Tag Archives: alimentazione

5 fattori di vita salutari prolungano la vita senza malattie

Published by:

vita salutare suggerimenti

Secondo un nuovo studio, una combinazione di scelte di vita salutari, come il mantenimento di un peso sano, il non fumare e l’esercizio fisico regolare, può prolungare significativamente il numero di anni in cui un individuo evita la malattia.

Uno stile di vita salutare non prolunga solo la vita; prolunga la vita libera da malattia.
In media, stiamo vivendo vite più lunghe; tuttavia, quando le persone invecchiano, molti vivono con malattie come malattie cardiache , cancro e diabete . Man mano che la durata della vita aumenta, aumenta anche il rischio di sviluppare malattie croniche.

Gli scienziati hanno stabilito con fermezza che i fattori dello stile di vita possono fare una differenza significativa nel rischio di malattia e durata della vita, nel complesso. Questi fattori includono attività fisica, fumo, consumo di alcol, dieta e peso.

Gli autori spiegano che “[i] tudies hanno dimostrato che il fumo, l’inattività, la cattiva qualità della dieta e il consumo pesante di alcol contribuiscono fino al 60% dei decessi prematuri e alla perdita della speranza di vita di 7,4-17,9 anni”.

Sebbene questo sia ben noto, poche ricerche hanno esaminato come una combinazione di fattori dello stile di vita influenzi il periodo di tempo in cui un individuo sarà libero da malattia.

Per rispondere a questa domanda, un gruppo di ricercatori ha raccolto dati da due fonti; in primo luogo, lo studio sulla salute degli infermieri, che includeva informazioni di 73.196 infermiere donne. In secondo luogo, hanno ottenuto l’accesso ai dati dallo Studio di follow-up dei professionisti della salute, che includeva i dati di 38.366 professionisti della salute maschile. Hanno pubblicato i loro risultati nel BMJ .

Stile di vita e salute nel tempo


Gli scienziati hanno calcolato un punteggio di stile di vita compreso tra 0 e 5 per ciascun partecipante. Hanno calcolato questo punteggio valutando cinque fattori di stile di vita a basso rischio: peso sano, mai fumo, esercizio fisico per almeno 30 minuti al giorno, assunzione moderata di alcol e una dieta di buona qualità.

I ricercatori hanno seguito i partecipanti per molti anni e registrato diagnosi e decessi per cancro, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Come parte della loro analisi, gli scienziati hanno tenuto conto di una serie di fattori, tra cui la storia medica familiare, l’età e la razza.

Gli autori del recente studio hanno scoperto che le donne di 50 anni che non hanno adottato nessuno dei cinque fattori di stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere senza cancro, diabete e malattie cardiache per altri 24 anni. Tuttavia, coloro che hanno seguito quattro o cinque di questi fattori potrebbero aspettarsi altri 34 anni senza malattia.

Gli uomini di 50 anni che non hanno incluso nella vita nessuno dei fattori dello stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere 24 anni in più senza malattie croniche. Tuttavia, quelli il cui stile di vita includeva quattro o cinque fattori a basso rischio avevano una vita libera da malattia di circa 31 anni.

Gli uomini che hanno fumato più di 15 sigarette al giorno e chiunque abbia l’ obesità ha avuto la più bassa aspettativa di vita libera da malattia dopo 50 anni. Gli autori riassumono:

” [W] abbiamo osservato che l’adesione a uno stile di vita a basso rischio era associata ad un’aspettativa di vita più lunga all’età di 50 anni esente da gravi malattie croniche di circa 7,6 anni negli uomini e 10 anni nelle donne rispetto ai partecipanti senza fattori di stile di vita a basso rischio.”

