Tag Archives: cancro

Puoi ammalarti di cancro alle tonsille?

Published by:

tonsille e cancro

Il cancro della tonsilla è un tipo di cancro orofaringeo. Questi tumori colpiscono la bocca e la gola.

I tumori orali e orofaringei , come il cancro alle tonsille , rientrano nella più ampia categoria dei tumori della testa e del collo.

L’infezione da papillomavirus umano (HPV) sembra aumentare il rischio e influenzare la prognosi del carcinoma tonsillare.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), il numero di casi di cancro alle tonsille sembra aumentare, probabilmente a causa di un aumento delle infezioni da HPV. Il NIH nota che fino al 93% delle persone in Europa occidentale con tumori della gola e della bocca di nuova diagnosi sono risultati positivi anche per l’HPV.

Le tonsille fanno parte del sistema immunitario. Aiutano a difendere il corpo da batteri e virus che entrano nella bocca e nella gola.

Come altri tumori, il carcinoma tonsillare ha maggiori probabilità di rispondere al trattamento che inizia presto. Ottenere una diagnosi precoce aumenta le possibilità di successo del trattamento e della guarigione.

Di seguito, descriviamo i sintomi, il trattamento e le prospettive del cancro delle tonsille.

Cos’è il cancro alle tonsille?
Il cancro della tonsilla inizia quando le cellule cancerose si sviluppano nelle tonsille. Può verificarsi nelle persone a cui sono state rimosse le tonsille, poiché alcuni tessuti tonsillari rimangono spesso dopo l’intervento chirurgico.

Bere alcol, fumare e avere l’HPV sembra aumentare il rischio.

Le tonsille siedono verso la parte posteriore della gola, una su entrambi i lati. Sono costituiti da tessuto linfoide, che contiene linfociti, cellule che combattono le malattie.

Le tonsille catturano e distruggono batteri e virus. Possono cambiare di dimensioni e spesso si gonfiano di sangue per aiutare a intrappolare i germi, come quando una persona ha il raffreddore.

Il cancro alla gola è un altro tipo di tumore orofaringeo. Ulteriori informazioni qui .

Sintomi
Alcune persone non notano alcun sintomo fino a quando il cancro alle tonsille non ha iniziato a diffondersi.

Quando si manifestano i sintomi, possono assomigliare a quelli di altre malattie, come mal di gola o tonsillite .

Ecco alcuni sintomi che possono indicare il cancro alle tonsille:

un mal di gola che dura per un lungo periodo di tempo
difficoltà a masticare o deglutire
una macchia bianca o rossa sulla tonsilla
una piaga sulla parte posteriore della gola
mal di orecchie persistente
difficoltà a consumare cibi e bevande citrici, come il succo d’arancia
un nodo al collo o alla gola
perdita di peso inspiegabile
sangue nella saliva
Consultare un medico se uno di questi sintomi dura per più di 2 settimane.
Cause e fattori di rischio
Numerosi fattori sembrano aumentare il rischio di cancro alle tonsille.

Secondo la American Head and Neck Society, i fattori di rischio includono:

Fattori ambientali : includono l’uso di prodotti del tabacco e un’elevata assunzione di alcol.

Virus : le persone con HPV o HIV possono avere un rischio più elevato di cancro alle tonsille.

Età e sesso : in passato, le persone che avevano ricevuto una diagnosi di cancro alle tonsille tendevano ad essere uomini e oltre 50 anni. Tuttavia, la relazione tra età e tumore alle tonsille può variare, in base allo stato di HPV. Tumori positivi all’HPV tendono ad apparire nelle persone con infezione che sono più giovani e non fumano.

Esiste un legame tra HPV e HIV? Scopri di più qui .
Diagnosi
Una biopsia può essere presa per diagnosticare il cancro delle tonsille.
Un medico chiederà a una persona di:

la loro storia medica
sintomi
eventuali fattori di rischio noti
Guarderanno la bocca e la gola e sentiranno grumi e quant’altro insolito.

Se il medico pensa che ci sia una possibilità di cancro alle tonsille, raccomanderà di consultare uno specialista. Lo specialista può eseguire altri test, tra cui:

Esami di laboratorio : gli esami del sangue e delle urine possono mostrare cambiamenti che possono indicare il cancro.

Laringoscopia : questo implica che il medico passi un tubo sottile contenente una luce e una telecamera in gola per cercare qualcosa di insolito.

Test di imaging : possono includere una TC, una risonanza magnetica , una scansione PET o una radiografia. Sono in grado di rilevare cambiamenti interni, compresi quelli che possono indicare che il cancro si è diffuso.

Biopsia : il medico prenderà una piccola quantità di tessuto da esaminare al microscopio. Questo è l’unico modo per confermare la presenza di cellule cancerose.

Se è presente il cancro, il medico dovrà valutare:

lo stadio del cancro o la parte del corpo che ha colpito
il suo tipo e grado, che può indicare la velocità con cui può crescere
Questa informazione aiuta i medici a determinare il miglior corso di trattamento.

fasi
Le fasi del carcinoma tonsillare sono:

Stadio 0 : si sono verificati cambiamenti nelle cellule che aumentano il rischio di diventare cancerosi. Queste sono cellule precancerose, ma non sono il cancro. Non si sono diffusi.

Localizzato : ci sono cellule cancerose nelle tonsille, ma non si sono diffuse. Il tumore è più piccolo di 2 centimetri (cm) di diametro in questa fase, che è anche chiamata fase 1 .

Regionale : il tumore si è diffuso ai tessuti vicini. Il tumore è più grande di 2 cm e può essere più largo di 4 cm. Potrebbe anche essersi diffuso a un linfonodo o all’epiglottide nelle vicinanze.

Distante : il tumore si è diffuso ad altre strutture, come la bocca o la mascella. Man mano che avanza, influenzerà altre parti del corpo, come i polmoni e il fegato.

Trattamento
Il trattamento per il carcinoma tonsillare dipende dallo stadio e dall’entità del tumore.

Chirurgia
Un chirurgo di solito rimuove le cellule precancerose o il tumore. Potrebbe essere necessario rimuovere le tonsille e il tessuto aggiuntivo attorno al tumore per ridurre il rischio di lasciare dietro il tessuto canceroso.

A seconda dell’entità del trattamento, una persona potrebbe aver bisogno di un ulteriore intervento chirurgico per ripristinare i denti, la voce e altre funzioni.

Radioterapia
Un medico può raccomandare questo per ridurre un tumore prima dell’intervento chirurgico o per aiutare a uccidere tutte le cellule cancerose rimanenti dopo l’operazione. La radioterapia può fermare la crescita di un tumore o distruggere le cellule cancerose.

Chemioterapia
Questo utilizza potenti farmaci per uccidere le cellule cancerose, rallentarne la diffusione o ridurre le dimensioni di un tumore per facilitarne la rimozione. Una persona può aver bisogno di chemioterapia insieme alla radioterapia per i tumori della bocca e della gola.

La chemioterapia uccide le cellule cancerose, ma danneggia anche le cellule sane. Per questo motivo, può avere gravi effetti collaterali.

Se la diagnosi si verifica in una fase successiva, un medico può raccomandare una combinazione di chemioterapia e radioterapia senza un ampio intervento chirurgico.

Terapia mirata
I farmaci emergenti possono colpire le cellule cancerose in modo preciso e selettivo. Per questo motivo, la terapia mirata può avere meno effetti collaterali rispetto alla chemioterapia.

complicazioni
A seconda dell’entità della procedura, l’intervento chirurgico in bocca e in gola può causare una serie di complicazioni.

Gli organi di questa regione sono responsabili delle funzioni chiave, tra cui respirazione, digestione e linguaggio. Una persona potrebbe aver bisogno di aiuto per eseguire queste funzioni dopo il trattamento.

Potrebbero essere necessari:

un tubo di alimentazione per fornire nutrizione
una tracheotomia, che comporta un foro nella parte anteriore della gola per consentire a una persona di respirare
impianti dentali
ricostruzione della mascella
chirurgia estetica
terapia del linguaggio e del linguaggio
consulenza dietetica e di altro tipo
Cure palliative
Una persona con carcinoma avanzato avrà bisogno di ulteriore supporto. Se la rimozione del tumore non è un’opzione e il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo, una persona riceverà cure palliative.

Il trattamento in questa fase si concentrerà sull’alleviamento dei sintomi e sul miglioramento della qualità della vita della persona. Comprenderà i farmaci antidolorifici.

