Vaccino HPV: adolescenza e dintorni

Published by:

il vaccino HPV

Perché mio figlio ha bisogno del vaccino HPV?


Il vaccino HPV è importante perché protegge contro i tumori causati dall’infezione da papillomavirus umano (HPV). HPV è un virus molto comune; quasi 80 milioni di persone – circa una su quattro – sono attualmente infette negli Stati Uniti. Circa 14 milioni di persone, compresi gli adolescenti, vengono infettate con HPV ogni anno.

La maggior parte delle persone affette da HPV non sviluppa mai sintomi o problemi di salute. La maggior parte delle infezioni da HPV (9 su 10) si risolve da sola entro due anni. Ma a volte le infezioni da HPV durano più a lungo e possono causare alcuni tipi di cancro e altre malattie. L’infezione da HPV può causare:

tumori della cervice, della vagina e della vulva nelle donne;
tumori del pene negli uomini; e
tumori dell’ano e della gola, inclusi la base della lingua e le tonsille (orofaringe), sia nelle donne che negli uomini.


Ogni anno negli Stati Uniti, l’HPV causa 33.700 tumori negli uomini e nelle donne. La vaccinazione HPV può prevenire la maggior parte dei tumori (circa 31.200) da sempre in via di sviluppo.


Tre vaccini sono raccomandati per gli 11-12 anni per proteggere dalle infezioni che possono causare meningite, tumori HPV e pertosse.

Quando dovrebbe essere vaccinato mio figlio?


Tutti i bambini di 11 o 12 anni dovrebbero ricevere due vaccini contro l’HPV a distanza di sei-dodici mesi. Gli adolescenti che ricevono i loro due richiami a distanza di meno di cinque mesi richiederanno una terza dose di vaccino HPV.

Se tuo figlio non ha ancora ottenuto il vaccino, parla con il medico o l’infermiere per averlo preso al più presto. Se il tuo bambino ha più di 14 anni, tre colpi dovranno essere somministrati per 6 mesi. Inoltre, tre dosi sono ancora raccomandate per le persone con determinate condizioni immunocompromessi tra i 9 ei 26 anni.


Chi altri dovrebbe fare il vaccino HPV?


Ragazzi e ragazze adolescenti che non hanno iniziato o terminato la serie di vaccini HPV quando erano più giovani dovrebbero farlo ora.


Se tuo figlio non ha ancora fatto il vaccino HPV, parla con il suo medico di come farlo il prima possibile.

Il vaccino HPV è raccomandato per le giovani donne fino all’età di 26 anni e per i giovani fino all’età di 21 anni. Il vaccino HPV è raccomandato anche per le seguenti persone, se non sono stati vaccinati quando erano più giovani:

  • giovani uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, compresi giovani che si identificano come gay o bisessuali o che intendono fare sesso con uomini fino all’età di 26 anni
  • giovani adulti che sono transgender fino all’età di 26 anni;
  • giovani adulti con determinate condizioni immunocompromesse (incluso l’HIV) fino all’età di 26 anni.

Capire le cause del cancro

Published by:

cause del cancro

“Gli scienziati trovano il collegamento tra X e il cancro”. C’è una buona probabilità che tu abbia visto qualcosa di simile nei titoli delle notizie. O forse l’hai ricevuto via email, testo o tramite social media da un amico benintenzionato.

In questi giorni sembra che X possa essere qualsiasi cosa – antitraspiranti, telefoni cellulari, tinture per capelli, pesticidi, elettrodotti, bottiglie di plastica e mangiare carne rossa sono alcuni che spesso fanno notizia o circolano come voci. Ma di quali hai davvero bisogno di preoccuparti? Alcuni di quelli? Tutti loro?

Le notizie possono essere confuse, persino spaventose, a volte. Molte persone temono il cancro più di qualsiasi altra malattia, quindi sentire che qualcosa potrebbe causare il cancro può far emergere forti emozioni, specialmente se si tratta di qualcosa a cui si è esposti regolarmente.

Spesso è difficile ottenere la storia completa. E non è sempre facile capire cosa significhi realmente per te le informazioni. Hai bisogno di smettere di usare il cellulare per essere sicuro? O smettere di mangiare carne?

Le cose specifiche che potrebbero causare il cancro non saranno trattate qui. Invece, parleremo di quali domande dovresti porre quando vedi notizie su qualcosa che potrebbe causare il cancro. Fare domande può aiutarti a comprendere meglio le informazioni e decidere se è qualcosa su cui potresti dover intervenire.

Fai le domande giuste


Quando sentiamo che qualcosa potrebbe causare il cancro, la nostra prima reazione è spesso pensare che dobbiamo evitarlo a tutti i costi. Ma spesso non è così semplice.

Studiare il cancro (e ciò che lo causa) è complesso. I risultati dello studio di solito non sono in bianco e nero: devono essere visualizzati nel contesto di altre ricerche sull’argomento. Anche allora, molte volte le risposte non sono chiare. A volte non ci sono abbastanza informazioni per dire con certezza come i risultati potrebbero applicarsi a voi. I resoconti dei media possono talvolta offuscare ulteriormente il problema se non presentano i risultati degli studi nel contesto appropriato.

Qual è la fonte delle informazioni?


È importante considerare da dove provengono le informazioni.

Le principali fonti di notizie in genere cercano di fornire informazioni accurate e imparziali. Tendono ad avere giornalisti e giornalisti che hanno esperienza in merito a problemi di salute e che capiscono cosa è importante. Spesso possono inserire nuove informazioni nel contesto. Le organizzazioni di notizie più piccole potrebbero non avere tanta esperienza e potrebbero avere un tempo più difficile a trasmettere le informazioni nel giusto contesto.

Ma anche quando le notizie provengono da una fonte di cui ti fidi, i titoli spesso cercano di riassumere un argomento complesso in qualcosa di breve, semplice e accattivante. Non possono avere la stanza (o il tempo) per esprimere le sfumature o l’incertezza dei risultati dello studio. Anche gli articoli completi possono avere limiti di spazio che potrebbero voler dire tralasciare dettagli importanti. Spesso l’intera storia non può essere raccontata in un breve articolo o in una clip di 60 secondi.

A volte ciò che sembra una notizia è in realtà un comunicato stampa direttamente da un’università o da una rivista medica o da un gruppo medico o da un’altra organizzazione. Alcuni gruppi che promuovono nuove scoperte (come gruppi commerciali industriali, gruppi ambientalisti, gruppi per i diritti degli animali, gruppi che promuovono diete specifiche, ecc.) Potrebbero avere un particolare punto di vista o un’agenda che potrebbe influenzare la loro capacità di fornire informazioni imparziali.

Ciò non significa sempre che le loro informazioni non siano valide o valide. Infatti, spesso possono essere i primi a riferire su qualcosa che potrebbe rivelarsi un problema importante. Tuttavia, se non hai molta familiarità con la fonte delle informazioni, fai qualche ricerca. Una rapida ricerca su Internet può spesso rivelare molto su chi fa parte di un gruppo e quali sono i suoi obiettivi. Cerca di guardare le informazioni in modo obiettivo per vedere se potrebbero mettere in evidenza determinati punti più in linea con i loro obiettivi.

E-mail a catena, testi, post di blog e social media sono fonti di informazioni sempre più comuni per molte persone. Ad esempio, molte e-mail correlate al cancro diffondono informazioni allarmanti e chiedono alle persone di inoltrarle agli amici. La fonte originale dell’email è spesso impossibile da trovare e il contenuto effettivo dell’e-mail può cambiare nel tempo, quindi questo tipo di informazioni deve spesso essere controllato con fonti più affidabili, come quelle elencate alla fine di questo documento.

Ancora una volta, è importante guardare da dove proviene davvero l’informazione. Ci sono molte informazioni là fuori che competono per la tua attenzione. A volte i titoli che sono un po ‘più sensazionali sono quelli che vincono.

Cosa ha scoperto effettivamente la ricerca?


Superare i titoli (o articoli, notizie, e-mail, ecc.) E il nocciolo della questione non è sempre facile. Ecco alcune domande importanti che dovresti porre:

Innanzitutto, le notizie sono in realtà basate su nuove ricerche? Spesso lo è, soprattutto se viene segnalato in mezzi di informazione affidabili. Ma a volte non è chiaro da dove provengano le informazioni. Le voci trasmesse in e-mail a catena sono spesso un buon esempio di questo. Se una fonte è citata, può essere verificata?

Chi ha condotto la ricerca? Chi ha pagato per questo? La maggior parte degli studi sul cancro viene svolta da ricercatori di università, centri medici o agenzie governative. Alcune ricerche sono condotte da altri gruppi, come le organizzazioni di difesa. I finanziamenti per gli studi possono provenire da fondi federali o statali, gruppi senza scopo di lucro o altri interessi. Scoprire dove è stato fatto lo studio e chi ha finanziato può darti un’idea migliore di quanto possa essere affidabile.

Che tipo di ricerca era? Gli scienziati usano diversi tipi di studi quando cercano di capire se qualcosa provoca il cancro. I risultati di test effettuati in laboratorio su colture cellulari o su animali possono spesso suggerire che qualcosa potrebbe o non potrebbe causare il cancro, ma non è sempre chiaro se i risultati saranno gli stessi nelle persone. Ad esempio, gli effetti osservati in laboratorio usando dosi molto elevate di una sostanza potrebbero non essere gli stessi a dosi molto più basse, o gli effetti di una sostanza quando viene inalato potrebbero non essere gli stessi di quando sono applicati sulla pelle. Inoltre, i corpi di animali da laboratorio e umani non elaborano sempre le sostanze allo stesso modo.

