Tag Archives: prostata

Mangiare funghi potrebbe ridurre il rischio di cancro alla prostata

Published by:

prevenzione cancro alla prostata e funghi

Nel primo studio nel suo genere, i ricercatori giapponesi hanno trovato un’associazione tra il consumo di funghi e un ridotto rischio di cancro alla prostata. Sebbene la dimensione dell’effetto sia relativamente piccola, i risultati potrebbero ispirare ulteriori indagini.

Una nuova ricerca suggerisce che mangiare regolarmente funghi può ridurre il rischio di una persona di cancro alla prostata.
Il National Cancer Institute prevede che ci saranno 174.650 nuovi casi di cancro alla prostata negli Stati Uniti nel 2019.

Sebbene il trattamento per questo tipo di cancro stia continuamente migliorando, non esiste una cura né un modo per prevenirlo.

Tuttavia, l’evidenza suggerisce che mangiare in modo sano potrebbe ridurre il rischio.

Se gli scienziati sono in grado di identificare semplici interventi dietetici in grado di ridurre questo rischio, anche di una piccola quantità, potrebbe fare una differenza sostanziale a livello globale.

I ricercatori hanno recentemente condotto uno studio sui funghi, pubblicando i loro risultati sull’International Journal of Cancer .
Perché i funghi
I funghi sono un alimento relativamente poco costoso e ampiamente consumato in tutto il mondo. Negli ultimi anni, gli studi hanno iniziato a identificare le loro potenziali capacità di combattere le malattie.

Una recensione del 2012 afferma che alcuni composti nei funghi hanno proprietà antitumorali, antinfiammatorie e antidiabetiche, tra gli altri.

Più specificamente, studi condotti su cellule coltivate e modelli animali hanno scoperto che gli estratti di alcune specie di funghi possono rallentare la crescita tumorale .

Secondo gli autori del recente articolo, solo un precedente processo umano ha studiato funghi e cancro alla prostata. Lo studio precedente ha testato funghi di bottone bianchi in polvere in uomini con carcinoma prostatico ricorrente.

Il team ha scoperto che per alcuni dei partecipanti, l’estratto di funghi riduceva i livelli di antigene prostatico specifico (PSA) – il biomarcatore primario per il cancro alla prostata – e aumentava la risposta immunitaria del corpo al cancro.

Lo studio più recente è il primo a esaminare la relazione tra consumo di funghi e incidenza del cancro alla prostata all’interno di una popolazione.

Raccolta dati
Per indagare, i ricercatori hanno preso i dati dallo studio di coorte Miyagi e dallo studio di coorte Ohsaki. In totale, hanno avuto accesso ai dati di 36.499 uomini giapponesi di età compresa tra 40 e 79 anni. Hanno seguito questi individui per una mediana di 13,2 anni.

Gli scienziati hanno utilizzato questionari per acquisire informazioni su dieta, anamnesi, livelli di attività fisica, stato di fumo, abitudini di consumo, livelli di istruzione e altro ancora.

Hanno quindi assegnato ciascun partecipante a uno dei cinque gruppi in base al consumo di funghi:

quasi mai: il 6,9% dei partecipanti
una o due volte al mese: 36,8%
una o due volte a settimana: 36,0%
tre o quattro volte a settimana: 15,7%
quasi ogni giorno: 4,6%
Durante il periodo di follow-up, ci sono stati 1.204 casi di cancro alla prostata, pari al 3,3% dei partecipanti.
L’effetto fungo
Dopo aver controllato le variabili confondenti, i ricercatori hanno osservato un effetto benefico significativo:

Rispetto a quelli che mangiavano funghi meno di una volta alla settimana, quelli che mangiavano funghi una o due volte a settimana presentavano un rischio relativo inferiore dell’8% di cancro alla prostata. Coloro che mangiavano funghi tre o più volte alla settimana avevano un rischio relativo inferiore del 17%.

Gli autori concludono:

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio di coorte che indica il potenziale di prevenzione del cancro alla prostata dei funghi a livello di popolazione.”

