Tag Archives: notizie

Coronavirus: i pangolini possono aver diffuso la malattia nell’uomo

Published by:

coronavirus e pangolini!

Ci sono molte domande sul romanzo Coronavirus che rimangono senza risposta, come “come si diffonde il virus?” E “da dove proviene?” Ora, i ricercatori cinesi affermano di pensare che il pangolino – un mammifero squamoso, altrimenti innocuo che mangia formiche – potrebbe aver diffuso il virus nell’uomo.

I ricercatori indicano la pangolina come potenziale vettore del nuovo coronavirus.
Quando i coronavirus si diffondono nell’uomo, di solito è attraverso il contatto con un animale che trasporta il virus.

Notizie mediche Oggi ha recentemente pubblicato una vasta funzionalità sul nuovo virus, spiegando che alcuni dei portatori più comuni di coronavirus sono i pipistrelli.

Tuttavia, è improbabile che i pipistrelli trasmettano il virus direttamente all’uomo, quindi, come con la maggior parte dei virus simili – come SARS e MERS – un animale intermedio è di solito il responsabile. Per la SARS, questo era il gatto civet, mentre i dromedari aiutavano a diffondere MERS.

Quando è stato contattato da MNT qualche giorno fa, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato di non conoscere ancora la fonte specifica del nuovo coronavirus.

“I ricercatori in Cina lo stanno studiando ma non hanno ancora identificato una fonte”, hanno detto all’epoca.

Solo pochi giorni dopo, i ricercatori Shen Yongyi e Xiao Lihua della South China Agricultural University di Guangzhou hanno annunciato in una conferenza stampa che avrebbero potuto identificare la pangolina come la fonte del virus.

L’annuncio, “Il pangolino si trova come potenziale ospite intermedio del nuovo coronavirus nel sud della Cina”, può essere trovato sul sito web dell’università .

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Una partita di DNA al 99%
I ricercatori avevano precedentemente dimostrato che il nuovo coronavirus è molto simile agli altri due virus del pipistrello; infatti, la sua somiglianza genomica con questi virus è dell’88%, il che ha portato gli scienziati a credere che i pipistrelli portassero il nuovo virus.

Ora, i due ricercatori hanno usato il sequenziamento genomico per confrontare il DNA del nuovo coronavirus nell’uomo con quello negli animali e hanno trovato una corrispondenza del 99% con i pangolini.

“Questa è un’osservazione estremamente interessante. Anche se abbiamo bisogno di vedere più dettagli, ha senso dato che ora ci sono alcuni altri dati che emergono che i pangolini trasportano virus che sono strettamente correlati al 2019-nCoV ”, ha detto Edward Holmes, un virologo evoluzionista dell’Università di Sydney, in Australia prestigiosa rivista Nature .

“Quest’ultima scoperta avrà un grande significato per la prevenzione e il controllo dell’origine del nuovo coronavirus”, afferma il sito web dell’università cinese.

Liu Yahong, presidente della South China Agricultural University, ha annunciato alla conferenza che avrebbero presto pubblicato i risultati per aiutare a controllare il virus.

In che modo i pangolini hanno diffuso il virus?
I pangolini – un parente dell’armadillo e dei formichieri – sono mammiferi squamosi che si nutrono di insetti scavatori, come termiti e formiche.

Anche i pangolini sono una specie in via di estinzione e ricerche precedenti hanno dimostrato che il coronavirus è probabilmente responsabile dell’uccisione di un gran numero di pangolini malesi.

In Cina, la legge del paese protegge gli animali e la vendita dei pangolini può portare a 10 anni di carcere. Tuttavia, l’animale è vittima del traffico illegale – in effetti, i ricercatori lo descrivono come “il mammifero più affogato e trafficato del mondo”.

I cinesi usano le squame dell’animale per trattare condizioni come l’artrite, il dolore mestruale e le condizioni della pelle. Le persone vendono anche la carne dell’animale e la considerano una prelibatezza.

Nei loro sforzi per rintracciare la fonte del nuovo coronavirus, i ricercatori hanno suggerito che l’infezione ha avuto origine in un mercato di frutti di mare e animali selvatici a Wuhan, in Cina.

Sebbene ufficialmente, questo mercato non vendesse pangolini, le persone potrebbero aver venduto lì gli animali illegalmente.

5 fattori di vita salutari prolungano la vita senza malattie

Published by:

vita salutare suggerimenti

Secondo un nuovo studio, una combinazione di scelte di vita salutari, come il mantenimento di un peso sano, il non fumare e l’esercizio fisico regolare, può prolungare significativamente il numero di anni in cui un individuo evita la malattia.