Migliorare la sopravvivenza


Gli scienziati hanno anche scoperto che uomini e donne con quattro o cinque fattori dello stile di vita a basso rischio che hanno ricevuto una diagnosi di cancro, malattie cardiovascolari o diabete di tipo 2 hanno vissuto più a lungo rispetto agli individui con le stesse diagnosi che non avevano alcun fattore a basso rischio. Come spiegano gli autori:

“Uno stile di vita salutare non solo ha ridotto il rischio di cancro, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, ma ha anche migliorato la sopravvivenza dopo la diagnosi di tali malattie.”

Gli autori sono pronti a notare che lo studio è osservazionale, quindi non è possibile concludere una relazione causale. Inoltre, i fattori dello stile di vita sono stati auto-riportati, il che, come scrivono gli autori, significa che “gli errori di misurazione sono inevitabili”.

Anche se gli scienziati hanno controllato un’ampia gamma di fattori, esiste sempre la possibilità che fattori non misurati possano giustificare i risultati.

Tuttavia, gli scienziati hanno avuto accesso a informazioni dettagliate da ciascun partecipante più volte in un periodo di follow-up sostanziale; nel complesso, concludono:

“Le politiche pubbliche per migliorare il cibo e l’ambiente fisico che favoriscono l’adozione di una dieta e uno stile di vita salutari, nonché le politiche e i regolamenti pertinenti (ad esempio, il divieto di fumare nei luoghi pubblici o le restrizioni sui grassi trans) sono fondamentali per migliorare l’aspettativa di vita, in particolare l’aspettativa di vita priva di importanti malattie croniche “.

Cipolle e aglio possono proteggere dal cancro al seno

Published by:

prevenzione cancro al seno : focus su cipolle e aglio

Una nuova ricerca esamina il consumo di cipolla e aglio tra le donne di Puerto Rico e suggerisce che le verdure possono ridurre significativamente il rischio di cancro al seno.

Mangiare più cipolle e aglio potrebbe tenere a bada il cancro al seno.
Cipolle e aglio fanno parte del genere allium, insieme a porri, erba cipollina e centinaia di altre specie.

Ricchi di sapore, con un calcio forte e pungente, queste verdure “esuberanti” possono anche essere in grado di combattere malattie , come diabete , malattie cardiache e cancro , secondo prove emergenti.

Per quanto riguarda il cancro, diversi studi hanno esplorato in modo specifico i collegamenti tra il consumo di cipolla e aglio e il rischio di tumori del colon-retto, dello stomaco e della prostata .

Complessivamente, questi studi hanno scoperto che più di queste verdure consumano, minore è il rischio di sviluppare questi tumori.

Tuttavia, ricerche meno approfondite sono entrate nel collegamento con il cancro al seno , affermano i ricercatori guidati da Gauri Desai, dottorando in epidemiologia all’Università di Buffalo (UB), parte della State University di New York.

Quindi, Desai e il team hanno iniziato a indagare ulteriormente su questo argomento, guardando una popolazione di donne a Puerto Rico. Le ragioni per scegliere questa popolazione erano duplici. In primo luogo, “Puerto Rico ha tassi di cancro al seno più bassi, rispetto alla terraferma [Stati Uniti], che lo rende una popolazione importante da studiare”, spiega Desai.

In secondo luogo, un condimento chiamato “sofrito”, che consiste in gran parte di aglio e cipolla, è una salsa portoricana tradizionale che viene ampiamente consumata in tutta l’isola.

I ricercatori hanno pubblicato i risultati delle loro scoperte sulla rivista Nutrition and Cancer .


Studiare cipolle, aglio e rischio di cancro


Desai e il team hanno utilizzato i registri di ospedali e cliniche per identificare 314 donne di età compresa tra 30 e 79 anni che avevano un tumore al seno tra il 2008 e il 2014. I ricercatori hanno anche incluso 346 partecipanti al controllo che erano stati abbinati in base all’età e alla zona residenziale.

I partecipanti al controllo non presentavano anamnesi di cancro, a parte il carcinoma cutaneo non melanoma . I ricercatori hanno utilizzato un questionario sulla frequenza alimentare per indagare sui modelli dietetici e sull’assunzione totale di cipolla e aglio, che includeva il consumo di sofrito.

