Tag Archives: salute

Cosa posso fare per una vescica iperattiva?

Published by:

vescica iperattiva

La vescica raccoglie l’urina dai reni e la espelle quando è piena. Se una vescica è iperattiva, una persona non può controllare quando sceglie di urinare e il numero di volte che urina durante il giorno.

La condizione si verifica quando la vescica di una persona stringe frequentemente o senza preavviso. Di conseguenza, potrebbe essere necessario utilizzare il bagno più frequentemente o l’urina potrebbe fuoriuscire.

La condizione è generalmente il risultato di una cattiva comunicazione tra il cervello e la vescica. Il cervello segnala alla vescica che è tempo di spremere e svuotare, ma la vescica non è piena. Di conseguenza, la vescica inizia a contrarsi. Questo provoca un forte bisogno di urinare.

Mentre la condizione può essere comune, non deve significare che una persona deve convivere con i sintomi. Sono disponibili molti trattamenti che possono aiutare le persone a ridurre i sintomi.

Symptoms
Una vescica iperattiva causerà un gruppo di sintomi, che possono influenzare la qualità della vita di una persona.

Una vescica iperattiva può causare una serie di sintomi diversi, tra cui la minzione più di otto volte al giorno e la perdita di urina quando sorge la necessità di urinare.
Esempi di questi sintomi includono:

Frequenza della minzione : una persona urina più di otto volte al giorno.
Nicturia : una persona non può dormire tutta la notte senza svegliarsi per urinare, di solito una o due volte.
Urgenza urinaria : una persona sperimenterà un impulso improvviso e incontrollabile di urinare.
Incontinenza da urgenza : una persona perde l’urina quando prova l’impulso di urinare.
Una persona con una vescica iperattiva può spesso sentirsi come se non fosse in grado di svuotare completamente la vescica. Possono usare il bagno e sentirsi come se dovessero tornare di nuovo poco tempo dopo.

I medici dividono la vescica iperattiva in due tipi in base ai loro sintomi. Il primo tipo è la vescica iperattiva, secca. Secondo il Cedars-Sinai Hospital, circa i due terzi delle persone con vescica iperattiva hanno la varietà secca.

Il secondo tipo è la vescica iperattiva, bagnata. Una persona con questa condizione sperimenta una vescica che perde. Quelli con vescica iperattiva, secca, non presentano i sintomi che perdono.

Fattori di rischio
Alcuni pazienti possono trasmettere i sintomi della vescica iperattiva come parte naturale dell’invecchiamento. Tuttavia, l’invecchiamento non è l’unico fattore di rischio che potrebbe aumentare il rischio di una persona di sperimentare una vescica iperattiva.

Ulteriori fattori di rischio includono:

danno ai nervi a causa di una storia di chirurgia
trauma alla parte superiore del corpo o al bacino che danneggia la vescica
avendo una condizione nota come idrocefalo a pressione normale , una causa di demenza
avere un’infezione del tratto urinario
storia di cancro alla vescica o alla prostata
storia di calcoli alla vescica
storia di condizioni che influenzano la funzione neurologica, come la sclerosi multipla , il morbo di Parkinson o l’ ictus
avendo attraversato la menopausa
mangiare una dieta ricca di alimenti che rendono la vescica più “irritabile” o probabilmente iperattiva
Esempi di tipi di alimenti che possono rendere iperattiva la vescica includono caffeina, alcool e cibi piccanti.

Un medico potrebbe non essere in grado di dire perché una persona manifesta sintomi di vescica iperattiva. I sintomi possono apparire spontaneamente.

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

When to see a doctor
Sebbene la vescica iperattiva non sia considerata una condizione pericolosa per la vita, la condizione può influire notevolmente sulla qualità della vita di una persona. Sono disponibili molti trattamenti per ridurre i sintomi, sebbene i medici non possano curare la condizione.

Svegliarsi di notte per usare il bagno può essere un segno di una vescica iperattiva. Se i sintomi persistono, può essere consigliato visitare un operatore sanitario.
Esempi di segni che una persona dovrebbe cercare un trattamento per una vescica iperattiva includono quando:

una persona non può dormire per tutta la notte senza svegliarsi per andare in bagno
una persona usa il bagno più di otto volte al giorno
una persona frequentemente avverte improvvisi impulsi di urinare e raramente arriva in bagno
una persona sperimenta regolarmente la perdita di urina
Una persona a volte può manifestare questi sintomi e tuttavia non rendersi conto del grado in cui li ha. Esistono diversi strumenti che possono aiutare a valutare la probabilità che i sintomi possano essere correlati alla vescica iperattiva.

Esempi di questi strumenti includono:

Un quiz online su sintomi e gravità della vescica iperattiva, offerto dall’American Urological Association.
Un “diario della vescica” che una persona può conservare dei cibi e delle bevande che consumano, più la frequenza con cui vanno in bagno e manifestano sintomi come urgenza urinaria e incontinenza .
App per smartphone, che una persona può scaricare per aiutarle a tenere un diario della vescica, monitorando quanto bevono, il numero di viaggi in bagno e le perdite urinarie che si verificano.
L’uso di questi strumenti può aiutare a tenere traccia della regolarità dei sintomi di qualcuno e talvolta confermare che i sintomi sono motivo di preoccupazione.

Tuttavia, una persona dovrebbe sempre consultare il proprio medico se hanno sintomi alla vescica di cui sono preoccupati.

Lifestyle remedies
Alcuni cibi e bevande sono noti per contribuire all’irritazione della vescica. Di conseguenza, apportare cambiamenti nello stile di vita può aiutare una persona a ridurre la probabilità che sperimentino sintomi di vescica iperattiva.

Limitare l’assunzione di alcol e caffeina e smettere di fumare può essere raccomandato un cambiamento nello stile di vita.
Esempi di passaggi da eseguire includono:

Limitare l’assunzione di caffeina e alcol, che possono stimolare la vescica.
Mantenere un peso sano. L’eccesso di peso può esercitare troppa pressione sulla vescica di una persona.
Aumentare l’assunzione di fibre, che può ridurre il rischio di costipazione e la probabilità di una vescica iperattiva.
Regolare l’assunzione di liquidi in modo che una persona non beva così tanto liquido la sera. Questo aiuta a ridurre la probabilità che si svegli durante la notte con la necessità di urinare.
Smettere di fumare, poiché il fumo può essere irritante per la vescica.

Medical treatment
Un medico può raccomandare molti trattamenti per la vescica iperattiva, inclusi farmaci, cambiamenti nella dieta e terapia fisica . Raramente, un medico può raccomandare misure più invasive per trattare la condizione.

I medici possono prescrivere una serie di farmaci per trattare una vescica iperattiva. Questi farmaci sono generalmente noti come antispasmodici o anticolinergici. Riducono l’incidenza di spasmi muscolari, come gli spasmi nella vescica.

Esempi di questi farmaci includono:

ossibutinina (Ditropan)
solfienacina (Vesicare)
tolterodina (Detrol)
trospio (Sanctura)
Questi farmaci non sono privi di effetti collaterali, come secchezza delle fauci e costipazione. Le persone dovrebbero sempre parlare con il proprio medico per quanto riguarda i potenziali effetti collaterali.

Trattamenti terapeutici
Esistono numerosi trattamenti terapeutici per la vescica iperattiva. Un esempio è l’allenamento della vescica. Questo è un metodo usato per rafforzare i muscoli della vescica ritardando lo svuotamento. L’allenamento della vescica dovrebbe essere fatto solo con il consiglio e la direzione di un medico.

Esercizi per il pavimento pelvico e allenamento con i pesi vaginali sono anche metodi di terapia usati per rafforzare i muscoli della vescica. Gli specialisti, chiamati terapisti del pavimento pelvico, possono istruire una persona attraverso questi esercizi.