Uno stile di vita salutare non prolunga solo la vita; prolunga la vita libera da malattia.
In media, stiamo vivendo vite più lunghe; tuttavia, quando le persone invecchiano, molti vivono con malattie come malattie cardiache , cancro e diabete . Man mano che la durata della vita aumenta, aumenta anche il rischio di sviluppare malattie croniche.

Gli scienziati hanno stabilito con fermezza che i fattori dello stile di vita possono fare una differenza significativa nel rischio di malattia e durata della vita, nel complesso. Questi fattori includono attività fisica, fumo, consumo di alcol, dieta e peso.

Gli autori spiegano che “[i] tudies hanno dimostrato che il fumo, l’inattività, la cattiva qualità della dieta e il consumo pesante di alcol contribuiscono fino al 60% dei decessi prematuri e alla perdita della speranza di vita di 7,4-17,9 anni”.

Sebbene questo sia ben noto, poche ricerche hanno esaminato come una combinazione di fattori dello stile di vita influenzi il periodo di tempo in cui un individuo sarà libero da malattia.

Per rispondere a questa domanda, un gruppo di ricercatori ha raccolto dati da due fonti; in primo luogo, lo studio sulla salute degli infermieri, che includeva informazioni di 73.196 infermiere donne. In secondo luogo, hanno ottenuto l’accesso ai dati dallo Studio di follow-up dei professionisti della salute, che includeva i dati di 38.366 professionisti della salute maschile. Hanno pubblicato i loro risultati nel BMJ .

Stile di vita e salute nel tempo


Gli scienziati hanno calcolato un punteggio di stile di vita compreso tra 0 e 5 per ciascun partecipante. Hanno calcolato questo punteggio valutando cinque fattori di stile di vita a basso rischio: peso sano, mai fumo, esercizio fisico per almeno 30 minuti al giorno, assunzione moderata di alcol e una dieta di buona qualità.

I ricercatori hanno seguito i partecipanti per molti anni e registrato diagnosi e decessi per cancro, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Come parte della loro analisi, gli scienziati hanno tenuto conto di una serie di fattori, tra cui la storia medica familiare, l’età e la razza.

Gli autori del recente studio hanno scoperto che le donne di 50 anni che non hanno adottato nessuno dei cinque fattori di stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere senza cancro, diabete e malattie cardiache per altri 24 anni. Tuttavia, coloro che hanno seguito quattro o cinque di questi fattori potrebbero aspettarsi altri 34 anni senza malattia.

Gli uomini di 50 anni che non hanno incluso nella vita nessuno dei fattori dello stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere 24 anni in più senza malattie croniche. Tuttavia, quelli il cui stile di vita includeva quattro o cinque fattori a basso rischio avevano una vita libera da malattia di circa 31 anni.

Gli uomini che hanno fumato più di 15 sigarette al giorno e chiunque abbia l’ obesità ha avuto la più bassa aspettativa di vita libera da malattia dopo 50 anni. Gli autori riassumono:

” [W] abbiamo osservato che l’adesione a uno stile di vita a basso rischio era associata ad un’aspettativa di vita più lunga all’età di 50 anni esente da gravi malattie croniche di circa 7,6 anni negli uomini e 10 anni nelle donne rispetto ai partecipanti senza fattori di stile di vita a basso rischio.”

Migliorare la sopravvivenza


Gli scienziati hanno anche scoperto che uomini e donne con quattro o cinque fattori dello stile di vita a basso rischio che hanno ricevuto una diagnosi di cancro, malattie cardiovascolari o diabete di tipo 2 hanno vissuto più a lungo rispetto agli individui con le stesse diagnosi che non avevano alcun fattore a basso rischio. Come spiegano gli autori:

“Uno stile di vita salutare non solo ha ridotto il rischio di cancro, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, ma ha anche migliorato la sopravvivenza dopo la diagnosi di tali malattie.”

Gli autori sono pronti a notare che lo studio è osservazionale, quindi non è possibile concludere una relazione causale. Inoltre, i fattori dello stile di vita sono stati auto-riportati, il che, come scrivono gli autori, significa che “gli errori di misurazione sono inevitabili”.

Anche se gli scienziati hanno controllato un’ampia gamma di fattori, esiste sempre la possibilità che fattori non misurati possano giustificare i risultati.