Potrebbero anche essere disponibili consulenza e altri tipi di supporto
prospettiva
Il cancro della tonsilla è relativamente raro e vivere con una rara forma di cancro può essere una sfida. Comprendere cosa sta succedendo e cosa aspettarsi dal trattamento può rendere il processo più semplice.

I medici utilizzano le statistiche per calcolare la probabilità media che una persona sopravviva per 5 o più anni dopo una diagnosi di cancro.

Per il carcinoma tonsillare, il tasso di sopravvivenza sembra dipendere dallo stato HPV della persona. Di conseguenza, uno studio ha determinato i seguenti tassi di sopravvivenza a 5 anni complessivi per le persone con carcinoma tonsillare:

71% per le persone con carcinoma HPV positivo
36% per le persone con carcinoma HPV-negativo
Tuttavia, i fumatori sembrano avere una prognosi peggiore rispetto ai non fumatori, indipendentemente dal loro stato di HPV.

Altri fattori che influenzano le prospettive includono:

il tipo di tumore
l’età della persona
altre condizioni di salute
Chiunque nota un gonfiore persistente o altri cambiamenti all’interno o intorno alle tonsille dovrebbe consultare un medico. Trovare il cancro nelle sue fasi iniziali spesso significa che è più facile da curare. Ciò migliora le possibilità di recupero.

Prevenzione
Alcuni fattori di rischio per il cancro alle tonsille sono evitabili. Le persone possono ridurre il rischio:

smettere o evitare il fumo e l’uso del tabacco
limitare l’assunzione di alcol
avere una vaccinazione per proteggerli dall’HPV
I prodotti sviluppati per aiutare le persone a smettere di fumare sono disponibili per l’ acquisto online .

Mesotelioma: come può l’amianto farti star male?

Published by:

fibre di amianto e cancro

Il mesotelioma è un tumore aggressivo che di solito deriva dall’esposizione all’amianto. Colpisce le cellule mesoteliali, che si verificano nel rivestimento che copre la superficie esterna degli organi del corpo.

Il mesotelioma colpisce più comunemente la pleura, o il rivestimento dei polmoni, ma può anche apparire nel rivestimento del cuore e dell’addome.

È relativamente raro. Ogni anno ci sono circa 3.000 nuove diagnosi negli Stati Uniti.

Non esiste una cura per il mesotelioma, ma la terapia palliativa può migliorare la qualità della vita di una persona.

Che cos’è il mesotelioma?
Il mesotelioma è una forma aggressiva di cancro , il che significa che progredisce e si diffonde rapidamente.

Ce ne sono di tre tipi:

Mesotelioma pleurico: questa è la forma più comune. Colpisce la pleura, il rivestimento attorno ai polmoni.

Mesotelioma peritoneale: questa è la seconda forma più comune. Attacca il rivestimento dell’addome, chiamato peritoneo.

Mesotelioma pericardico: questa è la forma più rara. Colpisce lo strato protettivo del cuore, chiamato pericardio.

Dopo la diagnosi, il 55% delle persone sopravviverà per almeno altri 6 mesi, il 35% per un anno e il 9% per altri 5 anni o più. I tassi di sopravvivenza variano, tuttavia, tra i tipi.

La muffa può farti ammalare? Ulteriori informazioni qui .

Sintomi
In media, il mesotelioma impiega 30–45 anni per apparire.

Alcune persone manifestano sintomi dopo 10 anni, mentre altre rimangono asintomatiche per 50 anni. Il periodo di tempo dipenderà, in una certa misura, dall’intensità dell’esposizione all’amianto. Anche i fattori genetici e altri singoli possono svolgere un ruolo.

L’età media alla diagnosi del mesotelioma pleurico è di 72 anni .

I sintomi variano a seconda della parte del corpo interessata dalla malattia.

Mesotelioma pleurico

I sintomi del mesotelioma pleurico includono:

mancanza di respiro
tosse, spesso con dolore
perdita di peso improvvisa e inspiegabile
dolore sotto la gabbia toracica
grumi rilevabili sotto la pelle nella zona del torace
abbassare il mal di schiena
disagio nella parte del petto
esaurimento
sudorazione
febbre
difficoltà a deglutire
Mesotelioma peritoneale

Una persona con mesotelioma peritoneale può sperimentare:

perdita di peso inspiegabile
dolore addominale e gonfiore
grumi nell’addome
nausea e vomito
Mesotelioma pericardico

Il mesotelioma pericardico può causare:

bassa pressione sanguigna
mancanza di respiro
ritenzione di liquidi , o edema , spesso nelle gambe
palpitazioni
estrema fatica dopo uno sforzo leggero
dolore al petto

Le cause

Esiste un legame diretto tra mesotelioma ed esposizione all’amianto, una combinazione di sei minerali che comprende fibre lunghe e sottili.

L’amianto si riferisce a un gruppo di minerali che esistono come fibre o fasci. Queste fibre si trovano naturalmente nel terreno o nelle rocce in molte parti del mondo. L’amianto è costituito da silicio, ossigeno e alcuni altri elementi.

I prodotti che contengono amianto includono:

materiali da costruzione, inclusi rivestimenti, piastrelle per pavimenti, materiali per soffitti e tegole
prodotti di attrito, come parti di freni
tessuti resistenti al calore, imballaggi, rivestimenti e guarnizioni
In passato, i costruttori usavano spesso l’amianto per isolare prodotti ed edifici e renderli insonorizzati o ignifughi.

Quando una persona installa, ripara o demolisce i prodotti di amianto, le fibre possono essere trasportate dall’aria.

Le persone possono quindi inalarle o ingerirle e rimangono permanentemente alloggiate nei polmoni o nel tratto gastrointestinale. In alcuni casi, possono rimanere lì per decenni. Le particelle possono anche influenzare altri organi.

Nel tempo, il mesotelioma può svilupparsi da queste fibre.

Quanto è pericoloso respirare nella polvere? Scoprilo qui .

Chi è a rischio?
La probabilità di sviluppare mesotelioma dipende dall’entità dell’esposizione all’amianto di una persona. I fattori che svolgono un ruolo includono la durata dell’esposizione, la quantità inalata della persona e il tipo di fibra di amianto.

Le persone che svolgono lavori ad alta esposizione, come quelle che lavorano in cantieri, acciaierie o centrali elettriche, hanno il rischio più elevato di sviluppare la malattia.

Anche i familiari che non sono mai entrati in un ambiente ricco di amianto possono essere a rischio. Se un lavoratore porta accidentalmente a casa le fibre nei propri vestiti, altri membri della famiglia possono inalare queste particelle.

Le persone conoscono il legame tra amianto e cancro e altre malattie polmonari da oltre 60 anni. Ciononostante, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha stimato che circa 125 milioni di persone a livello globale avevano un’esposizione all’amianto al lavoro nel 2005.

Le normative nei paesi industrializzati hanno ridotto il rischio di esposizione all’amianto. Tuttavia, il suo uso rimane in gran parte non regolamentato in molte nazioni. Di conseguenza, un alto numero di persone è ancora a rischio.

Sebbene sia molto meno comune, il mesotelioma può anche svilupparsi in seguito all’esposizione alla radioterapia o come risultato della respirazione di silicati fibrosi, come l’erionite, la zeolite e il biossido di torio intrapleurico.

Diagnosi
Le persone spesso non presentano sintomi di mesotelioma fino alle fasi successive della malattia. Il medico chiederà alla persona la propria storia medica personale e familiare e condurrà un esame fisico.

Se il medico sospetta il mesotelioma, chiederà anche in merito a precedenti assunzioni e qualsiasi altra possibile esposizione all’amianto.

Le scansioni di imaging , come una radiografia o una TAC , possono aiutare nella diagnosi.

Biopsia
Una biopsia può confermare la diagnosi. Il medico prenderà un campione di tessuto dall’area interessata, che di solito è l’area toracica o addominale.

Una biopsia può mostrare se il cancro è presente e consentire a un medico di confermare che tipo e quanto è avanzato.

Cosa comporta una biopsia? Ulteriori informazioni qui .

messa in scena
Lo stadio del cancro si riferisce a quanto lontano si è diffuso.

Allo stadio 1 (localizzato) , il mesotelioma colpisce solo l’area da cui è iniziato, che di solito è il rivestimento attorno al polmone.

Nella fase 4 (distante) , si è diffuso ad organi distanti e colpisce tutto il corpo.