Approcci più invasivi
I medici utilizzano iniezioni di tossina botulinica (come BOTOX ) per ridurre gli spasmi muscolari alla vescica. Tuttavia, ciò potrebbe richiedere ulteriori iniezioni dopo alcuni mesi quando la tossina svanisce.

Se la vescica iperattiva di una persona non risponde a farmaci, terapia o altri trattamenti non invasivi, un medico può raccomandare un intervento chirurgico.

Un esempio è l’impianto di uno stimolatore del nervo sacrale. Questo stimolatore può aiutare a controllare gli impulsi nervosi alla vescica, rendendo i muscoli meno iperattivi.

Un’altra opzione è una procedura nota come citoplastica di aumento. Ciò comporta la sostituzione di parti della vescica di una persona con tessuto intestinale. Di conseguenza, la vescica di una persona è in grado di tollerare un volume maggiore di urina.

5 fattori di vita salutari prolungano la vita senza malattie

Published by:

vita salutare suggerimenti

Secondo un nuovo studio, una combinazione di scelte di vita salutari, come il mantenimento di un peso sano, il non fumare e l’esercizio fisico regolare, può prolungare significativamente il numero di anni in cui un individuo evita la malattia.

Uno stile di vita salutare non prolunga solo la vita; prolunga la vita libera da malattia.
In media, stiamo vivendo vite più lunghe; tuttavia, quando le persone invecchiano, molti vivono con malattie come malattie cardiache , cancro e diabete . Man mano che la durata della vita aumenta, aumenta anche il rischio di sviluppare malattie croniche.

Gli scienziati hanno stabilito con fermezza che i fattori dello stile di vita possono fare una differenza significativa nel rischio di malattia e durata della vita, nel complesso. Questi fattori includono attività fisica, fumo, consumo di alcol, dieta e peso.

Gli autori spiegano che “[i] tudies hanno dimostrato che il fumo, l’inattività, la cattiva qualità della dieta e il consumo pesante di alcol contribuiscono fino al 60% dei decessi prematuri e alla perdita della speranza di vita di 7,4-17,9 anni”.

Sebbene questo sia ben noto, poche ricerche hanno esaminato come una combinazione di fattori dello stile di vita influenzi il periodo di tempo in cui un individuo sarà libero da malattia.

Per rispondere a questa domanda, un gruppo di ricercatori ha raccolto dati da due fonti; in primo luogo, lo studio sulla salute degli infermieri, che includeva informazioni di 73.196 infermiere donne. In secondo luogo, hanno ottenuto l’accesso ai dati dallo Studio di follow-up dei professionisti della salute, che includeva i dati di 38.366 professionisti della salute maschile. Hanno pubblicato i loro risultati nel BMJ .

Stile di vita e salute nel tempo


Gli scienziati hanno calcolato un punteggio di stile di vita compreso tra 0 e 5 per ciascun partecipante. Hanno calcolato questo punteggio valutando cinque fattori di stile di vita a basso rischio: peso sano, mai fumo, esercizio fisico per almeno 30 minuti al giorno, assunzione moderata di alcol e una dieta di buona qualità.

I ricercatori hanno seguito i partecipanti per molti anni e registrato diagnosi e decessi per cancro, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Come parte della loro analisi, gli scienziati hanno tenuto conto di una serie di fattori, tra cui la storia medica familiare, l’età e la razza.

Gli autori del recente studio hanno scoperto che le donne di 50 anni che non hanno adottato nessuno dei cinque fattori di stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere senza cancro, diabete e malattie cardiache per altri 24 anni. Tuttavia, coloro che hanno seguito quattro o cinque di questi fattori potrebbero aspettarsi altri 34 anni senza malattia.

Gli uomini di 50 anni che non hanno incluso nella vita nessuno dei fattori dello stile di vita a basso rischio potrebbero aspettarsi di vivere 24 anni in più senza malattie croniche. Tuttavia, quelli il cui stile di vita includeva quattro o cinque fattori a basso rischio avevano una vita libera da malattia di circa 31 anni.

Gli uomini che hanno fumato più di 15 sigarette al giorno e chiunque abbia l’ obesità ha avuto la più bassa aspettativa di vita libera da malattia dopo 50 anni. Gli autori riassumono:

” [W] abbiamo osservato che l’adesione a uno stile di vita a basso rischio era associata ad un’aspettativa di vita più lunga all’età di 50 anni esente da gravi malattie croniche di circa 7,6 anni negli uomini e 10 anni nelle donne rispetto ai partecipanti senza fattori di stile di vita a basso rischio.”

Migliorare la sopravvivenza


Gli scienziati hanno anche scoperto che uomini e donne con quattro o cinque fattori dello stile di vita a basso rischio che hanno ricevuto una diagnosi di cancro, malattie cardiovascolari o diabete di tipo 2 hanno vissuto più a lungo rispetto agli individui con le stesse diagnosi che non avevano alcun fattore a basso rischio. Come spiegano gli autori:

“Uno stile di vita salutare non solo ha ridotto il rischio di cancro, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, ma ha anche migliorato la sopravvivenza dopo la diagnosi di tali malattie.”

Gli autori sono pronti a notare che lo studio è osservazionale, quindi non è possibile concludere una relazione causale. Inoltre, i fattori dello stile di vita sono stati auto-riportati, il che, come scrivono gli autori, significa che “gli errori di misurazione sono inevitabili”.

Anche se gli scienziati hanno controllato un’ampia gamma di fattori, esiste sempre la possibilità che fattori non misurati possano giustificare i risultati.

Tuttavia, gli scienziati hanno avuto accesso a informazioni dettagliate da ciascun partecipante più volte in un periodo di follow-up sostanziale; nel complesso, concludono:

“Le politiche pubbliche per migliorare il cibo e l’ambiente fisico che favoriscono l’adozione di una dieta e uno stile di vita salutari, nonché le politiche e i regolamenti pertinenti (ad esempio, il divieto di fumare nei luoghi pubblici o le restrizioni sui grassi trans) sono fondamentali per migliorare l’aspettativa di vita, in particolare l’aspettativa di vita priva di importanti malattie croniche “.

I ricercatori scoprono nuove condizioni autoinfiammatorie

Published by:

ricerca e malattie infiammatorie autoimmuni

Un team di specialisti provenienti da Australia e Stati Uniti ha identificato una nuova condizione autoinfiammatoria nell’uomo. Capiscono anche cosa lo provoca, il che può aiutare i ricercatori a trovare un trattamento adeguato.

Le condizioni autoimmuni si verificano quando la risposta immunitaria del corpo si attiva in modo anomalo. Quando ciò accade, si gira contro le cellule sane invece di reagire semplicemente ad agenti potenzialmente dannosi, come virus o batteri pericolosi, come dovrebbe.

Ricorrenti febbri con cause non chiare e diffuse infiammazione caratterizzare tali condizioni.

Sebbene non siano molto diffusi, i medici trovano spesso difficili da diagnosticare le condizioni autoinfiammatorie. Ciò è problematico, poiché queste condizioni possono avere un forte impatto sul benessere e sulla qualità della vita di una persona.

Finora, i ricercatori hanno identificato solo una manciata di condizioni autoinfiammatorie . Includono la febbre mediterranea familiare , la sindrome da febbre periodica associata alla criopirina , la malattia di Still e la febbre periodica, la stomatite aftosa, la faringite e la sindrome dell’adenite (PFAPA) .

Di recente, tuttavia, un team di esperti dell’Università di Melbourne in Australia e del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda, MD, ha scoperto un’altra condizione autoinfiammatoria.

ricercatori l’hanno definita “sindrome autoinfiammatoria indotta da RIPK1 resistente alla scissione”. Spiegano come l’hanno scoperto e quello che pensano potrebbe essere il percorso verso un trattamento in un documento di studio sulla rivista Nature .

Una scoperta “notevole”
L’interesse dei ricercatori è stato suscitato quando i membri di tre diverse famiglie hanno cercato il trattamento per un misterioso disturbo autoinfiammatorio le cui caratteristiche principali erano stati di febbre e gonfiore dei linfonodi.

