Tag Archives: dolore

Trattare i sintomi dell’endometriosi a casa

Published by:

alleviare il doloreper endometriosi

L’endometriosi può causare periodi dolorosi, crampi e sanguinamento mestruale pesante. I rimedi casalinghi possono fornire sollievo controllando l’infiammazione, rilassando i muscoli e migliorando la salute generale.

L’endometriosi si verifica quando il tessuto che assomiglia al rivestimento dell’utero cresce altrove nel corpo. Il tessuto si chiama tessuto endometriale. Ad esempio, può svilupparsi sulle tube di Falloppio, sulle ovaie, sull’intestino o sulla vescica.

Il tessuto endometriale diventa più spesso all’inizio del periodo di una donna e perde durante le mestruazioni. Quando il tessuto situato all’esterno dell’utero inizia a cadere, può causare dolore, crampi o tessuto cicatriziale.

Mentre non esiste una cura assoluta per questa condizione, alcuni rimedi casalinghi possono alleviare il dolore e il disagio che comporta. In questo articolo, parliamo di 9 rimedi casalinghi per endometriosi, cause e quando consultare un medico.

Rimedi domestici per il dolore dell’endometriosi

  1. Calore
    Una bottiglia di acqua calda posta sul basso addome spesso aiuta ad alleviare il dolore durante le mestruazioni.
    Fare un bagno caldo o posizionare una piastra riscaldante o una bottiglia di acqua calda sull’addome inferiore può aiutare a rilassare i crampi muscolari pelvici, che dovrebbero ridurre il dolore.

Questo è un trattamento comune per i crampi mestruali che può offrire un sollievo immediato.

Uno studio del 2001 ha testato l’efficacia dei cuscinetti riscaldanti su 81 donne con periodi dolorosi. Si è scoperto che l’uso di un pad riscaldante di basso livello era efficace quanto l’ibuprofene per alleviare il dolore.

  1. Massaggio pelvico
    Uno studio del 2010 ha scoperto che il massaggio dell’area pelvica, comprese parti dell’addome, dei lati e della schiena, è stato utile nel ridurre il dolore mestruale associato all’endometriosi.

Fare questo tipo di massaggio poco prima dell’inizio del periodo mestruale può essere più comodo. Può anche essere utile usare olio da massaggio.

  1. Antidolorifici da banco
    Gli antidolorifici da banco (OTC), come il paracetamolo, l’ibuprofene o il naprossene, sono stati sviluppati per combattere l’ infiammazione .

Ridurre l’infiammazione allevia spesso i crampi e il dolore. Un medico può determinare i migliori livelli di dosaggio.

  1. Curcuma
    La curcuma ha proprietà anti-infiammatorie. I ricercatori nel 2013 hanno dimostrato che la curcuma potrebbe inibire l’estradiolo, una forma di estrogeno . Questo può aiutare a prevenire le crescite.

Gli integratori di curcuma sono disponibili in capsule. La spezia si trova spesso nei tè e può essere aggiunta ai pasti.

  1. Cambiamenti dietetici
    Evitare prodotti lattiero-caseari, alimenti trasformati e glutine può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi.
    Alterare la dieta potrebbe ridurre i sintomi, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per determinare i migliori cambiamenti.

Tuttavia, ridurre al minimo il consumo di carne rossa e aumentare l’assunzione di frutta, verdura e cereali integrali può aiutare a migliorare la salute generale.

Alcuni esperti raccomandano una dieta di eliminazione. Ciò implica non mangiare cibi che tendono a causare infiammazione, quindi reintrodurli lentamente per determinare quali sono problematici per l’individuo.

Gli alimenti potenzialmente problematici includono:

latticini
glutine
alimenti trasformati
zuccheri
È importante tenere traccia dei sintomi in modo da poter identificare potenziali fattori scatenanti.