La maggior parte delle persone riceverà una diagnosi di mesotelioma in una fase avanzata.

Trattamento
Il trattamento dipenderà da diversi fattori, tra cui:

la posizione del cancro
il palco
l’età della persona e la salute generale
Il mesotelioma è generalmente aggressivo e la diagnosi tende a presentarsi in una fase avanzata. Per questo motivo, solo circa il 35% di coloro che ricevono una diagnosi sopravviverà un altro anno.

La chirurgia non è un’opzione in questa fase e trattamenti come la chemioterapia o le radiazioni possono innescare gravi effetti avversi.

A volte, l’unica opzione può essere quella di gestire il dolore della persona e mantenerla il più confortevole possibile.

Opzioni per il trattamento

A seconda dello stadio del mesotelioma, le opzioni di trattamento includono:

Chirurgia : la rimozione totale o parziale del tumore nelle fasi iniziali può rallentare la crescita del tumore e alleviare i sintomi. Se il chirurgo non può rimuovere l’intero tumore, può rimuoverne una parte per ridurne le dimensioni. A volte, un chirurgo rimuoverà il rivestimento attorno ai polmoni o alla cavità addominale per alleviare i sintomi. La persona potrebbe aver bisogno di un catetere dopo l’intervento chirurgico per drenare il fluido dai polmoni.

Chemioterapia : se un intervento chirurgico non è possibile, un medico può raccomandare la chemioterapia per ridurre le dimensioni di un tumore e rallentarne i progressi. La chemioterapia può ridurre un tumore prima dell’intervento chirurgico, facilitando la rimozione. Dopo l’intervento chirurgico, questo trattamento può aiutare a rimuovere eventuali cellule tumorali rimanenti.

Radioterapia : questo trattamento può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi in quelli con mesotelioma pleurico. A volte, può aiutare a prevenire la metastasi dopo una biopsia o un intervento chirurgico. Sono possibili varie combinazioni di trattamenti e singoli fattori determineranno l’opzione migliore. Un medico discuterà le scelte adeguate con l’individuo.

prospettiva
Il mesotelioma maligno è un tipo aggressivo di cancro ed è di solito pericoloso per la vita. Ci vuole anche molto tempo per apparire, quindi la diagnosi si verifica spesso quando il cancro è già avanzato.

Essere consapevoli dei pericoli dell’esposizione all’amianto può aiutare una persona a proteggere se stessa e la propria famiglia.

L’ Agenzia per la protezione ambientale (EPA) ha regole severe sull’uso e sullo smaltimento dell’amianto.

Chiunque abbia dubbi sul fatto che il proprio ambiente domestico o lavorativo possa esporli all’amianto può contattare l’EPA o la propria autorità sanitaria locale per scoprire quali azioni possono intraprendere.

Cancro: un antibiotico comune può rafforzare il sistema immunitario

Published by:

ultime notizie cancro e antibiotici

Una nuova ricerca sui topi ha scoperto che l’assunzione dell’antibiotico vancomicina prima di sottovalutare la radioterapia altera i batteri gram-positivi nell’intestino, potenziando così il sistema immunitario e migliorando l’effetto antitumorale del trattamento.


A livello globale, il cancro continua ad essere la seconda principale causa di morte, con circa9,6 milioni di Trusted Sourcedecessi registrati nel 2018.

Il carcinoma polmonare e il carcinoma mammario sono le forme più comuni di tumore e il carcinoma polmonare e il colon causano il maggior numero di decessi.

La radioterapia è una delle forme più comuni di terapia nella lotta contro il cancro.

In effetti, in giroFonte fidata al 50%delle persone sottoposti a radioterapia ad un certo punto durante il trattamento. Di solito, gli operatori sanitari amministrano la radioterapia in combinazione con la chemioterapia .

Alcuni ricercatori hanno scoperto che durante il trattamento dei tumori cerebrali, la somministrazione di radioterapia a dosi più elevate ma meno frequentemente può essere un modo più efficace di rafforzare il sistema immunitario nella lotta contro il cancro.

Inoltre, questo modo di somministrare la radioterapia – chiamata terapia ipofrazionata – innesca una reazione a catena immunologica che culmina nella distruzione di tumori distanti, non irradiati e localizzati. Questa lontana azione si chiama “effetto abscopal”.

Come spiegano gli autori del nuovo studio, la combinazione della radioterapia con l’immunoterapia ha suscitato molto interesse clinico di recente, poiché i ricercatori sperano di poter ottenere un effetto simile a quello abscopale trasformando un modo di trattare un tumore localmente in un modo di trattare sistematicamente.

Inoltre, studi precedenti hanno suggerito che i batteri intestinali mediano la risposta immunitaria.

Quindi, gli autori del nuovo articolo hanno deciso di esaminare se alterare o meno i batteri intestinali usando un antibiotico in grado di modulare gli effetti antitumorali della radioterapia.

Andrea Facciabene, Ph.D. – professore associato di oncologia delle radiazioni presso la Perelman School of Medicine dell’Università di Pennsylvania a Filadelfia – è il ricercatore senior dietro la nuova ricerca, i cui risultati appaiono nel Journal of Clinical Investigation .

L’antibiotico aumenta gli effetti della radioterapia
Facciabene e colleghi hanno scelto la vancomicina come antibiotico per interrompere i batteri intestinali dei topi perché innesca batteri gram-positivi e perché la sua azione è limitata all’intestino. Ciò significa che non influisce sul resto del microbioma del corpo.

I ricercatori hanno somministrato l’antibiotico per via orale ai topi che erano stati geneticamente modificati per sviluppare il cancro ai polmoni, il melanoma o il cancro cervicale . Dopo aver somministrato l’antibiotico, il team ha somministrato ai topi una terapia ipofrazionata.

Questi esperimenti hanno rivelato che la vancomicina ha migliorato gli effetti antitumorali della radioterapia. Ha aiutato il trattamento a uccidere non solo le cellule tumorali che prendeva di mira direttamente, ma anche le cellule tumorali distanti che erano più lontane nel corpo.

Ciò si è verificato migliorando la funzione delle cellule dendritiche. Queste cellule agiscono come ” sentinelle ” del sistema immunitario, dicendo alle cellule T che è presente un antigene e chiedendo loro di attaccarlo.

“Il nostro studio mostra che la vancomicina sembra aumentare l’effetto della stessa radiazione ipofrazionata sul sito del tumore bersaglio aiutando anche l’effetto abscopale, aiutando il sistema immunitario a combattere i tumori lontano dal sito di trattamento”, spiega Facciabene.

” Poiché la vancomicina è un agente clinico ampiamente utilizzato con un profilo relativamente sicuro, questi risultati aumentano il potenziale per l’utilizzo di questo antibiotico per migliorare gli effetti della [radioterapia] nelle [persone] con cancro”.

Andrea Facciabene et al.

È “chiaro […] che gli antibiotici svolgono un ruolo e possono potenzialmente avere un impatto sui trattamenti e sugli esiti per i malati di cancro”, aggiunge Facciabene. Gli scienziati stanno ora lavorando alla traduzione dei loro risultati in uno studio clinico di fase I sull’uomo.

“Sulla base dei nostri risultati”, concludono gli autori dello studio, “proponiamo l’uso della modulazione intestinale in modo specifico per il paziente al fine di tradurre gli effetti antitumorali locali della [radioterapia] in una risposta sistemica che può colpire la malattia metastatica”.

Gli scienziati hanno anche notato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno il ruolo di specifici ceppi batterici nel modulare la risposta immunitaria del corpo.

Studio sui batteri intestinali che possono causare il cancro intestinale

Published by:

cancro intestinale e batteri

Gli scienziati hanno identificato un certo tipo di batteri intestinali che possono aumentare il rischio di cancro intestinale fino al 15%.

Il metodo di ricerca utilizzato nel nuovo studio indica che questi batteri intestinali possono probabilmente svolgere un ruolo causale nello sviluppo di questa forma di cancro.


Oltre 100.000 nuovi casi di cancro al colon e oltre 44.000 nuovi casi di cancro del retto si saranno sviluppati negli Stati Uniti nel 2019, secondo l’American Cancer Society.

Il carcinoma del colon-retto , noto anche come carcinoma intestinale, è la terza causa di morte per cancro sia negli uomini che nelle donne. E, secondo il National Cancer Institute, circa il 4,2% degli uomini e delle donne ne riceverà una diagnosi ad un certo punto.

