Malattia di Kawasaki

La malattia di Kawasaki, indicata anche come sindrome di Kawasaki o sindrome del linfonodo mucocutaneo, colpisce i bambini e comprende diversi sintomi:

  • febbre
  • eruzione cutanea
  • gonfiore delle mani e dei piedi
  • irritazione e arrossamento del bianco degli occhi
  • ghiandole linfatiche gonfie nel collo
  • irritazione e infiammazione della bocca, delle labbra e della gola


Questi effetti della malattia di Kawasaki sono raramente seri. La fase acuta della condizione dura in genere 10-14 giorni o più. La maggior parte dei bambini guarisce completamente. Ma, in alcuni casi, la malattia di Kawasaki può portare a complicazioni cardiache a lungo termine.

La malattia prende il nome dal Dr. Tomisaku Kawasaki, un pediatra giapponese. La condizione è probabilmente esistita per un lungo periodo, ma non è stata riconosciuta come una sindrome separata fino al 1967.

Causa


La causa della malattia di Kawasaki è sconosciuta. Non sembra essere ereditario o contagioso. Poiché la malattia si verifica frequentemente in focolai all’interno di una popolazione, la causa probabile è un agente infettivo (come un virus).

A volte più di un bambino in una famiglia può sviluppare la malattia di Kawasaki, che può indicare una predisposizione genetica per la sindrome.

Incidenza


L’incidenza della malattia di Kawasaki è più alta in Giappone che in qualsiasi altro paese, sebbene la malattia sia stata segnalata in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti, la condizione è più frequente tra i bambini di origine asiatica-americana, ma può verificarsi in qualsiasi gruppo etnico o razziale. È la causa più comune di cardiopatia acquisita nei bambini in questo paese.

Negli ultimi anni, la malattia di Kawasaki ha avuto la tendenza a verificarsi in focolai localizzati, più spesso in inverno o all’inizio della primavera.

La malattia di Kawasaki colpisce quasi sempre i bambini. La maggior parte dei pazienti ha meno di 5 anni; l’età media per i bambini affetti dalla sindrome è di circa 2. I ragazzi sviluppano la malattia quasi il doppio delle ragazze.

Implicazioni per la salute del cuore


Il cuore può essere colpito da un bambino su quattro che ha la malattia di Kawasaki.

A volte i danni si verificano ai vasi sanguigni che forniscono il muscolo cardiaco (le arterie coronarie) e al muscolo cardiaco stesso. Un indebolimento di un’arteria coronaria può provocare un ingrossamento o gonfiore della parete dei vasi sanguigni (un aneurisma).

I bambini con meno di 1 anno di solito sono i più gravemente ammalati e sono maggiormente a rischio di complicanze cardiache.