Tuttavia, gli scienziati hanno avuto accesso a informazioni dettagliate da ciascun partecipante più volte in un periodo di follow-up sostanziale; nel complesso, concludono:

“Le politiche pubbliche per migliorare il cibo e l’ambiente fisico che favoriscono l’adozione di una dieta e uno stile di vita salutari, nonché le politiche e i regolamenti pertinenti (ad esempio, il divieto di fumare nei luoghi pubblici o le restrizioni sui grassi trans) sono fondamentali per migliorare l’aspettativa di vita, in particolare l’aspettativa di vita priva di importanti malattie croniche “.

Cancro: un antibiotico comune può rafforzare il sistema immunitario

Published by:

ultime notizie cancro e antibiotici

Una nuova ricerca sui topi ha scoperto che l’assunzione dell’antibiotico vancomicina prima di sottovalutare la radioterapia altera i batteri gram-positivi nell’intestino, potenziando così il sistema immunitario e migliorando l’effetto antitumorale del trattamento.


A livello globale, il cancro continua ad essere la seconda principale causa di morte, con circa9,6 milioni di Trusted Sourcedecessi registrati nel 2018.

Il carcinoma polmonare e il carcinoma mammario sono le forme più comuni di tumore e il carcinoma polmonare e il colon causano il maggior numero di decessi.

La radioterapia è una delle forme più comuni di terapia nella lotta contro il cancro.

In effetti, in giroFonte fidata al 50%delle persone sottoposti a radioterapia ad un certo punto durante il trattamento. Di solito, gli operatori sanitari amministrano la radioterapia in combinazione con la chemioterapia .

Alcuni ricercatori hanno scoperto che durante il trattamento dei tumori cerebrali, la somministrazione di radioterapia a dosi più elevate ma meno frequentemente può essere un modo più efficace di rafforzare il sistema immunitario nella lotta contro il cancro.

Inoltre, questo modo di somministrare la radioterapia – chiamata terapia ipofrazionata – innesca una reazione a catena immunologica che culmina nella distruzione di tumori distanti, non irradiati e localizzati. Questa lontana azione si chiama “effetto abscopal”.

Come spiegano gli autori del nuovo studio, la combinazione della radioterapia con l’immunoterapia ha suscitato molto interesse clinico di recente, poiché i ricercatori sperano di poter ottenere un effetto simile a quello abscopale trasformando un modo di trattare un tumore localmente in un modo di trattare sistematicamente.

Inoltre, studi precedenti hanno suggerito che i batteri intestinali mediano la risposta immunitaria.

Quindi, gli autori del nuovo articolo hanno deciso di esaminare se alterare o meno i batteri intestinali usando un antibiotico in grado di modulare gli effetti antitumorali della radioterapia.

Andrea Facciabene, Ph.D. – professore associato di oncologia delle radiazioni presso la Perelman School of Medicine dell’Università di Pennsylvania a Filadelfia – è il ricercatore senior dietro la nuova ricerca, i cui risultati appaiono nel Journal of Clinical Investigation .

L’antibiotico aumenta gli effetti della radioterapia
Facciabene e colleghi hanno scelto la vancomicina come antibiotico per interrompere i batteri intestinali dei topi perché innesca batteri gram-positivi e perché la sua azione è limitata all’intestino. Ciò significa che non influisce sul resto del microbioma del corpo.

I ricercatori hanno somministrato l’antibiotico per via orale ai topi che erano stati geneticamente modificati per sviluppare il cancro ai polmoni, il melanoma o il cancro cervicale . Dopo aver somministrato l’antibiotico, il team ha somministrato ai topi una terapia ipofrazionata.

Questi esperimenti hanno rivelato che la vancomicina ha migliorato gli effetti antitumorali della radioterapia. Ha aiutato il trattamento a uccidere non solo le cellule tumorali che prendeva di mira direttamente, ma anche le cellule tumorali distanti che erano più lontane nel corpo.

Ciò si è verificato migliorando la funzione delle cellule dendritiche. Queste cellule agiscono come ” sentinelle ” del sistema immunitario, dicendo alle cellule T che è presente un antigene e chiedendo loro di attaccarlo.

“Il nostro studio mostra che la vancomicina sembra aumentare l’effetto della stessa radiazione ipofrazionata sul sito del tumore bersaglio aiutando anche l’effetto abscopale, aiutando il sistema immunitario a combattere i tumori lontano dal sito di trattamento”, spiega Facciabene.

” Poiché la vancomicina è un agente clinico ampiamente utilizzato con un profilo relativamente sicuro, questi risultati aumentano il potenziale per l’utilizzo di questo antibiotico per migliorare gli effetti della [radioterapia] nelle [persone] con cancro”.