Sebbene i ricercatori medici non abbiano ancora svelato le cause del cancro intestinale, gli esperti riconoscono che alcuni fattori possono aumentare il rischio di una persona.

Essere in sovrappeso o obesi, non essere fisicamente attivi, fumare o mangiare molta carne rossa e cibi fritti sono alcuni fattori di rischio modificabili , cioè fattori che si possono cambiare facendo scelte di vita più salutari.

Avere più di 50 anni e avere una storia personale o familiare di cancro intestinale, polipi del colon-retto o malattia infiammatoria intestinale può anche influenzare il rischio.

Una nuova ricerca aggiunge un elemento all’elenco dei fattori di rischio: i batteri intestinali. In effetti, il nuovo studio va oltre la semplice ricerca di associazioni e suggerisce che alcuni batteri nelle nostre viscere possono causare il cancro del colon-retto.

Kaitlin Wade, Ph.D., dell’Università di Bristol, nel Regno Unito, è l’autore principale della nuova ricerca, che ha presentato alla Conferenza sul cancro del National Cancer Research Institute a Glasgow.


In cerca di causalità


Wade e il team hanno esaminato i dati di 3.890 persone che avevano partecipato a uno qualsiasi dei tre studi sull’associazione a livello del genoma: il Flemish Gut Flora Project, lo studio tedesco Food Chain Plus e lo studio PopGen.

Inoltre, il team ha analizzato i dati di 120.328 persone nel consorzio internazionale di genetica ed epidemiologia del cancro del colon-retto.

Gli studi di associazione a livello del genoma confrontano i genomi per cercare variazioni nei genomi delle persone che hanno una certa condizione.


Tuttavia, gli autori del presente studio desideravano andare oltre lo studio della semplice associazione. “Molti studi su topi e umani hanno mostrato un’associazione tra il microbioma intestinale e il cancro intestinale”, spiega Wade, “ma pochissimi hanno fornito prove convincenti della causalità”.

“In altre parole, è davvero difficile capire se i componenti del microbioma intestinale possono causare il cancro intestinale, se la malattia stessa porta a una variazione del microbioma intestinale o se l’associazione è dovuta ad alcuni altri fattori che causano la variazione in entrambi.”

Kaitlin Wade, Ph.D.
Per ovviare a questo, i ricercatori hanno applicato la randomizzazione mendeliana, un metodo statistico complesso che analizza i dati provenienti da grandi campioni di popolazione per trovare prove che suggeriscano la causa piuttosto che la correlazione.

La randomizzazione mendeliana “utilizza la variazione genetica come esperimento naturale” per esaminare le relazioni causali tra fattori di rischio e risultati sulla salute nei dati osservativi.

Wade spiega: “Con la randomizzazione mendeliana, utilizziamo le variazioni genetiche naturali ereditate casualmente delle persone, che alterano i livelli di batteri all’interno del microbioma intestinale, in modo da imitare uno studio randomizzato”.

Ciò consente ai ricercatori di analizzare se quelli con una diversa composizione genetica e un microbioma intestinale “hanno un diverso rischio di cancro del colon-retto”.

“In questo modo, non dobbiamo modificare direttamente il microbioma intestinale somministrando antibiotici o probiotici in uno studio randomizzato o perdendo tempo in attesa di vedere se le persone nella popolazione hanno il cancro del colon-retto. Abbiamo solo bisogno di studi che abbiano già queste informazioni misurato “, spiega.

La randomizzazione mendeliana è anche meno soggetta a pregiudizi, come fattori di confondimento e causalità inversa.


Il gruppo batterico può causare il cancro intestinale


Lo studio ha rivelato che “un tipo non classificato di batteri di un gruppo batterico chiamato Bacteroidales ha aumentato il rischio di cancro intestinale del 2-15%”, riferisce Wade.

“Siamo stati in grado di utilizzare la randomizzazione mendeliana per comprendere il ruolo causale che questi batteri possono avere sulla malattia”, afferma.

“Inostri risultati supportano studi precedenti che hanno dimostrato che i batteri Bacteroidales hanno maggiori probabilità di essere presenti, e in quantità maggiori, in soggetti con carcinoma intestinale, rispetto a quelli senza la malattia”.

Kaitlin Wade, Ph.D.
Tuttavia, spiega Wade, sono necessarie molte più ricerche prima di poter trarre conclusioni più solide.

Ad esempio, i ricercatori “devono classificare le specie esatte o il ceppo di batteri nel gruppo Bacteroidales e […] fare più lavoro per capire come e perché la variazione genetica umana può alterare il microbioma intestinale”.

Inoltre, aggiunge lo scienziato, anche se ulteriori studi rafforzano la conclusione che questi batteri fanno provocare il cancro del colon, i ricercatori avrebbero ancora bisogno di indagare su ciò che effetti che interferiscono con questi batteri potrebbero avere su altri risultati di salute.

Il fumo di sigaretta può “innescare le cellule polmonari” per sviluppare il cancro

Published by:

cancro e fumo, correlazioni

Una nuova ricerca ha rivelato come l’esposizione a lungo termine al fumo di sigaretta possa alterare le cellule polmonari in modo da renderle sensibili ai fattori genetici scatenanti del cancro.

Nella rivista Cancer Cell , gli scienziati del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center di Baltimora, MD, descrivono come hanno usato esperimenti di laboratorio a livello cellulare per mappare una serie di eventi “epigenetici” che, nel tempo, potrebbero collegare l’esposizione al fumo di sigaretta ai polmoni il cancro .

Il carcinoma polmonare è una malattia in cui le cellule anomale nei polmoni crescono senza controllo e formano tumori. È il tumore più comune in tutto il mondo e ha rappresentato 1,8 milioni dei 14,1 milioni di casi stimati di cancro nel 2012, che è l’ultimo anno per le statistiche globali.

Il fumo di sigaretta è la principale causa di cancro ai polmoni e rappresenta l’85 percento di tutti i tipi.

Negli Stati Uniti, il cancro polmonare è stato responsabile del 27% di tutti i decessi per cancro nel 2011. Tuttavia, dopo essere aumentato per decenni, i tassi di cancro ai polmoni negli Stati Uniti stanno ora diminuendo, in linea con la riduzione dei tassi di fumo di sigaretta.

Il nuovo studio riguarda l’epigenetica, ovvero fattori diversi dal nostro DNA (come l’ambiente) che possono alterare il modo in cui i nostri geni si comportano. Ad esempio, i cambiamenti epigenetici possono “accendere e spegnere i geni” e decidere quali proteine ​​sono prodotte nelle cellule.


Cambiamenti epigenetici e cancro


I cambiamenti epigenetici assumono varie forme, una delle quali è la metilazione – o l’aggiunta chimica di piccoli gruppi metilici all’inizio del codice del DNA di un gene. Ciò comporta spesso la disattivazione o il “silenziamento” del gene.

Nel loro studio , gli autori spiegano che gli scienziati ora comprendono il cancro come un “processo complesso che coinvolge anomalie sia genetiche che epigenetiche” che può essere provocato “attraverso varie forme di stress “, come l’esposizione al fumo di sigaretta.

Tuttavia, notano che ciò che è meno compreso è come specifici cambiamenti epigenetici potrebbero alterare i geni chiave e la loro segnalazione e come ciò, a sua volta, si colleghi alla formazione del tumore nel carcinoma polmonare.

Per il loro studio, i ricercatori hanno sviluppato cellule bronchiali umane – il tipo di cellula che riveste le vie respiratorie dei polmoni – in laboratorio e le hanno bagnate con una forma liquida di fumo di sigaretta ogni giorno per 15 mesi.

Notano che bagnare le cellule in questo modo per questo periodo di tempo equivale a fumare da uno a due pacchetti di sigarette al giorno per 20-30 anni.

Danno e metilazione del DNA


Il team ha scoperto che dopo 10 giorni, le cellule esposte al fumo hanno mostrato maggiori quantità di danno al DNA rispetto alle cellule che non erano state esposte al fumo di sigaretta simulato.

Il danno al DNA era il tipo che si verifica in risposta a specie reattive dell’ossigeno, o radicali liberi, che sono composti contenenti ossigeno che sono noti per essere presenti nel fumo di sigaretta.

Nel periodo tra 10 giorni e 3 mesi di esposizione al fumo di sigaretta, le cellule hanno mostrato un aumento da due a quattro volte dei livelli di EZH2, che è un ormone che silenzia i geni. Precedenti lavori avevano dimostrato che questo ormone può essere un precursore di un’anormale metilazione del DNA.