Questa relazione era significativa anche dopo aver controllato una serie di fattori, tra cui la storia familiare di cancro, l’uso di alcol e tabacco e l’ assunzione di caffè .
È importante sottolineare che hanno anche adeguato le loro analisi per la quantità di energia, carne, frutta, verdura e latticini consumati da ciascun partecipante, in altre parole, la riduzione del rischio non è stata, ad esempio, perché i partecipanti che hanno mangiato più funghi hanno mangiato di più verdure.

Tuttavia, vale la pena notare che l’aumento dell’incidenza del cancro alla prostata tra coloro che mangiano il minor numero di funghi e quelli che mangiano di più è solo dello 0,31% (3,42% rispetto al 3,11%, rispettivamente).

Inoltre, l’effetto è stato significativo solo negli uomini di età superiore ai 50 anni. Gli autori ritengono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il cancro alla prostata è molto più raro negli uomini più giovani.

Limitazioni e domande
Ci sono alcune limitazioni allo studio. In primo luogo, l’uso di informazioni dietetiche autoportanti non è l’ideale perché è aperto a errori e dichiarazioni erronee. Tuttavia, con uno studio di queste dimensioni, non esiste alternativa praticabile.

Analogamente, il team ha registrato le informazioni dietetiche solo una volta, all’inizio dello studio. In un decennio, la dieta di una persona può cambiare radicalmente.

Inoltre, come osserva l’autore principale Shu Zhang, Ph.D., “Poiché non sono state raccolte informazioni sulle specie di funghi, è difficile sapere quali funghi specifici hanno contribuito alle nostre scoperte”.

Naturalmente, poiché lo studio è stato osservativo, gli autori non possono concludere definitivamente che i funghi hanno causato la riduzione del rischio di cancro. Nonostante il controllo di molte variabili, è ancora possibile che un fattore non misurato abbia influenzato i risultati.

Sebbene non abbiano progettato la ricerca per scoprire come i funghi potrebbero proteggere dal cancro, gli autori ritengono che questo effetto potrebbe essere dovuto ai loro antiossidanti . Ad esempio, alcuni funghi contengono L-ergothioneine e glutatione, entrambi potenti antiossidanti.

Nel complesso, gli autori concludono che “l’assunzione abituale di funghi potrebbe aiutare a ridurre il rischio di cancro alla prostata. Ulteriori studi in altre popolazioni e contesti sono necessari per confermare questa relazione”.

Cosa aspettarsi dal trattamento con Lupron

Published by:

cancro alla prostata e lupron

Lupron è il marchio per leuprolide acetato. Questo farmaco è un tipo di terapia ormonale che i medici utilizzano in genere in combinazione con altri trattamenti per trattare le persone con cancro alla prostata.
Il lupron appartiene a una classe di farmaci chiamati agonisti dell’ormone che rilascia l’ormone luteinizzante (LHRH). Questi farmaci bloccano la produzione di LHRH nel corpo, che si traduce in testicoli che producono meno testosterone .

Lupron è uno dei tanti farmaci che i medici possono prescrivere per combattere il cancro alla prostata riducendo i livelli di testosterone nel corpo.

In questo articolo, esploriamo come funziona Lupron, quanto è efficace e cosa aspettarsi durante il trattamento. Discutiamo anche di razzi di testosterone, effetti collaterali e le prospettive per le persone con cancro alla prostata.

Come funziona?


Lupron e altri agonisti LHRH sono forme di terapia ormonale. Per le persone con cancro alla prostata, l’obiettivo della terapia ormonale è ridurre i livelli di testosterone nel corpo.

Gli ormoni maschili, come il testosterone, favoriscono la crescita delle cellule tumorali della prostata. Pertanto, l’abbassamento dei livelli di testosterone nel corpo può aiutare a rallentare la progressione del cancro alla prostata.

I medici prescrivono in genere terapia ormonale per le persone con cancro alla prostata in stadio avanzato o cancro alla prostata che ritorna. Alcuni medici usano la terapia ormonale quando la malattia è nelle fasi iniziali, ma l’ American Cancer Society (ACS) raccomanda di guardare e aspettare come l’approccio migliore per il cancro alla prostata allo stadio iniziale.
Quanto è efficace?
Le terapie ormonali, come il lupron, sono spesso efficaci in combinazione con altri trattamenti per le persone con cancro alla prostata in stadio avanzato. Molti medici non raccomandano la terapia ormonale durante le prime fasi di questa malattia.

