Tag Archives: benessere

5 fattori di vita salutari prolungano la vita senza malattie

Published by:

vita salutare suggerimenti

Secondo un nuovo studio, una combinazione di scelte di vita salutari, come il mantenimento di un peso sano, il non fumare e l’esercizio fisico regolare, può prolungare significativamente il numero di anni in cui un individuo evita la malattia.

Uno stile di vita salutare non prolunga solo la vita; prolunga la vita libera da malattia.
In media, stiamo vivendo vite più lunghe; tuttavia, quando le persone invecchiano, molti vivono con malattie come malattie cardiache , cancro e diabete . Man mano che la durata della vita aumenta, aumenta anche il rischio di sviluppare malattie croniche.

Gli scienziati hanno stabilito con fermezza che i fattori dello stile di vita possono fare una differenza significativa nel rischio di malattia e durata della vita, nel complesso. Questi fattori includono attività fisica, fumo, consumo di alcol, dieta e peso.

Gli autori spiegano che “[i] tudies hanno dimostrato che il fumo, l’inattività, la cattiva qualità della dieta e il consumo pesante di alcol contribuiscono fino al 60% dei decessi prematuri e alla perdita della speranza di vita di 7,4-17,9 anni”.

Sebbene questo sia ben noto, poche ricerche hanno esaminato come una combinazione di fattori dello stile di vita influenzi il periodo di tempo in cui un individuo sarà libero da malattia.

Per rispondere a questa domanda, un gruppo di ricercatori ha raccolto dati da due fonti; in primo luogo, lo studio sulla salute degli infermieri, che includeva informazioni di 73.196 infermiere donne. In secondo luogo, hanno ottenuto l’accesso ai dati dallo Studio di follow-up dei professionisti della salute, che includeva i dati di 38.366 professionisti della salute maschile. Hanno pubblicato i loro risultati nel BMJ .

Stile di vita e salute nel tempo


Gli scienziati hanno calcolato un punteggio di stile di vita compreso tra 0 e 5 per ciascun partecipante. Hanno calcolato questo punteggio valutando cinque fattori di stile di vita a basso rischio: peso sano, mai fumo, esercizio fisico per almeno 30 minuti al giorno, assunzione moderata di alcol e una dieta di buona qualità.

I ricercatori hanno seguito i partecipanti per molti anni e registrato diagnosi e decessi per cancro, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Come parte della loro analisi, gli scienziati hanno tenuto conto di una serie di fattori, tra cui la storia medica familiare, l’età e la razza.

Gli autori del recente studio hanno scoperto che le donne di 50 anni che non hanno adottato nessuno dei cinque fattori di stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere senza cancro, diabete e malattie cardiache per altri 24 anni. Tuttavia, coloro che hanno seguito quattro o cinque di questi fattori potrebbero aspettarsi altri 34 anni senza malattia.

Gli uomini di 50 anni che non hanno incluso nella vita nessuno dei fattori dello stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere 24 anni in più senza malattie croniche. Tuttavia, quelli il cui stile di vita includeva quattro o cinque fattori a basso rischio avevano una vita libera da malattia di circa 31 anni.

Gli uomini che hanno fumato più di 15 sigarette al giorno e chiunque abbia l’ obesità ha avuto la più bassa aspettativa di vita libera da malattia dopo 50 anni. Gli autori riassumono:

” [W] abbiamo osservato che l’adesione a uno stile di vita a basso rischio era associata ad un’aspettativa di vita più lunga all’età di 50 anni esente da gravi malattie croniche di circa 7,6 anni negli uomini e 10 anni nelle donne rispetto ai partecipanti senza fattori di stile di vita a basso rischio.”

Migliorare la sopravvivenza


Gli scienziati hanno anche scoperto che uomini e donne con quattro o cinque fattori dello stile di vita a basso rischio che hanno ricevuto una diagnosi di cancro, malattie cardiovascolari o diabete di tipo 2 hanno vissuto più a lungo rispetto agli individui con le stesse diagnosi che non avevano alcun fattore a basso rischio. Come spiegano gli autori:

“Uno stile di vita salutare non solo ha ridotto il rischio di cancro, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, ma ha anche migliorato la sopravvivenza dopo la diagnosi di tali malattie.”

Gli autori sono pronti a notare che lo studio è osservazionale, quindi non è possibile concludere una relazione causale. Inoltre, i fattori dello stile di vita sono stati auto-riportati, il che, come scrivono gli autori, significa che “gli errori di misurazione sono inevitabili”.

Anche se gli scienziati hanno controllato un’ampia gamma di fattori, esiste sempre la possibilità che fattori non misurati possano giustificare i risultati.