Questi individui hanno riferito di aver manifestato i sintomi per la prima volta durante l’infanzia, sebbene abbiano persistito fino all’età adulta.

Per cercare di scoprire cosa ha causato questa condizione autoinfiammatoria sconosciuta, i ricercatori hanno esaminato il DNA degli individui. I ricercatori hanno trovato la causa principale della condizione quando hanno analizzato gli esomi nei campioni di DNA dalle persone che avevano la sindrome CRIA. L’esoma fa parte del materiale genetico di una persona che codifica per le proteine.

Osservando i campioni, i ricercatori hanno fatto l’intrigante scoperta che tutte le persone che avevano la sindrome di CRIA avevano un gene RIPK1 mutante .

Un team di specialisti provenienti da Australia e Stati Uniti ha identificato una nuova condizione autoinfiammatoria nell’uomo. Capiscono anche cosa lo provoca, il che può aiutare i ricercatori a trovare un trattamento adeguato.

I ricercatori hanno identificato una nuova condizione autoinfiammatoria, che hanno chiamato sindrome CRIA.
Le condizioni autoimmuni si verificano quando la risposta immunitaria del corpo si attiva in modo anomalo. Quando ciò accade, si gira contro le cellule sane invece di reagire semplicemente ad agenti potenzialmente dannosi, come virus o batteri pericolosi, come dovrebbe.

Ricorrenti febbri con cause non chiare e diffuse infiammazione caratterizzare tali condizioni.

Sebbene non siano molto diffusi, i medici trovano spesso difficili da diagnosticare le condizioni autoinfiammatorie. Ciò è problematico, poiché queste condizioni possono avere un forte impatto sul benessere e sulla qualità della vita di una persona.

Finora, i ricercatori hanno identificato solo una manciata di condizioni autoinfiammatorie . Includono la febbre mediterranea familiare , la sindrome da febbre periodica associata alla criopirina , la malattia di Still e la febbre periodica, la stomatite aftosa, la faringite e la sindrome dell’adenite (PFAPA) .

Di recente, tuttavia, un team di esperti dell’Università di Melbourne in Australia e del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda, MD, ha scoperto un’altra condizione autoinfiammatoria.

I ricercatori l’hanno definita “sindrome autoinfiammatoria indotta da RIPK1 resistente alla scissione”. Spiegano come l’hanno scoperto e quello che pensano potrebbe essere il percorso verso un trattamento in un documento di studio sulla rivista Nature .

Una scoperta “notevole”
L’interesse dei ricercatori è stato suscitato quando i membri di tre diverse famiglie hanno cercato il trattamento per un misterioso disturbo autoinfiammatorio le cui caratteristiche principali erano stati di febbre e gonfiore dei linfonodi.

Questi individui hanno riferito di aver manifestato i sintomi per la prima volta durante l’infanzia, sebbene abbiano persistito fino all’età adulta.

Per cercare di scoprire cosa ha causato questa condizione autoinfiammatoria sconosciuta, i ricercatori hanno esaminato il DNA degli individui. I ricercatori hanno trovato la causa principale della condizione quando hanno analizzato gli esomi nei campioni di DNA dalle persone che avevano la sindrome CRIA. L’esoma fa parte del materiale genetico di una persona che codifica per le proteine.

Osservando i campioni, i ricercatori hanno fatto l’intrigante scoperta che tutte le persone che avevano la sindrome di CRIA avevano un gene RIPK1 mutante .

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi ogni giorno approfondimenti topografici sostenuti dalla scienza delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Questo gene codifica per la proteina specializzata (enzima) con lo stesso nome, che svolge un ruolo cruciale nella regolazione della morte cellulare programmata (necroptosi).

“I percorsi di morte cellulare hanno sviluppato una serie di meccanismi integrati che regolano i segnali infiammatori e la morte cellulare perché l’alternativa è così potenzialmente pericolosa”, spiega il dott. Najoua Lalaoui, uno dei principali ricercatori coinvolti in questo studio.

“Tuttavia, in questa malattia, la mutazione in RIPK1 sta superando tutti i normali controlli ed equilibri esistenti, con conseguente morte e infiammazione incontrollata delle cellule”, sottolinea.

La scoperta ha fornito la chiave per comprendere come si è sviluppata la condizione autoinfiammatoria appena scoperta, sottolinea un altro degli autori principali, il dottor Steven Boyden.

” Abbiamo sequenziato l’intero esoma di ciascun paziente e scoperto mutazioni uniche nello stesso identico amminoacido di RIPK1 in ciascuna delle tre famiglie. È notevole, come un fulmine che colpisce tre volte nello stesso posto. Ognuna delle tre mutazioni ha la stessa risultato – blocca la scissione di RIPK1 – che mostra quanto sia importante la scissione RIPK1 nel mantenere la normale funzione della cellula. “

Dr. Steven Boyden

Sulla buona strada per trovare un trattamento?
Sebbene la condizione sia un nuovo arrivato nella fase clinica e non abbia un trattamento apparente, gli specialisti che l’hanno scoperta sostengono che la risposta alla sindrome CRIA risiede probabilmente nella causa che la guida.

“Comprendere il meccanismo molecolare con cui la sindrome CRIA provoca l’infiammazione offre l’opportunità di arrivare alla radice del problema”, osserva l’autore co-leader Dr. Dan Kastner, che è uno dei principali specialisti in condizioni infiammatorie.

Il dott. Kastner spiega che lui e i suoi colleghi hanno già iniziato a cercare possibili modi per trattare questa condizione. In effetti, hanno già trattato alcune persone con sindrome di CRIA con farmaci anti-infiammatori, come corticosteroidi ad alto dosaggio e prodotti biologici.

Mentre alcune persone hanno mostrato miglioramenti significativi dopo il trattamento, altre non hanno migliorato o sperimentato effetti collaterali.

Ma i ricercatori rimangono fiduciosi che troveranno una terapia adeguata per tutti coloro che sono affetti dalla condizione appena scoperta.

“Gli inibitori di RIPK1 possono essere esattamente ciò che il medico ha ordinato per questi pazienti”, afferma il dott. Kastner. “La scoperta della sindrome di CRIA suggerisce anche un possibile ruolo per RIPK1 in un ampio spettro di malattie umane, come colite, artrite e psoriasi.”

E ci sono altre buone notizie: gli inibitori di RIPK1 sono già disponibili per i ricercatori, quindi i test in corso potrebbero essere in grado di perfezionare e perfezionare i trattamenti caso per caso.

Il sonno breve può danneggiare la salute delle ossa nelle donne anziane

Published by:

sonno e salute delle ossa

Il sonno insufficiente può essere dannoso per la salute delle ossa? Una nuova ricerca nelle donne in postmenopausa ha scoperto che coloro che dormivano per non più di 5 ore a notte avevano maggiori probabilità di avere una densità minerale ossea inferiore (BMD) e osteoporosi.

Un team dell’Università di Buffalo, New York, ha guidato lo studio di 11.084 donne in postmenopausa, tutte partecipanti alla Women’s Health Initiative .

Un recente articolo del Journal of Bone and Mineral Research fornisce un resoconto completo dei risultati.

L’indagine segue quella precedente in cui il team aveva collegato il sonno corto a una maggiore probabilità di frattura ossea nelle donne.

“Il nostro studio suggerisce che il sonno può avere un impatto negativo sulla salute delle ossa, aggiungendo all’elenco degli impatti negativi sulla salute del sonno scarso”, afferma l’autore principale dello studio Heather M. Ochs-Balcom, Ph.D., professore associato di epidemiologia e salute ambientale presso la University of Buffalo School of Public Health and Health Professions.