Il team ha utilizzato la regressione logistica incondizionata per esaminare l’associazione tra l’assunzione di cipolla e aglio e l’insorgenza del cancro al seno, adattandosi a fattori quali età, istruzione, storia familiare, indice di massa corporea, stato di fumo e altri.

Sofrito legato al 67% di rischio di cancro al seno più basso
I ricercatori hanno trovato un’associazione inversa tra il consumo totale medio-alto di cipolla e aglio e i casi di cancro al seno, rispetto al basso consumo di queste verdure.

I loro risultati sono stati coerenti dopo che i ricercatori hanno stratificato i risultati in base allo stato della menopausa, suggerendo che “Il consumo elevato di cipolla e aglio è protettivo contro il cancro al seno nella popolazione [studiata]”.

In particolare, gli autori scrivono: “L’assunzione di Sofrito, se esaminata da sola, era inversamente associata al cancro al seno; per coloro che consumavano sofrito più di una volta al giorno, c’era un calo del rischio del 67%, rispetto ai consumatori mai”.

“Abbiamo scoperto che tra le donne portoricane, l’assunzione combinata di cipolla e aglio, così come il sofrito, era associata a un ridotto rischio di cancro al seno”.

Gauri Desai
“Studiare le donne portoricane che consumano molte cipolle e aglio come sofrito era unico”, aggiunge Desai, riferendosi a un punto di forza della ricerca.

Perché le cipolle, l’aglio potrebbero ridurre il rischio di cancro?


La coautrice dello studio Jo Freudenheim, Ph.D., cattedra di epidemiologia e salute ambientale presso UB. Commenta anche l’unicità dello studio, dicendo: “Esistono pochissime ricerche sul cancro al seno a Puerto Rico”.

“Questo studio è stato una collaborazione tra i miei colleghi qui alla UB e all’Università di Puerto Rico per aiutarci a capire perché i tassi sono inferiori rispetto al resto degli Stati Uniti e perché i tassi continuano ad aumentare, mentre stanno diminuendo il resto degli [US]. “

Sebbene lo studio sia stato osservativo e non possa spiegare i meccanismi alla base dei risultati. I ricercatori sospettano che i flavonoli e i composti organosulfur abbondanti in cipolle e aglio possano essere responsabili degli effetti antitumorali.

In particolare, la S-allilcisteina, diallil disolfuro e diallil solfuro nell’aglio e l’alchilen-cisteina solfossidi nelle cipolle hanno mostrato “proprietà anticarcinogene negli esseri umani. Nonché in studi su animali sperimentali”, afferma la dott.ssa Lina Mu, professore associato di epidemiologia e salute ambientale presso UB e autore senior dello studio.

Alcuni limiti di studio


Tuttavia, gli autori riconoscono anche alcune limitazioni alla loro ricerca. Ad esempio, scrivono: “La dimensione dello studio era piccola, in particolare per le analisi stratificate sullo stato della menopausa”.

In secondo luogo, il numero di persone che non avevano mai consumato aglio o cipolla era troppo piccolo per essere utilizzato come gruppo di riferimento. Pertanto, il gruppo a bassa esposizione consumava ancora un po ‘di cipolla e aglio.

Per questo motivo, affermano i ricercatori, i risultati “potrebbero aver sottostimato la vera associazione tra assunzione di aglio e cipolla e cancro al seno”.

“Inoltre, non esiste una ricetta standardizzata per il sofrito. Un condimento che è spesso fatto in casa e quindi varia almeno un po ‘nella ricetta da persona a persona”, aggiungono gli autori. “Quindi, non siamo stati in grado di stimare la quantità di cipolla e aglio nel sofrito.”

“Anche se la ricetta del sofrito varia in una certa misura, di solito vengono aggiunti altri ingredienti, come peperoni, pomodori, coriandolo e pepe nero. Dato che non abbiamo modificato i nostri modelli per questi ingredienti. Non possiamo essere sicuri che i nostri risultati fossero dovuti al solo effetto di cipolle e aglio “.