Tuttavia, gli scienziati hanno avuto accesso a informazioni dettagliate da ciascun partecipante più volte in un periodo di follow-up sostanziale; nel complesso, concludono:

“Le politiche pubbliche per migliorare il cibo e l’ambiente fisico che favoriscono l’adozione di una dieta e uno stile di vita salutari, nonché le politiche e i regolamenti pertinenti (ad esempio, il divieto di fumare nei luoghi pubblici o le restrizioni sui grassi trans) sono fondamentali per migliorare l’aspettativa di vita, in particolare l’aspettativa di vita priva di importanti malattie croniche “.

I ricercatori scoprono nuove condizioni autoinfiammatorie

Published by:

ricerca e malattie infiammatorie autoimmuni

Un team di specialisti provenienti da Australia e Stati Uniti ha identificato una nuova condizione autoinfiammatoria nell’uomo. Capiscono anche cosa lo provoca, il che può aiutare i ricercatori a trovare un trattamento adeguato.

Le condizioni autoimmuni si verificano quando la risposta immunitaria del corpo si attiva in modo anomalo. Quando ciò accade, si gira contro le cellule sane invece di reagire semplicemente ad agenti potenzialmente dannosi, come virus o batteri pericolosi, come dovrebbe.

Ricorrenti febbri con cause non chiare e diffuse infiammazione caratterizzare tali condizioni.

Sebbene non siano molto diffusi, i medici trovano spesso difficili da diagnosticare le condizioni autoinfiammatorie. Ciò è problematico, poiché queste condizioni possono avere un forte impatto sul benessere e sulla qualità della vita di una persona.

Finora, i ricercatori hanno identificato solo una manciata di condizioni autoinfiammatorie . Includono la febbre mediterranea familiare , la sindrome da febbre periodica associata alla criopirina , la malattia di Still e la febbre periodica, la stomatite aftosa, la faringite e la sindrome dell’adenite (PFAPA) .

Di recente, tuttavia, un team di esperti dell’Università di Melbourne in Australia e del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda, MD, ha scoperto un’altra condizione autoinfiammatoria.

ricercatori l’hanno definita “sindrome autoinfiammatoria indotta da RIPK1 resistente alla scissione”. Spiegano come l’hanno scoperto e quello che pensano potrebbe essere il percorso verso un trattamento in un documento di studio sulla rivista Nature .

Una scoperta “notevole”
L’interesse dei ricercatori è stato suscitato quando i membri di tre diverse famiglie hanno cercato il trattamento per un misterioso disturbo autoinfiammatorio le cui caratteristiche principali erano stati di febbre e gonfiore dei linfonodi.

Questi individui hanno riferito di aver manifestato i sintomi per la prima volta durante l’infanzia, sebbene abbiano persistito fino all’età adulta.

Per cercare di scoprire cosa ha causato questa condizione autoinfiammatoria sconosciuta, i ricercatori hanno esaminato il DNA degli individui. I ricercatori hanno trovato la causa principale della condizione quando hanno analizzato gli esomi nei campioni di DNA dalle persone che avevano la sindrome CRIA. L’esoma fa parte del materiale genetico di una persona che codifica per le proteine.

Osservando i campioni, i ricercatori hanno fatto l’intrigante scoperta che tutte le persone che avevano la sindrome di CRIA avevano un gene RIPK1 mutante .

Un team di specialisti provenienti da Australia e Stati Uniti ha identificato una nuova condizione autoinfiammatoria nell’uomo. Capiscono anche cosa lo provoca, il che può aiutare i ricercatori a trovare un trattamento adeguato.

I ricercatori hanno identificato una nuova condizione autoinfiammatoria, che hanno chiamato sindrome CRIA.
Le condizioni autoimmuni si verificano quando la risposta immunitaria del corpo si attiva in modo anomalo. Quando ciò accade, si gira contro le cellule sane invece di reagire semplicemente ad agenti potenzialmente dannosi, come virus o batteri pericolosi, come dovrebbe.

Ricorrenti febbri con cause non chiare e diffuse infiammazione caratterizzare tali condizioni.

Sebbene non siano molto diffusi, i medici trovano spesso difficili da diagnosticare le condizioni autoinfiammatorie. Ciò è problematico, poiché queste condizioni possono avere un forte impatto sul benessere e sulla qualità della vita di una persona.

Finora, i ricercatori hanno identificato solo una manciata di condizioni autoinfiammatorie . Includono la febbre mediterranea familiare , la sindrome da febbre periodica associata alla criopirina , la malattia di Still e la febbre periodica, la stomatite aftosa, la faringite e la sindrome dell’adenite (PFAPA) .