Altri studi guardano a grandi gruppi di persone per cercare di capire quali fattori potrebbero essere collegati al cancro. Questi studi possono essere più propensi a fornire informazioni utili, ma hanno anche i loro limiti. È spesso difficile separare una singola esposizione come possibile causa del cancro.

Le persone sono esposte a molte sostanze in un dato momento, comprese quelle che incontrano al lavoro, a scuola o a casa; nel cibo che mangiano; e nell’aria respirano. È molto improbabile che sappiano esattamente a cosa sono stati esposti o che sarebbero stati in grado di ricordare tutte le loro esposizioni se richiesto da un ricercatore. E anche se qualcosa provoca il cancro, di solito sono molti anni (spesso decenni) tra l’esposizione ad esso e lo sviluppo del cancro.

È stato trovato prima? Un singolo studio di qualsiasi tipo è raramente sufficiente a dimostrare che qualcosa provoca il cancro. Gli scienziati spesso devono combinare i dati di diversi studi di entrambi i tipi per effettuare questa valutazione (vedi sotto).

Dove è stata pubblicata o pubblicata la ricerca? Di solito, i ricercatori rendono noti i loro risultati pubblicandoli in una rivista medica o presentandoli a una conferenza. Alcuni tipi di ricerca, come i riepiloghi governativi di studi su un particolare argomento, possono essere pubblicati come documenti autonomi.

In generale, gli scienziati danno maggior peso alla ricerca pubblicata nelle principali riviste mediche, poiché è stata esaminata da altri esperti prima della pubblicazione. Allo stesso modo, i rapporti di sintesi delle agenzie governative o di altri gruppi rispettati vengono solitamente creati da grandi commissioni di esperti. La ricerca riportata in una conferenza medica è spesso importante ma non ha subito lo stesso livello di revisione.

Non è sempre così facile sapere quanto fidarsi delle notizie provenienti da fonti di seconda mano. A volte può riflettere i pregiudizi del gruppo o della persona che lo ha scritto. Ad esempio, le notizie provenienti dai comunicati stampa generalmente non hanno avuto alcun tipo di revisione da parte di esperti (a meno che non si riferisca a uno studio pubblicato). Lo stesso si può dire per post di blog, e-mail, ecc. Queste fonti possono o non possono essere valide, e dovresti essere consapevole dei possibili pregiudizi.

Quali sono stati i risultati effettivi dello studio? Come accennato, non è sempre facile trasmettere con precisione una nuova ricerca in un breve riassunto delle notizie. In effetti, alcune persone che riportano le notizie potrebbero non avere un background scientifico o medico, quindi a volte potrebbero avere difficoltà a mettere le conclusioni nel contesto appropriato. Il risultato potrebbe essere che, intenzionalmente o meno, le notizie finiscono per sembrare più importanti e definitive di quanto lo siano effettivamente i risultati dello studio.

Ad esempio, supponiamo che uno studio rilevi che la X chimica influenza i livelli ormonali negli animali da laboratorio. Gli ormoni sono noti per svolgere un ruolo nell’aumentare il rischio di alcuni tumori. Pertanto è allettante segnalare che la X chimica può aumentare il rischio di cancro, anche se questo non è ciò che lo studio ha trovato. Aumenta la possibilità di un collegamento, ma ulteriori ricerche sarebbero necessarie per confermare questo.

Che dire delle altre prove? Qual è la più grande?


“Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere questi risultati”. Questa affermazione, o qualcosa di simile, può essere trovata alla fine di quasi tutti i documenti di ricerca sul cancro. C’è una ragione per questo. Gli scienziati comprendono che i risultati di un singolo studio sono raramente l’ultima parola sull’argomento. C’è sempre la possibilità che le scoperte possano essere state un colpo di fortuna, o che in qualche modo non rappresentano realmente quello che sta succedendo. Altri ricercatori dovranno confermare o confutare i risultati con i propri esperimenti. Molto spesso, è solo dopo aver accumulato abbastanza prove che i ricercatori sono disposti ad accettare i risultati.


Sfortunatamente, questo può essere un processo lento che può durare anni, a volte persino decenni. Ciò è comprensibilmente frustrante, in quanto può lasciarci senza le risposte che vogliamo per lunghi periodi di tempo. Ma la ricerca deve essere fatta in questo modo in modo da avere una migliore comprensione di ciò che è veramente importante.

Ecco un esempio. Diciamo che un nuovo studio trova una sorta di collegamento tra X e il cancro, che è ampiamente riportato nelle notizie. Ma molti studi precedenti su questo stesso problema non hanno trovato un simile collegamento. Questo deve essere preso in considerazione quando si considera se le nuove scoperte sono affidabili e se devono essere messe in atto. Può darsi che i ricercatori che fanno il nuovo studio abbiano fatto qualcosa di leggermente diverso che apre una nuova strada della ricerca. Oppure potrebbe essere che, basandosi sul totale delle prove, la nuova ricerca non cambierà probabilmente ciò che la maggior parte degli esperti pensa sull’argomento.

Chi sono gli esperti?


Determinare se qualcosa di veramente aumenta il rischio di cancro di solito non è facile, soprattutto se il possibile aumento del rischio è molto piccolo. Esperti di diverse agenzie nazionali e internazionali esaminano le prove disponibili per cercare di determinare il potenziale cancerogeno delle diverse cose a cui siamo esposti.

Quando la prova è conclusiva o certa che un’esposizione causa il cancro, è etichettata come cancerogena. Ma in molti casi non ci sono abbastanza informazioni per essere sicuri. Quando le prove disponibili sono meno certe, l’esposizione può essere considerata come probabile cancerogeno o possibile cancerogeno. Oppure si può semplicemente affermare che non sono disponibili informazioni sufficienti per effettuare una determinazione in questo momento.

Alcune persone potrebbero essere sorprese nell’apprendere che non esiste un elenco unico e completo di tutte le sostanze chimiche che causano il cancro. Ma non è possibile studiare milioni di sostanze chimiche (naturali e di origine antropica) a cui le persone possono essere esposte. Sarebbe semplicemente troppo costoso, richiederebbe troppo tempo e in molti casi non sarebbe necessario. Invece, gli scienziati usano ciò che è già noto sulle strutture chimiche, i risultati di altri tipi di test di laboratorio, l’entità dell’esposizione umana e altri fattori per selezionare le sostanze chimiche più importanti da testare.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC): IARC fa parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Il suo principale obiettivo è identificare le cause del cancro. Negli ultimi decenni, l’IARC ha valutato il potenziale cancerogeno di oltre 900 esposizioni probabili, inserendole in uno dei seguenti gruppi:

Gruppo 1: cancerogeno per l’uomo
2A: Probabilmente cancerogeno per l’uomo
2B: Possibilmente cancerogeno per l’uomo
3: non classificabile per cancerogenicità nell’uomo
4: Probabilmente non cancerogeno per l’uomo
Forse non sorprendentemente, sulla base di quanto possa essere difficile testare possibili cancerogeni, la maggior parte sono elencati come di rischio probabile, possibile o sconosciuto. Solo poco più di 100 sono classificati come “cancerogeni per l’uomo”.

La relazione sui cancerogeni identifica 2 gruppi di agenti:

Conosciuto per essere cancerogeni per l’uomo
Ragionevolmente previsto essere cancerogeni per l’uomo
L’attuale versione del RoC elenca circa 240 sostanze ed esposizioni.

Gruppo A: cancerogeno per l’uomo
B: Probabilmente cancerogeno per l’uomo
C: prova significativa del potenziale carcinogenico
D: informazioni inadeguate per valutare il potenziale carcinogenico
E: Non è probabile che sia cancerogeno per l’uomo

Alcune organizzazioni, come l’American Cancer Society e l’US National Cancer Institute (NCI) conducono o finanziano ricerche in questo settore, ma non mantengono le loro liste di sostanze o esposizioni che causano il cancro. Invece, guardano alle organizzazioni di esperti come NTP e IARC. L’ACS e l’NCI offrono spesso informazioni e guida al pubblico sulle possibili cause del cancro, soprattutto quando nuove scoperte generano un grande interesse.

Utilizzo di informazioni da gruppi di esperti


Gruppi di esperti come IARC e NTP gestiscono gli elenchi più esaurienti di esposizioni che potrebbero causare il cancro e sono spesso la parola più fidata sull’argomento. Tuttavia, queste liste hanno i loro limiti in termini di quanto siano utili per la maggior parte dei consumatori.

Innanzitutto, questi non sono elenchi completi di ogni sostanza che causa o potrebbe causare il cancro. Ancora una volta, gli esperti tendono a concentrarsi sulle sostanze e le esposizioni che hanno maggiori probabilità di provocare il cancro, ma ce ne sono molte altre che non sono ancora state studiate completamente.

In secondo luogo, le liste potrebbero non essere di grande aiuto su un argomento che è entrato di recente nelle notizie. Anche quando gli esperti riesaminano una sostanza, possono essere necessari diversi mesi (o più) prima di essere aggiunti a una lista. Gli elenchi vengono aggiornati di volta in volta, ma non è probabile che tengano in considerazione risultati molto recenti.