In che modo la dieta cheto può aiutare a curare il cancro?

Published by:

cheto e cancro : i vantaggi

Una nuova ricerca sui topi suggerisce che tenere sotto controllo la glicemia usando la dieta chetogenica o un farmaco per il diabete potrebbe aiutare a curare alcuni tumori aumentando l’efficacia della chemioterapia standard.


La dieta chetogenica consiste in cibi ricchi di grassi, alimenti che contengono un’adeguata quantità di proteine ​​e una bassissima quantità di carboidrati .

Normalmente, il corpo umano ottiene la sua principale fonte di energia (zucchero) dai carboidrati.

Tuttavia, la dieta chetogenica priva il corpo di glucosio, inducendo uno stato di ” chetosi “.

Durante la chetosi, il corpo è costretto a scomporre il grasso immagazzinato anziché lo zucchero per produrre una fonte alternativa di energia.

La dieta chetogenica, o “cheto”, esiste da secoli. Tradizionalmente, alcuni lo hanno usato come terapia per condizioni come il diabete e l’ epilessia .

Nuovi studi hanno iniziato a esaminare il potenziale terapeutico della dieta cheto per altre condizioni, come il cancro , la sindrome dell’ovaio policistico e il morbo di Alzheimer .

Il potenziale della dieta cheto come trattamento del cancro
Ad esempio, ricerche recenti hanno suggerito che la dieta cheto potrebbe integrare le terapie standard per il cancro come la chemioterapia e la radioterapia .

La dieta potrebbe aumentare il potere del trattamento convenzionale del cancro inducendo selettivamente lo stress ossidativo metabolico nelle cellule tumorali, ma non in quelle normali.
Altri studi hanno anche suggerito che alcuni tumori dipendono fortemente dal glucosio per produrre energia. Quindi, limitare l’accesso delle cellule cancerose allo zucchero può essere un modo valido di sensibilizzarle alla chemioterapia.

Una nuova ricerca esplora la dieta cheto come potenziale via per il trattamento del cancro. Jung-Whan Kim, assistente professore di scienze biologiche all’Università del Texas a Dallas, è l’autore corrispondente del nuovo studio.

Utilizzando un modello murino di carcinoma polmonare ed esofageo, Kim e colleghi hanno limitato i livelli di glucosio circolante dei roditori alimentando loro una dieta chetogenica e somministrando loro un farmaco per il diabete che impedisce ai reni di riassorbire lo zucchero nel sangue.

I ricercatori hanno pubblicato il loro articolo sulla rivista Cell Reports . Meng-Hsiung Hsieh è il primo autore.

La dieta cheto e il carcinoma a cellule squamose
Kim e il suo team hanno precedentemente dimostrato che un tipo di cancro chiamato carcinoma a cellule squamose (SCC) si affida molto di più al glucosio per sostenere la sua “capacità antiossidante e la sopravvivenza” rispetto ad altri tipi di cancro, come adenocarcinoma polmonare.

Quindi, nel nuovo studio, il team ha affermato che la limitazione del glucosio renderebbe SCC più vulnerabile al trattamento. Hanno alimentato topi con tumori xenotrapianti o una dieta chetogenica composta dallo 0,1% di carboidrati o una normale dieta chow.

“La crescita del tumore xenotrapianto di SCC […] polmonare e SCC […] esofageo è stata significativamente inibita dalla dieta chetogenica rispetto ai normali gruppi alimentati con cibo”, riportano gli autori dello studio.

“Sia la dieta chetogenica che la restrizione farmacologica della glicemia da sole hanno inibito l’ulteriore crescita dei tumori [SCC] nei topi con carcinoma polmonare “, afferma Kim.

“Mentre questi interventi non hanno ridotto i tumori, hanno impedito loro di progredire, il che suggerisce che questo tipo di cancro potrebbe essere vulnerabile alla restrizione del glucosio”, aggiunge.