Un potenziale problema è che il cancro alla prostata può diventare resistente agli agonisti del LHRH nel tempo in alcune persone.

Secondo l’ ACS , i medici possono raccomandare terapie ormonali, come Lupron, per:

cancro che ritorna dopo radioterapia o chirurgia
cancro che si è diffuso troppo lontano per la radioterapia o la chirurgia per curarlo
persone che non possono avere radioterapia o chirurgia
carcinoma restringente prima della radioterapia
persone che stanno avendo radioterapia e hanno un alto rischio di ritorno del tumore dopo il trattamento


Cosa aspettarsi durante il trattamento


I medici usano spesso terapie ormonali, come il Lupron, in combinazione con radioterapia o altri trattamenti. Possono anche usarlo dopo l’intervento chirurgico.

Gli operatori sanitari amministrano Lupron come un deposito, che è un piccolo impianto che iniettano sotto la pelle della persona. L’individuo può spesso scegliere un sito di iniezione adatto a loro. I siti di iniezione comuni includono:

  • Arti superiori
  • cosce esterne
  • natiche


Il regime di trattamento per Lupron dipenderà dalle circostanze individuali e una persona può lavorare con il proprio medico per determinare il dosaggio migliore. Alcuni dosaggi tipici includono :

  • 7,5 mg – una iniezione ogni 4 settimane
  • 22,5 mg – una iniezione ogni 12 settimane
  • 30 mg – una iniezione ogni 16 settimane
  • 45 mg – una iniezione ogni 24 settimane


Quando una persona inizia per la prima volta un trattamento con Lupron, può avere un riacutizzazione del testosterone. Successivamente, potrebbero manifestare effetti collaterali dovuti a livelli di testosterone molto bassi nel loro corpo. Dopo l’interruzione del trattamento, i livelli di testosterone iniziano a tornare alla normalità.


Razzi di testosterone


Quando una persona prende per la prima volta il Lupron, i suoi livelli di testosterone possono aumentare, o flare, prima di scendere a livelli molto bassi. Per alcune persone, in particolare per quelle con carcinoma prostatico avanzato, un riacutizzarsi del testosterone può causare temporaneamente un peggioramento dei sintomi.

I sintomi di un bagliore di testosterone possono includere:

ostruzione degli ureteri, dei tubi che trasportano l’urina dai reni alla vescica
dolore osseo
peggioramento dei sintomi nervosi
compressione del midollo spinale
problemi con la minzione
Per aiutare a prevenire un riacutizzazione del testosterone, i medici possono anche prescrivere un farmaco anti-androgeno durante le prime settimane di trattamento con un agonista LHRH.

Effetti collaterali


Come con qualsiasi terapia medica, il lupron e altre terapie ormonali possono causare effetti collaterali. Molti di questi effetti collaterali sono sintomi di livelli di testosterone molto bassi.

Possibili effetti collaterali delle terapie ormonali, come il Lupron, possono includere :

  • perdita di massa muscolare
  • vampate di calore
  • fatica
  • irritazione della pelle nel sito di iniezione
  • disfunzione erettile o perdita di desiderio sessuale
  • testicoli e pene rimpiccioliti
  • cambiamenti nei lipidi del sangue
  • depressione
  • osteoporosi
  • sbalzi d’umore
  • tenerezza al seno
  • aumento di peso
  • la crescita del tessuto mammario
  • anemiaù


Una persona dovrebbe discutere eventuali effetti collaterali che stanno vivendo con il proprio team sanitario. Se gli effetti indesiderati sono gravi, il medico può raccomandare di cambiare il dosaggio o provare un trattamento diverso.

Opzioni di trattamento alternative


Ci sono diverse opzioni di trattamento per il cancro alla prostata, inclusi altri agonisti LHRH e vari tipi di terapia ormonale.