  1. Esercizio leggero
    L’esercizio fisico regolare aiuta a rilasciare endorfine. Questi ormoni “sentirsi bene” possono ridurre il dolore.

L’esercizio fisico può anche aiutare a ridurre i livelli di estrogeni nel corpo e migliorare i sintomi. Allungare prima e dopo ogni allenamento.

  1. Riposo
    Ottenere riposo extra è importante, specialmente durante le mestruazioni. Sdraiarsi di lato con le ginocchia tirate nel petto può aiutare ad alleviare il dolore o la pressione nella parte posteriore.
  2. Supplementi di erbe
    Gli integratori a base di erbe o altri possono aiutare a ridurre i sintomi, sebbene siano state condotte pochissime ricerche.

È importante parlare con un medico prima di assumere integratori a base di erbe. Le erbe non sono monitorate dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per qualità, dose o purezza.

  1. Acidi grassi Omega-3
    Gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a ridurre l’infiammazione. Si trovano naturalmente nei pesci grassi, come il salmone. Sono inoltre disponibili come supplemento giornaliero.

Cosa sapere sulle vertigini cervicali

Published by:

vertigini e dolori cervicali

La vertigine si riferisce a una sensazione di vertigini o rotazione. Le vertigini cervicali sono un tipo di vertigine che deriva da una certa postura o movimento del collo.
Alcuni esperti usano il termine “vertigini cervicogeniche” per descrivere più accuratamente questa condizione. Altri nomi includono vertigini propriocettive , vertigini cervicogene e vertigini cervicali.

Sebbene gli effetti della gravità o l’orientamento della testa influenzino la vertigine, la vertigine cervicale non è correlata all’orientamento della testa.

Esistono diverse cause di vertigine cervicale, come un trauma al collo o una cattiva postura. Il trattamento prevede di affrontare eventuali problemi muscolari o medici di base e ci sono anche modi per aiutare a prevenire alcune forme di vertigine cervicale.

Questo articolo esamina le cause, i trattamenti e la diagnosi di vertigine cervicale e discute quando una persona dovrebbe consultare un medico.

Che cos’è la vertigine cervicale?
Vertigine è il termine medico per vertigini gravi o sensazione di una sensazione di rotazione nel corpo.

Una persona può sentirsi come se il mondo ruotasse intorno a loro. Potrebbero anche sentirsi come se stessero girando, anche se stanno fermi.

Chiunque si sia girato in tondo e poi si sia fermato ha avvertito una forma di vertigine. Una volta che smettono di girare, sembra che il corpo continui a girare.

Le vertigini si verificano spesso a causa di un problema all’orecchio interno o di altre condizioni, che possono compromettere il centro di equilibrio del corpo. Con vertigini cervicali, tuttavia, la causa delle vertigini è nel collo.

La vertigine cervicale stessa è generalmente un sintomo di un problema di fondo, come una lesione al collo. Una persona sperimenterà spesso sintomi di vertigini dopo un evento scatenante, in genere da girare improvvisamente la testa. Questa vertigine può durare da qualche minuto a qualche ora.

Una persona con vertigini cervicali può anche manifestare sintomi come:

perdita di coordinazione
perdita di equilibrio
mal di testa
mal d’orecchie
ronzio nelle orecchie
nausea
vomito
difficoltà di concentrazione
I sintomi possono peggiorare in alcune persone dopo l’esercizio fisico o dopo cose minori come starnuti o alzarsi troppo in fretta.
Le cause
un medico che esamina il collo di un paziente.
Le persone con vertigini cervicali spesso riferiscono di avere dolore al collo.
Esistono alcune potenziali cause di vertigine cervicale, molte delle quali sono correlate a lesioni traumatiche al collo o lesioni croniche a lungo termine.

La diagnosi stessa è ancora piuttosto controversa. In effetti, uno studio sulla rivista Archives of Physiotherapy rileva che gli operatori sanitari non comprendono appieno la causa esatta dei sintomi e che diagnosticare con precisione la condizione è difficile.

