca ha dimostrato che gli uomini interagivano molto con i fornitori di assistenza sanitaria, e ci sono strumenti là fuori. Nonostante ciò sentivano ancora che avevano bisogno di più informazioni”, afferma Bottorff.

“Chiaramente, abbiamo bisogno di trovare altri modi per connettere gli uomini con le informazioni che stanno cercando.

Questo sito Web è uno sforzo per soddisfare tali esigenze di informazioni. In un modo che sia accessibile agli uomini.”