Altri agonisti LHRH includono :

  • goserelin (Zoladex)
  • triptorelin (Trelstar)
  • histrelin (Vantas)


Le terapie ormonali alternative includono:

  • Orchiectomia . Conosciuto anche come castrazione chirurgica, questa è una procedura chirurgica per rimuovere i testicoli di una persona. I testicoli producono la maggior parte del testosterone del corpo.
  • Antagonisti di LHRH . Questi farmaci agiscono in modo simile agli agonisti di LHRH, ma abbassano i livelli di testosterone molto più rapidamente. Gli antagonisti del LHRH sono una forma di castrazione chimica e i medici li usano per curare le persone con carcinoma prostatico avanzato.
  • Inibitori del CYP17 . Oltre ai testicoli, altre cellule del corpo producono piccole quantità di testosterone. Gli inibitori del CYP17 bloccano queste cellule dalla produzione di testosterone.
  • Anti-androgeni . Questi farmaci impediscono al testosterone di funzionare nel corpo. I medici prescrivono di solito anti-androgeni in combinazione con altre terapie ormonali.


Il primo trattamento per le persone con cancro alla prostata è spesso un’attesa vigile, in cui un medico controlla da vicino una persona per vedere come procede la malattia. Il cancro alla prostata può progredire molto lentamente e alcune persone potrebbero non richiedere mai alcun trattamento.

Se il cancro di una persona progredisce verso fasi più avanzate, le opzioni di trattamento possono includere:

radioterapia
chirurgia
crioterapia
chemioterapia
trattamento vaccinale


I medici usano spesso terapie ormonali in combinazione o in seguito a uno di questi trattamenti.

Prospettive


Poiché il cancro alla prostata progredisce molto lentamente, i tassi di sopravvivenza per questa malattia sono generalmente elevati.

Secondo l’ ACS , il tasso di sopravvivenza relativa globale a 5 anni per il cancro alla prostata è del 98%. Questa statistica indica che le persone con cancro alla prostata hanno il 98% delle probabilità di sopravvivere per almeno 5 anni dopo la diagnosi di quelle senza la condizione.

Tuttavia, la prospettiva di una persona può dipendere da quanto è avanzata la malattia quando un medico le diagnostica con il cancro alla prostata.

Per le persone con cancro che non si è diffuso oltre la prostata o si è diffuso solo ai tessuti o ai linfonodi vicini, il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni è quasi del 100% . Se il tumore si è diffuso ad altre aree del corpo, come i polmoni, il fegato o le ossa, il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni è del 30% .

Minzione frequente: cause, sintomi e trattamento

Published by:

minzione frequente

Minzione frequente significa avere l’urgenza di passare l’urina più spesso del solito.

Può interrompere la normale routine, interrompere il ciclo del sonno e può essere un segno di una condizione medica di base.


Molte persone vivono con minzione frequente, nota come frequenza medica. Quando si urina più di 3 litri al giorno di urina, questo è noto come poliuria. Spesso, c’è spesso una causa semplice che può essere sottoposta a trattamento.

La frequenza non è la stessa dell’incontinenza urinaria , dove c’è una perdita di urina.

A volte, la minzione frequente può indicare una condizione più grave. L’identificazione precoce del problema può portare a un trattamento tempestivo ed efficace e prevenire le complicanze.

Info veloci sulla minzione frequente


Ecco alcuni punti chiave sulla minzione frequente. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La frequenza urinaria, o solo la frequenza, è diversa dall’incontinenza urinaria.
  • La maggior parte delle persone urina 6 o 7 volte in 24 ore. Urinare più spesso di questo può essere definito come frequenza, ma ognuno è diverso.
  • Normalmente è solo un problema se influisce sulla qualità della vita di una persona.
  • La frequenza può essere spesso trattata con esercizi, ma se c’è una condizione di base, come il diabete , questo richiederà attenzione.


Cos’è la minzione frequente?


La frequenza urinaria è quando una persona ha bisogno di usare il bagno più spesso del solito.
La frequenza urinaria è quando una persona ha bisogno di usare il bagno più spesso del solito.
L’orinazione è il modo in cui il corpo si libera dei liquidi di scarico. L’urina contiene acqua, acido urico, urea e tossine e rifiuti filtrati dall’interno del corpo. I reni svolgono un ruolo chiave in questo processo.