Al momento non esiste un test o una risorsa definitiva per la condizione, quindi i medici di solito testano altre cose ed eliminale per trovare vertigini cervicali.

Un recente studio sulla rivista Laryngoscope Investigative Otolaryngology ha scoperto che le persone con vertigini cervicali possono apparire ai medici come persone con emicrania che hanno anche lesioni al collo e il 94% delle persone con vertigini cervicali riferisce di avere dolore al collo.

I muscoli, i nervi e le articolazioni del collo inviano segnali, inclusi segnali sull’orientamento del corpo, al cervello inferiore e all’orecchio interno. Questo fa parte dello sforzo del corpo per rimanere equilibrato e coordinato.

I problemi che elenchiamo di seguito potrebbero causare uno o più segnali di accensione errata, causando sintomi che includono vertigini cervicali:

Aterosclerosi
I blocchi nelle arterie del collo possono portare a lesioni nell’area che potrebbero causare vertigini. Ciò potrebbe essere dovuto all’aterosclerosi , che è l’ispessimento delle pareti delle arterie.
lesioni
Lesioni traumatiche, come ad esempio un incidente automobilistico o altre cause di colpo di frusta , possono causare danni alla testa e al collo, con conseguenti vertigini cervicali.

Gli interventi chirurgici al collo possono anche causare complicazioni alla vertigine cervicale, specialmente se il sito dell’intervento era vicino al tronco cerebrale o ha danneggiato le arterie nell’area del collo e della testa.

L’osteoartrite
L’osteoartrosi avanzata nell’area può portare alla spondilosi cervicale . Ciò provoca l’usura delle vertebre del collo, che può esercitare una pressione eccessiva sui nervi, sulle arterie o sul midollo spinale stesso. Ciò potrebbe inviare segnali inappropriati al cervello o bloccare il flusso di sangue, causando vertigini.

Un disco scivolato
I dischi scivolati sono più comuni nelle aree della parte bassa della schiena, sebbene possano verificarsi ovunque nella colonna vertebrale.

Un disco scivolato, o ernia del disco, si verifica quando il centro più morbido di un disco spinale fuoriesce attraverso una fessura nella colonna vertebrale. In alcuni casi, non provoca sintomi. In altri casi, tuttavia, può spingere in un nervo o un’arteria e causare sintomi che possono includere vertigini cervicali.

Cattiva postura
Una cattiva postura può anche contribuire alla vertigine cervicale. Nel tempo, la colonna cervicale può comprimersi a causa della cattiva postura seduta o di problemi come “collo del testo”, in cui una persona spesso piega il collo per guardare dispositivi elettronici o libri.

Ciò può esercitare una pressione extra sulle arterie del collo e può causare dolore e vertigini al collo.

Trattamenti e rimedi
Dopo aver eliminato altre cause del problema e aver diagnosticato la vertigine cervicale, un medico consiglierà un trattamento a seconda della causa sottostante specifica.

Il trattamento generalmente include anche la gestione dei sintomi, utilizzando uno o più farmaci per bilanciare i sintomi mentre i medici lavorano per trattare la condizione di base. Ciò può includere l’assunzione di farmaci per alleviare le vertigini, nonché farmaci per ridurre il dolore e rilassare i muscoli.

La maggior parte dei medici raccomanderà anche terapie come la terapia fisica e l’allenamento della postura per aiutare a creare spazio nel collo, aumentare la gamma di movimento e costruire la forza nei muscoli. Questo da solo può rivivere la pressione nell’area e aiutare a ridurre i sintomi.

powered by Rubicon Project

Fattori di rischio
I ricercatori non hanno ancora un elenco completo dei fattori di rischio per le vertigini cervicali.

L’età può essere un fattore di rischio, poiché l’usura generale può aumentare la tensione al collo.