Terzo, le liste (ei loro documenti di supporto) sono scritte principalmente per scienziati e altri professionisti, quindi possono essere confusi. Anche elenchi semplici di sostanze chimiche possono essere difficili da leggere. Molte delle sostanze e le esposizioni sugli elenchi hanno più di un nome. Questo può rendere difficile trovare una sostanza particolare se un elenco non usa il termine più comune.

Quindi, solo perché una sostanza non compare in uno degli elenchi potrebbe non significare che non causi il cancro. Ci sono alcune possibilità:

 È stato infatti studiato e scoperto che non causa il cancro.
Non è stato ancora studiato a fondo.
Potrebbe trovarsi su uno degli elenchi, ma con un nome diverso.
Non è sempre facile capire quale sia il caso.

Oltre alle liste, le agenzie pubblicano ampie recensioni che esaminano le prove che collegano un’esposizione al cancro in modo molto dettagliato. Di nuovo, queste recensioni non sono scritte per i consumatori, quindi possono essere difficili da capire.

Se hai difficoltà a trovare informazioni sulla possibilità che qualcosa possa causare il cancro, contatta un gruppo fidato come l’American Cancer Society o il National Cancer Institute. Possono dirti se un’esposizione particolare si trova su uno degli elenchi e potrebbe anche essere in grado di fornirti un contesto su ciò che i risultati della ricerca potrebbero significare per te.

Cosa succede se si scopre che qualcosa provoca il cancro?


Cosa succede se la maggior parte o tutti gli esperti concordano sul fatto che un’esposizione sia collegata al cancro in qualche modo? Molto spesso, le persone vorranno evitare l’esposizione quando possibile. Ma ancora, ci sono alcune domande importanti da porre.

Che cosa esattamente aumenta il rischio?


Alcune esposizioni aumentano chiaramente il rischio di una o più tipologie di cancro. Ma anche i più forti agenti cancerogeni non aumentano il rischio di tutti i tipi di cancro.

Questo potrebbe influenzare quanto sia importante per te. Ad esempio, qualcosa che aumenta il rischio di cancro al seno è più probabile che sia una preoccupazione per le donne che per gli uomini, in quanto sono molto più probabilità di ottenere il cancro al seno, in primo luogo.

Il rischio è legato a un determinato tipo o quantità di esposizione?


Gli agenti cancerogeni non causano il cancro in ogni momento, in tutte le circostanze. Alcuni possono essere cancerogeni solo se una persona viene esposta in un certo modo (ad esempio, inghiottendola invece di toccarla). Alcuni possono solo causare il cancro nelle persone che hanno un determinato corredo genetico.

Allo stesso modo, la quantità di esposizione potrebbe essere importante. Alcuni agenti cancerogeni possono aumentare il rischio di cancro dopo solo un’esposizione molto piccola, mentre altri potrebbero richiedere un’esposizione intensa per molti anni prima che ci sia un notevole aumento del rischio. Ad esempio, l’uso di alcol pesante è associato ad un aumentato rischio di diversi tipi di cancro, ma una birra o un bicchiere di vino occasionali non è in grado di influenzare il rischio.

Quanto aumenta il rischio? Qual è il mio rischio per cominciare?
Ogni volta che è possibile, è importante provare a farsi un’idea di quanto un’esposizione potrebbe aumentare il rischio. Ad esempio, il fumo di tabacco è un noto cancerogeno. Gli uomini che fumano hanno più di 20 volte più probabilità di sviluppare il cancro del polmone rispetto agli uomini che non fumano.

La maggior parte degli altri cancerogeni noti non aumenta il rischio di cancro di quasi così tanto. Questo non vuol dire che non dovrebbero essere evitati, ma potrebbe essere qualcosa da tenere a mente quando si valutano i rischi. Come notato sopra, anche il tipo e l’estensione dell’esposizione possono avere un ruolo.

È anche importante avere un’idea di quale sia il tuo rischio per cominciare. Molti fattori possono influenzare il rischio, inclusi età, sesso, storia familiare e fattori di stile di vita (consumo di tabacco e alcol, peso, dieta, livello di attività fisica, ecc.).

Il rischio di base è normalmente più alto per alcuni tipi di cancro rispetto ad altri. Ad esempio, la maggior parte delle persone ha un rischio maggiore di cancro colorettale rispetto al cancro del dotto biliare.

Quindi qualcosa che raddoppia il rischio di cancro del dotto biliare è meno probabile che possa influire su di te rispetto a qualcosa che raddoppia il rischio di cancro del colon-retto. Quando possibile, dovresti considerare la quantità reale di aumento del rischio quando decidi se devi limitare o evitare un’esposizione.

Posso limitare o evitare l’esposizione? Se sì, dovrei?


Anche se una sostanza o un’esposizione è nota o si sospetta che causi il cancro, ciò non significa necessariamente che possa o debba essere evitato a tutti i costi. In realtà, questo potrebbe non essere nemmeno possibile. La luce solare è un buon esempio.

È la principale fonte di raggi ultravioletti (UV), che sono noti per causare il cancro della pelle. Ma la luce del sole può anche avere benefici, come aiutare il corpo a produrre vitamina D. Evitare completamente la luce solare non è raccomandato, e sarebbe quasi impossibile da fare.

Molte medicine, inclusi alcuni ormoni e farmaci usati per curare il cancro, possono anche aumentare il rischio di cancro. Ad esempio, il tamoxifene, che è molto utile nel trattamento di alcuni tumori al seno, aumenta il rischio di alcuni tipi di cancro uterino. A volte i benefici di assumere farmaci come questo superano chiaramente i possibili rischi, anche se includono il cancro.


Cosa è importante per me?


Siamo tutti in una certa misura a rischio di sviluppare il cancro. I nostri rischi per diversi tipi di cancro variano in base a una serie di fattori. Alcuni di questi, come l’età, il sesso e il trucco genetico, sono al di fuori del nostro controllo.

Per altri fattori, ci possono essere cose che possiamo fare che potrebbero alterare il nostro rischio. Ad esempio, il fumo è collegato a circa un terzo di tutti i decessi per cancro negli Stati Uniti. E circa 2 tumori su 10 sono legati al peso corporeo, alla dieta e all’attività fisica. Questi fattori di rischio sono tutti sotto il nostro controllo.

Potremmo avere meno possibilità di scelta quando si tratta di altri fattori ambientali, come l’inquinamento e le esposizioni sul posto di lavoro a sostanze chimiche cancerogene. Si pensa che questi siano responsabili di una porzione più piccola di tumori, ma sono ancora molto importanti.

A volte è difficile sapere di cosa si debba preoccupare. Le persone sono spesso più preoccupate dei fattori sui quali sentono di avere meno controllo, come l’inquinamento, anche se queste cose potrebbero non rappresentare un rischio per noi come alcune altre cose su cui abbiamo un certo controllo. Ma entrambi questi tipi di cose possono contribuire al nostro rischio di cancro. Avere un’idea di quanto influenzano il nostro rischio può aiutarci a fare scelte informate quando si tratta di cambiarle, evitarle o limitare la nostra esposizione.

Conclusioni


“Questo causa il cancro?” È una domanda molto importante da chiedere, ma può essere difficile da rispondere. Le informazioni su ciò che causa il cancro possono essere fonte di confusione e non sempre sono semplici. Se ti trovi a fare questa domanda su qualcosa, segui questi passaggi:

Considera la fonte delle informazioni. È affidabile?

Considera la scienza dietro a ciò. È convincente?

Quanto si applica al tuo caso?

Ottieni maggiori informazioni da fonti attendibili. Cos’altro si sa sull’argomento?

Prova a mettere le conclusioni nel loro contesto. Quanto influisce sul tuo rischio?

Cosa puoi fare per limitare la tua esposizione se ti senti necessario?


Ti incoraggiamo a imparare tutto quello che puoi e non aver paura di chiedere aiuto agli specialisti.

Cosa sapere sul cancro del polmone

Published by:

Il cancro del polmone

l cancro del polmone è una condizione che provoca la divisione incontrollata dei polmoni al loro interno. Ciò causa la crescita di tumori che riducono la capacità di respirazione di una persona.
Secondo recenti indagini, più di 200.000 persone negli Stati Uniti hanno ricevuto una diagnosi di cancro al polmone nel 2018.

Una diagnosi precoce può aiutare una persona a cercare un trattamento, il più presto possibile, nel decorso della malattia.

Identificare il cancro del polmone nelle sue prime fasi può essere difficile, tuttavia, perché i sintomi possono essere simili a quelli di un’infezione alle vie respiratorie, o non ci possono essere sintomi affatto.

In questo articolo, spieghiamo la natura del cancro ai polmoni, come riconoscere i sintomi e il modo in cui i medici trattano il cancro del polmone prima che diventi pericoloso per la vita.

Cos’è il cancro ai polmoni?

In genere, il corpo programma le cellule per morire a un certo stadio del loro ciclo di vita per evitare la crescita eccessiva. Il cancro sovrascrive questa istruzione, facendo sì che le cellule crescano e si moltiplichino quando non dovrebbero.

La crescita eccessiva delle cellule porta allo sviluppo di tumori e agli effetti dannosi del cancro.

Nel cancro del polmone, questo modello di crescita eccessiva delle cellule si verifica nei polmoni, che sono organi vitali per la respirazione e lo scambio di gas.

I medici diagnosticano tipicamente due tipi di cancro ai polmoni, a piccole cellule e non a piccole cellule, a seconda di come appaiono al microscopio. È più probabile che una persona abbia un cancro del polmone non a piccole cellule rispetto a una piccola cellula.

