Semplici cambiamenti nella dieta possono ridurre il rischio di cancro, aumentare la durata della vita

Un nuovo studio che ha coinvolto oltre 50.000 partecipanti per un periodo di 2 decenni ha concluso che il consumo di cibi ricchi di flavonoidi potrebbe evitare le malattie e prolungare la vita.

Numerose ricerche si sono concentrate sul ruolo dell’alimentazione nel rischio di malattia e nella mortalità.

Nonostante l’interesse crescente, è un argomento notoriamente difficile da studiare per una serie di ragioni, e trarre conclusioni attendibili su come il cibo influisce sugli esiti sanitari specifici è una sfida.

Sebbene sia ovvio che il cibo è vitale per la nostra sopravvivenza, è difficile approfondire i dettagli di come i singoli composti influenzano la malattia e la mortalità nell’uomo.

Detto questo, i ricercatori hanno ora stabilito con fermezza e scientificamente che mangiare più frutta e verdura è associato a un ridotto rischio cardiovascolare e di mortalità generale.

Tuttavia, come la frutta e la verdura proteggano la salute è meno noto; sebbene sia probabilmente coinvolta una vasta gamma di sostanze nutritive, molti ricercatori ritengono che i flavonoidi abbiano un ruolo significativo.
La famiglia dei flavonoidi
I flavonoidi sono una classe di sostanze chimiche chiamate polifenoli. Sono presenti in una vasta gamma di alimenti naturali, tra cui frutta, verdura, cioccolato fondente, vino rosso e tè.

Questi composti hanno sei sottoclassi:

flavonoli
flavan-3-oli
flavanoni
flavoni
antociani
isoflavoni
Ognuno di questi ha il potenziale di avere un impatto sul corpo in modi diversi e in diversi gradi.
Di recente, un gruppo di scienziati dell’Università Edith Cowan in Australia ha iniziato a studiare se questi composti potessero effettivamente prolungare la vita e proteggere la salute.

L’articolo, che ora appare sulla rivista Nature Communications , delinea le loro scoperte.

Gli autori scrivono che il loro obiettivo principale era “studiare l’associazione delle assunzioni totali di sottoclassi di flavonoidi e flavonoidi con qualsiasi causa, mortalità correlata alle malattie cardiovascolari e correlata al cancro”.

I ricercatori volevano anche vedere come i fattori dello stile di vita come bere alcolici e fumare tabacco influissero sui benefici derivati ​​dai flavonoidi.

Ricerca flavonoide
Precedenti studi su flavonoidi hanno prodotto risultati interessanti. Negli studi a breve termine , sembrano aumentare alcuni marcatori di salute cardiovascolare. Altri articoli hanno descritto un potenziale ruolo antitumorale per i flavonoidi.

Sebbene ricerche precedenti abbiano accennato a benefici, ci sono lacune significative. Come spiegano gli autori del nuovo studio:

“Le prove degli studi osservazionali sono incomplete; gli studi sulla mortalità per cancro sono scarsi e sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire il ruolo specifico delle sottoclassi di flavonoidi e per determinare la dose di flavonoidi totali e specifici richiesta per ottenere il massimo beneficio.”

Per indagare, gli scienziati hanno preso i dati dalla coorte danese di dieta, cancro e salute. In totale, 56.048 adulti hanno preso parte. Durante il follow-up di 23 anni, 14.083 partecipanti sono morti.

Dopo aver controllato per una serie di fattori, gli autori concludono:

” [W] forniamo prove del fatto che un apporto dietetico realizzabile di sottoclassi di flavonoidi individuali e totali è associato a un minor rischio di tutte le cause, di malattie cardiovascolari e di mortalità per cancro.”

In particolare, hanno scoperto che coloro che consumavano ogni giorno circa 500 milligrammi (mg) di flavonoidi avevano il rischio più basso di decessi per cancro o malattie cardiovascolari. Al di sopra della soglia di 500 mg, non vi sono stati ulteriori benefici.

Gli scienziati hanno anche analizzato l’impatto di ciascuno dei sei tipi di flavonoidi. Hanno trovato lo stesso effetto su tutta la linea.
500 mg ogni giorno
Per mettere in prospettiva la soglia dei 500 mg, il ricercatore capo Dr. Nicola Bondonno fornisce un esempio attuabile:

“È importante consumare una varietà di diversi composti flavonoidi presenti in diversi alimenti e bevande a base vegetale. Questo è facilmente raggiungibile attraverso la dieta: una tazza di tè, una mela, un’arancia, 100 grammi di mirtilli e 100 grammi di broccoli fornire una vasta gamma di composti flavonoidi e oltre 500 mg di flavonoidi totali. “

I ricercatori hanno scoperto che i benefici dei flavonoidi erano particolarmente pronunciati nei partecipanti che attualmente fumavano e che consumavano più di due bevande alcoliche ogni giorno. Questi partecipanti hanno visto i maggiori benefici.

Tuttavia, il Dr. Bondonno sottolinea un punto importante, spiegando che “il consumo di flavonoidi non contrasta tutti i maggiori rischi di morte causati dal fumo e dall’elevato consumo di alcol. Di gran lunga la cosa migliore da fare per la salute è smettere di fumare e ridurre sull’alcool “.

Non è chiaro in che modo i flavonoidi possano ridurre il rischio di malattia. Tuttavia, alcuni scienziati ritengono che le loro qualità antinfiammatorie potrebbero essere importanti.

L’alcool e il tabacco aumentano entrambi i livelli di infiammazione e danneggiano i vasi sanguigni. Tuttavia, come spiega il Dr. Bondonno, “I flavonoidi hanno dimostrato di essere antinfiammatori e migliorare la funzione dei vasi sanguigni, il che potrebbe spiegare perché sono associati a un minor rischio di morte per malattie cardiache e cancro”.
Punti di forza e limitazioni
Questo studio ha punti di forza significativi – non ultimo il gran numero di partecipanti e la lunga durata del follow-up. Gli scienziati hanno anche acquisito una vasta gamma di caratteristiche, fattori dello stile di vita e altre informazioni rilevanti per affinare la loro analisi e ridurre il rumore statistico.

Tuttavia, ci sono sempre dei limiti. Ad esempio, lo studio è stato osservativo, il che significa che non è possibile dimostrare in modo conclusivo che i flavonoidi causano la diminuzione della mortalità e del rischio di malattia.

Ad esempio, come spiegano gli autori, esiste la possibilità che i flavonoidi siano “un marcatore di altri fattori dietetici non osservati e potenzialmente protettivi”.

È importante sottolineare che lo studio ha acquisito solo informazioni dietetiche all’inizio dello studio; c’è ogni possibilità che le diete dei partecipanti siano cambiate significativamente nei successivi 2 decenni.

Gli autori notano anche che il loro gruppo campione era prevalentemente bianco, quindi la relazione tra flavonoidi e risultati sulla salute potrebbe essere diversa in altre popolazioni.

In conclusione, questo studio aggiunge peso all’idea che i flavonoidi potrebbero proteggere la salute. Tuttavia, come sempre, gli scienziati dovranno svolgere ulteriori ricerche.

Nel frattempo, il consumo di maggiori quantità di frutta e verdura non danneggerà.