Dopo il punto di 3 mesi, l’EZH2 si è stabilizzato e c’è stato un aumento da due a tre volte del DNMT1, che è un enzima che mantiene la metilazione del DNA in una varietà di geni noti come geni soppressori del tumore , che normalmente bloccano la formazione del tumore.

L’enzima stava mantenendo la metilazione del DNA nella posizione iniziale dei geni, silenziando efficacemente i geni e impedendo loro di impedire la crescita incontrollata delle cellule.

Nel periodo tra 3 e 6 mesi di esposizione al fumo di sigaretta, i livelli di EZH2 e DNMT1 sono diminuiti, ma il loro effetto sulla metilazione del DNA era ancora presente a 10 e 15 mesi.

I ricercatori hanno trovato prove di ridotta espressione in centinaia di geni, inclusi BMP3, SFRP2 e GATA4 e altri geni chiave per la soppressione del tumore.

Hanno anche riscontrato un aumento significativo – cinque o più volte – dei segnali relativi a un gene cancerogeno chiamato KRAS, mutazioni in cui si riscontrano tumori correlati al fumo.


Il tempismo dell’epigenetica può essere importante


I ricercatori osservano che non hanno trovato mutazioni o cambiamenti nel DNA sottostante nel KRAS o nei geni soppressori del tumore. Ritengono che se i geni del soppressore tumorale non fossero stati messi a tacere dall’esposizione al fumo, avrebbero potuto essere normalmente attivati ​​e arrestare l’aumento dei segnali KRAS.

Il team suggerisce che la tempistica degli eventi osservati nella sequenza in corso potrebbe essere vitale. Quando hanno inserito mutazioni nel gene KRAS nelle cellule esposte al fumo. Sono diventate cancerose solo se l’inserzione è avvenuta dopo che la metilazione era stata completamente stabilita. Cioè dopo 15 mesi di esposizione al fumo di sigaretta. Ciò non è accaduto dopo soli 6 mesi di esposizione.

Notano che ciò implica che le cellule delle vie aeree diventano sempre più sensibili alle mutazioni che innescano il cancro. Perché i cambiamenti epigenetici causati dall’esposizione al fumo di sigaretta “si accumulano nel tempo”.

Forse smettere di fumare può ridurre il rischio di cancro ai polmoni nei fumatori riducendo i livelli di metilazione del DNA, afferma il team.

Quando hanno analizzato i risultati di studi precedenti, hanno scoperto che i fumatori che non avevano toccato una sigaretta per 10 anni. Svevano livelli più bassi rispetto ai fumatori attuali del tipo di metilazione del DNA che avevano identificato nel nuovo studio.


Un’altra implicazione dello studio è che i farmaci di demetilazione possono aiutare a ridurre il rischio di cancro ai polmoni nelle persone a rischio più elevato. Ad esempio, i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per le prime forme di cancro.

Il team osserva che alcuni farmaci per la demetilazione sono già in fase di sperimentazione clinica, ad esempio come trattamento per una condizione pre-leucemia.

I ricercatori ritengono che i loro risultati rappresentino un passo verso la comprensione di come il fumo di sigaretta. Possa influenzare il rischio di cancro ai polmoni attraverso l’epigenetica.

Desiderano sottolineare che, poiché il loro lavoro è stato limitato al laboratorio. Ciò non significa che ciò che hanno scoperto accade necessariamente nelle persone che fumano.

“Ilnostro studio suggerisce che i cambiamenti epigenetici nelle cellule trattate con fumo di sigaretta. Tutto ciò sensibilizza le cellule delle vie aeree a mutazioni genetiche note per causare il cancro ai polmoni.”

Prof. Stephen Baylin, Johns Hopkins Kimmel Cancer Center

Cipolle e aglio possono proteggere dal cancro al seno

Published by:

prevenzione cancro al seno : focus su cipolle e aglio

Una nuova ricerca esamina il consumo di cipolla e aglio tra le donne di Puerto Rico e suggerisce che le verdure possono ridurre significativamente il rischio di cancro al seno.

Mangiare più cipolle e aglio potrebbe tenere a bada il cancro al seno.
Cipolle e aglio fanno parte del genere allium, insieme a porri, erba cipollina e centinaia di altre specie.

Ricchi di sapore, con un calcio forte e pungente, queste verdure “esuberanti” possono anche essere in grado di combattere malattie , come diabete , malattie cardiache e cancro , secondo prove emergenti.

Per quanto riguarda il cancro, diversi studi hanno esplorato in modo specifico i collegamenti tra il consumo di cipolla e aglio e il rischio di tumori del colon-retto, dello stomaco e della prostata .

Complessivamente, questi studi hanno scoperto che più di queste verdure consumano, minore è il rischio di sviluppare questi tumori.

Tuttavia, ricerche meno approfondite sono entrate nel collegamento con il cancro al seno , affermano i ricercatori guidati da Gauri Desai, dottorando in epidemiologia all’Università di Buffalo (UB), parte della State University di New York.

Quindi, Desai e il team hanno iniziato a indagare ulteriormente su questo argomento, guardando una popolazione di donne a Puerto Rico. Le ragioni per scegliere questa popolazione erano duplici. In primo luogo, “Puerto Rico ha tassi di cancro al seno più bassi, rispetto alla terraferma [Stati Uniti], che lo rende una popolazione importante da studiare”, spiega Desai.

In secondo luogo, un condimento chiamato “sofrito”, che consiste in gran parte di aglio e cipolla, è una salsa portoricana tradizionale che viene ampiamente consumata in tutta l’isola.

I ricercatori hanno pubblicato i risultati delle loro scoperte sulla rivista Nutrition and Cancer .


Studiare cipolle, aglio e rischio di cancro


Desai e il team hanno utilizzato i registri di ospedali e cliniche per identificare 314 donne di età compresa tra 30 e 79 anni che avevano un tumore al seno tra il 2008 e il 2014. I ricercatori hanno anche incluso 346 partecipanti al controllo che erano stati abbinati in base all’età e alla zona residenziale.

I partecipanti al controllo non presentavano anamnesi di cancro, a parte il carcinoma cutaneo non melanoma . I ricercatori hanno utilizzato un questionario sulla frequenza alimentare per indagare sui modelli dietetici e sull’assunzione totale di cipolla e aglio, che includeva il consumo di sofrito.

Il team ha utilizzato la regressione logistica incondizionata per esaminare l’associazione tra l’assunzione di cipolla e aglio e l’insorgenza del cancro al seno, adattandosi a fattori quali età, istruzione, storia familiare, indice di massa corporea, stato di fumo e altri.

Sofrito legato al 67% di rischio di cancro al seno più basso
I ricercatori hanno trovato un’associazione inversa tra il consumo totale medio-alto di cipolla e aglio e i casi di cancro al seno, rispetto al basso consumo di queste verdure.

I loro risultati sono stati coerenti dopo che i ricercatori hanno stratificato i risultati in base allo stato della menopausa, suggerendo che “Il consumo elevato di cipolla e aglio è protettivo contro il cancro al seno nella popolazione [studiata]”.

In particolare, gli autori scrivono: “L’assunzione di Sofrito, se esaminata da sola, era inversamente associata al cancro al seno; per coloro che consumavano sofrito più di una volta al giorno, c’era un calo del rischio del 67%, rispetto ai consumatori mai”.

“Abbiamo scoperto che tra le donne portoricane, l’assunzione combinata di cipolla e aglio, così come il sofrito, era associata a un ridotto rischio di cancro al seno”.

Gauri Desai
“Studiare le donne portoricane che consumano molte cipolle e aglio come sofrito era unico”, aggiunge Desai, riferendosi a un punto di forza della ricerca.

Perché le cipolle, l’aglio potrebbero ridurre il rischio di cancro?


La coautrice dello studio Jo Freudenheim, Ph.D., cattedra di epidemiologia e salute ambientale presso UB. Commenta anche l’unicità dello studio, dicendo: “Esistono pochissime ricerche sul cancro al seno a Puerto Rico”.

“Questo studio è stato una collaborazione tra i miei colleghi qui alla UB e all’Università di Puerto Rico per aiutarci a capire perché i tassi sono inferiori rispetto al resto degli Stati Uniti e perché i tassi continuano ad aumentare, mentre stanno diminuendo il resto degli [US]. “

Sebbene lo studio sia stato osservativo e non possa spiegare i meccanismi alla base dei risultati. I ricercatori sospettano che i flavonoli e i composti organosulfur abbondanti in cipolle e aglio possano essere responsabili degli effetti antitumorali.