Mentre chiunque può sviluppare il cancro del polmone, il fumo di sigaretta e l’esposizione al fumo possono aumentare la probabilità che una persona ne verifichi la condizione. Il cancro del polmone può svilupparsi se una persona ha una storia di esposizione a sostanze chimiche inalate o ad altre tossine
Anche se questa esposizione a sostanze chimiche e altre tossine è stata molto tempo fa, potrebbe causare cambiamenti nelle cellule polmonari che portano al cancro.

Sintomi


Nelle persone con cancro del polmone, i sintomi non si verificano sempre fino a quando la condizione non ha raggiunto uno stadio successivo.

Tuttavia, alcune persone potrebbero notare dei sintomi, che potrebbero essere correlati a una malattia acuta meno grave.

Esempi di questi sintomi includono:

perdita di appetito
modifiche alla voce di una persona, come la raucedine
frequenti infezioni al torace, come bronchite o polmonite
tosse persistente che potrebbe iniziare a peggiorare
mancanza di respiro
mal di testa inspiegabili
perdita di peso
dispnea


Una persona può anche manifestare sintomi più gravi associati al cancro del polmone. Questi includono grave dolore al torace o alle ossa o tosse con sangue.


Diagnosi


Se un medico identifica una lesione sospetta su uno screening per cancro del polmone, o una persona sta vivendo sintomi che potrebbero indicare il cancro del polmone, sono disponibili diversi test diagnostici per confermare i passaggi successivi.

Esempi di questi includono:

Studi di imaging: la tomografia computerizzata (TC) e la tomografia a emissione di positroni (PET) potrebbero rivelare aree di tessuto polmonare con cancro. Le scansioni ossee possono anche indicare escrescenze cancerose. I medici possono anche usare queste scansioni per seguire i progressi del trattamento o per garantire che il cancro non sia tornato, dopo un ciclo di trattamento.

Campionamento tissutale: se un medico identifica una lesione sospetta su uno studio di imaging, può raccomandare di prelevare un campione di tessuto polmonare per testare le cellule potenzialmente cancerose.

Esistono diversi modi per prelevare un campione di tessuto e il metodo spesso dipende dalla posizione della lesione.

Un esempio è quando un medico esegue una broncoscopia, che comporta l’inserimento di uno speciale mirino sottile illuminato con una fotocamera all’estremità. Questo aiuta il medico a vedere la lesione e quindi a ottenere campioni.

Le lesioni meno accessibili nei polmoni possono richiedere una procedura chirurgica più invasiva per rimuovere il tessuto polmonare, come la toracoscopia o la chirurgia toracica video-assistita.

Test di laboratorio: un medico può anche prescrivere test dell’espettorato o esami del sangue per verificare la presenza di cancro ai polmoni.

Un medico utilizzerà queste informazioni per determinare quale tipo di tumore polmonare potrebbe essere presente e quanto avanzata è diventata la malattia.


L’importanza della diagnosi precoce


La diagnosi precoce del cancro del polmone può essere salvavita. Questo perché le cellule del cancro del polmone possono viaggiare in altre aree del corpo prima che un medico le rilevi nei polmoni. Se questa diffusione o metastasi ha avuto luogo, rende la cura della malattia molto più difficile.

A volte, un medico consiglierà a una persona di sottoporsi a screening per il cancro del polmone. Questi vengono eseguiti utilizzando uno scanner CT a basse dosi. Non tutti sono candidati per questo screening, ma può aiutare i medici a identificare il cancro del polmone in precedenza in alcuni individui.

Secondo gli studi recenti, le persone che potrebbero essere candidate per lo screening del cancro del polmone sono quelle che:

hanno tra i 55 e gli 80 anni
hanno un pregeresso di 30 anni di fumo, il che significa che hanno fumato un pacchetto al giorno per 30 anni o due pacchetti al giorno per 15 anni
sono un fumatore o un fumatore che ha smesso di fumare negli ultimi 15 anni

Comparsa del cancro


La messa in scena del cancro indica in che misura si è diffusa attraverso il corpo e la sua gravità. Questa classificazione aiuta i medici a supportare e dirigere il trattamento per i migliori risultati.

Ogni stadio determina se il cancro ha o non si è diffuso o si è diffuso ai linfonodi vicini. Può anche prendere in considerazione il numero e la dimensione dei tumori.

I linfonodi fanno parte del sistema linfatico, che si collega al resto del corpo. Se il cancro raggiunge questi, può metastatizzare o diffondersi ulteriormente, diventando più pericoloso.

La stadiazione per il cancro del polmone è estremamente complessa ed estesa con diversi sottogruppi all’interno di ogni stadio.

Inizialmente, i medici la dividono in classificazioni a piccole cellule e non a piccole cellule.

Le definizioni di stadiazione possono variare, ma i medici tipicamente mettono in scena il cancro del polmone non a piccole cellule usando la dimensione e la diffusione del tumore per guidarli nel seguente modo:

Occulto o nascosto: il cancro non viene visualizzato nelle scansioni di imaging, ma le cellule cancerose potrebbero apparire nella flemma o nel muco e potrebbero aver raggiunto altre parti del corpo.
Stadio 0: il medico trova cellule anomale solo negli strati superiori delle cellule che rivestono le vie respiratorie.


I Stadio: un tumore si è sviluppato nel polmone, ma è inferiore a 5 centimetri (cm) e non si è diffuso ad altre parti del corpo.



II Stadio : il tumore è più piccolo di 5 cm e potrebbe diffondersi ai linfonodi nell’area del polmone, o inferiore a 7 cm e diffondersi ai tessuti vicini ma non ai linfonodi.



III Stadio : il cancro si è diffuso ai linfonodi e ha raggiunto altre parti del polmone e dell’area circostante.



IV Stadio: il cancro si è diffuso a parti del corpo distanti, come le ossa o il cervello.


Il carcinoma polmonare a piccole cellule ha le sue categorie, limitate ed estese, in riferimento al fatto che il cancro si sia diffuso all’interno o all’esterno dei polmoni.

Trattamento


I trattamenti per il cancro del polmone dipendono dalla sua posizione e dallo stadio, nonché dalla salute generale dell’individuo.

Chirurgia e radiazioni sono gli approcci più comuni per il trattamento del cancro del polmone, ma sono disponibili altri trattamenti. Ad esempio, i medici spesso trattano il cancro del polmone a piccole cellule con la chemioterapia.

I trattamenti possibili includono:

Chirurgia: un medico può operare per rimuovere il tessuto polmonare canceroso e il tessuto nelle aree circostanti in cui il cancro potrebbe essersi diffuso. Questo a volte comporta la rimozione di un lobo o di un ampio segmento del polmone in una procedura chiamata lobectomia.

Nei casi più gravi, il chirurgo può rimuovere un polmone nella sua interezza. Una persona può vivere senza un polmone, ma essere in buona salute prima dell’intervento chirurgico aiuta a migliorare i risultati dopo la rimozione del polmone.

Chemioterapia: questo trattamento utilizza farmaci per ridurre o sradicare le cellule tumorali. Questi farmaci prendono di mira le cellule che si dividono rapidamente, il che li rende ideali per il trattamento del cancro.

Il trattamento di chemioterapia ha un impatto più significativo sui tumori che si sono diffusi in diverse parti del corpo e richiedono un attacco a livello del corpo.

Tuttavia, la chemioterapia è un intervento potente e può avere effetti collaterali tra cui nausea estrema e perdita di peso.

Radioterapia: questo approccio utilizza raggi ad alta energia per uccidere le cellule cancerose. Un medico può anche usare le radiazioni per ridurre un tumore prima di rimuoverlo chirurgicamente.

La radioterapia è principalmente utile sui tumori che si verificano in una sede e non si sono diffusi.

Terapia mirata: questo è l’uso di particolari farmaci che mirano specificamente a un particolare comportamento nelle cellule tumorali. Gli esempi includono medicinali che impediscono alle cellule tumorali di moltiplicarsi.

Il trattamento del cancro del polmone comporta spesso la collaborazione di esperti medici in molte aree. Questi specialisti possono includere:

chirurghi
oncologi delle radiazioni
specialisti in trattamento polmonare chiamati pneumologi
terapisti polmonari.


Mortalità


Il cancro del polmone è una malattia grave e potenzialmente mortale che colpisce la capacità di respirare di una persona.

Tuttavia, lo screening diagnostico precoce delle persone ad alto rischio di cancro ai polmoni può aiutarle a ricevere cure in fasi precedenti e più curabili. La dimensione e la diffusione del cancro determinano le migliori prospettive di cura per le persone.

Le opzioni di trattamento comprendono la chirurgia per rimuovere sezioni o tutto il polmone, la chemioterapia e la radioterapia, così come la terapia farmacologica mirata.

Se una persona ha dubbi che potrebbe essere a rischio di cancro ai polmoni, dovrebbe parlare immediatamente con il proprio medico.

Un nuovo dispositivo indossabile può rilevare il cancro

Published by:

dipositivi per la prevenzione

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno sviluppato e stanno testando un dispositivo che chiamano “l’epitome della medicina di precisione”.

Questo dispositivo rileva il cancro nel sangue circolante.


“Nessuno vuole fare una biopsia”, afferma il dott. Daniel Hayes, lo Stuart B. Padnos, professore di Breast Cancer Research presso l’Università del Michigan Rogel Cancer Center di Ann Arbor.