Andrea Facciabene et al.

È “chiaro […] che gli antibiotici svolgono un ruolo e possono potenzialmente avere un impatto sui trattamenti e sugli esiti per i malati di cancro”, aggiunge Facciabene. Gli scienziati stanno ora lavorando alla traduzione dei loro risultati in uno studio clinico di fase I sull’uomo.

“Sulla base dei nostri risultati”, concludono gli autori dello studio, “proponiamo l’uso della modulazione intestinale in modo specifico per il paziente al fine di tradurre gli effetti antitumorali locali della [radioterapia] in una risposta sistemica che può colpire la malattia metastatica”.

Gli scienziati hanno anche notato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno il ruolo di specifici ceppi batterici nel modulare la risposta immunitaria del corpo.

Lo studio mostra che la progressione della sclerosi multipla può essere rallentata

Published by:

sclerosi multipla un nuovo orizzonte

La sclerosi multipla (SM) è difficile da diagnosticare e, finora, non ha cura. Tuttavia, secondo nuove ricerche, potrebbe essere possibile rallentarne la progressione senza alcuni dei rischi per la salute associati agli attuali trattamenti.


La SM è una malattia cronica del sistema nervoso centrale (SNC) che interrompe i segnali nervosi tra il cervello e il resto del corpo.

Mentre quasi 1 milione di persone negli Stati Uniti di età superiore ai 18 anni vive con una diagnosi di SM e 2,3 milioni di persone in tutto il mondo hanno la condizione, le sue cause rimangono un mistero. Le donne hanno una probabilità due o tre volte maggiore rispetto agli uomini di ricevere una diagnosi di SM e la maggior parte delle persone con SM ha 20-50 anni.

I sintomi, che possono andare e venire o peggiorare, includono debolezza, visione offuscata, mancanza di coordinazione, squilibrio, dolore, perdita di memoria, alterazioni dell’umore e – meno comunemente – paralisi, tremore e cecità.

La volubilità della sclerosi multipla e la natura aspecifica dei suoi sintomi rendono difficile la diagnosi e attualmente non c’è speranza di una cura. Tuttavia, ci sono alcuni farmaci, comunemente noti come farmaci anti-B, che aiutano a moderare gli attacchi e ritardano la progressione della disabilità.

Ora, un nuovo studio condotto dal Centro di ricerca ospedaliera dell’Università di Montreal (CRCHUM) in Canada ha mostrato un modo per rallentare la progressione della sclerosi multipla e possibilmente superare alcuni dei rischi per la salute associati ai tradizionali trattamenti delle cellule B. I risultati appaiono in Science Translational Medicine .


Le terapie dirette alle cellule B sono efficaci nella SM, ma riducono tutte le cellule B e alcuni pazienti sviluppano tumori e infezioni opportunistiche”, ha dichiarato Alexandre Prat, ricercatrice presso CRCHUM, professore all’Università di Montreal e titolare di il Canada Research Chair in MS.

Gli esperti ritengono che la SM derivi dal sistema immunitario che attacca i tessuti sani del sistema nervoso centrale, causando danni che interferiscono con il sistema di segnalazione dei nervi del corpo.

Di solito, la barriera emato-encefalica protegge il cervello da elementi che potrebbero danneggiarlo. Quindi, ad esempio, impedisce ai linfociti B del sistema immunitario o alle cellule B di entrare nel cervello.

Tuttavia, nelle persone con SM, questo sistema di difesa non serve più come barriera, consentendo a un gran numero di linfociti di invadere il cervello e attaccare la guaina mielinica. La guaina normalmente serve a proteggere e isolare gli assoni o le fibre nervosi, che consentono la trasmissione dei segnali nervosi.

La presenza di linfociti B nel liquido cerebrospinale è un classico marker della sclerosi multipla, e sono proprio queste cellule a dare alla scia la sua natura progressiva.


” Mantenere le cellule B al di fuori del cervello bloccando la loro migrazione ma trattenendole nel sangue potrebbe ridurre i sintomi e la progressione della sclerosi multipla – senza gli effetti collaterali infettivi perché non si esauriscono dal resto del corpo.”

Dr. Alexandre Prat

Una molecola che può alterare il decorso della SM
Prat e colleghi ricercatori di CRCHUM hanno iniziato a dimostrare che bloccando una molecola chiamata ALCAM (molecola di adesione delle cellule dei leucociti attivati), potevano ridurre il flusso di cellule B nel cervello e, quindi, rallentare la progressione della SM.