Tuttavia, la restrizione del glucosio non ha influenzato altri tumori non SCC. “I nostri risultati suggeriscono che questo approccio è specifico del tipo di cellula tumorale. Non possiamo generalizzare a tutti i tipi di cancro”, afferma Kim.

” La scoperta chiave del nostro nuovo studio sui topi è che una dieta chetogenica da sola ha un certo effetto inibitorio sulla crescita tumorale in [SCC] […]. Quando l’abbiamo combinato con il farmaco per il diabete e la chemioterapia, è stato ancora più efficace. “

Jung-Whan Kim

Risultati che spostano il paradigma
I ricercatori hanno anche studiato i livelli di zucchero nel sangue in campioni di 192 persone con SCC del polmone o dell’esofago. Li hanno quindi confrontati con quelli di 120 persone con adenocarcinoma polmonare.

“Sorprendentemente”, afferma Kim, “abbiamo trovato una solida correlazione tra una maggiore concentrazione di glucosio nel sangue e una peggiore sopravvivenza tra [le persone] con [SCC]”.

“Non abbiamo trovato tale correlazione tra i pazienti con adenocarcinoma polmonare. Questa è un’osservazione importante che implica ulteriormente la potenziale efficacia della restrizione del glucosio nell’attenuare la crescita [SCC]”, aggiunge.

Sebbene gli autori riconoscano che questo studio era preclinico e che sono necessarie ricerche più approfondite, i risultati, dicono, indicano un “cambio di paradigma” nel trattamento del cancro.

“La manipolazione dei livelli di glucosio nell’ospite sarebbe una nuova strategia diversa dal semplice tentativo di uccidere direttamente le cellule tumorali”, afferma Kim.

“Credo che questo sia parte di un cambiamento di paradigma dal prendere di mira le cellule tumorali stesse. L’immunoterapia è un buon esempio di ciò, in cui il sistema immunitario umano è attivato per inseguire le cellule tumorali”.

“Forse possiamo manipolare un po ‘il nostro sistema biologico o attivare qualcosa che abbiamo già in atto per combattere in modo più efficace il cancro”, conclude.

Semplici cambiamenti nella dieta possono ridurre il rischio di cancro, aumentare la durata della vita

Published by:

flavonoidi e cancro

Un nuovo studio che ha coinvolto oltre 50.000 partecipanti per un periodo di 2 decenni ha concluso che il consumo di cibi ricchi di flavonoidi potrebbe evitare le malattie e prolungare la vita.

Numerose ricerche si sono concentrate sul ruolo dell’alimentazione nel rischio di malattia e nella mortalità.

Nonostante l’interesse crescente, è un argomento notoriamente difficile da studiare per una serie di ragioni, e trarre conclusioni attendibili su come il cibo influisce sugli esiti sanitari specifici è una sfida.

Sebbene sia ovvio che il cibo è vitale per la nostra sopravvivenza, è difficile approfondire i dettagli di come i singoli composti influenzano la malattia e la mortalità nell’uomo.

Detto questo, i ricercatori hanno ora stabilito con fermezza e scientificamente che mangiare più frutta e verdura è associato a un ridotto rischio cardiovascolare e di mortalità generale.

Tuttavia, come la frutta e la verdura proteggano la salute è meno noto; sebbene sia probabilmente coinvolta una vasta gamma di sostanze nutritive, molti ricercatori ritengono che i flavonoidi abbiano un ruolo significativo.
La famiglia dei flavonoidi
I flavonoidi sono una classe di sostanze chimiche chiamate polifenoli. Sono presenti in una vasta gamma di alimenti naturali, tra cui frutta, verdura, cioccolato fondente, vino rosso e tè.