Le biopsie sono invasive e possono essere scomode. Ma al momento sono il metodo più accurato per determinare se una persona ha o meno un cancro.

Ma, secondo il dott. Hayes, “se potessimo ottenere abbastanza cellule tumorali dal sangue, potremmo usarle per conoscere la biologia del tumore e la cura diretta per i pazienti”.

Il dott. Hayes e il suo team hanno recentemente sviluppato un dispositivo indossabile in grado di “filtrare” il sangue circolante per le cellule tumorali. Se superano tutti i test, potrebbero sostituire biopsie liquide. Dove i professionisti del settore sanitario prelevano campioni di sangue o di urina da individui per individuare i marcatori di cancro.

I tumori del cancro rilasciano cellule nel sangue. Ciò significa che, almeno in teoria, prelevando un campione di sangue e analizzandolo, uno specialista dovrebbe essere in grado di rilevare la presenza di cancro.

Tuttavia, questo è più facile a dirsi che a farsi. Dal momento che, anche nelle persone che hanno tumori maligni, i campioni di sangue potrebbero non rivelare molto o nulla. Poiché le cellule tumorali che rilasciano i loro tumori nel sangue circolano rapidamente e potrebbero non apparire in un campione di sangue singolo.

Spinto da questa complicazione, il dott. Hayes e i suoi colleghi dell’Università del Michigan hanno escogitato un dispositivo in grado di eseguire tutto il lavoro di test della biopsia liquida, ma in realtà “scansionando” il flusso sanguigno per le cellule tumorali.


Le sfide nel raggiungere un design efficace


I ricercatori spiegano che la maggior parte delle cellule tumorali che finiscono nel sangue non sopravvivono a lungo. Quelle che sopravvivono possono finire in diverse parti del corpo e formare un nuovo tumore metastatico.
Per questo motivo, è importante rilevare la presenza del cancro il più presto possibile. Indirizzarlo con un trattamento adeguato, impedendogli di diffondersi e di fare ulteriori danni.

Quando hanno deciso di provare a sviluppare un dispositivo indossabile per lo screening delle cellule tumorali nel sangue, il dott. Hayes e colleghi hanno affrontato una serie di ostacoli che hanno dovuto eludere.

In primo luogo, il dispositivo ha una dimensione di 2 x 2,75 x 1 pollice. Ma deve adattarsi a tutta la tecnologia di analisi del sangue e analisi che di solito corrisponde a macchine alte come una scrivania. Quindi, hanno dovuto trovare il modo di rendere questo dispositivo indossabile efficace e sicuro.

“Le parti più impegnative erano l’integrazione di tutti i componenti in un singolo dispositivo. Quindi la garanzia che il sangue non si coaguli, che le cellule non intasassero il chip e che l’intero dispositivo fosse completamente sterile”, spiega il primo autore dello studio , Tae Hyun Kim, Ph.D.

Il team ha escogitato alcune soluzioni creative per tutti questi problemi. In primo luogo, hanno trovato un modo di miscelare il sangue che attraversa il dispositivo con un anticoagulante (agente coagulante anti-sangue) – eparina. Quindi, hanno escogitato un modo per assicurarsi che il dispositivo rimanesse sterile senza alterare gli anticorpi sul chip che aiutano a identificare le cellule tumorali.

Per quanto riguarda il chip che sta al centro di questo dispositivo. I ricercatori spiegano che utilizza l’ossido di grafene per creare un meccanismo di “filtraggio”. Dotato di anticorpi in grado di catturare oltre l’80% delle cellule tumorali presenti nel sangue.
“L’epitome della medicina di precisione”
Per testare questo dispositivo, i ricercatori hanno lavorato con cani sani iniettati con cellule tumorali umane. Il team rassicura che questo trattamento non ha effetti a lungo termine sugli animali il cui sistema immunitario si libera delle cellule estranee entro poche ore dall’iniezione.

Nel loro esperimento, i ricercatori hanno somministrato ai cani sedativi lievi. Durante le prime due ore successive alle iniezioni di cellule tumorali, e quindi hanno adattato i dispositivi di screening.

Inoltre, il team ha raccolto campioni di sangue da ciascun animale ogni 20 minuti e li ha analizzati separatamente per le cellule tumorali, utilizzando chip con lo stesso design di quelli inseriti nei dispositivi sperimentali.

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno sviluppato e stanno testando un dispositivo che chiamano “l’epitome della medicina di precisione” che rileva il cancro nel sangue circolante.
“Nessuno vuole fare una biopsia”, afferma il dott. Daniel Hayes, lo Stuart B. Padnos, professore di Breast Cancer Research presso l’Università del Michigan Rogel Cancer Center di Ann Arbor.

Le biopsie sono invasive e possono essere scomode, ma al momento sono il metodo più accurato per determinare se una persona ha o meno un cancro.

Ma, secondo il dott. Hayes, “se potessimo ottenere abbastanza cellule tumorali dal sangue, potremmo usarle per conoscere la biologia del tumore e la cura diretta per i pazienti”.

Il dott. Hayes e il suo team hanno recentemente sviluppato un dispositivo indossabile in grado di “filtrare” il sangue circolante per le cellule tumorali che – se superano tutti i test – potrebbero sostituire biopsie liquide dove i professionisti del settore sanitario prelevano campioni di sangue o di urina da individui per individuare i marcatori di cancro.

I tumori del cancro rilasciano cellule nel sangue, il che significa che, almeno in teoria, prelevando un campione di sangue e analizzandolo, uno specialista dovrebbe essere in grado di rilevare la presenza di cancro.

Tuttavia, questo è più facile a dirsi che a farsi, dal momento che, anche nelle persone che hanno tumori maligni, i campioni di sangue potrebbero non rivelare molto o nulla, poiché le cellule tumorali che rilasciano i loro tumori nel sangue circolano rapidamente e potrebbero non apparire in un campione di sangue singolo.

Spinto da questa complicazione, il dott. Hayes e i suoi colleghi dell’Università del Michigan hanno escogitato un dispositivo in grado di eseguire tutto il lavoro di test della biopsia liquida, ma in realtà “scansionando” il flusso sanguigno per le cellule tumorali.
Le sfide nel raggiungere un design efficace
I ricercatori spiegano che sebbene la maggior parte delle cellule tumorali che finiscono nel sangue non sopravvivano a lungo, quelle che sopravvivono possono finire in diverse parti del corpo e formare un nuovo tumore metastatico.
Per questo motivo, è importante rilevare la presenza del cancro il più presto possibile e indirizzarlo con un trattamento adeguato, impedendogli di diffondersi e di fare ulteriori danni.

Quando hanno deciso di provare a sviluppare un dispositivo indossabile per lo screening delle cellule tumorali nel sangue, il dott. Hayes e colleghi hanno affrontato una serie di ostacoli che hanno dovuto eludere.

In primo luogo, il dispositivo ha una dimensione di 2 x 2,75 x 1 pollice, ma deve adattarsi a tutta la tecnologia di analisi del sangue e analisi che di solito corrisponde a macchine alte come una scrivania. Quindi, hanno dovuto trovare il modo di rendere questo dispositivo indossabile efficace e sicuro.

“Le parti più impegnative erano l’integrazione di tutti i componenti in un singolo dispositivo e quindi la garanzia che il sangue non si coaguli, che le cellule non intasassero il chip e che l’intero dispositivo fosse completamente sterile”, spiega il primo autore dello studio , Tae Hyun Kim, Ph.D.

Il team ha escogitato alcune soluzioni creative per tutti questi problemi. In primo luogo, hanno trovato un modo di miscelare il sangue che attraversa il dispositivo con un anticoagulante (agente coagulante anti-sangue) – eparina. Quindi, hanno escogitato un modo per assicurarsi che il dispositivo rimanesse sterile senza alterare gli anticorpi sul chip che aiutano a identificare le cellule tumorali.

Per quanto riguarda il chip che sta al centro di questo dispositivo, i ricercatori spiegano che utilizza l’ossido di grafene per creare un meccanismo di “filtraggio” dotato di anticorpi in grado di catturare oltre l’80% delle cellule tumorali presenti nel sangue.
“L’epitome della medicina di precisione”
Per testare questo dispositivo, i ricercatori hanno lavorato con cani sani iniettati con cellule tumorali umane. Il team rassicura che questo trattamento non ha effetti a lungo termine sugli animali il cui sistema immunitario si libera delle cellule estranee entro poche ore dall’iniezione.

Nel loro esperimento, i ricercatori hanno somministrato ai cani sedativi lievi, durante le prime due ore successive alle iniezioni di cellule tumorali, e quindi hanno adattato i dispositivi di screening.

Inoltre, il team ha raccolto campioni di sangue da ciascun animale ogni 20 minuti e li ha analizzati separatamente per le cellule tumorali, utilizzando chip con lo stesso design di quelli inseriti nei dispositivi sperimentali.
I ricercatori hanno scoperto che il dispositivo indossabile identificava e raccoglieva 3,5 volte più cellule tumorali per millilitro di sangue rispetto allo stesso chip durante la “scansione” di campioni di sangue in vitro.

“È la differenza tra avere una telecamera di sicurezza che cattura un’istantanea di una porta ogni cinque minuti o scatta un video: se un intruso entra tra le istantanee, non lo sapresti”, dice il coautore dello studio Sunitha Nagrath, Ph .D.