L’aterosclerosi può anche svolgere un ruolo, poiché la riduzione del flusso sanguigno nelle arterie può ridurre il flusso sanguigno verso le aree del cervello e dell’orecchio interno che controllano la coordinazione e l’equilibrio.

Una cattiva postura mette anche una pressione eccessiva sulla testa e sul collo, il che può portare allo sviluppo di nuovi sintomi o a peggiorare i sintomi esistenti.

Prevenzione
Prevenire la vertigine cervicale non è possibile in ogni caso, poiché alcune cause – come gli incidenti del veicolo – potrebbero non essere prevenibili. Tuttavia, le persone possono adottare una serie di passaggi per aiutare a prevenire altre cause.

Ad esempio, l’esercizio dei muscoli del collo per mantenerli forti può aiutare a mantenere il peso al di fuori dei dischi cervicali e ridurre la pressione nella zona.

Quando si è seduti, mantenere la testa, le spalle e la colonna vertebrale allineate può ridurre la pressione nel collo ed evitare l’usura delle strutture delicate.

Anche l’allungamento regolare del collo, il massaggio regolare o l’allineamento chiropratico e l’uso di impacchi caldi per rilassare l’area potrebbero aiutare.
Sommario
Nella maggior parte dei casi, è possibile trattare e gestire le vertigini cervicali. Le persone con grave degenerazione nel collo possono avere più difficoltà a trattare la condizione, sebbene la gestione dei sintomi possa essere possibile per migliorare la loro qualità di vita.

La diagnosi di vertigine cervicale è difficile. Richiede ai medici di escludere molte altre condizioni e problemi gravi prima di atterrare sulla vertigine cervicale.

Chiunque manifesti sintomi come dolore al collo e vertigini dopo aver girato il collo dovrebbe collaborare con il proprio medico per diagnosticare e trattare il problema di fondo.

Cosa può causare dolore nel palmo della mano?

Published by:

dolore alla mano

Il dolore nel palmo della mano può influire sulla capacità di una persona di eseguire le attività quotidiane. Le cause possono includere lesioni, infezioni e condizioni che colpiscono i nervi, i vasi sanguigni o i tessuti all’interno delle mani.
In questo articolo, descriviamo alcune possibili cause di dolore nel palmo della mano, insieme ad altri sintomi e opzioni di trattamento. Esaminiamo anche i suggerimenti generali sul trattamento e quando vedere un medico.

lesioni


Le ferite alla mano sono una causa comune di dolore e altri tipi di disagio, in particolare nelle persone che usano regolarmente attrezzature pesanti, praticano sport o lavorano in ambienti pericolosi.

Le lesioni possono danneggiare le aree chiave della mano, inclusi nervi, tendini e muscoli.

Esempi di lesioni che possono portare a dolore nel palmo includono:

  • colpi, colpi e impatti violenti, come ad esempio il lancio di qualcosa di pesante sulla mano
  • cadendo sulla mano
  • ustioni, ad esempio da una ferita di cottura
  • tagli al palmo
  • punture di insetti o punture
  • uso eccessivo o eccessivo della mano, ad esempio durante attività sportive o attività molto ripetitive


Altri sintomi di una ferita alla mano possono includere lividi, gonfiore e rigidità. Lesioni più gravi possono provocare danni alle strutture e ai tessuti all’interno della mano e del polso, come ad esempio:

  • articolazioni
  • ossatura
  • tendini
  • legamenti
  • nervi
  • vasi sanguigni


Trattamento


Una persona può spesso curare ferite alle mani lievi a casa, come ad esempio:

  • appoggiando la mano il più possibile
  • applicare ghiaccio nell’area per un massimo di 20 minuti alla volta
  • prendendo antidolorifici da banco


Le persone con ferite più gravi, come fratture o lussazioni, devono cercare immediatamente un medico. Inoltre, consultare un medico per lesioni alle mani che peggiorano o non sembrano migliorare.