Questi composti hanno sei sottoclassi:

flavonoli
flavan-3-oli
flavanoni
flavoni
antociani
isoflavoni
Ognuno di questi ha il potenziale di avere un impatto sul corpo in modi diversi e in diversi gradi.
Di recente, un gruppo di scienziati dell’Università Edith Cowan in Australia ha iniziato a studiare se questi composti potessero effettivamente prolungare la vita e proteggere la salute.

L’articolo, che ora appare sulla rivista Nature Communications , delinea le loro scoperte.

Gli autori scrivono che il loro obiettivo principale era “studiare l’associazione delle assunzioni totali di sottoclassi di flavonoidi e flavonoidi con qualsiasi causa, mortalità correlata alle malattie cardiovascolari e correlata al cancro”.

I ricercatori volevano anche vedere come i fattori dello stile di vita come bere alcolici e fumare tabacco influissero sui benefici derivati ​​dai flavonoidi.

Ricerca flavonoide
Precedenti studi su flavonoidi hanno prodotto risultati interessanti. Negli studi a breve termine , sembrano aumentare alcuni marcatori di salute cardiovascolare. Altri articoli hanno descritto un potenziale ruolo antitumorale per i flavonoidi.

Sebbene ricerche precedenti abbiano accennato a benefici, ci sono lacune significative. Come spiegano gli autori del nuovo studio:

“Le prove degli studi osservazionali sono incomplete; gli studi sulla mortalità per cancro sono scarsi e sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire il ruolo specifico delle sottoclassi di flavonoidi e per determinare la dose di flavonoidi totali e specifici richiesta per ottenere il massimo beneficio.”

Per indagare, gli scienziati hanno preso i dati dalla coorte danese di dieta, cancro e salute. In totale, 56.048 adulti hanno preso parte. Durante il follow-up di 23 anni, 14.083 partecipanti sono morti.

Dopo aver controllato per una serie di fattori, gli autori concludono:

” [W] forniamo prove del fatto che un apporto dietetico realizzabile di sottoclassi di flavonoidi individuali e totali è associato a un minor rischio di tutte le cause, di malattie cardiovascolari e di mortalità per cancro.”

In particolare, hanno scoperto che coloro che consumavano ogni giorno circa 500 milligrammi (mg) di flavonoidi avevano il rischio più basso di decessi per cancro o malattie cardiovascolari. Al di sopra della soglia di 500 mg, non vi sono stati ulteriori benefici.

Gli scienziati hanno anche analizzato l’impatto di ciascuno dei sei tipi di flavonoidi. Hanno trovato lo stesso effetto su tutta la linea.
500 mg ogni giorno
Per mettere in prospettiva la soglia dei 500 mg, il ricercatore capo Dr. Nicola Bondonno fornisce un esempio attuabile:

“È importante consumare una varietà di diversi composti flavonoidi presenti in diversi alimenti e bevande a base vegetale. Questo è facilmente raggiungibile attraverso la dieta: una tazza di tè, una mela, un’arancia, 100 grammi di mirtilli e 100 grammi di broccoli fornire una vasta gamma di composti flavonoidi e oltre 500 mg di flavonoidi totali. “

I ricercatori hanno scoperto che i benefici dei flavonoidi erano particolarmente pronunciati nei partecipanti che attualmente fumavano e che consumavano più di due bevande alcoliche ogni giorno. Questi partecipanti hanno visto i maggiori benefici.

Tuttavia, il Dr. Bondonno sottolinea un punto importante, spiegando che “il consumo di flavonoidi non contrasta tutti i maggiori rischi di morte causati dal fumo e dall’elevato consumo di alcol. Di gran lunga la cosa migliore da fare per la salute è smettere di fumare e ridurre sull’alcool “.

Non è chiaro in che modo i flavonoidi possano ridurre il rischio di malattia. Tuttavia, alcuni scienziati ritengono che le loro qualità antinfiammatorie potrebbero essere importanti.