In studi futuri, i ricercatori mirano a perfezionare il dispositivo indossabile aumentando il tasso di elaborazione del sangue. Per testarlo ulteriormente, in un contesto più realistico, gli investigatori pianificano quindi di usarlo su cani che hanno già un cancro.

Mentre il nuovo dispositivo ha finora mostrato molte promesse, il dott. Hayes ritiene che ci sia ancora un po ‘di tempo prima che diventi disponibile per gli umani. Egli stima che la squadra potrebbe essere in grado di condurre studi clinici su umani

Cancro della pelle: melanoma maligno

Published by:

melanoma maligno

Cos’è il melanoma?

Il melanoma è un tipo di cancro della pelle che origina dalle cellule della pelle responsabili della pigmentazione (colore), noto come melanociti. Il melanoma può verificarsi negli adulti o nei bambini e in casi più rari può persino essere presente alla nascita (melanoma congenito). Tipicamente, i melanomi si verificano su aree della pelle che sono state sovraesposte alla luce solare. Tuttavia, il melanoma può anche verificarsi in aree della pelle che non sono state esposte alla luce solare e può anche, anche se meno comune, verificarsi in aree come il sistema nervoso, gli occhi, le fodere del naso, della bocca e dell’ano, nonché tratto genitale (uretra e vagina).

Questo articolo si concentra sui melanomi che interessano la pelle. I melanomi che interessano la pelle possono essere suddivisi in quattro diversi tipi in base a come appaiono, quanto sono spessi e come si diffondono.

Melanoma a diffusione superficiale

Questo è il tipo più comune di melanoma (~ 65% di tutti i casi). Questo tipo inizia tipicamente come una macchia marrone o nera che si diffonde attraverso la pelle e può anche invadere le strutture che si trovano al di sotto. Può presentarsi come un nuovo spot o può svilupparsi da una macchia, una lentiggine o una talpa esistente che cambia in dimensione, colore o forma.

Melanoma nodulare

Il melanoma nodulare è visto in circa il 15% di tutti i melanomi. Questo è un melanoma altamente aggressivo che cresce rapidamente. Tipicamente si presenta come un nodulo sollevato che può essere molto bruno-brunastro-nero, nero, rosa, rosso o senza alcun colore. Spesso è duro da toccare ed è più probabile che abbia un colore uniforme (un colore piuttosto che diversi colori o sfumature di colore) ed abbia una forma simmetrica rispetto ad altri melanomi. Potrebbe diventare croccante e / o sanguinare facilmente. Questo particolare tipo invade rapidamente le strutture più profonde in modo che possa diventare pericolosa per la vita in appena 6-8 settimane. Questa particolare forma si trova spesso sulle aree della testa e del collo e si trova comunemente in quelli di età avanzata, soprattutto maschi.

Melanoma di lentigo maligna

Rappresentando circa il 10% dei melanomi, questo tipo si trova più comunemente nella popolazione anziana. Spesso inizia come una grande lentiggine in un’area di pelle esposta al sole come viso, orecchie, collo e testa. Questi melanomi in genere crescono lentamente per molti anni prima di invadere strutture più profonde.

Melanoma lentiginoso acrale

Questo particolare tipo di melanoma è molto raro. Si trovano più comunemente sotto le unghie o sui palmi e sulle piante delle mani e dei piedi, rispettivamente.


Statistiche sul melanoma

In Australia abbiamo alcuni dei più alti tassi di cancro della pelle nel mondo. Si stima che due australiani su tre svilupperanno un cancro della pelle prima dei 70 anni.

Mentre il melanoma è meno comune di altre forme di cancro della pelle, come il carcinoma a cellule squamose (SCC) e il carcinoma a cellule basali (BCC), si stima che uno su quattordici maschi australiani e una su ventitré femmine australiane svilupperanno il melanoma nel corso della loro vita . Per i 15-39 anni, il melanoma è il tumore più comune nei maschi e il secondo più comune nelle donne.

Il melanoma rappresenta il quarto tumore più comune (escluso il cancro della pelle non melanoma) in Australia dietro il carcinoma della prostata, del colon-retto e della mammella. L’incidenza del melanoma nei non-caucasici è bassa, tuttavia, quando il melanoma viene diagnosticato in questi individui, la diagnosi è spesso ritardata e di conseguenza la prognosi è spesso più povera.

Fino al 4% di tutti i casi di melanoma si verificano nei bambini (fino a 21 anni). Tra l’1 e il 3% di tutti i tumori diagnosticati nei bambini sarà il melanoma.

Fattori di rischio per il melanoma


Ci sono un certo numero di fattori di rischio per lo sviluppo di melanoma che sono stati identificati, questi includono:

Naevi multipli (talpe);
Storia personale o familiare di melanoma (cioè tu stesso o un membro della famiglia è stato diagnosticato in precedenza il melanoma);
Aumentare l’età;
Esposizione solare;
Storia personale di altri tumori della pelle come carcinoma a cellule squamose (SCC) e carcinoma a cellule basali (BCC);
Avere una pelle chiara che facilmente brucia, lentiggini e non abbronza;
Caratteristiche come capelli biondi o rossi e occhi blu o verdi; e
Coloro che sono immunodepressi o hanno ricevuto un trapianto di organi.


Il principale fattore di rischio dello stile di vita per lo sviluppo del cancro della pelle, incluso il melanoma, è l’esposizione non protetta alle radiazioni ultraviolette (ad esempio esposizione al sole o uso di Solaria). Il modello dell’esposizione al sole è molto importante. Per il melanoma, il rischio più elevato deriva da un modello intermittente di esposizione al sole (ad esempio ricreativo in cui si è esposti nei fine settimana ma non nei giorni feriali) piuttosto che in uno schema continuo (ad esempio professionale in cui si può essere esposti quotidianamente). L’esposizione al sole dell’infanzia comporta un rischio più elevato di melanoma rispetto all’esposizione al sole più tardi nella vita.

Progressione del melanoma


Il primo passo nello sviluppo del melanoma comporta la trasformazione dei melanociti (le cellule della pelle responsabili della pigmentazione – colore) in cellule cancerose. Il rischio che ciò si verifichi dipende da un numero di fattori di rischio sopra identificati (vedere Fattori di rischio).

Queste cellule cancerose possono quindi replicarsi per creare più cellule cancerose. Quando le cellule si replicano e aumentano di numero, possono diffondersi sulla pelle (in modo che la lesione aumenti di diametro) e / o invadere le strutture sottostanti la pelle. A seconda del tipo di melanoma alcuni melanomi cresceranno attraverso la pelle prima di invadere le strutture più profonde mentre altri cresceranno relativamente poco attraverso la pelle, ma invaderanno rapidamente le strutture più profonde (melanoma nodulare).

Una volta che le cellule del melanoma invadono le strutture più profonde possono diffondersi attraverso la circolazione del corpo ad altri siti distanti all’interno del corpo. Quando si diffondono in luoghi distanti, questo viene chiamato come metastasi. Quando ciò accade, viene fornita una diagnosi di melanoma metastatico.
Prevenzione del melanoma


La prevenzione del melanoma si basa sulla minimizzazione dei fattori di rischio modificabili. Le strategie includono:

Riduci al minimo l’esposizione al sole quando l’avviso UV SunSmart supera i 3 e soprattutto a metà giornata quando i livelli UV sono più intensi
Evitare scottature
Cerca l’ombra
Indossa un cappello che copre la testa, il collo e le orecchie
Indossare indumenti protettivi solari
Portare occhiali da sole aderenti
Spalmare sul corpo una protezione solare SPF 30+
Evitare l’uso di solarium (saloni abbronzanti)
I sintomi del melanoma
I sintomi del melanoma possono variare ampiamente tra gli individui.

Alcuni individui potrebbero non avere alcun sintomo, altri potrebbero presentare sintomi correlati al melanoma primario (il sito in cui il melanoma si è sviluppato per la prima volta) e altri potrebbero presentare sintomi correlati a siti a cui il melanoma si è diffuso.

Sintomi correlati al melanoma primario


Potresti notare un nuovo punto della pelle o potresti notare dei cambiamenti in un punto della pelle che è stato lì prima. Si può notare un cambiamento nel suo aspetto, cioè che lo spot aumenta di dimensioni, forma un nodulo e / o cambia colore. Questi possono prurito, che può causare sanguinamento e ulcerazione. Se noti uno di questi cambiamenti o se hai dubbi su qualsiasi punto della pelle, dovresti consultare un medico dal medico generico o dal dermatologo (medico specializzato nella pelle).

Si noti che il melanoma nei bambini può apparire abbastanza diverso da quelli della popolazione adulta. I segni e i sintomi più comuni di melanoma nei bambini sono di dimensioni crescenti, sanguinamento, cambiamento di colore, prurito e il medico può essere in grado di sentire una massa sotto la pelle.

I sintomi correlati al melanoma si diffondono altrove (metastasi).

