Mangiare funghi potrebbe ridurre il rischio di cancro alla prostata

Nel primo studio nel suo genere, i ricercatori giapponesi hanno trovato un’associazione tra il consumo di funghi e un ridotto rischio di cancro alla prostata. Sebbene la dimensione dell’effetto sia relativamente piccola, i risultati potrebbero ispirare ulteriori indagini.

Una nuova ricerca suggerisce che mangiare regolarmente funghi può ridurre il rischio di una persona di cancro alla prostata.
Il National Cancer Institute prevede che ci saranno 174.650 nuovi casi di cancro alla prostata negli Stati Uniti nel 2019.

Sebbene il trattamento per questo tipo di cancro stia continuamente migliorando, non esiste una cura né un modo per prevenirlo.

Tuttavia, l’evidenza suggerisce che mangiare in modo sano potrebbe ridurre il rischio.

Se gli scienziati sono in grado di identificare semplici interventi dietetici in grado di ridurre questo rischio, anche di una piccola quantità, potrebbe fare una differenza sostanziale a livello globale.

I ricercatori hanno recentemente condotto uno studio sui funghi, pubblicando i loro risultati sull’International Journal of Cancer .
Perché i funghi
I funghi sono un alimento relativamente poco costoso e ampiamente consumato in tutto il mondo. Negli ultimi anni, gli studi hanno iniziato a identificare le loro potenziali capacità di combattere le malattie.

Una recensione del 2012 afferma che alcuni composti nei funghi hanno proprietà antitumorali, antinfiammatorie e antidiabetiche, tra gli altri.

Più specificamente, studi condotti su cellule coltivate e modelli animali hanno scoperto che gli estratti di alcune specie di funghi possono rallentare la crescita tumorale .

Secondo gli autori del recente articolo, solo un precedente processo umano ha studiato funghi e cancro alla prostata. Lo studio precedente ha testato funghi di bottone bianchi in polvere in uomini con carcinoma prostatico ricorrente.

Il team ha scoperto che per alcuni dei partecipanti, l’estratto di funghi riduceva i livelli di antigene prostatico specifico (PSA) – il biomarcatore primario per il cancro alla prostata – e aumentava la risposta immunitaria del corpo al cancro.

Lo studio più recente è il primo a esaminare la relazione tra consumo di funghi e incidenza del cancro alla prostata all’interno di una popolazione.

Raccolta dati
Per indagare, i ricercatori hanno preso i dati dallo studio di coorte Miyagi e dallo studio di coorte Ohsaki. In totale, hanno avuto accesso ai dati di 36.499 uomini giapponesi di età compresa tra 40 e 79 anni. Hanno seguito questi individui per una mediana di 13,2 anni.

Gli scienziati hanno utilizzato questionari per acquisire informazioni su dieta, anamnesi, livelli di attività fisica, stato di fumo, abitudini di consumo, livelli di istruzione e altro ancora.

Hanno quindi assegnato ciascun partecipante a uno dei cinque gruppi in base al consumo di funghi:

quasi mai: il 6,9% dei partecipanti
una o due volte al mese: 36,8%
una o due volte a settimana: 36,0%
tre o quattro volte a settimana: 15,7%
quasi ogni giorno: 4,6%
Durante il periodo di follow-up, ci sono stati 1.204 casi di cancro alla prostata, pari al 3,3% dei partecipanti.
L’effetto fungo
Dopo aver controllato le variabili confondenti, i ricercatori hanno osservato un effetto benefico significativo:

Rispetto a quelli che mangiavano funghi meno di una volta alla settimana, quelli che mangiavano funghi una o due volte a settimana presentavano un rischio relativo inferiore dell’8% di cancro alla prostata. Coloro che mangiavano funghi tre o più volte alla settimana avevano un rischio relativo inferiore del 17%.

Gli autori concludono:

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio di coorte che indica il potenziale di prevenzione del cancro alla prostata dei funghi a livello di popolazione.”

Questa relazione era significativa anche dopo aver controllato una serie di fattori, tra cui la storia familiare di cancro, l’uso di alcol e tabacco e l’ assunzione di caffè .
È importante sottolineare che hanno anche adeguato le loro analisi per la quantità di energia, carne, frutta, verdura e latticini consumati da ciascun partecipante, in altre parole, la riduzione del rischio non è stata, ad esempio, perché i partecipanti che hanno mangiato più funghi hanno mangiato di più verdure.

Tuttavia, vale la pena notare che l’aumento dell’incidenza del cancro alla prostata tra coloro che mangiano il minor numero di funghi e quelli che mangiano di più è solo dello 0,31% (3,42% rispetto al 3,11%, rispettivamente).

Inoltre, l’effetto è stato significativo solo negli uomini di età superiore ai 50 anni. Gli autori ritengono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il cancro alla prostata è molto più raro negli uomini più giovani.

Limitazioni e domande
Ci sono alcune limitazioni allo studio. In primo luogo, l’uso di informazioni dietetiche autoportanti non è l’ideale perché è aperto a errori e dichiarazioni erronee. Tuttavia, con uno studio di queste dimensioni, non esiste alternativa praticabile.

Analogamente, il team ha registrato le informazioni dietetiche solo una volta, all’inizio dello studio. In un decennio, la dieta di una persona può cambiare radicalmente.

Inoltre, come osserva l’autore principale Shu Zhang, Ph.D., “Poiché non sono state raccolte informazioni sulle specie di funghi, è difficile sapere quali funghi specifici hanno contribuito alle nostre scoperte”.

Naturalmente, poiché lo studio è stato osservativo, gli autori non possono concludere definitivamente che i funghi hanno causato la riduzione del rischio di cancro. Nonostante il controllo di molte variabili, è ancora possibile che un fattore non misurato abbia influenzato i risultati.

Sebbene non abbiano progettato la ricerca per scoprire come i funghi potrebbero proteggere dal cancro, gli autori ritengono che questo effetto potrebbe essere dovuto ai loro antiossidanti . Ad esempio, alcuni funghi contengono L-ergothioneine e glutatione, entrambi potenti antiossidanti.

Nel complesso, gli autori concludono che “l’assunzione abituale di funghi potrebbe aiutare a ridurre il rischio di cancro alla prostata. Ulteriori studi in altre popolazioni e contesti sono necessari per confermare questa relazione”.