Sindrome del tunnel carpale


Quando una persona ha la sindrome del tunnel carpale , questo tunnel nel polso si comprime o si infiamma, facendo pressione sul nervo mediano e sui tendini che lo attraversano.

I sintomi della sindrome del tunnel carpale possono includere:

  • dolore al polso, palmo e dita
  • intorpidimento o sensazione di formicolio nel palmo e nelle dita
  • debolezza nella mano o ridotta capacità di afferrare oggetti


I sintomi spesso iniziano gradualmente e possono essere peggiori di notte o quando una persona si sveglia per la prima volta.

I fattori di rischio per la sindrome del tunnel carpale possono includere:

  • lesioni alle mani e al polso che causano gonfiore
  • svolgere regolarmente compiti ripetitivi con le mani
  • un uso frequente di utensili a mano vibranti
  • gravidanza
  • diabete
  • una storia familiare di sindrome del tunnel carpale


Trattamento


I trattamenti non chirurgici per la sindrome del tunnel carpale possono includere :

  • indossa un tutore o una stecca
  • evitando o regolando le attività che possono aggravare i sintomi
  • prendendo antidolorifici da banco, come l’ aspirina e l’ibuprofene
  • ricevere farmaci da prescrizione, come iniezioni di steroidi o lidocaina
  • provando yoga , agopuntura o terapie chiropratiche


Per le persone con sintomi gravi o difficili da trattare, un medico può raccomandare una procedura chirurgica per ridurre la pressione sul nervo mediano.

Infezione


Se un taglio o una ferita sul palmo della mano viene infettato , può portare a dolore e gonfiore.

Altri sintomi di un taglio o ferita infetto possono includere:

  • pus o drenaggio
  • rossore intorno all’area
  • calore nella pelle circostante
  • una febbre o malessere generale


Trattamento


È essenziale per le persone con sintomi di un’infezione della ferita cercare un trattamento medico. Un’infezione può portare a gravi complicazioni, come cellulite , ascessi e sepsi .

I medici prescrivono di solito antibiotici per le persone con un taglio o una ferita infetti. Se l’infezione è significativa, un medico può aver bisogno di drenare chirurgicamente l’area interessata.

Neuropatia periferica


La neuropatia periferica si riferisce tipicamente a condizioni che influenzano i nervi nelle estremità del corpo, come le mani e i piedi.

Nelle mani e nelle dita, la neuropatia periferica può causare:

  • forte dolore, che può derivare anche da un tocco leggero
  • una sensazione di bruciore o formicolio
  • intorpidimento o perdita di sensibilità
  • difficoltà a muovere o usare la mano, come quando si afferrano gli oggetti


L’ Istituto Nazionale dei Disturbi neurologici e dell’ictus stima che oltre 20 milioni di persone negli Stati Uniti abbiano un qualche tipo di neuropatia periferica.

Il diabete e le lesioni fisiche sono cause comuni della neuropatia periferica. Altre cause possono includere:

  • condizioni autoimmuni, come l’artrite reumatoide e il lupus
  • condizioni che riducono l’apporto di ossigeno ai nervi periferici, come l’ aterosclerosi e la vasculite
  • squilibri nutrizionali, come la carenza di vitamina B-12
  • infezioni che attaccano i tessuti nervosi
  • assunzione eccessiva di alcol


Il trattamento per la neuropatia periferica di solito inizia con l’affrontare la causa sottostante. Ad esempio, la gestione dei livelli di zucchero nel sangue può aiutare a ridurre gli effetti della neuropatia periferica nelle persone con diabete.

I medici possono anche prescrivere farmaci per alleviare il dolore, come antidepressivi , anticonvulsivanti e creme per la pelle.


vasculite


La vasculite è un’infiammazione dei vasi sanguigni e può colpire molte parti del corpo. Esistono numerosi tipi di vasculite e i sintomi possono variare notevolmente da persona a persona.