L’urina rimane nella vescica urinaria fino a raggiungere un punto di pienezza e una voglia di urinare. A questo punto, l’urina viene espulsa dal corpo.

La frequenza urinaria non è la stessa dell’incontinenza urinaria, che si riferisce ad avere poco controllo sulla vescica. Frequenza urinaria significa semplicemente dover visitare il bagno per urinare più spesso. Può verificarsi insieme all’incontinenza urinaria, ma non è la stessa cosa.

La maggior parte delle persone urina tra 6 e 7 volte nell’arco di 24 ore.

La frequenza urinaria può essere definita come la necessità di urinare più di 7 volte in un periodo di 24 ore mentre si bevono circa 2 litri di liquido.

Tuttavia, gli individui sono diversi, e la maggior parte delle persone vede un medico solo quando la minzione diventa così frequente da sentirsi a disagio. Anche i bambini hanno vesciche urinarie più piccole, quindi è normale che urinino più frequentemente.

Cause possibili


L’orinazione è un processo complesso, che coinvolge vari sistemi corporei. Una serie di cambiamenti può rendere più attivo il sistema urinario.

Le cause legate allo stile di vita includono bere molti liquidi, specialmente se contengono caffeina o alcool. Di notte, questo può interrompere il ciclo del sonno con l’impulso di urinare. Minzione frequente può anche svilupparsi come un’abitudine.

Tuttavia, può essere un segno di problemi ai reni o all’uretere, problemi alla vescica o un’altra condizione medica, come diabete mellito, diabete insipido , gravidanza o problemi alla prostata.

Altre cause o fattori correlati includono:

  • ansia
  • diuretici, come il clorotiazide , che ti fanno urinare dal tuo corpo
  • cibo e bevande che agiscono come diuretici
  • ictus e altre condizioni del cervello o del sistema nervoso
  • infezione del tratto urinario
  • tumore o massa nell’area pelvica
  • cistite interstiziale , un tipo di infiammazione della parete della vescica
  • sindrome della vescica iperattiva (OAB), che provoca contrazioni involutive della vescica che inducono a sentire un improvviso bisogno di urinare
  • cancro alla vescica
  • vescica o calcoli renali
  • incontinenza urinaria
  • stenosi uretrale
  • radiazione del bacino, come durante il trattamento del cancro
  • diverticolite del colon , dove piccole sacche sporgenti e sporgenti si sviluppano nella parete dell’intestino crasso
  • un’infezione a trasmissione sessuale (STI), come ad esempio la clamidia

Sintomi


Uno dei principali sintomi della poliuria è la minzione frequente. Se ci sono altri sintomi, possono indicare un’altra, forse una condizione più grave.

Nocturia, ad esempio, è la necessità di urinare durante la notte, durante il ciclo del sonno. Questo può essere un sintomo di diabete insipido o diabete mellito.

Altri sintomi che potrebbero richiedere ulteriore attenzione includono:

  • dolore o fastidio durante la minzione
  • urina che è sanguinosa, nuvolosa o di un colore insolito
  • perdita graduale del controllo della vescica o incontinenza urinaria
  • difficoltà a urinare nonostante la voglia
  • scarico dalla vagina o dal pene
  • un aumento di appetito o sete
  • febbre o brividi
  • nausea o vomito
  • lombalgia o dolore laterale


Se sono presenti altri sintomi o se la frequenza urinaria influisce sulla qualità della vita, è consigliabile consultare un medico.

Minzione frequente può indicare un’infezione renale , per esempio. Non trattato, questo può danneggiare permanentemente i reni. Inoltre, i batteri che causano l’infezione possono potenzialmente entrare nel flusso sanguigno, infettando altre aree del corpo.

Questo può diventare pericoloso per la vita e richiede attenzione.

Diagnosi


Un medico eseguirà una storia completa e un esame obiettivo, chiedendo al paziente la frequenza della minzione e altri sintomi.