Lavorando con topi e cellule umane in vitro, lo studio ha rivelato per la prima volta che ALCAM, che le cellule B esprimono a livelli più alti nelle persone con SM, è ciò che consente alle cellule B di invadere il cervello attraverso i vasi sanguigni.

Lo studio ha dimostrato che il blocco di ALCAM nei topi riduce il flusso di cellule B al cervello e rallenta la progressione della SM.

” Forniamo la prova del principio che l’ingresso delle cellule B nel cervello può essere selettivamente preso di mira da ALCAM e che ciò porta a un ridotto carico di malattia nei modelli animali di SM.”

Dr. Alexandre Prat

I ricercatori sperano che, dimostrando che il blocco di ALCAM è un modo efficace per affrontare il flusso di cellule B al cervello e al sistema nervoso centrale, hanno spianato la strada a una nuova generazione di terapie per il trattamento della SM.

L’aspettativa di vita media delle persone con SM è attualmente di 7 anni inferiore a quella della popolazione generale, un miglioramento rispetto al passato grazie agli sviluppi del trattamento, una migliore assistenza sanitaria e stili di vita più salutari.

Quindi, qual è il prossimo passo per la squadra? “Sviluppare farmaci anti-ALCAM sicuri per l’uso nella SM umana”, ha dichiarato Prat al Medical News Today .

La Genetica Influenza il Peso Forma

Published by:

peso forma e genetica

A volte anche se ti impegni con costanza la tua dieta non dà risultati. Questo inconveniente potrebbe essere legato alla genetica.

Evidentemente i geni, cioè i nostri caratteri ereditari influiscono sulle caratteristiche del corpo. Le persone tendono ad assomigliare ai loro parenti, compresa la distribuzione del peso che portano.

Tuttavia, non è così semplice, la figura robusta non dipende solo dai caratteri ereditari, ma di certo hanno un’importanza.

Molti dei geni che influenzano l’aumento di peso sono coinvolti in processi complessi. Come il metabolismo, l’assorbimento dei grassi e dei carboidrati, e della risposta del corpo a bruciarli.

La genetica non è la sola responsabile del tuo sovrappeso.

Alcuni studi sui gemelli hanno dimostrato che la genetica non influisce, infatti differenti stili di vita determinano un diverso peso anche tra consanguinei cosi stretti.

I test genetici, e una nuova ponderata ricerca della cura della salute, ti possono aiutare a identificare la tua vulnerabilità. Il tuo punto debole insomma, in merito al tuo aumento di peso e alle tue condizioni di vita.

Una specifica branca della genetica, studia i problemi correlati all’aumento di peso e all‘obesità. Con l’intento di scoprire in che misura i geni influiscono sul tuo peso forma.

Studiosi hanno messo in pratica delle sperimentazioni che associavano diete differenti in base al patrimonio genetico di ogni individuo.

Questi esperimenti, effettuati a Standford, hanno dimostrato che le donne, che seguivano una dieta in base a questi test genetici, hanno perso peso fino a 2,5 volte di più rispetto ad altre.

Il nome specifico è nutrigenetica un tipo di test genetico che è sta guadagnando popolarità.

Con i test basati sulla nutrigenetica è possibile determinare la quantità di ogni singola vitamina che necessita al tuo organismo. Al tuo bisogno di rimanere in buona salute, questi pasti studiati sulla genetica possono aiutare nella perdita di peso. Ma vanno seguiti sotto stretto controllo medico.

I test genetici sono ancora in fase sperimentale e cosi le diete derivate da essi. Anche le relazioni complesse tra geni e fattori dello stile di vita sono ancora in corso di definizione, non sono stati emessi resultati definitivi.

In pratica gli scienziati non sono ancora pronti per affermare che l’obesità può avere origine genetica. Tutti dovremmo mangiare frutta e verdura fresca e fare esercizio molto più di frequente di quello che riportano le statistiche.

I test genetici però possono aiutare a personalizzare un programma di dieta e di esercizio fisico su misura per il tuo corpo che ha bisogno di una particolare attenzione perchè sei in sovrappeso. La conoscenza del proprio profilo genetico, non è la soluzione ma è di certo un valido aiuto.

Tumori cardiaci

Published by:

tumori al cuore

Quali sono i tumori cardiaci?

I tumori cardiaci sono anormali escrescenze nelle valvole cardiache o cardiache. Esistono molti tipi di tumori cardiaci. Ma i tumori cardiaci, in generale, sono rari.