In particolare, la S-allilcisteina, diallil disolfuro e diallil solfuro nell’aglio e l’alchilen-cisteina solfossidi nelle cipolle hanno mostrato “proprietà anticarcinogene negli esseri umani. Nonché in studi su animali sperimentali”, afferma la dott.ssa Lina Mu, professore associato di epidemiologia e salute ambientale presso UB e autore senior dello studio.

Alcuni limiti di studio


Tuttavia, gli autori riconoscono anche alcune limitazioni alla loro ricerca. Ad esempio, scrivono: “La dimensione dello studio era piccola, in particolare per le analisi stratificate sullo stato della menopausa”.

In secondo luogo, il numero di persone che non avevano mai consumato aglio o cipolla era troppo piccolo per essere utilizzato come gruppo di riferimento. Pertanto, il gruppo a bassa esposizione consumava ancora un po ‘di cipolla e aglio.

Per questo motivo, affermano i ricercatori, i risultati “potrebbero aver sottostimato la vera associazione tra assunzione di aglio e cipolla e cancro al seno”.

“Inoltre, non esiste una ricetta standardizzata per il sofrito. Un condimento che è spesso fatto in casa e quindi varia almeno un po ‘nella ricetta da persona a persona”, aggiungono gli autori. “Quindi, non siamo stati in grado di stimare la quantità di cipolla e aglio nel sofrito.”

“Anche se la ricetta del sofrito varia in una certa misura, di solito vengono aggiunti altri ingredienti, come peperoni, pomodori, coriandolo e pepe nero. Dato che non abbiamo modificato i nostri modelli per questi ingredienti. Non possiamo essere sicuri che i nostri risultati fossero dovuti al solo effetto di cipolle e aglio “.

Una nuova terapia a rilascio singolo potrebbe combattere molte forme di cancro

Published by:

immunoterapia e cancro

Utilizzando modelli murini, i ricercatori dell’Università della California di Los Angeles hanno sviluppato una terapia sperimentale che aumenta i livelli di un tipo di cellula immunitaria che sembra in grado di combattere diverse forme di cancro.


Le cellule invarianti di killer naturali (iNKT) sono un tipo di potente cellula immunitaria in grado di combattere molti “intrusi” diversi tra cui le cellule tumorali.

I corpi umani contengono relativamente poche di queste cellule, limitando quanto possono contribuire a sopprimere la crescita tumorale . Tuttavia, la loro potenza li rende candidati ideali per l’immunoterapia antitumorale innovativa.

E questo è esattamente ciò che un team di ricercatori dell’Università della California di Los Angeles (UCLA) ha deciso di fare. Utilizzando modelli murini di diverse forme di cancro, gli scienziati hanno testato una nuova terapia che aumenta il potenziale delle cellule iNKT.

I ricercatori hanno dettagliato i loro esperimenti in un documento di studio che ora appare nella rivista Cell Stem Cell .

“Lacosa veramente eccitante è che possiamo dare questo trattamento solo una volta, e aumenta il numero di cellule iNKT a livelli che possono combattere il cancro per la vita dell’animale.”

senior autore Lili Yang, Ph.D.

Nuova terapia è efficace in modelli in vitro


Nel documento studio, i ricercatori spiegano che ciò che rende queste cellule immunitarie speciale è che – a differenza di altre cellule del sistema immunitario – che “hanno la notevole capacità di rivolgersi a più tipi di cancro” in una sola volta.

Guardando a precedenti studi clinici, i ricercatori hanno anche scoperto che le persone con il cancro che hanno naturalmente i livelli più elevati di cellule iNKT tendono a vivere più a lungo di coetanei con livelli più bassi.

“Sono cellule molto potenti, ma sono naturalmente presenti in tali piccoli numeri nel sangue umano che di solito non possono fare la differenza terapeutico”, spiega Yang.

Attraverso i loro recenti esperimenti, i ricercatori hanno voluto creare una forma di terapia che stimolasse il corpo a produrre più cellule iNKT su base permanente. Il team sperava di trovare una terapia “a parto singolo”, per così dire.


Per fare ciò, gli scienziati hanno ingegnerizzato geneticamente una forma di cellule staminali – cellule staminali ematopoietiche dal midollo osseo – per svilupparle in cellule iNKT. Hanno chiamato le cellule risultanti “cellule T killer naturali invarianti ingegnerizzate da cellule staminali ematopoietiche” (HSC-iNKT).

Quindi, per vedere se le cellule funzionavano come previsto, i ricercatori hanno testato cellule HSC-iNKT nei topi a cui avevano trasferito sia il midollo osseo umano che i tumori di origine umana, tra cui il mieloma multiplo (una forma di tumore del sangue) e il melanoma ( tumori solidi).

Il team ha scoperto che l’esperimento ha avuto successo: le cellule HSC-iNKT sono state in grado di differenziare e formare cellule iNKT e questo processo è continuato per il resto della vita dei roditori. Non solo, ma i topi che avevano trattato presentavano anche un’efficace soppressione della crescita tumorale sia del mieloma multiplo che del melanoma.

“Un vantaggio di questo approccio è che si tratta di una terapia cellulare monouso che può fornire ai pazienti un approvvigionamento permanente di cellule iNKT”, afferma Yang.

I ricercatori hanno anche specificato che le cellule iNKT rappresentavano il 60% della conta totale delle cellule T nei topi sottoposti alla terapia HSC-iNKT rispetto ai topi di controllo, che rappresenta un aumento significativo.

Inoltre, i ricercatori affermano di poter controllare quante cellule iNKT producono i topi semplicemente modificando la programmazione delle cellule HSC-iNKT.

Sebbene questo trattamento sia, finora, solo a livello di ricerca preclinica, e non è chiaro se questo stesso processo sarebbe altrettanto efficace nell’uomo, gli investigatori dell’UCLA ritengono che la premessa sia promettente.

Tanto più che fanno notare, dal momento che la procedura per il trapianto di cellule staminali nel midollo osseo nell’uomo è già in atto e i medici la usano per altri interventi terapeutici.

Mangiare funghi potrebbe ridurre il rischio di cancro alla prostata

Published by:

prevenzione cancro alla prostata e funghi

Nel primo studio nel suo genere, i ricercatori giapponesi hanno trovato un’associazione tra il consumo di funghi e un ridotto rischio di cancro alla prostata. Sebbene la dimensione dell’effetto sia relativamente piccola, i risultati potrebbero ispirare ulteriori indagini.

Una nuova ricerca suggerisce che mangiare regolarmente funghi può ridurre il rischio di una persona di cancro alla prostata.
Il National Cancer Institute prevede che ci saranno 174.650 nuovi casi di cancro alla prostata negli Stati Uniti nel 2019.

Sebbene il trattamento per questo tipo di cancro stia continuamente migliorando, non esiste una cura né un modo per prevenirlo.

Tuttavia, l’evidenza suggerisce che mangiare in modo sano potrebbe ridurre il rischio.

Se gli scienziati sono in grado di identificare semplici interventi dietetici in grado di ridurre questo rischio, anche di una piccola quantità, potrebbe fare una differenza sostanziale a livello globale.

I ricercatori hanno recentemente condotto uno studio sui funghi, pubblicando i loro risultati sull’International Journal of Cancer .
Perché i funghi
I funghi sono un alimento relativamente poco costoso e ampiamente consumato in tutto il mondo. Negli ultimi anni, gli studi hanno iniziato a identificare le loro potenziali capacità di combattere le malattie.

Una recensione del 2012 afferma che alcuni composti nei funghi hanno proprietà antitumorali, antinfiammatorie e antidiabetiche, tra gli altri.

Più specificamente, studi condotti su cellule coltivate e modelli animali hanno scoperto che gli estratti di alcune specie di funghi possono rallentare la crescita tumorale .

Secondo gli autori del recente articolo, solo un precedente processo umano ha studiato funghi e cancro alla prostata. Lo studio precedente ha testato funghi di bottone bianchi in polvere in uomini con carcinoma prostatico ricorrente.

Il team ha scoperto che per alcuni dei partecipanti, l’estratto di funghi riduceva i livelli di antigene prostatico specifico (PSA) – il biomarcatore primario per il cancro alla prostata – e aumentava la risposta immunitaria del corpo al cancro.