Quando la vasculite colpisce le mani, può causare:

  • dolori di tiro
  • intorpidimento o perdita di sensibilità
  • sensazioni di formicolio
  • una perdita di forza


I medici non comprendono appieno le cause della vasculite. Tuttavia, a volte questa condizione può essere scatenata da disturbi autoimmuni, infezioni o determinati tumori del sangue .

Trattamento


Il trattamento dipende dal tipo di vasculite e dalla posizione e dalla gravità dei sintomi di una persona.

Tuttavia, spesso comporta l’uso di farmaci anti-infiammatori, come gli steroidi. Per vasculiti più gravi, i medici possono raccomandare farmaci citotossici come azatioprina, metotrexato o ciclofosfamide.


Fascite palmare


La fascite palmare è una condizione medica rara che provoca l’infiammazione della fascia palmare, una fascia ispessita di tessuto che collega il palmo alle dita.


La fascite palmare è una condizione medica rara che provoca l’infiammazione della fascia palmare, una fascia ispessita di tessuto che collega il palmo alle dita.

L’infiammazione può rendere difficile o doloroso quando una persona cerca di raddrizzare le dita.

La fascite palmare di solito colpisce entrambe le mani ed è più probabile che si verifichi nelle persone con poliartrite.

Un’altra condizione che colpisce la fascia palmare è la contrattura di Dupuytren .

Trattamento


Le opzioni di trattamento per la fascite palmare includono:

  • massaggi tissutali profondi
  • antidolorifici
  • terapia steroidea per alleviare l’infiammazione


Un medico può anche raccomandare il trattamento di qualsiasi condizione medica sottostante che potrebbe contribuire alla fascite palmare.

Trattamento generale


Le persone possono spesso trattare il dolore alla mano a casa da:

  • riposare o immobilizzare la mano, ad esempio con un tutore o una stecca
  • applicare un impacco di ghiaccio nell’area interessata per un massimo di 20 minuti alla volta
  • assumere farmaci da banco per alleviare il dolore e l’infiammazione
  • eseguire esercizi di stretching e rafforzamento delicati, come afferrare una palla di esercizio
  • massaggiare le mani per favorire la circolazione e alleviare la rigidità muscolare


Quando vedere un dottore


Quando il dolore è grave, o peggiora o non risponde ai trattamenti domiciliari, consultare un medico.

Chiedere immediatamente assistenza medica per:

  • forte dolore alla mano
  • grave gonfiore alle mani
  • sospette dislocazioni o fratture nella mano o nel dito
  • ferite gravi o sanguinanti che non si fermeranno


Sommario


Il dolore nel palmo spesso deriva da una lesione minore o dall’uso eccessivo della mano.

Tuttavia, il dolore alle mani può talvolta anche essere il risultato di un problema di fondo, come un’infezione, infiammazione o neuropatia periferica.

Se il dolore alla mano peggiora o non migliora con i trattamenti domiciliari, consultare un medico. Chiunque sospetti di avere una ferita infetta o un osso fratturato o lussato deve cercare immediatamente un medico.

Mal di testa fastidioso spesso legato al dolore dentale

Published by:

mal di testa portato dai denti

Potrebbe quel fastidioso mal di testa e la mascella dolorosa essere legati alla salute orale?

Molti malati di mal di testa potrebbero desiderare di consultare il loro dentista e il loro medico dal momento che mal di testa e dolore dentale hanno molto in comune, dice il direttore del programma di laurea al Gaslini di Genova

Nervi e muscoli del collo

Il dolore centrato nei nervi e nei muscoli che attraversano il viso e il collo, nonché le cattive abitudini che il disagio può causare, possono intrappolare i pazienti in un ciclo di feedback doloroso, con dolore alla testa che causa dolore alla mascella e al collo e viceversa.