“Spero”, aggiunge, “che possa anche servire da promemoria per lottare per le 7 o più ore di sonno raccomandate a notte per la nostra salute fisica e mentale “.
Rimodellamento osseo e osteoporosi
L’osso è un tessuto vivente che subisce una formazione e un riassorbimento continui. Il processo, noto come rimodellamento osseo, rimuove il vecchio tessuto osseo e lo sostituisce con nuovo tessuto osseo.

“Se dormi meno, una possibile spiegazione è che il rimodellamento osseo non sta avvenendo correttamente”, spiega Ochs-Balcom.
Il termine osteoporosi significa osso poroso e si riferisce a una condizione che si sviluppa quando la qualità e la densità dell’osso sono notevolmente ridotte. L’osteoporosi è più comune negli adulti più anziani, con le donne anziane che hanno il più alto rischio di svilupparlo.

Nella maggior parte delle persone, la forza ossea e la densità raggiungono il picco quando hanno circa 20 anni. Successivamente, mentre continuano a invecchiare, il tasso di riassorbimento osseo supera gradualmente quello della formazione. La densità ossea delle donne si riduce più rapidamente durante i primi anni dopo la menopausa .

In tutto il mondo, circa 1 su 3 donne e 1 su 5 uomini di 50 anni e più sono a rischio di subire fratture ossee a causa dell’osteoporosi, secondo la International Osteoporosis Foundation.

I siti più comuni di frattura nelle persone con osteoporosi sono i fianchi, i polsi e la colonna vertebrale.

Le fratture vertebrali possono essere gravi, causando forti dolori alla schiena , irregolarità strutturali e perdita di altezza. Anche le fratture dell’anca sono preoccupanti, poiché spesso richiedono un intervento chirurgico e possono portare alla perdita di indipendenza. Inoltre comportano un aumentato rischio di morte.

Misure BMD inferiori legate al sonno corto
Nel nuovo studio, il team ha scoperto che rispetto alle donne che dormivano di più, quelle che riferivano di dormire solo fino a 5 ore a notte avevano valori significativamente più bassi in quattro misure di BMD.

Le quattro misure BMD riguardavano tutto il corpo, l’anca, il collo e la colonna vertebrale.

I ricercatori osservano che le misure di BMD inferiore nel gruppo del sonno corto erano equivalenti a 1 anno in più.
I risultati erano indipendenti da altri fattori che potrebbero potenzialmente influenzarli, come età, razza, effetti della menopausa, stato di fumo, consumo di alcol, indice di massa corporea ( BMI ), uso di sonniferi, esercizio fisico e tipo di scanner per la densità ossea .

I ricercatori sottolineano che c’è un messaggio positivo in questi risultati: il sonno, come con la dieta e l’esercizio fisico, è spesso qualcosa che le persone possono lavorare per cambiare.

” È davvero importante mangiare la salute [completamente] e l’attività fisica è importante per la salute delle ossa. Questa è la parte eccitante di questa storia – la maggior parte di noi ha il controllo su quando spegniamo le luci, quando spegniamo il telefono.”

Heather M. Ochs-Balcom, Ph.D.

Il fumo di sigaretta può “innescare le cellule polmonari” per sviluppare il cancro

Published by:

cancro e fumo, correlazioni

Una nuova ricerca ha rivelato come l’esposizione a lungo termine al fumo di sigaretta possa alterare le cellule polmonari in modo da renderle sensibili ai fattori genetici scatenanti del cancro.

Nella rivista Cancer Cell , gli scienziati del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center di Baltimora, MD, descrivono come hanno usato esperimenti di laboratorio a livello cellulare per mappare una serie di eventi “epigenetici” che, nel tempo, potrebbero collegare l’esposizione al fumo di sigaretta ai polmoni il cancro .

Il carcinoma polmonare è una malattia in cui le cellule anomale nei polmoni crescono senza controllo e formano tumori. È il tumore più comune in tutto il mondo e ha rappresentato 1,8 milioni dei 14,1 milioni di casi stimati di cancro nel 2012, che è l’ultimo anno per le statistiche globali.

Il fumo di sigaretta è la principale causa di cancro ai polmoni e rappresenta l’85 percento di tutti i tipi.

Negli Stati Uniti, il cancro polmonare è stato responsabile del 27% di tutti i decessi per cancro nel 2011. Tuttavia, dopo essere aumentato per decenni, i tassi di cancro ai polmoni negli Stati Uniti stanno ora diminuendo, in linea con la riduzione dei tassi di fumo di sigaretta.

Il nuovo studio riguarda l’epigenetica, ovvero fattori diversi dal nostro DNA (come l’ambiente) che possono alterare il modo in cui i nostri geni si comportano. Ad esempio, i cambiamenti epigenetici possono “accendere e spegnere i geni” e decidere quali proteine ​​sono prodotte nelle cellule.


Cambiamenti epigenetici e cancro


I cambiamenti epigenetici assumono varie forme, una delle quali è la metilazione – o l’aggiunta chimica di piccoli gruppi metilici all’inizio del codice del DNA di un gene. Ciò comporta spesso la disattivazione o il “silenziamento” del gene.

Nel loro studio , gli autori spiegano che gli scienziati ora comprendono il cancro come un “processo complesso che coinvolge anomalie sia genetiche che epigenetiche” che può essere provocato “attraverso varie forme di stress “, come l’esposizione al fumo di sigaretta.

Tuttavia, notano che ciò che è meno compreso è come specifici cambiamenti epigenetici potrebbero alterare i geni chiave e la loro segnalazione e come ciò, a sua volta, si colleghi alla formazione del tumore nel carcinoma polmonare.

Per il loro studio, i ricercatori hanno sviluppato cellule bronchiali umane – il tipo di cellula che riveste le vie respiratorie dei polmoni – in laboratorio e le hanno bagnate con una forma liquida di fumo di sigaretta ogni giorno per 15 mesi.

Notano che bagnare le cellule in questo modo per questo periodo di tempo equivale a fumare da uno a due pacchetti di sigarette al giorno per 20-30 anni.

Danno e metilazione del DNA


Il team ha scoperto che dopo 10 giorni, le cellule esposte al fumo hanno mostrato maggiori quantità di danno al DNA rispetto alle cellule che non erano state esposte al fumo di sigaretta simulato.

Il danno al DNA era il tipo che si verifica in risposta a specie reattive dell’ossigeno, o radicali liberi, che sono composti contenenti ossigeno che sono noti per essere presenti nel fumo di sigaretta.

Nel periodo tra 10 giorni e 3 mesi di esposizione al fumo di sigaretta, le cellule hanno mostrato un aumento da due a quattro volte dei livelli di EZH2, che è un ormone che silenzia i geni. Precedenti lavori avevano dimostrato che questo ormone può essere un precursore di un’anormale metilazione del DNA.

Dopo il punto di 3 mesi, l’EZH2 si è stabilizzato e c’è stato un aumento da due a tre volte del DNMT1, che è un enzima che mantiene la metilazione del DNA in una varietà di geni noti come geni soppressori del tumore , che normalmente bloccano la formazione del tumore.

L’enzima stava mantenendo la metilazione del DNA nella posizione iniziale dei geni, silenziando efficacemente i geni e impedendo loro di impedire la crescita incontrollata delle cellule.

Nel periodo tra 3 e 6 mesi di esposizione al fumo di sigaretta, i livelli di EZH2 e DNMT1 sono diminuiti, ma il loro effetto sulla metilazione del DNA era ancora presente a 10 e 15 mesi.

I ricercatori hanno trovato prove di ridotta espressione in centinaia di geni, inclusi BMP3, SFRP2 e GATA4 e altri geni chiave per la soppressione del tumore.

Hanno anche riscontrato un aumento significativo – cinque o più volte – dei segnali relativi a un gene cancerogeno chiamato KRAS, mutazioni in cui si riscontrano tumori correlati al fumo.