Potrebbero chiedere informazioni su:

  • il modello di minzione frequente, per esempio quando è iniziato, come sono cambiate le cose e a che ora del giorno si verifica
  • farmaci attuali
  • quanto fluido viene consumato
  • eventuali cambiamenti nel colore, nell’odore o nella consistenza delle urine
  • quanta caffeina e alcol la persona consuma e se questo è cambiato di recente


I test possono includere:

  • analisi delle urine per identificare eventuali anomalie nelle urine
  • ecografia , per un’immagine visiva dei reni
  • una radiografia a film normale o scansione TC dell’addome e del bacino
  • test neurologici per rilevare qualsiasi disturbo nervoso
  • test per le IST


Un uomo o una donna possono essere indirizzati a un urologo, o una donna può essere indirizzata a un ginecologo .

Test urodinamici


I test urodinamici valutano l’efficacia della vescica urinaria nella conservazione e nel rilascio dell’urina e esaminano la funzione dell’uretra.

Le osservazioni semplici includono:

  • registrare il tempo necessario per produrre un flusso urinario
  • notando la quantità di urina prodotta
  • misurare la capacità di interrompere la minzione a metà ruscello


Per ottenere misurazioni precise, l’operatore sanitario può utilizzare:

  • apparecchiature di imaging per osservare il riempimento e lo svuotamento della vescica
  • monitor per misurare la pressione all’interno della vescica
  • sensori per registrare l’attività muscolare e nervosa


Il paziente potrebbe dover cambiare l’assunzione di liquidi o interrompere l’assunzione di determinati farmaci prima del test. Potrebbe essere necessario arrivare alla clinica con la vescica piena.

Trattamento


Il trattamento dipenderà dalla causa sottostante.

Se la consultazione porta a una diagnosi di diabete mellito, il trattamento mirerà a mantenere sotto controllo i livelli elevati di zucchero nel sangue.

Per un’infezione renale batterica, il corso tipico del trattamento è la terapia antibiotica e antidolorifica.

Se la causa è una vescica iperattiva, può essere usato un farmaco noto come anticolinergico. Questi prevengono contrazioni muscolari involontarie del muscolo involontario che si verificano nella parete della vescica.

Se necessario, la terapia farmacologica verrà prescritta e monitorata da un medico.

Anche l’addestramento nelle tecniche comportamentali può essere d’aiuto .

Esercizi per la vescica


Altri trattamenti affrontano la minzione frequente piuttosto che una causa sottostante.

Questi includono:

Esercizi di Kegel : esercizi quotidiani regolari, spesso eseguiti intorno alla gravidanza, possono rafforzare i muscoli del bacino e dell’uretra e sostenere la vescica. Per ottenere i migliori risultati, esegui gli esercizi di Kegel da 10 a 20 volte per set, tre volte al giorno, per almeno 4-8 settimane.

Biofeedback : usato insieme agli esercizi di Kegel, la terapia di biofeedback consente al paziente di diventare più consapevole di come funziona il loro corpo. Questa maggiore consapevolezza può aiutare il paziente a migliorare il controllo dei muscoli pelvici.

Addestramento alla vescica : questo comporta l’allenamento della vescica a trattenere l’urina più a lungo. L’allenamento di solito dura da 2 a 3 mesi.

Monitoraggio dell’assunzione di liquidi : questo potrebbe indicare che bere molto in determinati momenti è la causa principale della minzione frequente.


Prevenzione


Seguire una dieta equilibrata e mantenere uno stile di vita attivo può aiutare a moderare la produzione di urina.

Questo può significare limitare l’assunzione di alcool e caffeina e tagliare gli alimenti che possono irritare la vescica o agire come diuretico, come cioccolato, cibi piccanti e dolcificanti artificiali.

Mangiare cibi ricchi di fibre può anche aiutare a ridurre la stitichezza . Ciò può indirettamente migliorare il flusso di urina attraverso l’uretra, poiché un retto stitico può esercitare pressione sulla vescica urinaria, sull’uretra o su entrambi.

Le conoscenze degli uomini sul cancro alla prostata

Published by:

cancro alla prostata

Nonostante gli strumenti, c’è un disallineamento quando si tratta di informazioni e trattamenti.
I ricercatori dell’UBC hanno determinato che la maggior parte degli uomini è in difficoltà quando si tratta di comprendere la diagnosi e il trattamento del cancro alla prostata.

I professori Joan Bottorff e John Oliffe sono scienziati con il programma di ricerca sulla salute maschile di UBC.