“Il mal di testa e il mal di denti trasmettono tutti attraverso il nervo trigemino, il più grande nervo sensoriale della testa che fornisce la faccia esterna, il cuoio capelluto, la mascella, i denti e gran parte delle strutture intra-orali”, dice il medico.

“Il dolore in un ramo del nervo ha il potenziale per attivare altri rami del nervo, e quando quel dolore è cronico e sostenuto, è più probabile che inneschi una sequenza di eventi che potrebbero portare a un mal di testa. , un mal di denti continuo e sostenuto può facilmente innescare uno dei mal di testa episodici come l’ emicrania . ”

Oltre ai legami anatomici stretti tra testa, faccia e dolore alla mandibola, i comportamenti riflessivi causati dal dolore e dalla tensione come serraggio della mascella e contrazione muscolare possono esacerbare e trasferire il dolore.

“Esiste una buona dose di interconnessione tra i sistemi orofacciale e craniocervicale: ad esempio, quando stringete i denti, contraete involontariamente i muscoli del collo”, afferma il dottore.

“Quando i pazienti hanno un danno al collo acuto, spesso iniziano a trattenere la tensione nei loro denti e il dolore muscolare alla mandibola si verifica quando si ha un mal di denti cronico o un’articolazione temporo-mandibolare cattiva, questo può anche causare rinforzo e protezione nei muscoli sullo stesso lato la mascella e il collo. “

Dolore scaturito da una lesione

Quando il dolore alla testa e al viso scaturisce da una lesione dell’articolazione del dente o della mascella, come quando un paziente stringe o digrada inconsapevolmente i denti per lunghi periodi di tempo e danneggia il tessuto all’interno e sotto i denti, può essere difficile per un medico decifrare la causa di il dolore, dice. Ecco dove entra in gioco un dentista con un occhio allenato per le cause mediche e comportamentali del dolore orofacciale.

“In generale, i mal di testa non hanno segni fisici e la diagnosi è tutta collegata alla storia e al modello del dolore”, afferma Clark. “Se il paziente è in trattamento per l’emicrania, mal di testa tensione o dolore del seno e i farmaci o altri metodi di trattamento dati dal medico non sono efficaci, sono spesso indicati da un dentista per la valutazione. , in realtà riceviamo un numero di pazienti da medici che vogliono che controlliamo i denti e le articolazioni della mascella per problemi “.

Gestione del dolore e perché è così personale

Published by:

gestione del dolore

La maggior parte dei pazienti pensa alle medicine contro il dolore in termini di sintomi che trattano.

“Questa è la mia medicina per il mal di testa, e questa è la mia medicina per l’artrite”, dicono spesso.

Gli operatori sanitari hanno maggiori probabilità di classificare i farmaci per il dolore in base al loro modo di lavorare: alcuni sono anti-infiammatori, alcuni influenzano le terminazioni nervose e altri influenzano il modo in cui il cervello percepisce il dolore.

Ma la verità è che non importa come classifichi le medicine per il dolore, non c’è modo di sapere se ti aiuteranno finché non le proverai per te stesso.

La maggior parte delle persone non si rende conto che la gestione del dolore è personale.

La ricerca sta iniziando a aiutarci a capire perché le persone rispondono ai farmaci in modo così diverso, e un giorno probabilmente saremo in grado di personalizzare i piani di trattamento con maggiore successo.

Per ora, ci sono diversi motivi genetici noti per cui i farmaci antidolorifici sono più o meno efficaci per un individuo rispetto all’altro.

I geni influenzano :

Il numero di enzimi che abbattono i farmaci e li rimuovono dal corpo.

Alcune persone hanno un numero maggiore di questi enzimi e quindi richiedono più farmaci per sentire i suoi effetti antidolorifici. Altri possono essere fortemente colpiti anche da piccole dosi di droga.

Le variazioni del recettore della medicina del dolore possono rendere un farmaco efficace e un altro (quasi la stessa medicina) inefficace nell’alleviare il dolore.