I tumori possono essere cancerogeni (maligni) o non cancerosi (benigni).

I tumori che iniziano a crescere nel cuore e rimangono lì sono chiamati tumori primari. I tumori che iniziano in un’altra parte del corpo e si spostano verso il cuore (metastatizza) sono chiamati tumori secondari. La maggior parte dei tumori cardiaci è benigna.

Ma anche i tumori benigni possono causare problemi a causa delle loro dimensioni e posizione. A volte, piccoli frammenti di tumore cadono nel flusso sanguigno e vengono trasportati su vasi sanguigni lontani e ostacolano il flusso sanguigno verso gli organi vitali (embolia).

Quali sono i tipi di tumori cardiaci?

Tumori primari

I tumori primari colpiscono solo 1 su 1.000 a 100.000 persone. Il tipo più comune di tumore cardiaco primario è il mixoma. La maggior parte di questi sono benigni.

I pazienti di qualsiasi età possono sviluppare un mixoma. Sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini. La maggior parte delle volte, il tumore cresce nella camera superiore sinistra del cuore (atrio sinistro) del setto atriale, che divide le due camere superiori del cuore.

I mixomi possono crescere in altre aree del cuore o nelle valvole cardiache, ma tale crescita è rara. Circa il 10% dei mixomi è ereditario o si sviluppa a seguito di altre malattie (vedi sopra).

Altri tipi di tumori primitivi benigni sono fibroelastomi papillari, fibromi, rabdomiomi, emangiomi, teratomi, lipomi, paragangliomi e cisti pericardiche. I tumori primari maligni includono il mesotelioma pericardico, il linfoma primario e il sarcoma.

Tumori secondari

I tumori cardiaci secondari sono molto più comuni dei tumori primari. Non iniziano nel cuore. Invece, si spostano verso il cuore dopo essersi sviluppati in un’altra area del corpo. Molto spesso, questi tumori iniziano nei polmoni, nel seno, nello stomaco, nei reni, nel fegato o nel colon. Possono anche essere tumori correlati a linfoma, leucemia o melanoma.

Quali sono i sintomi dei tumori cardiaci?

Molte volte, i pazienti non sanno di avere un tumore cardiaco. Si trovano spesso quando il paziente ha un ecocardiogramma per un altro motivo. Se il tumore diventa indurito dai depositi di calcio (calcificati), può essere visto su una radiografia del torace.

La maggior parte dei tumori cardiaci primari vengono scoperti quando i pazienti hanno tra i 50 e i 60 anni. Tuttavia, possono essere trovati anche nei pazienti più giovani.

I pazienti con mixoma cardiaco nell’atrio sinistro possono sviluppare sintomi. Ciò è dovuto al blocco del flusso sanguigno attraverso la valvola mitrale.

Il flusso di sangue può essere bloccato tutto il tempo, o solo quando il paziente si trova in una certa posizione fisica (cioè, sdraiato). Mentre molti pazienti non hanno sintomi, se il flusso sanguigno è bloccato e c’è maggiore pressione nell’atrio sinistro, può causare mancanza di respiro, vertigini o tosse. L’infiammazione può causare febbre e il paziente può avere dolori articolari o non stare bene.

Che cosa causa tumori cardiaci?

Una piccola percentuale di pazienti con tumori cardiaci ha una storia familiare della condizione. A volte, i tumori possono far parte di un’altra condizione di salute, come la Sindrome di NOME, la sindrome di agnello o la sindrome del carney. Molto spesso, il tumore si sviluppa senza una di queste condizioni o la storia familiare. Sono il risultato della crescita eccessiva delle cellule che inizia nel cuore o si muove verso il cuore.

I lettini abbronzanti causano il cancro?

Published by:

lampade e cancro

Un importante gruppo di ricerca mondiale sul cancro sta dichiarando che l’uso del lettino abbronzante ha un rischio significativo di cancro.

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dee l’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno diffuso un annucio. Ovvero di aver spostato i lettini abbronzanti UV nella sua categoria di rischio di cancro più elevata – “cancerogeno per l’uomo”.

Prima dello studio, il gruppo aveva classificato la lampada solare e il lettino solare come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”.

In un’intervista con WebMD, Vincent Cogliano dell’IARC, PhD, ha fatto questa dichiarazione. L’evidenza scientifica che collega l’abbronzatura indoor al melanoma mortale del cancro della pelle “sufficiente e convincente”.

Un drammatico aumento del melanoma, soprattutto tra le giovani donne, compare sulla scena negli ultimi anni.