A seconda di dove si trova il melanoma primario (il sito in cui è stato sviluppato il melanoma) e della tua storia medica, potresti non avere necessariamente sintomi relativi al melanoma primario. Per alcune persone i primi sintomi che hanno sono legati alla diffusione del melanoma altrove. Questo può includere, ma non è limitato a:

dolore – correlato al punto in cui il melanoma si è diffuso ad es. dolore osseo
problemi al fegato – che possono essere rilevati incidentalmente durante esami del sangue di routine o si può diventare itterico (il bianco degli occhi diventa giallo) o può avere problemi a fermare il sanguinamento
perdita di peso – le cellule tumorali in crescita possono aumentare le vostre richieste metaboliche e utilizzare maggiori quantità di energia e quindi qualsiasi perdita di peso involontaria dovrebbe essere menzionata al vostro medico generico
comportamento alterato e / o convulsioni – se le cellule tumorali si sono diffuse al cervello

Esame clinico del melanoma


Quando ti vedi Dottore per una lesione cutanea riguardante, è probabile che esegua un controllo della pelle. Ciò comporta l’esame dettagliato delle superfici cutanee per eventuali lesioni di interesse. Le cose che cercheranno per distinguere un melanoma da una talpa includono:

Asimmetria:

noteranno la forma e / o il modello della lesione. Una lesione che ha una forma o un motivo irregolare è più probabile che sia un melanoma.

Confine:

noteranno il confine della lesione. Il bordo o il contorno di un melanoma è solitamente irregolare.

Colore:

La variazione del colore all’interno della lesione è un segno importante in quanto tali lesioni hanno maggiori probabilità di essere un melanoma.

Diametro:

La maggior parte dei melanomi è maggiore di 6 mm alla prima diagnosi. Tuttavia, si dovrebbero indagare anche eventuali lesioni di diametro inferiore a 6 mm sospettosi.
In evoluzione:
Le lesioni che si evolvono (cioè cambiamento di forma, dimensione, superficie, colore o sintomi come prurito) nel tempo hanno più probabilità di essere un melanoma.
Tuttavia, un particolare tipo di melanoma – il melanoma nodulare – può presentarsi in modo molto diverso e quindi il medico cercherà anche lesioni cutanee elevate e ferme al tatto. Ogni nodulo che è cresciuto da più di un mese dovrebbe essere valutato con urgenza.

Il medico può o non può utilizzare la fotografia o uno strumento di visualizzazione speciale (dermatoscopio)

Come viene diagnosticato il melanoma?


Se il medico è preoccupato per una lesione, può discutere dell’opportunità di eseguire una biopsia cutanea. Ciò comporta la rimozione della lesione (meno comunemente parte della lesione) e l’invio per istopatologia (dove il campione viene esaminato al microscopio per determinare le cellule presenti) per determinare se la lesione è un melanoma, un diverso tipo di cancro della pelle, normale o una diagnosi diversa del tutto.

A seconda di ciò che la biopsia cutanea mostra, potrebbe essere necessario eseguire altre indagini per determinare se vi sia stata una diffusione in altre parti del corpo. Questo sarà discusso in dettaglio con te dal tuo medico di famiglia o specialista.

Come viene trattato il melanoma?


I trattamenti per il melanoma variano a seconda di quanto avanzato è il melanoma. Generalmente quando viene diagnosticato il melanoma, viene somministrato uno stadio – questo è un metodo per classificare i melanomi in gruppi – per aiutare le comunicazioni, dare indicazioni sulla prognosi e indirizzare appropriate opzioni di trattamento.
L’escissione (rimozione) è il trattamento standard per il melanoma primario (il sito da cui il melanoma ha avuto origine). Se le cellule cancerose si sono diffuse ai linfonodi (parte del sistema immunitario), potrebbe essere un’opzione per rimuoverli chirurgicamente. Per gli individui con malattia più avanzata, vale a dire che le cellule cancerose si sono diffuse in uno o più siti distanti (metastasi), possono essere offerte opzioni come terapia sistemica adiuvante, chemioterapia, radioterapia e / o resezione di metastasi singole o multiple. Ognuno di questi è discusso più dettagliatamente in seguito. Il supporto psicologico svolge anche un ruolo importante nel trattamento di quelli con diagnosi di melanoma.

L’escissione


L’ampia escissione locale della cute e dei tessuti sottostanti alla cute (tessuto sottocutaneo) è il trattamento standard per il melanoma primario. Quanto ampia (o quanto grande) è l’escissione dipende da quanto è spesso il melanoma.

Lo scopo di questo approccio è quello di rimuovere completamente il melanoma e questo dovrebbe essere confermato inviando il tessuto rimosso a istopatologia – dove i campioni sono inviati e guardati al microscopio per determinare quali cellule sono presenti. Idealmente il tessuto asportato include un bordo di cellule normali che circonda il melanoma.

A seconda di dove si trova il melanoma e di quanto sia estesa l’escissione, è possibile che tu debba o meno dover rimanere in ospedale durante la notte o più a lungo.

Alcune delle complicazioni che possono verificarsi includono:

Infezione della ferita – dove la ferita si infetta e possono essere necessari antibiotici
Ematoma: una raccolta di sangue nel sito della ferita che può compromettere la guarigione della ferita
Intorpidimento – a seconda della posizione, possono verificarsi danni ai nervi che danno origine al torpore
Cicatrici: si può sviluppare una cicatrice
Ulteriore intervento chirurgico – potrebbe essere necessario se non è stato possibile rimuovere tutto il tumore, ciò può essere confermato con l’istopatologia
A seconda dello stadio del tuo melanoma, puoi o meno ricevere un trattamento con farmaci oltre a rimuovere chirurgicamente il cancro. Questo è noto come terapia adiuvante in quanto viene fornito in aggiunta alla rimozione chirurgica.

Dissezione linfonodale terapeutica


La dissezione linfonodale terapeutica in termini semplici significa la rimozione di un gruppo di linfonodi. Questo viene fatto chirurgicamente in una sala operatoria sotto anestesia generale. I linfonodi sono raccolte di cellule immunitarie che fanno parte del sistema linfatico (parte della circolazione che è importante per il ritorno dei fluidi all’apporto di sangue) e sono spesso il primo posto in cui si diffondono le cellule cancerose. Poiché i linfonodi hanno una funzione così importante e circa 1/3 delle persone sottoposte alla procedura soffriranno di complicanze, questa procedura può essere offerta solo a un gruppo selezionato di individui.

Creme per uso topico


Imiquimod (Aldara) è un farmaco che applicato sulla pelle come crema stimola la risposta immunitaria locale. Il suo uso è limitato, alcuni medici potrebbero usarlo per melanomi molto precoci su aree molto sensibili come il viso dove la chirurgia può essere sfigurante. Tuttavia, c’è un dibattito tra i medici se debba essere usato per il melanoma. Non è adatto per i melanomi più avanzati e può causare gravi reazioni cutanee.

Trattamento del melanoma metastatico


In quelli con melanoma metastatico ci sono diverse opzioni di trattamento disponibili.

Chemioterapia

Questo può essere offerto, tuttavia, la risposta potrebbe essere scarsa e durare solo per una breve durata.

Radioterapia

Questo può aiutare a migliorare i sintomi legati alla presenza di tumori nell’osso, nel cervello, nei tessuti molli e in alcuni organi. L’uso principale della radioterapia è in ambito di cure palliative al fine di migliorare la qualità della vita per es. ridurre il dolore ecc

Chirurgia

Questo può essere offerto laddove vi sia un numero limitato di metastasi (diffuse in siti distanti) e questi sono in siti accessibili tramite chirurgia.

Immunoterapia


Questo fa uso di farmaci che stimolano il sistema immunitario del paziente in modo che il loro sistema immunitario possa riconoscere e distruggere più efficacemente le cellule tumorali. L’uso di tali agenti può avere seri effetti collaterali e quindi è importante che questi vengano somministrati solo da un oncologo (specialista del cancro) con esperienza nell’area.
Inibitori di BRAF
Alcuni melanomi hanno una mutazione genetica che li rende sensibili a un gruppo di farmaci chiamati inibitori di BRAF. Questi agenti hanno dimostrato di far regredire i melanomi e possono anche migliorare la capacità del sistema immunitario di riconoscere e distruggere le cellule cancerose. Tuttavia, alcune persone possono sviluppare resistenza a questi farmaci e quindi recidiva. Sono disponibili solo per quelle persone con melanomi che hanno la mutazione genetica e i benefici devono essere valutati rispetto agli effetti collaterali. Ciò richiederà discussioni con il tuo oncologo (specialista del cancro).

Medicina complementare e alternativa


Medicina complementare e alternativa (CAM) è un termine usato per raggruppare prodotti e pratiche mediche che non fanno parte delle cure mediche standard. Dove questi vengono utilizzati in aggiunta ai trattamenti standard, vengono definiti “complementari”; laddove questi vengono usati al posto dei trattamenti standard, vengono indicati come “alternativi”. I fornitori di tali trattamenti possono affermare che i loro prodotti e / o pratiche hanno benefici promettenti, tuttavia, spesso non sappiamo quanto siano sicuri o quanto efficaci.

Il National Cancer Institute ha sviluppato alcuni strumenti e guide per aiutare le persone affette da cancro a fare scelte informate quando cercano farmaci complementari e alternativi, nonché per gli operatori sanitari per parlare dell’uso di CAM durante e dopo la cura del cancro che può essere trovata qui: Medicina complementare e alternativa (CAM).

Aspetti psicologici


Una diagnosi di melanoma può essere psicologicamente difficile per i pazienti, le loro famiglie e coloro che li assistono. Le sfide variano da individuo a individuo, tuttavia, alcuni problemi comuni includono la diagnosi di una malattia pericolosa per la vita, il dolore e il disagio associati al trattamento, i cambiamenti nell’immagine corporea secondaria alla chirurgia deturpante, i timori di recidiva e la tristezza della malattia in fase avanzata . Sono disponibili interventi psicosociali strutturati che includono terapia cognitivo comportamentale, terapia di gruppo, psicoeducazione e gruppi di supporto.