Differenze nelle molecole portanti che trasportano la medicina del dolore attraverso il flusso sanguigno e nelle cellule che provocano sensazioni di dolore. Alcune persone hanno meno molecole portatrici per portare la medicina sul luogo del dolore.

Il numero di molecole di neurotrasmettitore “uomo medio” che passano lungo la risposta al dolore. Troppe di queste molecole possono ridurre il legame con i farmaci e disattivare l’effetto antidolorifico di alcuni farmaci.

Quando il dolore è grave, possono essere necessari i farmaci prescritti. Tuttavia, il dolore da lieve a moderato può essere efficacemente gestito con farmaci da banco (OTC) .

Approccio iniziale

Credo in partenza in basso, approccio lento a trovare la più piccola dose efficace di farmaci antidolorifici. Consiglio sempre ai miei pazienti di leggere e seguire tutte le istruzioni riportate sull’etichetta Drug Facts per accertarsi che non si sovrappongano accidentalmente ai principi attivi.

Quando scelgo un antidolorifico con i miei pazienti, la prima cosa che penso sono i potenziali effetti collaterali.

Alcuni farmaci (come i farmaci antinfiammatori non steroidei come l’ibuprofene e il naproxen sodico) possono essere duri sul rivestimento dello stomaco o causare sanguinamento nelle persone a rischio. Altri medicinali (come il paracetamolo) possono danneggiare il fegato se usati in eccesso, mentre i farmaci antidolorifici possono causare stitichezza e sonnolenza.

La migliore medicina del dolore per iniziare è quella che è meno probabile che possa causare danni alla persona specifica.

La prossima cosa che chiedo è se la medicina abbia funzionato o meno per il paziente in passato.

L’esperienza precedente è uno dei migliori indicatori del successo futuro. Poiché so che il mio paziente ha un numero unico e determinato geneticamente di enzimi, trasportatori e recettori, l’esperienza precedente con i farmaci antidolorifici mi darà una buona idea di quanto bene lo tollereranno di nuovo e se sarà efficace.

Tipologie di dolore.

  • Il dolore è causato da infiammazione (da un infortunio, un intervento chirurgico o un’artrite), considererò un medicinale con proprietà principalmente antinfiammatorie.
  • Se il dolore è causato da tensioni (come il mal di testa) o complicate dalla febbre, potrei considerare prima il paracetamolo.
  • Se il dolore proviene da un nervo (come la sciatica o la neuropatia), userò i farmaci antidolorifici che funzionano specificamente per il dolore nervoso.
  • Quando il dolore è complicato dalla depressione, potrei discutere altre medicine e approcci.

A volte, le combinazioni di farmaci sono significativamente più efficaci di un farmaco da solo nel trattamento del dolore (questo è il motivo per cui alcuni antidolorifici prescritti sono combinazioni di oppioidi e paracetamolo).

Quando si utilizza più di un medicinale antidolorifico, è importante confrontare gli ingredienti attivi sia con i farmaci prescritti che con i prodotti OTC per assicurarsi che non si verifichino overdose accidentali.

Raccomando anche di consultare un operatore sanitario se ci sono preoccupazioni circa le interazioni tra farmaci o se il paziente è già in un numero significativo di farmaci che potrebbero interagire con le sue scelte di medicina del dolore OTC.

La linea di fondo è che la scienza sta ancora recuperando la gestione del dolore. Forse un giorno un semplice esame del sangue ci aiuterà a determinare il miglior regime di terapia del dolore per un determinato paziente in un dato momento.

Ma fino ad allora, l’unica soluzione è adottare una strategia di prove ed errori attenti (evitare effetti collaterali indesiderati, usare le dosi più basse e consultare un medico quando il dolore è grave). Non preoccuparti troppo se una medicina specifica è “la migliore” per il tuo dolore. La gestione del dolore è molto personale, quindi dovrai scoprire la tua soluzione migliore.