Abbondanza di prove

Cogliano ha affermato che gli studi condotti nell’ultimo decennio forniscono “un’abbondanza di prove”. L’uso del lettino abbronzante ha avuto un ruolo in questo aumento, insieme all’esposizione diretta al sole.
“La gente vede erroneamente l’abbronzatura come un segno di salute quando in realtà è un segno di danno alla pelle”, dice.

UVA e UVB provocano il cancro


Cogliano afferma che il gruppo IARC si è riunito il mese scorso per esaminare la ricerca sui lettini abbronzanti. Soprattutto hanno discusso il ruolo dell’esposizione alla luce ultravioletta nel cancro della pelle.

Gli studi hanno scoperto che la radiazione ultravioletta A (UVA), la radiazione ultravioletta B (UVB) e la radiazione ultravioletta C (UVC) causano il cancro nei modelli animali.

Questo è significativo perché l’industria dell’abbronzatura indoor ha spesso affermato che i lettini abbronzanti sono sicur. Perché le lampadine hanno più radiazioni UVA rispetto ai raggi UVB, dice Len Lichtenfeld, MD.

“Questo rapporto mette a tacere l’argomento secondo cui l’abbronzatura con luce UVA è sicura”, ha detto Lichtenfeld in una nota. “Come notato dal rapporto IARC, la luce UVA è anch’essa un cancerogeno di classe I e dovrebbe essere evitata.”

Lettini abbronzanti e aumento del melanoma

Il rapporto citava l’analisi di ricerca del gruppo pubblicata nel 2006.l’uso di lettini abbronzanti prima dei 30 anni veniva associato ad un aumento del 75% nel rischio di melanoma.

E’ stato condotto studio separato riportato lo scorso luglio da ricercatori del National Institutes of Health. Questo studio ha rilevato che i tassi di melanoma tra le giovani donne negli Stati Uniti sono quasi triplicati tra il 1973 e il 2004.


A partire dai primi anni ’90, un aumento particolarmente drammatico è stato osservato nelle lesioni più spesse e più letali del melanoma, portando i ricercatori a concludere che l’abbronzatura ha probabilmente svolto un ruolo significativo in questo aumento.

All’inizio di quest’anno, i ricercatori del Northern California Cancer Center hanno riferito che i casi di melanoma sono raddoppiati negli Stati Uniti tra la metà degli anni ’90 e il 2004. I ricercatori hanno concluso che l’aumento non può essere spiegato con uno screening migliore e una diagnosi precoce del cancro.

Hanno diagnosticato circa 62.000 nuovi casi di melanoma negli Stati Uniti. Circa 8.000 persone con conseguente decesso di circa 8000 personenel 2018, secondo l’ACS.

“Non siamo stati in grado di esaminare le possibili cause di questo aumento, ma ci sono molte prove che siano legate all’abbronzatura”, ha detto Clarke a WebMD.

La coautrice dello studio Eleni Linos, MD, DrPh, della Stanford University, indica gli studi che mostrano gli aumenti nelle conciate all’aperto e al coperto negli ultimi anni, specialmente tra le giovani donne.
“Uno dei fattori di rischio stabiliti per il melanoma è la luce UV, quindi sia l’esposizione al sole che l’esposizione ai lettini abbronzanti sono probabilmente fattori di rischio”.

L’industria dell’abbronzatura risponde


Lo scorso settembre, il direttore esecutivo della International Tanning Association (ITA) John Overstreet ha dichiarato a WebMD che un rapporto condotto da ricercatori nei campi della ricerca sul melanoma, della dermatologia e della biologia cellulare richiede una maggiore regolamentazione dell’abbronzatura indoor includendo “asserzioni irresponsabili senza fornire alcun collegamento concreto tra abbronzatura al coperto e melanoma. “

Nella primavera del 2018, l’ITA ha lanciato una campagna nazionale per mettere in discussione questo collegamento.

In un comunicato pubblicato all’epoca, la portavoce ITA Sarah Longwell ha dichiarato: “Hanno demonizzato inutilmente sia il sole che i lettini abbronzanti spèinti da interessi speciali che usano la scienza della spazzatura e le tattiche intimidatorie”.

Ma in un comunicato stampa diffuso oggi, il presidente di ITA Dan Humiston ha riconosciuto che l’esposizione ai raggi UV dei lettini abbronzanti non è nettamente diversa dall’esposizione ai raggi UV del sole.