Di recente, tuttavia, un team di esperti dell’Università di Melbourne in Australia e del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda, MD, ha scoperto un’altra condizione autoinfiammatoria.

I ricercatori l’hanno definita “sindrome autoinfiammatoria indotta da RIPK1 resistente alla scissione”. Spiegano come l’hanno scoperto e quello che pensano potrebbe essere il percorso verso un trattamento in un documento di studio sulla rivista Nature .

Una scoperta “notevole”
L’interesse dei ricercatori è stato suscitato quando i membri di tre diverse famiglie hanno cercato il trattamento per un misterioso disturbo autoinfiammatorio le cui caratteristiche principali erano stati di febbre e gonfiore dei linfonodi.

Questi individui hanno riferito di aver manifestato i sintomi per la prima volta durante l’infanzia, sebbene abbiano persistito fino all’età adulta.

Per cercare di scoprire cosa ha causato questa condizione autoinfiammatoria sconosciuta, i ricercatori hanno esaminato il DNA degli individui. I ricercatori hanno trovato la causa principale della condizione quando hanno analizzato gli esomi nei campioni di DNA dalle persone che avevano la sindrome CRIA. L’esoma fa parte del materiale genetico di una persona che codifica per le proteine.

Osservando i campioni, i ricercatori hanno fatto l’intrigante scoperta che tutte le persone che avevano la sindrome di CRIA avevano un gene RIPK1 mutante .

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi ogni giorno approfondimenti topografici sostenuti dalla scienza delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Questo gene codifica per la proteina specializzata (enzima) con lo stesso nome, che svolge un ruolo cruciale nella regolazione della morte cellulare programmata (necroptosi).

“I percorsi di morte cellulare hanno sviluppato una serie di meccanismi integrati che regolano i segnali infiammatori e la morte cellulare perché l’alternativa è così potenzialmente pericolosa”, spiega il dott. Najoua Lalaoui, uno dei principali ricercatori coinvolti in questo studio.

“Tuttavia, in questa malattia, la mutazione in RIPK1 sta superando tutti i normali controlli ed equilibri esistenti, con conseguente morte e infiammazione incontrollata delle cellule”, sottolinea.

La scoperta ha fornito la chiave per comprendere come si è sviluppata la condizione autoinfiammatoria appena scoperta, sottolinea un altro degli autori principali, il dottor Steven Boyden.

” Abbiamo sequenziato l’intero esoma di ciascun paziente e scoperto mutazioni uniche nello stesso identico amminoacido di RIPK1 in ciascuna delle tre famiglie. È notevole, come un fulmine che colpisce tre volte nello stesso posto. Ognuna delle tre mutazioni ha la stessa risultato – blocca la scissione di RIPK1 – che mostra quanto sia importante la scissione RIPK1 nel mantenere la normale funzione della cellula. “

Dr. Steven Boyden

Sulla buona strada per trovare un trattamento?
Sebbene la condizione sia un nuovo arrivato nella fase clinica e non abbia un trattamento apparente, gli specialisti che l’hanno scoperta sostengono che la risposta alla sindrome CRIA risiede probabilmente nella causa che la guida.

“Comprendere il meccanismo molecolare con cui la sindrome CRIA provoca l’infiammazione offre l’opportunità di arrivare alla radice del problema”, osserva l’autore co-leader Dr. Dan Kastner, che è uno dei principali specialisti in condizioni infiammatorie.

Il dott. Kastner spiega che lui e i suoi colleghi hanno già iniziato a cercare possibili modi per trattare questa condizione. In effetti, hanno già trattato alcune persone con sindrome di CRIA con farmaci anti-infiammatori, come corticosteroidi ad alto dosaggio e prodotti biologici.

Mentre alcune persone hanno mostrato miglioramenti significativi dopo il trattamento, altre non hanno migliorato o sperimentato effetti collaterali.

Ma i ricercatori rimangono fiduciosi che troveranno una terapia adeguata per tutti coloro che sono affetti dalla condizione appena scoperta.

“Gli inibitori di RIPK1 possono essere esattamente ciò che il medico ha ordinato per questi pazienti”, afferma il dott. Kastner. “La scoperta della sindrome di CRIA suggerisce anche un possibile ruolo per RIPK1 in un ampio spettro di malattie umane, come colite, artrite e psoriasi.”

E ci sono altre buone notizie: gli inibitori di RIPK1 sono già disponibili per i ricercatori, quindi i test in corso potrebbero essere in grado di perfezionare e perfezionare i trattamenti caso per caso.