Il tempismo dell’epigenetica può essere importante


I ricercatori osservano che non hanno trovato mutazioni o cambiamenti nel DNA sottostante nel KRAS o nei geni soppressori del tumore. Ritengono che se i geni del soppressore tumorale non fossero stati messi a tacere dall’esposizione al fumo, avrebbero potuto essere normalmente attivati ​​e arrestare l’aumento dei segnali KRAS.

Il team suggerisce che la tempistica degli eventi osservati nella sequenza in corso potrebbe essere vitale. Quando hanno inserito mutazioni nel gene KRAS nelle cellule esposte al fumo. Sono diventate cancerose solo se l’inserzione è avvenuta dopo che la metilazione era stata completamente stabilita. Cioè dopo 15 mesi di esposizione al fumo di sigaretta. Ciò non è accaduto dopo soli 6 mesi di esposizione.

Notano che ciò implica che le cellule delle vie aeree diventano sempre più sensibili alle mutazioni che innescano il cancro. Perché i cambiamenti epigenetici causati dall’esposizione al fumo di sigaretta “si accumulano nel tempo”.

Forse smettere di fumare può ridurre il rischio di cancro ai polmoni nei fumatori riducendo i livelli di metilazione del DNA, afferma il team.

Quando hanno analizzato i risultati di studi precedenti, hanno scoperto che i fumatori che non avevano toccato una sigaretta per 10 anni. Svevano livelli più bassi rispetto ai fumatori attuali del tipo di metilazione del DNA che avevano identificato nel nuovo studio.


Un’altra implicazione dello studio è che i farmaci di demetilazione possono aiutare a ridurre il rischio di cancro ai polmoni nelle persone a rischio più elevato. Ad esempio, i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per le prime forme di cancro.

Il team osserva che alcuni farmaci per la demetilazione sono già in fase di sperimentazione clinica, ad esempio come trattamento per una condizione pre-leucemia.

I ricercatori ritengono che i loro risultati rappresentino un passo verso la comprensione di come il fumo di sigaretta. Possa influenzare il rischio di cancro ai polmoni attraverso l’epigenetica.

Desiderano sottolineare che, poiché il loro lavoro è stato limitato al laboratorio. Ciò non significa che ciò che hanno scoperto accade necessariamente nelle persone che fumano.

“Ilnostro studio suggerisce che i cambiamenti epigenetici nelle cellule trattate con fumo di sigaretta. Tutto ciò sensibilizza le cellule delle vie aeree a mutazioni genetiche note per causare il cancro ai polmoni.”

Prof. Stephen Baylin, Johns Hopkins Kimmel Cancer Center

Lo stato del cancro: siamo vicini a una cura?

Published by:

cura per il cancro?

Il cancro è la principale causa di morte in tutto il mondo. Da anni ormai i ricercatori hanno condotto studi meticolosi incentrati su come fermare questa malattia mortale sulle sue tracce.

Quanto siamo vicini a trovare trattamenti più efficaci?


L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) osserva che, in tutto il mondo, quasi 1 su 6 decessi sono dovuti a cancro .

Solo negli Stati Uniti, il National Cancer Institute (NCI) ha stimato 1.688.780 nuovi casi di cancro e 600.920 decessi correlati al cancro nel 2017.

Attualmente, i tipi più comuni di trattamento del cancro sono la chemioterapia , la radioterapia , la chirurgia del tumore e, nel caso del carcinoma della prostata e del carcinoma mammario, la terapia ormonale.

Tuttavia, altri tipi di trattamento stanno iniziando a raccogliere vapore: terapie che – da sole o in combinazione con altri trattamenti – hanno lo scopo di aiutare a sconfiggere il cancro in modo più efficiente e, idealmente, hanno meno effetti collaterali.

Le innovazioni nel trattamento del cancro mirano a risolvere una serie di problemi che in genere devono affrontare operatori sanitari e pazienti, incluso il trattamento aggressivo accompagnato da effetti collaterali indesiderati, la ricorrenza del tumore dopo il trattamento, la chirurgia o entrambi e i tumori aggressivi che sono resistenti ai trattamenti ampiamente utilizzati.

Di seguito, esaminiamo alcune delle più recenti scoperte della ricerca sul cancro che ci danno la rinnovata speranza che presto migliori terapie e strategie di prevenzione seguiranno l’esempio.

Rafforzare l’arsenale del sistema immunitario


Un tipo di terapia che ha attirato molta attenzione di recente è l’ immunoterapia , che mira a rafforzare l’arsenale esistente dei nostri corpi contro corpi estranei e cellule dannose: la risposta del nostro sistema immunitario alla diffusione dei tumori.

Ma molti tipi di cellule tumorali sono così pericolosi perché hanno modi di “ingannare” il sistema immunitario – o ignorandoli del tutto o altrimenti dando loro una ” mano amica “.


Pertanto, alcuni tipi di cancro aggressivo sono in grado di diffondersi più facilmente e diventare resistenti alla chemioterapia o alla radioterapia.

Tuttavia, grazie a esperimenti in vitro e in vivo, i ricercatori stanno ora imparando come potrebbero essere in grado di “disattivare” i sistemi di protezione delle cellule tumorali. Uno studio pubblicato lo scorso anno su Nature Immunology ha scoperto che i macrofagi, o globuli bianchi, che normalmente hanno il compito di “divorare” i detriti cellulari e altri “oggetti” estranei dannosi non sono riusciti a cancellare le cellule cancerose super aggressive.

Questo perché, nella loro interazione con le cellule tumorali, i macrofagi non leggevano uno ma due segnali intesi a respingere la loro azione di “pulizia”.

Questa conoscenza, tuttavia, ha anche mostrato agli scienziati la strada da percorrere: bloccando i due percorsi di segnalazione rilevanti, hanno riabilitato i globuli bianchi per fare il loro lavoro.


Virus terapeutici e innovativi “vaccini”


Un’arma sorprendente nella lotta contro il cancro potrebbe essere il virus terapeutico , come rivelato da una squadra del Regno Unito all’inizio di quest’anno. Nei loro esperimenti, sono riusciti a utilizzare un reovirus per attaccare le cellule tumorali cerebrali lasciando da sole le cellule sane.

“Questa è la prima volta che è stato dimostrato che un virus terapeutico è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica”, ha spiegato gli autori dello studio, che “apre la possibilità [che] questo tipo di immunoterapia possa essere utilizzata per trattare di più persone con tumori cerebrali aggressivi “.

Un’altra area di miglioramento dell’immunoterapia sono i “vaccini dendritici”, una strategia in cui le cellule dendritiche (che svolgono un ruolo chiave nella risposta immunitaria del corpo) vengono raccolte dal corpo di una persona, “armate” con antigeni specifici del tumore – che insegneranno loro a “caccia” e distrugge le cellule tumorali rilevanti – e iniettato di nuovo nel corpo per rafforzare il sistema immunitario.

In un nuovo studio , i ricercatori svizzeri hanno identificato un modo per migliorare l’azione di questi vaccini dendritici creando recettori artificiali in grado di riconoscere e “rapire” minuscole vescicole che sono state collegate alla diffusione dei tumori nel corpo.

Collegando questi recettori artificiali alle cellule dendritiche nei “vaccini”, le cellule terapeutiche sono abilitate a riconoscere le cellule cancerose dannose con maggiore precisione.

È importante sottolineare che recenti studi hanno dimostrato che l’immunoterapia può funzionare meglio se somministrata in tandem con la chemioterapia, in particolare se i farmaci chemioterapici vengono somministrati per primi e vengono seguiti con l’immunoterapia.

Ma questo approccio presenta alcune insidie; è difficile controllare gli effetti di questo metodo combinato, quindi a volte i tessuti sani possono essere attaccati insieme ai tumori.

Tuttavia, scienziati di due istituzioni della Carolina del Nord hanno sviluppato una sostanza che, una volta iniettata nel corpo, diventa gelatinosa: un ” sistema di impalcature bioresponsivo “. L’impalcatura può contenere contemporaneamente sia la chemioterapia che i farmaci immunoterapici, rilasciandoli sistematicamente nei tumori primari.