“Il fatto che lo IARC abbia usato il lettino abbronzante nella stessa categoria della luce solare non è certo degno di nota”, ha osservato. “La luce UV proveniente da un lettino abbronzante è equivalente alla luce UV del sole, che ha avuto una classificazione (cancerogena) dal 1992. Alcuni altri articoli di questa categoria sono il vino rosso, la birra e il pesce salato. L’ITA ha sempre sottolineato l’importanza della moderazione quando si tratta di luce UV dal sole o da un lettino abbronzante. “

Tumori, addio alla chemioterapia: le nuove cure partono dalla genomica

Published by:

cancro e genomica

Tumori, addio alla chemioterapia: le nuove cure nascoste dalla genomica

Durante queste settimane si stanno svolgendo una serie di studi clinici e di assistenza sanitaria per stimolare una conversazione tra i professionisti della salute sulla genomica.

Aiuteranno a educare gli operatori sanitari sui benefici della genomica – la pratica dell’uso del DNA e delle informazioni genetiche delle persone per informare la loro assistenza clinica – nel migliorare la diagnosi e il trattamento per i pazienti.

Health Education England (HEE) ha tenuto la sua seconda #GenomicsConversation annuale questa settimana per aumentare la familiarità dei professionisti della salute sulla genomica. La campagna di HEE coinvolge eventi panel, corsi online, il lancio di nuovi podcast e risorse educative.

A dicembre dello scorso anno, il segretario alla salute Matt Hancock ha annunciato che il progetto 100.000 Genomes, guidato da Genomics England in collaborazione con l’NHS England, ha raggiunto l’obiettivo di sequenziare 100.000 interi genomi dai pazienti del NHS.

Il programma è stato lanciato nel 2012 dall’allora primo ministro David Cameron, con l’obiettivo di sfruttare la tecnologia di sequenziamento dell’intero genoma per migliorare diagnosi e trattamenti per le persone con malattie ereditarie rare e cancro. Il progetto ha gettato le basi per un servizio di medicina genomica NHS, che fornirà test genomici ai pazienti di tutto il sistema sanitario nazionale dal 2019.

HEE vuole sensibilizzare i professionisti della salute sull’introduzione del nuovo servizio e sul sequenziamento dell’intero genoma in modo che si sentano più a loro agio nel discutere i test genomici con i pazienti e possano indirizzarli a informazioni e servizi pertinenti.

Cura personalizzata

Nel frattempo, l’Università di Cambridge terrà un evento sulla genomica il 13 marzo nell’ambito del Cambridge Science Festival per celebrare il sequenziamento di tutti i 100.000 genomi e il Regno Unito diventando la prima nazione al mondo ad applicare il sequenziamento del genoma su larga scala in ambito sanitario.

Mark Caulfield, Chief Executive e Chief Scientist di Genomics England, ha dichiarato: “Il servizio di medicina genomica è il primo del suo genere in cui la genomica sarà incorporata in un sistema sanitario nazionale e trasformerà l’assistenza sanitaria di routine nel Regno Unito”.

Quattro eventi regionali organizzati da NHS England in collaborazione con Macmillan Cancer Support, Cancer Research UK e NHS Horizons si svolgeranno a Londra, Birmingham, Bristol e Leeds, a partire dal 12 aprile. Intitolato Genomics and Personalization of Cancer Care, esploreranno come la genomica può essere incorporata nella cura del cancro personalizzata.

Consentiranno inoltre a coloro che lavorano nei centri di medicina genomica di NHS di impegnarsi con il pubblico. Altresì ad altri operatori sanitari diriflettere sulla trasformazione che ha già avuto luogo e considerare i cambiamenti che saranno necessari in futuro.

Conferenza sulla pratica infermieristica sul cancro

La genomica sarà anche tra gli argomenti presentati alla conferenza annuale della Cancer Nursing Practice il 1 maggio. Qui
Alison May Berner , specialista in tirocinio e ricercatore clinico in oncologia medica presenterà le implicazioni della genomica per le persone affette da cancro e infermieristica . Discuterà inoltre alcuni dei risultati del progetto 100.000 Genomi attingendo a studi di casi dei pazienti.

Il tema generale della conferenza è l’esperienza del paziente.

Gli argomenti includono :

demenza e cancro

prescrizione sociale

gestione del dolore

gestione di una grande unità di terapia anti-cancro sistemica

supporto ai pazienti con recupero.

Presentela ma del Royal Wolverhampton NHS Trust per oncologia ed ematologia Doreen Black. Lei ha conquistato la migliore categoria di leadership nel 2018 Windrush Awards del NHS Inghilterra, e farà un discorso di apertura.