Lo studio più recente è il primo a esaminare la relazione tra consumo di funghi e incidenza del cancro alla prostata all’interno di una popolazione.

Raccolta dati
Per indagare, i ricercatori hanno preso i dati dallo studio di coorte Miyagi e dallo studio di coorte Ohsaki. In totale, hanno avuto accesso ai dati di 36.499 uomini giapponesi di età compresa tra 40 e 79 anni. Hanno seguito questi individui per una mediana di 13,2 anni.

Gli scienziati hanno utilizzato questionari per acquisire informazioni su dieta, anamnesi, livelli di attività fisica, stato di fumo, abitudini di consumo, livelli di istruzione e altro ancora.

Hanno quindi assegnato ciascun partecipante a uno dei cinque gruppi in base al consumo di funghi:

quasi mai: il 6,9% dei partecipanti
una o due volte al mese: 36,8%
una o due volte a settimana: 36,0%
tre o quattro volte a settimana: 15,7%
quasi ogni giorno: 4,6%
Durante il periodo di follow-up, ci sono stati 1.204 casi di cancro alla prostata, pari al 3,3% dei partecipanti.
L’effetto fungo
Dopo aver controllato le variabili confondenti, i ricercatori hanno osservato un effetto benefico significativo:

Rispetto a quelli che mangiavano funghi meno di una volta alla settimana, quelli che mangiavano funghi una o due volte a settimana presentavano un rischio relativo inferiore dell’8% di cancro alla prostata. Coloro che mangiavano funghi tre o più volte alla settimana avevano un rischio relativo inferiore del 17%.

Gli autori concludono:

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio di coorte che indica il potenziale di prevenzione del cancro alla prostata dei funghi a livello di popolazione.”

Questa relazione era significativa anche dopo aver controllato una serie di fattori, tra cui la storia familiare di cancro, l’uso di alcol e tabacco e l’ assunzione di caffè .
È importante sottolineare che hanno anche adeguato le loro analisi per la quantità di energia, carne, frutta, verdura e latticini consumati da ciascun partecipante, in altre parole, la riduzione del rischio non è stata, ad esempio, perché i partecipanti che hanno mangiato più funghi hanno mangiato di più verdure.

Tuttavia, vale la pena notare che l’aumento dell’incidenza del cancro alla prostata tra coloro che mangiano il minor numero di funghi e quelli che mangiano di più è solo dello 0,31% (3,42% rispetto al 3,11%, rispettivamente).

Inoltre, l’effetto è stato significativo solo negli uomini di età superiore ai 50 anni. Gli autori ritengono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il cancro alla prostata è molto più raro negli uomini più giovani.

Limitazioni e domande
Ci sono alcune limitazioni allo studio. In primo luogo, l’uso di informazioni dietetiche autoportanti non è l’ideale perché è aperto a errori e dichiarazioni erronee. Tuttavia, con uno studio di queste dimensioni, non esiste alternativa praticabile.

Analogamente, il team ha registrato le informazioni dietetiche solo una volta, all’inizio dello studio. In un decennio, la dieta di una persona può cambiare radicalmente.

Inoltre, come osserva l’autore principale Shu Zhang, Ph.D., “Poiché non sono state raccolte informazioni sulle specie di funghi, è difficile sapere quali funghi specifici hanno contribuito alle nostre scoperte”.

Naturalmente, poiché lo studio è stato osservativo, gli autori non possono concludere definitivamente che i funghi hanno causato la riduzione del rischio di cancro. Nonostante il controllo di molte variabili, è ancora possibile che un fattore non misurato abbia influenzato i risultati.

Sebbene non abbiano progettato la ricerca per scoprire come i funghi potrebbero proteggere dal cancro, gli autori ritengono che questo effetto potrebbe essere dovuto ai loro antiossidanti . Ad esempio, alcuni funghi contengono L-ergothioneine e glutatione, entrambi potenti antiossidanti.

Nel complesso, gli autori concludono che “l’assunzione abituale di funghi potrebbe aiutare a ridurre il rischio di cancro alla prostata. Ulteriori studi in altre popolazioni e contesti sono necessari per confermare questa relazione”.

Quali trattamenti naturali possono aiutare le persone con il cancro al seno?

Published by:

cancro al seno cure naturali

La terapia standard per il cancro al seno può includere chirurgia, chemioterapia e radioterapia. I trattamenti naturali possono anche aiutare le persone a gestire i sintomi del cancro al seno e gli effetti collaterali dei farmaci, nonché a rafforzare le difese del corpo.
Molte persone ritengono che l’utilizzo di terapie naturali e complementari aiuta a promuovere una salute generale migliore e li fa sentire che sono proattivi nel trattamento del cancro .

Tuttavia, mentre i trattamenti naturali possono aiutare a sostenere la terapia standard per il cancro al seno , non possono sostituirlo. Le persone che considerano l’uso di questi trattamenti dovrebbero parlare con il proprio medico in anticipo.

In questo articolo, esploriamo alcune delle terapie naturali e complementari per le persone sottoposte a trattamento per il cancro al seno. Copriamo anche le opzioni di trattamento medico.

Agopuntura
L’agopuntura ha le sue radici nella medicina tradizionale cinese e può aiutare una persona a gestire i sintomi e gli effetti collaterali che possono causare i trattamenti standard per il cancro al seno.

L’agopuntura consiste nel posizionare delicatamente gli aghi molto sottili in specifici punti di pressione nella pelle. Secondo il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH) , gli studi suggeriscono che questo processo può stimolare il cervello e il sistema nervoso per aiutare a ridurre il dolore.

Il National Cancer Institute cita alcuni studi clinici che suggeriscono che l’agopuntura può aiutare ad alleviare la nausea e il vomito derivanti da trattamenti di chemioterapia . Notano anche che prove limitate indicano che l’agopuntura può anche aiutare a ridurre il dolore da cancro in alcune persone.

Chiunque sia curioso di sapere se l’agopuntura potrebbe essere utile dovrebbe parlare con il proprio medico.

Terapia di massaggio
La massoterapia è il processo di stimolazione manuale dei tessuti della pelle e dei muscoli. Molte persone dicono che aiuta a favorire il rilassamento e può anche aiutare ad alleviare il dolore e l’ ansia , ma le prove scientifiche a sostegno di queste affermazioni sono limitate.

Nonostante questo, le linee guida NCCIH per i medici raccomandano la terapia di massaggio come uno dei diversi approcci che possono aiutare a migliorare la qualità della vita di una persona e alleviare:

stress
ansia
fatica
depressione
Tuttavia, è essenziale vedere un massaggiatore che capisce le esigenze uniche di qualcuno sottoposto a trattamento del cancro.

Tai chi e qi gong
Tai chi e qi gong sono due esercizi basati sul movimento che hanno avuto origine in Cina. Entrambe le pratiche mirano a spostare e bilanciare le energie naturali all’interno del corpo e porre una forte attenzione alla respirazione e alla meditazione.

Queste pratiche possono aiutare a ridurre lo stress e il dolore e migliorare la mobilità e la salute mentale . Molte persone trovano anche tai chi e qi gong utili durante il trattamento del cancro.

Secondo l’ NCCIH , le ricerche indicano che praticare il tai chi può migliorare l’umore e la qualità della vita nelle persone affette da cancro. Tuttavia, i ricercatori hanno effettuato meno studi sui benefici del qi gong.

Biofeedback
Il biofeedback è un tipo di terapia che mira a insegnare alle persone come identificare e controllare alcuni aspetti involontari del corpo, come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la tensione muscolare.

Durante una sessione di biofeedback, un terapista collega la persona a un dispositivo elettrico che fornisce segnali visivi o uditivi ogni volta che si verificano sottili cambiamenti fisiologici nel corpo. Monitorando e rispondendo a questi segnali, la persona tenta di imparare come controllare certe funzioni.

Alcuni studi suggeriscono che il biofeedback può aiutare le persone malate di cancro a gestire i sintomi e gli effetti collaterali del trattamento, secondo l’ NCCIH . Tuttavia, è importante praticare il biofeedback sotto la guida di un terapista autorizzato.
Reiki
Il Reiki è una terapia alternativa basata sulla convinzione che una persona può usare le mani per dirigere l’energia attorno al corpo per promuovere la guarigione.