Insieme, studiando le conoscenze degli uomini o l’alfabetizzazione del cancro alla prostata, hanno realizzato che molti sono all’oscuro quando si tratta di ciò che sanno della malattia. E, ancora più importante, quale direzione prendere dopo la diagnosi.

“In termini di alfabetizzazione sanitaria, c’è una lunga storia di persone che dicono che gli uomini non sono al passo con i tempi”, dice Oliffe. “Questo include le loro conoscenze quando si tratta di capire i farmaci e le dosi prescritte. Sia che conoscano le fasi di una malattia e come applicano la conoscenza che hanno.”

L’alfabetizzazione sanitaria è la capacità di accedere, comprendere e utilizzare le informazioni relative alla salute per prendere decisioni informate e gestire la salute personale. Tuttavia, quando si tratta di cancro alla prostata, l’informazione è schiacciante per molti uomini, aggiunge il coordinatore della ricerca e lo studio autore principale Cherisse Seaton.

La ricerca

“La nostra ricerca guarda a come gli uomini applicano la conoscenza che hanno”, dice. “Molto spesso ci sono così tante informazioni là fuori ed è complesso in termini di scelta”.

Il cancro alla prostata è il tumore più comune tra gli uomini e ha un alto tasso di sopravvivenza. Tuttavia, afferma Seaton, la scarsa alfabetizzazione sanitaria è considerata un fattore di rischio per problemi di salute e scarsa capacità decisionale.

“Gli uomini hanno alcune grandi decisioni da prendere dopo la diagnosi”, dice Seaton. “Non tutti i tumori alla prostata sono aggressivi e può essere difficile prevedere se un paziente ha un tumore a crescita lenta o aggressivo, i pazienti devono decidere quale tipo di corso di trattamento seguire. Per farlo devono essere ben informati e capire di tutte le opzioni. “

Un’opzione di trattamento comune – sorveglianza attiva – chiama per nessun intervento chirurgico o trattamenti attivi. L’obiettivo è di aspettare la malattia consultando regolarmente un medico. Mentre la sorveglianza attiva può essere un’opzione, lo studio mostra che oltre il 91% degli uomini intervistati ha optato per il trattamento.

“Ci sono alcuni uomini che vogliono davvero liberarsi del cancro indipendentemente da ciò che viene loro detto”, dice Bottorff, che insegna alla scuola di infermieristica UBC.

“Avanzano con l’intervento chirurgico o con un trattamento più aggressivo di quanto potrebbero aver bisogno, molto spesso per paura o mancanza di conoscenza.

Queste opzioni di trattamento attivo hanno effetti collaterali considerevoli e crediamo che meglio l’alfabetizzazione sanitaria degli uomini, meglio faranno quando si tratta di fare scelte informate ed evitare rimpianti decisionali “.

Sebbene la ricerca mostri che gli uomini valutano molto bene la loro conoscenza delle informazioni sanitarie. Molti ritengono di non avere abbastanza informazioni per gestire la loro salute personale.

Il sito web interattivo

Per aiutare l’alfabetizzazione della salute degli uomini per il cancro alla prostata. Il team di ricerca sulla salute maschile ha creato un sito Web interattivo intitolato If I Were Tom. Il sito, spiega Oliffe, è utile per gli uomini subito dopo la diagnosi. Un certo numero di video segue il paziente immaginario chiamato Tom attraverso il test della prostata, la diagnosi e una decisione di trattamento. I visitatori del sito possono prendere decisioni con Tom e apprendere le numerose opzioni disponibili.

Il sito web interattivo condivide anche i messaggi di sopravvissuti, fornitori di assistenza sanitaria e familiari.

“La nostra ricerca ha dimostrato che gli uomini interagivano molto con i fornitori di assistenza sanitaria, e ci sono strumenti là fuori. Nonostante ciò sentivano ancora che avevano bisogno di più informazioni”, afferma Bottorff.

“Chiaramente, abbiamo bisogno di trovare altri modi per connettere gli uomini con le informazioni che stanno cercando.

Questo sito Web è uno sforzo per soddisfare tali esigenze di informazioni. In un modo che sia accessibile agli uomini.”