Azione supplementare


Lo scopo principale del follow up è quello di rilevare la progressione o le recidive in anticipo. L’ipotesi è che un trattamento precedente possa comportare un miglioramento del controllo della malattia, una migliore qualità della vita e una migliore sopravvivenza. È probabile che la maggior parte delle persone rilevi la propria recidiva (piuttosto che essere avvertita da un medico) e in Australia ciò potrebbe verificarsi fino al 75% delle persone. La frequenza del follow-up con il proprio oncologo (specialista del cancro) può variare tra ogni 3-6 mesi nell’arco di un periodo di cinque anni.



La salute delle gambe

Published by:

La salute per le tue gambe

Evitate di restare fermi, in piedi o seduti, per periodi troppo lunghi. Facendo 20 passi (o sollevandovi 20 volte sulle punte dei piedi), mettete in azione la “pompa plantare” che scarica le vene delle gambe. * *Per saperne di più

Se siete costretti a letto per qualche motivo, muovete spesso le gambe: il miglior esercizio è quello di “pedalare” 20 volte a gambe all’aria, come foste in bicicletta (si mette così in azione la “pompa muscolare”. *Per saperne di più


Cura Preventiva

È importante la contenzione elastica delle gambe con calze terapeutiche?
La contenzione elastica ha un ruolo preventivo terapeutico assai importante sia nei casi di malattia varicosa che nelle forme di insufficienza venosa o complicata.

Quali sono i criteri per una corretta applicazione della contenzione elastica?
Occorre che il medico curante, fatta la diagnosi, valuti una serie di informazioni per poter dare i consigli ottimali:

  • la disponibilità del paziente ad un uso costante della calza elastica
  • l’assenza di controindicazioni (come artrosi o arteriopatia periferica)
  • l’altezza giusta della calza (gambaletto, coscia intera, ecc)
  • il grado di compressione Cura farmacologica Ci sono farmaci per combattere le varici?

  • La terapia con somministrazione di farmaci è indicata per la maggior parte delle malattie varicose. Il medico indicherà i farmaci più adatti valutando lo stadio evolutivo della malattia. Taluni trattamenti mirano a ripristinare il tono venoso, diminuire la concentrazione del sangue, regolare il microcircolo e la permeabilità capillare e ridurre l’edema. Altri trattamenti intervengono in quadri clinici più complessi e avanzati. È risolutiva la terapia farmacologica?
    La terapia farmacologica, sotto preciso consiglio medico può esser risolutiva in molte forme di malattie venose “periferiche”, perché, come abbiamo visto, è possibile ripristinare il tono venoso, proteggere la circolazione dei vasi sanguigni più piccoli e ridurre l’edema. La terapia farmacologica può essere anche preventiva?
    Essendo la malattia venosa progressiva, l’uso precoce di farmaci appropriati permette, nei soggetti colpiti, di prevenire la progressione della malattia varicosa. Scleroterapia Che cos’è la scleroterapia?
    È un intervento a base di iniezioni, effettuate direttamente in vena, con sostanze che provocano l’indurimento e la chiusura della vena. Quando è indicata la scleroterapia?
    Nelle piccole varici, come nel caso delle teleangectasie. Risolvono anche un problema estetico. L’intervento è doloroso?
    L’intervento se ben eseguito non è doloroso. È semplice e rapido. Cura chirurgica Quando è indicata la soluzione chirurgica delle varici?
    La chirurgia delle varici è particolarmente indicata in casi di:
  • varici estese o a rischio di complicanze
  • altre varici inestetiche della donna giovane
  • altro tipo di varici post-trombotiche

Qual è e in cosa consiste l’intervento chirurgico più diffuso?

L’intervento chiamato “stripping” consiste nello sfilare la vena safena nella sua porzione dal malleolo all’inguine. Come avviene l’intervento?

L’intervento avviene in anestesia generale. La vena safena viene legata alla sua giunzione femorale. Si effettua quindi un’incisione al malleolo e viene introdotta una sonda metallica per effettuare lo sfilamento della vena. Qual è l’obiettivo dell’intervento?
L’obiettivo è quello di ripristinare la circolazione venosa dopo l’asportazione della rete di varicosità responsabile del ristagno venoso. La convalescenza è lunga?
Il paziente camminerà già dal giorno successivo e potrà esser dimesso in 3/4 giorni.

QUALI SONO LE OSTEOPATIE METABOLICHE

Published by:

OSPEOPATIE METABOLICHE

OSTEOPOROSI

Malattia metabolica che colpisce lo scheletro, caratterizzata da riduzione della massa ossea ed alterazioni della microarchitettura dell’osso, con conseguente aumento della fragilità e del rischio di fratture.
L’osteoporosi è asintomatica e si manifesta solo con la frattura ossea; è quindi importante la diagnosi precoce, effettuabile tramite un esame indolore, la MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata).
Le terapie attualmente disponibili possono ridurre il rischio di fratture del 50%.


OSTEOMALACIA

Malattia metabolica dello scheletro caratterizzata da ricostituzione (mineralizzazione) difettosa dello scheletro.
E’ causata da carenza di materie prime per la mineralizzazione (calcio, fosforo) o da sostanze (Vitamina D) che promuovono l’assorbimento di questi minerali.
Poiché la vitamina D viene sintetizzata dalla nostra pelle sotto lo stimolo dei raggi solari, i soggetti più colpiti da osteomalacia sono quelli che, per vari motivi, non si espongono al sole. Ovviamente contribuisce anche l’alimentazione povera di calcio.
Pur essendo una malattia estremamente invalidante, che porta all’immobilità, si può ottenere la completa guarigione nell’arco di pochi mesi.


RACHITISMO

È l’osteomalacia del bambino. Le parti cartilaginee delle ossa, in particolare delle ossa lunghe (femore, tibia, omero, etc.) non mineralizzano correttamente e di conseguenza l’osso cresce più lentamente del normale e va incontro a deformità.
OSTEODISTROFIA RENALE

Malattia metabolica dello scheletro che colpisce i pazienti con insufficienza renale cronica.
Il rene, filtrando il sangue, regola la quantità di sali (calcio e fosforo) presenti e può attivare la vitamina D facilitando l’assorbimento del calcio a livello intestinale.
Nei pazienti dializzati i sali non vengono completamente trattenuti, la vitamina D viene attivata solo in minima parte. Il paziente va incontro a complesse alterazioni ossee (osteite fibrosa, osteomalacia, fibrosi ossea), che si manifestano con fragilità scheletrica.


OSTEOPATIA DA TRAPIANTO


Forma di osteoporosi che si può manifestare nei pazienti sottoposti a trapianto d’organo; è caratterizzata da alterazioni del metabolismo osseo e da aumentato rischio di frattura (vertebrale).
La perdita maggiore di massa ossea si osserva, in genere, nei primi sei mesi dal trapianto. E’ dovuta alle massicce dosi di corticosteroidi somministrate come terapia immunosoppressiva.


IPERPARATIROIDISMO

Malattia causata dall’eccessiva secrezione da parte di una o più ghiandole paratiroidi di PTH (paratormone), che regola la quantità di calcio nel sangue, prelevandolo dalle ossa.
Il soggetto affetto da iperparatiroidismo va incontro ad impoverimento di calcio nelle ossa (indebolimento dell’osso ed aumento del calcio nel sangue (ipercalcemia).
Oltre all’inevitabile aumento del rischio di fratture, si manifestano le conseguenze dell’ipercalcemia:

debolezza
aumentata affaticabilitá

stipsi
nausea
calcoli renale
gravi manifestazioni che coinvolgono i muscoli scheletrici ed il cuore


La terapia prevede la rimozione chirurgica delle ghiandole paratiroidi, ma solo in presenza di elevata calcemia e di complicanze osee e/o renali
MORBO DI PAGET

Malattia metabolica dello scheletro caratterizzata da rapida distruzione di tessuto osseo, che colpisce inizialmente un distretto osseo per poi coinvolgere tutto lo scheletro.


La distruzione di tessuto osseo è poi seguita da altrettanto rapida ma disordinata ricostituzione, con comparsa di dolore e deformità.
A seconda dell’osso colpito si possono avere diverse manifestazioni:

sorditá, se colpisce il cranio
nevriti, se colpisce la colonna vertebrale
artrosi, se interessa le articolazioni, etc


Spesso per produrre unadiagnosi si procede con una radiografia che mostra le tipiche lesioni o riscontrando un considerevole aumento della fosfatasi alcalina nel sangue.


OSTEOPETROSI

Malattia ereditaria, caratterizzata da scarsa distruzione del tessuto osseo ed eccessiva ricostituzione dello stesso. L’osso è abnormemente denso ma con una struttura fragile e facilmente tende a fratturarsi.

Il linfoma mantellare indolente

Published by:

Il linfoma mantellare

Il linfoma mantellare è una neoplasia di linfociti B provenienti dalla zona mantellare dei follicoli del linfonodo; fa parte dei Linfomi non Hodgkin e ne rappresenta circa il 6%. La presenza della traslocazione t(11;14) con conseguente sovra-espressione nucleare di Cliclina D1, valutabile mediante analisi immunoistochimiche, è da considerarsi diagnostica.

Continua a leggere …