Alcune persone scoprono che il Reiki li aiuta a sentirsi più rilassati e allevia il dolore e l’ansia. Tuttavia, secondo l’ NCCIH , i risultati degli studi scientifici sui benefici del Reiki sono stati incoerenti.

Dieta
Una dieta sana ed equilibrata è vitale per la salute generale, ma mangiare bene può anche aiutare a sostenere il corpo durante il trattamento del cancro.

I consigli di dieta generale includono riduzione o limitazione:

alimenti ad alto contenuto di grassi
cibi salati
cibi affumicati o carbonizzati
carni lavorate
Le persone possono anche considerare di aggiungere più cibi ricchi di vitamine e minerali alle loro diete, come verdure, frutta e altri cibi interi.

supplementi
Oltre a una dieta sana, alcuni integratori possono anche aiutare a sostenere il corpo durante il cancro al seno.

Secondo un articolo di recensione del 2016 , alcune ricerche suggeriscono che alcune persone affette da cancro potrebbero trovare utili i seguenti supplementi a base di erbe:

Curcuma
tè verde
Echinacea
aglio
ginseng
cohosh nero
Tuttavia, il NCCIH riferisce che le prove per l’assunzione di integratori antiossidanti durante il trattamento del cancro sono in conflitto, con alcuni studi che suggeriscono che potrebbero persino essere dannosi. Esempi di potenti antiossidanti includono vitamine A, C ed E e beta carotene .

È anche essenziale essere consapevoli del fatto che alcuni integratori possono avere effetti collaterali o interagire negativamente con altri farmaci, compresi i farmaci antitumorali. Le persone con tumore al seno dovrebbero parlare al proprio medico prima di assumere qualsiasi integratore.

canapa
L’uso medico di cannabis e prodotti a base di cannabis sta guadagnando popolarità, in parte a causa del mutamento delle normative che consente una maggiore ricerca scientifica sui benefici della pianta. Mentre la cannabis non è un trattamento per il cancro, i suoi composti possono aiutare ad alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia , come nausea e vomito.

Tuttavia, solo alcuni paesi e Stati americani consentono l’uso medico della cannabis. Pertanto, è essenziale che una persona controlli la legalità della cannabis medica nel luogo in cui vive prima di ottenerla o utilizzarla per qualsiasi scopo.
Terapie olistiche
Alcune terapie olistiche mirano a promuovere la pace e l’equilibrio nello stato mentale di una persona, che aiutano a promuovere il rilassamento e ridurre lo stress.

Le terapie che le persone con tumore al seno possono trovare utili includono:

meditazione
aromaterapia
journaling
arte terapia
musico-terapia
danza terapia
Trattamento medico per il cancro al seno
I medici non raccomandano le pratiche complementari e alternative come trattamento primario per il cancro al seno, ma possono aiutare a sostenere i trattamenti standard.

Il trattamento per il cancro al seno dipende da diversi fattori, tra cui:

il tipo di cancro al seno
il livello e il grado del cancro
se la persona ha attraversato la menopausa
la salute generale della persona e le preferenze personali
I medici di solito raccomandano una combinazione di trattamenti per il cancro al seno. Le opzioni di trattamento possono includere:

chirurgia
chemioterapia
radioterapia
immunoterapia
terapia ormonale
terapia mirata
Ci sono anche in genere molte prove cliniche in corso per il trattamento del cancro che una persona può scegliere di partecipare.

Sommario
I medici non raccomandano terapie naturali e complementari per sostituire i trattamenti standard per il cancro al seno. Tuttavia, alcune di queste terapie possono aiutare a ridurre gli effetti collaterali del farmaco e sostenere il corpo e la mente di una persona durante il trattamento e il recupero.

Le persone che prendono in considerazione terapie naturali o complementari per il cancro al seno dovrebbero prima parlare con il proprio medico. Un medico può anche consigliare sulle opzioni di trattamento standard e affrontare eventuali problemi che una persona potrebbe avere sui sintomi o sugli effetti collaterali dei farmaci.

Un farmaco per il diabete è la chiave per un tumore al seno aggressivo?

Published by:

metformina e cancro al seno

Una nuova ricerca ha scoperto che la metformina del farmaco contro il diabete modifica le cellule tumorali staminali in un modo che le rende più facili da usare con una nuova forma di trattamento.

I risultati potrebbero aiutare a trattare il cancro al seno triplo negativo, che è particolarmente aggressivo.


Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma aggressiva di cancro al seno che spesso si traduce in una scarsa prospettiva per le persone che ricevono una diagnosi per questo.

La maggior parte delle forme di cancro al seno dipendono da ormoni, come estrogeni e progesterone , per la crescita e la diffusione. Pertanto, il targeting di questi recettori ormonali offre una strada spesso di successo per il trattamento.

Tuttavia, a differenza di queste forme più diffuse di cancro al seno, triplo negativo tumori mancano tutti e tre i recettori ormonali: il recettore dell’estrogeno, il recettore del progesterone e il recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano.

Di conseguenza, i medici ritengono che questa forma di cancro sia particolarmente difficile da individuare e trattare. I tumori al seno tripli negativi costituiscono circa il 12% di tutti i tumori e negli Stati Uniti questa forma di cancro ha il doppio delle probabilità di verificarsi nelle donne nere rispetto alle donne bianche.

Recenti studi hanno indicato le cellule staminali cancerose come un potenziale bersaglio nel trattamento del carcinoma mammario triplo negativo. Le cellule staminali del cancro sembrano essere la chiave per la formazione e l’avanzamento dei tumori tripli negativi.

Ora, i ricercatori potrebbero aver trovato un modo per indebolire queste cellule e rendere i tumori più vulnerabili al trattamento.

Nello specifico, un team guidato da Jeremy Blaydes, un lettore di Cancer Cell Biology presso l’Università di Southampton, nel Regno Unito, ha scoperto che la metformina del farmaco contro il diabete modifica il metabolismo delle cellule staminali tumorali, rendendole più facili da raggiungere con una nuova forma di trattamento .

Blaydes e colleghi descrivono le loro scoperte nella rivista Carcinogenesis .
Un nuovo approccio taglia le cellule tumorali del 76%
Di solito, le cellule staminali del cancro al seno dipendono sia dall’ossigeno che dallo zucchero (glucosio) per produrre l’energia di cui hanno bisogno per sopravvivere e prosperare.

Tuttavia, in condizioni ambientali terribili, queste cellule possono adattare il loro metabolismo a fare affidamento più sul glucosio che sull’ossigeno.

Le cellule staminali del cancro, come tutte le cellule, possono abbattere il glucosio in piccoli pezzi di energia attraverso il processo di glicolisi .

Nel nuovo studio, Blaydes e il team hanno trattato le cellule staminali del cancro al seno con una bassa dose di metformina, un farmaco che abbassa i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2 .
Il team ha applicato una bassa dose di metformina alle cellule staminali del cancro al seno in coltura per un periodo prolungato di oltre 8 settimane.

Facendo così costretto le cellule del cancro al seno a sviluppare un glucosio “dipendenza”.

Le cellule che sono diventate eccessivamente affidamento su glucosio visualizzati anche tassi più elevati glicolisi, nonché una maggiore attività in un tipo di proteina chiamata ‘C-terminale della proteina di legame’ (CtBP). CtBPs anche carburante tumore crescita.

Il cambiamento del metabolismo delle cellule tumorali in questo modo li ha resi più vulnerabili al trattamento con farmaci che inibiscono il CtBP.

Complessivamente, l’applicazione di metformina alle cellule tumorali e quindi il “spegnimento” dei geni CtBP utilizzando gli inibitori del CtBP hanno ridotto la crescita delle cellule staminali tumorali del 76%.

“Il nostro lavoro ci ha dato il primo assaggio di come i cambiamenti nel metabolismo possono alterare il comportamento delle cellule staminali del cancro al seno e rivelano nuovi bersagli terapeutici”, commenta Blaydes, aggiungendo: “Stiamo solo iniziando a scalfire la superficie in quest’area di ricerca “.

” [W] e ora abbiamo bisogno di portare avanti lo sviluppo di inibitori del CtBP come farmaci per il cancro al seno. Speriamo che questi possano portare a nuove opzioni di trattamento per i malati di cancro al seno che ne hanno più bisogno”.

Jeremy Blaydes
Successivamente, i ricercatori hanno in programma di perfezionare ulteriormente gli inibitori del CtBP e testare varie combinazioni di metformina e inibitori del CtBP per arrestare la diffusione dei carcinomi mammari tripli negativi.