Questo metodo consente un migliore controllo di entrambe le terapie, garantendo che i farmaci agiscano solo sul tumore bersaglio.

La rivoluzione delle nanoparticelle


Parlando di strumenti appositamente sviluppati per fornire farmaci direttamente al tumore e cacciare i micro-tumori con precisione ed efficienza, negli ultimi due anni si è assistito a un “boom” nello sviluppo delle nanotecnologie e delle nanoparticelle per i trattamenti del cancro.

Le nanoparticelle potrebbero essere “un punto di svolta” nel trattamento del cancro.

Le nanoparticelle sono particelle microscopiche che hanno attirato così tanta attenzione nella ricerca clinica, tra gli altri campi, perché ci offrono la possibilità di sviluppare metodi precisi e meno invasivi per affrontare le malattie.

Vitally, possono colpire le cellule tumorali o i tumori del cancro senza danneggiare le cellule sane nell’ambiente circostante.

Alcune nanoparticelle sono state ora create per fornire un trattamento ipertermico molto mirato, che è un tipo di terapia che utilizza temperature calde per ridurre i tumori del cancro.

L’anno scorso, scienziati dalla Cina e dal Regno Unito sono riusciti a escogitare un tipo di nanoparticella ” autoregolante ” in grado di esporre i tumori al calore evitando il contatto con i tessuti sani.

“Questo potrebbe potenzialmente essere un punto di svolta. nel modo in cui trattiamo le persone che hanno il cancro”. Ha detto uno dei ricercatori incaricati di questo progetto.

Questi minuscoli veicoli possono anche essere usati per colpire le cellule staminali tumorali . Sono cellule indifferenziate che sono state collegate alla resilienza di alcuni tipi di cancro di fronte a trattamenti tradizionali come la chemioterapia.

Pertanto, le nanoparticelle possono essere “caricate” con farmaci e impostate per “dare la caccia”. Inseguendo le cellule staminali tumorali per prevenire la crescita o il ripetersi di tumori.

Gli scienziati hanno sperimentato nanoparticelle piene di farmaci nel trattamento di vari tipi di cancro, tra cui il carcinoma mammario e il carcinoma endometriale .

Non meno importante, i veicoli minuscoli chiamati ” nanoprobes ” possono essere utilizzati per rilevare la presenza di micrometastasi. Che sono tumori secondari così piccoli che non possono essere visti usando i metodi tradizionali.

Il dott. Steven K. Libutti, direttore del Rutgers Cancer Institute del New Jersey nel New Brunswick, definisce le micrometastasi “il tallone d’Achille della gestione chirurgica del cancro” e sostiene che le nanoprobbe “fanno molto per risolvere [tali] problemi”.

Strategie di “fame” tumorale


Un altro tipo di strategia che i ricercatori hanno studiato negli ultimi tempi è quello di “affamare” i tumori.nutrienti di cui hanno bisogno per crescere e diffondersi. Questo, sottolineano gli scienziati, potrebbe essere una grazia salvifica nel caso di tumori aggressivi e resistenti che altrimenti non potrebbero essere sradicati efficacemente.


Un nuovo metodo per “attaccare” il cancro è “morire di fame” le cellule tumorali fino alla morte.
Tre diversi studi – i cui risultati sono stati tutti pubblicati nel gennaio di quest’anno – hanno esaminato i modi per tagliare le scorte nutrizionali dei tumori.

Uno di questi studi ha esaminato i modi per fermare la glutammina , un aminoacido presente in natura, dall’alimentazione delle cellule tumorali.

Alcuni tumori, come seno, polmone e colon, sono noti per utilizzare questo aminoacido per sostenere la loro crescita.

Bloccando l’accesso delle cellule tumorali alla glutammina, i ricercatori sono riusciti a massimizzare l’impatto dello stress ossidativo. Un processo che alla fine induce la morte cellulare su queste cellule.

Alcuni tipi aggressivi di carcinoma mammario possono essere fermati impedendo alle cellule di “nutrirsi” di un particolare enzima. Che li aiuta a produrre l’energia di cui hanno bisogno per prosperare.

Un altro modo per impoverire le cellule tumorali di energia è bloccando il loro accesso alla vitamina B-2. Come hanno osservato i ricercatori dell’Università di Salford nel Regno Unito.

Come afferma un autore dello studio, “Questo si spera sia l’inizio di un approccio alternativo per arrestare le cellule staminali tumorali”. Questa strategia potrebbe aiutare le persone sottoposte a trattamento antitumorale per evitare gli effetti collaterali tossici della chemioterapia.

Trattamenti contro il cancro ed epigenetica


L’epigenetica si riferisce ai cambiamenti causati nei nostri corpi da alterazioni nell’espressione genica. Che determinano se compaiono determinate caratteristiche o se determinate “azioni” sono influenzate a livello biologico.

Secondo una ricerca che ha affrontato l’impatto di tali cambiamenti, molti tumori, nonché i comportamenti delle cellule tumorali, sono determinati da fattori epigenetici .

“I recenti progressi nel campo dell’epigenetica hanno dimostrato che le cellule tumorali umane ospitano anomalie epigenetiche globali, oltre a numerose alterazioni genetiche.”

“Queste alterazioni genetiche ed epigenetiche interagiscono in tutte le fasi dello sviluppo del cancro, lavorando insieme per promuovere la progressione del cancro.”

Pertanto, è cruciale per gli specialisti capire quando e dove intervenire e l’espressione di quali geni. Potrebbero aver bisogno per accendersi o spegnersi, a seconda del loro ruolo nello sviluppo del cancro.

Uno studio , ad esempio, ha scoperto che il gene responsabile dell’avvento della malattia di Huntington. Produce un insieme di molecole la cui azione potrebbe effettivamente prevenire l’insorgenza del cancro.

Ora, la sfida dei ricercatori è quella di incanalare il potenziale terapeutico di questo processo senza innescare la malattia di Huntington. Tuttavia, gli scienziati sono fiduciosi.

“Riteniamo che una terapia del cancro a breve termine potrebbe essere possibile per alcune settimane”, afferma l’autore senior dello studio.

Un altro recente studio è stato in grado di stabilire che i tumori mammari positivi al recettore degli estrogeni che diventano resistenti alla chemioterapia. Ottengono la loro resilienza attraverso mutazioni genetiche che “conferiscono un vantaggio metastatico al tumore”.

Ma questa conoscenza ha anche dato ai ricercatori la “rottura” di cui avevano bisogno per elaborare un trattamento migliorato per tumori così ostinati. Una terapia di combinazione che eroga il fulvestrante del farmaco chemioterapico insieme a un inibitore enzimatico sperimentale.

Cosa sapere sulle vertigini cervicali

Published by:

vertigini e dolori cervicali

La vertigine si riferisce a una sensazione di vertigini o rotazione. Le vertigini cervicali sono un tipo di vertigine che deriva da una certa postura o movimento del collo.
Alcuni esperti usano il termine “vertigini cervicogeniche” per descrivere più accuratamente questa condizione. Altri nomi includono vertigini propriocettive , vertigini cervicogene e vertigini cervicali.

Sebbene gli effetti della gravità o l’orientamento della testa influenzino la vertigine, la vertigine cervicale non è correlata all’orientamento della testa.

Esistono diverse cause di vertigine cervicale, come un trauma al collo o una cattiva postura. Il trattamento prevede di affrontare eventuali problemi muscolari o medici di base e ci sono anche modi per aiutare a prevenire alcune forme di vertigine cervicale.

Questo articolo esamina le cause, i trattamenti e la diagnosi di vertigine cervicale e discute quando una persona dovrebbe consultare un medico.

Che cos’è la vertigine cervicale?
Vertigine è il termine medico per vertigini gravi o sensazione di una sensazione di rotazione nel corpo.

Una persona può sentirsi come se il mondo ruotasse intorno a loro. Potrebbero anche sentirsi come se stessero girando, anche se stanno fermi.

