Nuova strategia antitumorale “nasconde i farmaci come grassi”

Tags: , ,

Utilizzando una nuova tecnica che nasconde i farmaci antitumorali come grassi, i ricercatori sono riusciti a somministrare in modo sicuro dosi molto più elevate dei farmaci rispetto al solito nel sito dei tumori del cancro nei modelli di topo.

Un nuovo metodo di “travestimento” potrebbe consentire ai ricercatori di somministrare in modo sicuro dosi di farmaci antitumorali molto più elevate contro i tumori.
“È come un cavallo di Troia”, afferma il prof. Nathan Gianneschi, della Northwestern University di Evanston, Illinois.

Il Prof. Gianneschi sta parlando di una nuova strategia che lui e i suoi colleghi hanno recentemente ideato per fornire farmaci antitumorali ai siti tumorali .

Attraverso questo nuovo approccio – che i ricercatori hanno testato nei topi e che descrivono in un documento di studio che appare sul Journal of American Chemical Society – il team è stato in grado di fornire una dose molto più elevata di un farmaco chemioterapico comune per attaccare le cellule tumorali .

“[Il farmaco] sembra un piccolo acido grasso, quindi i recettori del tumore lo vedono e lo invitano”, spiega il prof. Gianneschi. “Quindi il farmaco inizia a metabolizzarsi e uccide le cellule tumorali”, continua.

Non solo questa nuova strategia sembra fornire una dose di farmaco più elevata alle cellule tumorali in modo più efficace, ma sembra anche avere una tossicità inferiore – e quindi un minor numero di effetti collaterali – rispetto agli attuali metodi di consegna.

Consegna sicura di dosi di farmaco molto più elevate
Il “cavallo di Troia” sviluppato dal Prof. Gianneschi e dal suo team è un acido grasso a catena lunga che può legarsi ai farmaci ad entrambe le estremità. Una volta legato al farmaco selezionato, il composto si “nasconde” all’interno dell’albumina sierica umana, la principale proteina presente nel plasma sanguigno.

L’albumina sierica umana è in grado di trasportare diverse molecole, compresi gli acidi grassi, trasportandole facilmente in diversi siti del corpo.

” È come se l’acido grasso avesse una mano su entrambe le estremità: uno può afferrare il farmaco e uno può afferrare le proteine. L’idea è quella di mascherare i farmaci come grassi in modo che entrino nelle cellule e il corpo è felice di trasportarli in giro. “

Prof. Nathan Gianneschi
Poiché l’albumina sierica umana fornisce molti tipi di nutrienti cellulari, i recettori sulle superfici cellulari “raccolgono” queste informazioni e “ingoiano” queste varie molecole.

Le cellule tumorali sono anche più avide delle cellule sane, poiché cercano di crescere e diffondersi. Pertanto, le cellule tumorali assorbono i nutrienti dell’albumina sierica umana a una velocità maggiore.

Quando l’albumina trasporta anche farmaci antitumorali nascosti, le cellule tumorali inghiottono erroneamente anche quelle, secondo i ricercatori. Ma non appena le cellule tumorali elaborano i nutrienti e il farmaco nascosto, muoiono.

Ricerche recenti indicano che gli scienziati possono “insegnare” ai batteri a distruggere il cancro.

Nel presente studio, il team di ricerca ha testato questo approccio in modelli murini di tre tipi di cancro, vale a dire il cancro alle ossa , il pancreas e il colon . I ricercatori hanno utilizzato un paclitaxel, un farmaco chemioterapico comunemente usato e comunemente approvato, che hanno attaccato all’acido grasso a catena lunga appositamente creato.

I ricercatori hanno scoperto che, nel modello di topo, questo tipo di parto ha portato alla completa eliminazione dei tumori.

Inoltre, il team ha osservato che questo sistema ha permesso loro di erogare una dose 20 volte superiore di paclitaxel, rispetto ad altre due formulazioni di farmaci che erano state approvate dalla Food and Drug Administration (FDA).

E anche se la dose era molto più alta del solito, i ricercatori hanno scoperto che il nuovo sistema di somministrazione era anche 17 volte più sicuro di altre formulazioni, con meno potenziali effetti collaterali.

“I farmaci di piccole molecole comunemente usati entrano nei tumori – e in altre cellule. Sono tossici per i tumori ma anche per l’uomo. Quindi, in generale, questi farmaci hanno effetti collaterali orribili”, ha osservato il prof. Gianneschi.

“Il nostro obiettivo è aumentare la quantità che entra in un tumore rispetto ad altre cellule e tessuti. Ciò ci consente di dosare quantità molto più elevate senza effetti collaterali, il che uccide i tumori più velocemente”, spiega.

La nuova ricerca offre la speranza di metodi più efficaci e sicuri per somministrare farmaci antitumorali ai tumori nei pazienti umani.