L’alcool e il tabacco aumentano entrambi i livelli di infiammazione e danneggiano i vasi sanguigni. Tuttavia, come spiega il Dr. Bondonno, “I flavonoidi hanno dimostrato di essere antinfiammatori e migliorare la funzione dei vasi sanguigni, il che potrebbe spiegare perché sono associati a un minor rischio di morte per malattie cardiache e cancro”.
Punti di forza e limitazioni
Questo studio ha punti di forza significativi – non ultimo il gran numero di partecipanti e la lunga durata del follow-up. Gli scienziati hanno anche acquisito una vasta gamma di caratteristiche, fattori dello stile di vita e altre informazioni rilevanti per affinare la loro analisi e ridurre il rumore statistico.

Tuttavia, ci sono sempre dei limiti. Ad esempio, lo studio è stato osservativo, il che significa che non è possibile dimostrare in modo conclusivo che i flavonoidi causano la diminuzione della mortalità e del rischio di malattia.

Ad esempio, come spiegano gli autori, esiste la possibilità che i flavonoidi siano “un marcatore di altri fattori dietetici non osservati e potenzialmente protettivi”.

È importante sottolineare che lo studio ha acquisito solo informazioni dietetiche all’inizio dello studio; c’è ogni possibilità che le diete dei partecipanti siano cambiate significativamente nei successivi 2 decenni.

Gli autori notano anche che il loro gruppo campione era prevalentemente bianco, quindi la relazione tra flavonoidi e risultati sulla salute potrebbe essere diversa in altre popolazioni.

In conclusione, questo studio aggiunge peso all’idea che i flavonoidi potrebbero proteggere la salute. Tuttavia, come sempre, gli scienziati dovranno svolgere ulteriori ricerche.

Nel frattempo, il consumo di maggiori quantità di frutta e verdura non danneggerà.

Un composto di broccoli e cavolo aiuta a sopprimere la crescita del tumore

Published by:

verdure crucifere e cancro

l corpo ha i suoi meccanismi per combattere il cancro, ma a volte sono troppo deboli per sopprimere la crescita del tumore. Ora, gli scienziati hanno scoperto che broccoli, cavoli e altre verdure crocifere contengono un composto che potrebbe rinvigorire uno di questi meccanismi innati.


I ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, Massachusetts, della Harvard Medical School, hanno visto che il composto indolo-3-carbinolo (I3C) ha impedito la crescita del tumore in un modello murino di cancro alla prostata .

In un documento di studio scientifico , spiegano che I3C promuove il PTEN, una proteina soppressore del tumore “la cui attività è spesso diminuita nei tumori umani “.

Il team ha trovato un percorso molecolare in cui la proteina WWP1 altera e indebolisce il soppressore del tumore PTEN. WWP1 è attivo in diversi tumori umani.

Tuttavia, la loro indagine rivela che I3C può inattivare WWP1 disattivando il suo gene. Questo sprigiona tutta la potenza del PTEN per limitare la crescita del tumore.

“Abbiamo trovato un nuovo giocatore importante che guida un percorso critico per lo sviluppo del cancro”, afferma l’autore senior dello studio, il dott. Pier Paolo Pandolfi, direttore del Cancer Center e Cancer Research Institute del Beth Israel Deaconess Medical Center.

Suggerisce che il percorso è “un tallone d’Achille” [che] possiamo mirare con opzioni terapeutiche
Cancro e verdure crucifere
Il cancro si manifesta quando le cellule anomale crescono fuori controllo, invadono i tessuti e si diffondono. La neoplasia può colpire quasi ogni parte del corpo.

Secondo l’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS) , il cancro ha causato 9,6 milioni di morti nel 2018 e il suo impatto economico è in aumento. Nel 2010, il costo totale del cancro in tutto il mondo era di circa $ 1,16 miliardi.
Esistono più di 100 tipi di cancro, ciascuno a seconda del tipo di cellula in cui inizia.

Gli scienziati hanno anche identificato sei segni distintivi del cancro a livello cellulare. Questi funzionano sostenendo i segnali di crescita, evitando la soppressione dei tumori, sfuggendo alla morte delle cellule, promuovendo la replicazione infinita, creando un rifornimento di sangue e innescando l’invasione e la diffusione.