Chiunque si sia girato in tondo e poi si sia fermato ha avvertito una forma di vertigine. Una volta che smettono di girare, sembra che il corpo continui a girare.

Le vertigini si verificano spesso a causa di un problema all’orecchio interno o di altre condizioni, che possono compromettere il centro di equilibrio del corpo. Con vertigini cervicali, tuttavia, la causa delle vertigini è nel collo.

La vertigine cervicale stessa è generalmente un sintomo di un problema di fondo, come una lesione al collo. Una persona sperimenterà spesso sintomi di vertigini dopo un evento scatenante, in genere da girare improvvisamente la testa. Questa vertigine può durare da qualche minuto a qualche ora.

Una persona con vertigini cervicali può anche manifestare sintomi come:

perdita di coordinazione
perdita di equilibrio
mal di testa
mal d’orecchie
ronzio nelle orecchie
nausea
vomito
difficoltà di concentrazione
I sintomi possono peggiorare in alcune persone dopo l’esercizio fisico o dopo cose minori come starnuti o alzarsi troppo in fretta.
Le cause
un medico che esamina il collo di un paziente.
Le persone con vertigini cervicali spesso riferiscono di avere dolore al collo.
Esistono alcune potenziali cause di vertigine cervicale, molte delle quali sono correlate a lesioni traumatiche al collo o lesioni croniche a lungo termine.

La diagnosi stessa è ancora piuttosto controversa. In effetti, uno studio sulla rivista Archives of Physiotherapy rileva che gli operatori sanitari non comprendono appieno la causa esatta dei sintomi e che diagnosticare con precisione la condizione è difficile.

Al momento non esiste un test o una risorsa definitiva per la condizione, quindi i medici di solito testano altre cose ed eliminale per trovare vertigini cervicali.

Un recente studio sulla rivista Laryngoscope Investigative Otolaryngology ha scoperto che le persone con vertigini cervicali possono apparire ai medici come persone con emicrania che hanno anche lesioni al collo e il 94% delle persone con vertigini cervicali riferisce di avere dolore al collo.

I muscoli, i nervi e le articolazioni del collo inviano segnali, inclusi segnali sull’orientamento del corpo, al cervello inferiore e all’orecchio interno. Questo fa parte dello sforzo del corpo per rimanere equilibrato e coordinato.

I problemi che elenchiamo di seguito potrebbero causare uno o più segnali di accensione errata, causando sintomi che includono vertigini cervicali:

Aterosclerosi
I blocchi nelle arterie del collo possono portare a lesioni nell’area che potrebbero causare vertigini. Ciò potrebbe essere dovuto all’aterosclerosi , che è l’ispessimento delle pareti delle arterie.
lesioni
Lesioni traumatiche, come ad esempio un incidente automobilistico o altre cause di colpo di frusta , possono causare danni alla testa e al collo, con conseguenti vertigini cervicali.

Gli interventi chirurgici al collo possono anche causare complicazioni alla vertigine cervicale, specialmente se il sito dell’intervento era vicino al tronco cerebrale o ha danneggiato le arterie nell’area del collo e della testa.

L’osteoartrite
L’osteoartrosi avanzata nell’area può portare alla spondilosi cervicale . Ciò provoca l’usura delle vertebre del collo, che può esercitare una pressione eccessiva sui nervi, sulle arterie o sul midollo spinale stesso. Ciò potrebbe inviare segnali inappropriati al cervello o bloccare il flusso di sangue, causando vertigini.

Un disco scivolato
I dischi scivolati sono più comuni nelle aree della parte bassa della schiena, sebbene possano verificarsi ovunque nella colonna vertebrale.

Un disco scivolato, o ernia del disco, si verifica quando il centro più morbido di un disco spinale fuoriesce attraverso una fessura nella colonna vertebrale. In alcuni casi, non provoca sintomi. In altri casi, tuttavia, può spingere in un nervo o un’arteria e causare sintomi che possono includere vertigini cervicali.

Cattiva postura
Una cattiva postura può anche contribuire alla vertigine cervicale. Nel tempo, la colonna cervicale può comprimersi a causa della cattiva postura seduta o di problemi come “collo del testo”, in cui una persona spesso piega il collo per guardare dispositivi elettronici o libri.

Ciò può esercitare una pressione extra sulle arterie del collo e può causare dolore e vertigini al collo.

Trattamenti e rimedi
Dopo aver eliminato altre cause del problema e aver diagnosticato la vertigine cervicale, un medico consiglierà un trattamento a seconda della causa sottostante specifica.

Il trattamento generalmente include anche la gestione dei sintomi, utilizzando uno o più farmaci per bilanciare i sintomi mentre i medici lavorano per trattare la condizione di base. Ciò può includere l’assunzione di farmaci per alleviare le vertigini, nonché farmaci per ridurre il dolore e rilassare i muscoli.

La maggior parte dei medici raccomanderà anche terapie come la terapia fisica e l’allenamento della postura per aiutare a creare spazio nel collo, aumentare la gamma di movimento e costruire la forza nei muscoli. Questo da solo può rivivere la pressione nell’area e aiutare a ridurre i sintomi.

powered by Rubicon Project

Fattori di rischio
I ricercatori non hanno ancora un elenco completo dei fattori di rischio per le vertigini cervicali.

L’età può essere un fattore di rischio, poiché l’usura generale può aumentare la tensione al collo.

L’aterosclerosi può anche svolgere un ruolo, poiché la riduzione del flusso sanguigno nelle arterie può ridurre il flusso sanguigno verso le aree del cervello e dell’orecchio interno che controllano la coordinazione e l’equilibrio.

Una cattiva postura mette anche una pressione eccessiva sulla testa e sul collo, il che può portare allo sviluppo di nuovi sintomi o a peggiorare i sintomi esistenti.

Prevenzione
Prevenire la vertigine cervicale non è possibile in ogni caso, poiché alcune cause – come gli incidenti del veicolo – potrebbero non essere prevenibili. Tuttavia, le persone possono adottare una serie di passaggi per aiutare a prevenire altre cause.

Ad esempio, l’esercizio dei muscoli del collo per mantenerli forti può aiutare a mantenere il peso al di fuori dei dischi cervicali e ridurre la pressione nella zona.

Quando si è seduti, mantenere la testa, le spalle e la colonna vertebrale allineate può ridurre la pressione nel collo ed evitare l’usura delle strutture delicate.

Anche l’allungamento regolare del collo, il massaggio regolare o l’allineamento chiropratico e l’uso di impacchi caldi per rilassare l’area potrebbero aiutare.
Sommario
Nella maggior parte dei casi, è possibile trattare e gestire le vertigini cervicali. Le persone con grave degenerazione nel collo possono avere più difficoltà a trattare la condizione, sebbene la gestione dei sintomi possa essere possibile per migliorare la loro qualità di vita.

La diagnosi di vertigine cervicale è difficile. Richiede ai medici di escludere molte altre condizioni e problemi gravi prima di atterrare sulla vertigine cervicale.

Chiunque manifesti sintomi come dolore al collo e vertigini dopo aver girato il collo dovrebbe collaborare con il proprio medico per diagnosticare e trattare il problema di fondo.

Cancro: perché i test devono migliorare

Published by:

farmaci e loro efficacia sul cancro

I ricercatori continuano a sviluppare nuovi farmaci per combattere il cancro e mentre alcuni sono effettivamente efficaci, altri non mantengono mai la loro promessa.

Un nuovo studio ora spiega perché molti farmaci antitumorali potrebbero non funzionare come pensano i loro sviluppatori. Ma all’interno del problema sta anche la soluzione.
Il cancro colpisce milioni di persone in tutto il mondo e, in alcuni casi, non risponde alle forme di terapia che i medici prescrivono di solito.

