Studio sui batteri intestinali che possono causare il cancro intestinale

Gli scienziati hanno identificato un certo tipo di batteri intestinali che possono aumentare il rischio di cancro intestinale fino al 15%.

Il metodo di ricerca utilizzato nel nuovo studio indica che questi batteri intestinali possono probabilmente svolgere un ruolo causale nello sviluppo di questa forma di cancro.


Oltre 100.000 nuovi casi di cancro al colon e oltre 44.000 nuovi casi di cancro del retto si saranno sviluppati negli Stati Uniti nel 2019, secondo l’American Cancer Society.

Il carcinoma del colon-retto , noto anche come carcinoma intestinale, è la terza causa di morte per cancro sia negli uomini che nelle donne. E, secondo il National Cancer Institute, circa il 4,2% degli uomini e delle donne ne riceverà una diagnosi ad un certo punto.

Sebbene i ricercatori medici non abbiano ancora svelato le cause del cancro intestinale, gli esperti riconoscono che alcuni fattori possono aumentare il rischio di una persona.

Essere in sovrappeso o obesi, non essere fisicamente attivi, fumare o mangiare molta carne rossa e cibi fritti sono alcuni fattori di rischio modificabili , cioè fattori che si possono cambiare facendo scelte di vita più salutari.

Avere più di 50 anni e avere una storia personale o familiare di cancro intestinale, polipi del colon-retto o malattia infiammatoria intestinale può anche influenzare il rischio.

Una nuova ricerca aggiunge un elemento all’elenco dei fattori di rischio: i batteri intestinali. In effetti, il nuovo studio va oltre la semplice ricerca di associazioni e suggerisce che alcuni batteri nelle nostre viscere possono causare il cancro del colon-retto.

Kaitlin Wade, Ph.D., dell’Università di Bristol, nel Regno Unito, è l’autore principale della nuova ricerca, che ha presentato alla Conferenza sul cancro del National Cancer Research Institute a Glasgow.


In cerca di causalità


Wade e il team hanno esaminato i dati di 3.890 persone che avevano partecipato a uno qualsiasi dei tre studi sull’associazione a livello del genoma: il Flemish Gut Flora Project, lo studio tedesco Food Chain Plus e lo studio PopGen.

Inoltre, il team ha analizzato i dati di 120.328 persone nel consorzio internazionale di genetica ed epidemiologia del cancro del colon-retto.

Gli studi di associazione a livello del genoma confrontano i genomi per cercare variazioni nei genomi delle persone che hanno una certa condizione.


Tuttavia, gli autori del presente studio desideravano andare oltre lo studio della semplice associazione. “Molti studi su topi e umani hanno mostrato un’associazione tra il microbioma intestinale e il cancro intestinale”, spiega Wade, “ma pochissimi hanno fornito prove convincenti della causalità”.

“In altre parole, è davvero difficile capire se i componenti del microbioma intestinale possono causare il cancro intestinale, se la malattia stessa porta a una variazione del microbioma intestinale o se l’associazione è dovuta ad alcuni altri fattori che causano la variazione in entrambi.”

Kaitlin Wade, Ph.D.
Per ovviare a questo, i ricercatori hanno applicato la randomizzazione mendeliana, un metodo statistico complesso che analizza i dati provenienti da grandi campioni di popolazione per trovare prove che suggeriscano la causa piuttosto che la correlazione.

La randomizzazione mendeliana “utilizza la variazione genetica come esperimento naturale” per esaminare le relazioni causali tra fattori di rischio e risultati sulla salute nei dati osservativi.

Wade spiega: “Con la randomizzazione mendeliana, utilizziamo le variazioni genetiche naturali ereditate casualmente delle persone, che alterano i livelli di batteri all’interno del microbioma intestinale, in modo da imitare uno studio randomizzato”.

Ciò consente ai ricercatori di analizzare se quelli con una diversa composizione genetica e un microbioma intestinale “hanno un diverso rischio di cancro del colon-retto”.

“In questo modo, non dobbiamo modificare direttamente il microbioma intestinale somministrando antibiotici o probiotici in uno studio randomizzato o perdendo tempo in attesa di vedere se le persone nella popolazione hanno il cancro del colon-retto. Abbiamo solo bisogno di studi che abbiano già queste informazioni misurato “, spiega.

La randomizzazione mendeliana è anche meno soggetta a pregiudizi, come fattori di confondimento e causalità inversa.


Il gruppo batterico può causare il cancro intestinale


Lo studio ha rivelato che “un tipo non classificato di batteri di un gruppo batterico chiamato Bacteroidales ha aumentato il rischio di cancro intestinale del 2-15%”, riferisce Wade.

“Siamo stati in grado di utilizzare la randomizzazione mendeliana per comprendere il ruolo causale che questi batteri possono avere sulla malattia”, afferma.

“Inostri risultati supportano studi precedenti che hanno dimostrato che i batteri Bacteroidales hanno maggiori probabilità di essere presenti, e in quantità maggiori, in soggetti con carcinoma intestinale, rispetto a quelli senza la malattia”.

Kaitlin Wade, Ph.D.
Tuttavia, spiega Wade, sono necessarie molte più ricerche prima di poter trarre conclusioni più solide.

Ad esempio, i ricercatori “devono classificare le specie esatte o il ceppo di batteri nel gruppo Bacteroidales e […] fare più lavoro per capire come e perché la variazione genetica umana può alterare il microbioma intestinale”.

Inoltre, aggiunge lo scienziato, anche se ulteriori studi rafforzano la conclusione che questi batteri fanno provocare il cancro del colon, i ricercatori avrebbero ancora bisogno di indagare su ciò che effetti che interferiscono con questi batteri potrebbero avere su altri risultati di salute.