C’è un crescente bisogno di farmaci nuovi e convenienti per curare il cancro. I ricercatori si rivolgono sempre più al mondo vegetale alla ricerca di composti naturali che potrebbero soddisfare questo requisito.

Studi precedenti hanno identificato composti che combattono il cancro nelle verdure crocifere, come cavoli, cavoli , broccoli ecavoletti di Bruxelles. Hanno suggerito che i composti operano su geni che promuovono alcune delle caratteristiche del cancro.
Ripristinare la soppressione del tumore
Il recente studio aggiunge a questa conoscenza. Il team sapeva già che il PTEN è normalmente un potente soppressore del tumore. Tuttavia, nel cancro, il gene della proteina può essere assente, alterato, down-regolato o silenzioso.

È raro che il gene sia del tutto assente; ciò richiederebbe la cancellazione di entrambe le copie che ogni persona porta. Spesso, ciò che accade è che i tumori hanno bassi livelli di proteina PTEN, perché, ad esempio, è attiva solo una delle due copie.

Ciò ha portato il dott. Pandolfi e il suo team a chiedersi se ci potrebbe essere un modo per ripristinare il PTEN alla sua piena capacità di soppressione del tumore e la misura in cui ciò potrebbe impedire la crescita dei tumori.

Per indagare su queste domande, hanno deciso di individuare i percorsi molecolari che attivano il PTEN.

Utilizzando cellule tumorali umane e un modello murino di cancro alla prostata, hanno identificato che la proteina codificata da WWP1 riduce la capacità del PTEN di sopprimere i tumori.

Ulteriori indagini sulla forma molecolare e sull’attività biochimica del WWP1 hanno rivelato che la piccola molecola I3C era un “inibitore naturale e potente del WWP1”.

Tuttavia, la squadra non sta suggerendo che mangiare molte verdure crucifere potrebbe avere lo stesso effetto. Per cominciare, una persona dovrebbe mangiare circa 6 chili di germogli crudi al giorno per raggiungere un livello efficace di I3C.

Invece, il dott. Pandolfi e i suoi colleghi stanno cercando altri modi per usare questa conoscenza. Continueranno a esaminare come funziona il WWP1 e se potrebbero esserci altre molecole con potere ancora maggiore per bloccarlo.

” Questi risultati aprono la strada a un approccio di riattivazione del cancro onirico da lungo tempo ricercato.”Dott. Pier Paolo Pandolfi

10 Abitudini salutari per l’estate

Published by:

salute in estate!

1 – Scegli allenamenti in acqua e fai un tuffo quando ti senti in forma e forte.

2 – Aggiungi colore, varietà e sapore ai tuoi pasti con frutta e verdura fresche dal tuo mercato degli agricoltori locali.

3 – Visita i musei, lo zoo o un acquario e cammina per ore senza accorgertene.

4 – Quando i marciapiedi sfrigolano, muoviti in casa con un divertente video di fitness o un DVD.

5 – Avvia un piccolo giardino nel tuo cortile o in una patch della comunità per esercitare, coltivare cibo sano e divertirti con la famiglia e i vicini.

6 – Pianifica un’escursione nel fine settimana attraverso un parco, un gioco di softball per famiglie o una passeggiata serale intorno al tuo quartiere.

7 – Alimenta la tua estate con alimenti ricchi di sostanze nutritive come cereali integrali, latte senza grassi o magro e formaggi, frutti di mare, carni magre, pollame, uova, fagioli, noci e semi.

8 – Bevi molta acqua prima, durante e dopo l’esercizio, specialmente quando la temperatura si alza.

9 – Rafforza i muscoli almeno due volte a settimana con flessioni, trazioni o sollevamento pesi

10 – Combatti il ​​caldo con un’attività mattutina. Andare a fare una passeggiata o un giro in bicicletta mentre si guarda il sole sorgere.