Per questo motivo, i ricercatori continuano a cercare farmaci sempre più efficaci in grado di bloccare il cancro. A volte, queste nuove terapie sono all’altezza delle aspettative dei loro sviluppatori, mentre altre volte non sono all’altezza.

Mentre la ricerca di migliori farmaci antitumorali continua, un nuovo studio ha scoperto che molti dei nuovi farmaci che funzionano spesso prendono di mira meccanismi diversi rispetto a quelli per cui gli scienziati li intendevano.

Questo potrebbe anche spiegare perché molti nuovi farmaci non funzionano.

La scoperta proviene da un team di scienziati del Cold Spring Harbor Laboratory di New York, che inizialmente aveva deciso di studiare una questione diversa. Jason Sheltzer, Ph.D. e il team inizialmente volevano identificare i geni che avevano legami con bassi tassi di sopravvivenza tra le persone che ricevevano il trattamento del cancro.

Ma questo lavoro li ha portati a trovare qualcosa che non si aspettavano: che MELK , una proteina precedentemente legata alla crescita del cancro, non influisce sulla progressione del tumore.

Poiché i tumori del cancro contengono alti livelli di MELK, i ricercatori avevano pensato che le cellule tumorali usassero questa proteina per proliferare. Pensavano che arrestando la produzione di MELK, ciò avrebbe rallentato la crescita tumorale .

Tuttavia, Sheltzer e colleghi hanno scoperto che questo non era vero. Quando hanno usato la tecnologia specializzata di editing genetico (CRISPR) per “spegnere” i geni che codificavano la produzione di MELK, si è scoperto che ciò non influiva sulle cellule tumorali, che continuavano ad aumentare come prima.

Se un obiettivo terapeutico che i ricercatori ritenevano fosse così promettente non funzionava come previsto dagli scienziati, questo potrebbe valere anche per altri obiettivi terapeutici? “La mia intenzione era di indagare se MELK fosse un’aberrazione”, osserva Sheltzer.

Falsi presupposti per nuovi farmaci?


Nel presente studio – i cui risultati compaiono sulla rivista Science Translational Medicine – Sheltzer e colleghi hanno studiato se il “meccanismo d’azione” descritto di 10 nuovi farmaci rappresenti accuratamente il loro funzionamento.

I ricercatori hanno testato tutti e 10 i farmaci in studi clinici, con l’aiuto di circa 1.000 volontari, tutti i quali avevano ricevuto una diagnosi di cancro.

“L’idea di molti di questi farmaci è che bloccano la funzione di una determinata proteina nelle cellule tumorali”, spiega Sheltzer.

“E quello che abbiamo mostrato è che la maggior parte di questi farmaci non funziona bloccando la funzione della proteina che sono stati segnalati per bloccare. Quindi questo è ciò che intendo quando parlo di meccanismo d’azione”, continua Sheltzer.

Il ricercatore suggerisce inoltre che “[in qualche modo, questa è una storia della tecnologia di questa generazione”. Gli investigatori spiegano che prima che la tecnologia di modifica genetica diventasse un mezzo più diffuso per fermare la produzione di proteine, gli scienziati usavano una tecnica che permetteva loro di agire sull’interferenza dell’RNA.
Questo è un processo biologico attraverso il quale le molecole di RNA aiutano a regolare la produzione di proteine ​​specifiche. Tuttavia, i ricercatori spiegano che questo metodo può essere meno affidabile rispetto all’utilizzo della tecnologia CRISPR. Inoltre, potrebbe arrestare la produzione di proteine ​​diverse da quelle inizialmente previste.

Quindi il team ha proceduto a testare l’accuratezza del meccanismo d’azione dei farmaci utilizzando CRISPR. In un esperimento, si sono concentrati su un farmaco in fase di sperimentazione che ha lo scopo di inibire la produzione di una proteina chiamata “PBK”.

Il risultato? “Si scopre che questa interazione con PBK non ha nulla a che fare con il modo in cui uccide effettivamente le cellule tumorali”, afferma Sheltzer.


Trovare il vero meccanismo d’azione


Il passo successivo è stato scoprire quale fosse il vero meccanismo d’azione del farmaco. Per fare questo, i ricercatori hanno preso alcune cellule tumorali e le hanno esposte al presunto farmaco bersaglio del PBK in alte concentrazioni. Quindi, hanno permesso alle cellule di adattarsi e sviluppare resistenza a quel farmaco.

“I tumori sono altamente genomicamente instabili. A causa di questa intrinseca instabilità, ogni cellula cancerosa in un piatto è diversa da quella accanto ad essa. Una cellula cancerosa che acquisisce casualmente un cambiamento genetico che blocca l’efficacia di un farmaco avrà successo dove le altre sono ucciso “, spiega Sheltzer.

“Possiamo trarne vantaggio. Identificando questo cambiamento genetico, possiamo [anche] identificare come il farmaco stava uccidendo il cancro”, continua.

I ricercatori hanno scoperto che le cellule tumorali utilizzate hanno sviluppato la loro resistenza al farmaco evolvendo una mutazione in un gene che produce un’altra proteina: CDK11.

Le mutazioni significavano che il farmaco non poteva interferire con la produzione della proteina. Ciò ha suggerito che, anziché PBK, CDK11 potrebbe essere il vero bersaglio del farmaco in prova.

“Molti farmaci che vengono testati nei pazienti con cancro umano tragicamente non finiscono per aiutare i pazienti con cancro”, osserva Sheltzer. Aggiunge che se gli scienziati cambiassero il modo in cui conducono i test preclinici, potrebbero ottenere una comprensione più accurata di come funzionano i farmaci e di chi hanno maggiori probabilità di aiutare.

“Se questo tipo di prove venisse regolarmente raccolto prima che i farmaci entrassero negli studi clinici, potremmo essere in grado di fare un lavoro migliore assegnando ai pazienti terapie che hanno maggiori probabilità di fornire qualche beneficio. Con questa conoscenza, credo che possiamo adempiere meglio alla promessa di medicina di precisione “.

Jason Sheltzer, Ph.D.

Semplici cambiamenti nella dieta possono ridurre il rischio di cancro, aumentare la durata della vita

Published by:

flavonoidi e cancro

Un nuovo studio che ha coinvolto oltre 50.000 partecipanti per un periodo di 2 decenni ha concluso che il consumo di cibi ricchi di flavonoidi potrebbe evitare le malattie e prolungare la vita.

Numerose ricerche si sono concentrate sul ruolo dell’alimentazione nel rischio di malattia e nella mortalità.

Nonostante l’interesse crescente, è un argomento notoriamente difficile da studiare per una serie di ragioni, e trarre conclusioni attendibili su come il cibo influisce sugli esiti sanitari specifici è una sfida.

Sebbene sia ovvio che il cibo è vitale per la nostra sopravvivenza, è difficile approfondire i dettagli di come i singoli composti influenzano la malattia e la mortalità nell’uomo.

Detto questo, i ricercatori hanno ora stabilito con fermezza e scientificamente che mangiare più frutta e verdura è associato a un ridotto rischio cardiovascolare e di mortalità generale.

Tuttavia, come la frutta e la verdura proteggano la salute è meno noto; sebbene sia probabilmente coinvolta una vasta gamma di sostanze nutritive, molti ricercatori ritengono che i flavonoidi abbiano un ruolo significativo.
La famiglia dei flavonoidi
I flavonoidi sono una classe di sostanze chimiche chiamate polifenoli. Sono presenti in una vasta gamma di alimenti naturali, tra cui frutta, verdura, cioccolato fondente, vino rosso e tè.

Questi composti hanno sei sottoclassi:

flavonoli
flavan-3-oli
flavanoni
flavoni
antociani
isoflavoni
Ognuno di questi ha il potenziale di avere un impatto sul corpo in modi diversi e in diversi gradi.
Di recente, un gruppo di scienziati dell’Università Edith Cowan in Australia ha iniziato a studiare se questi composti potessero effettivamente prolungare la vita e proteggere la salute.

L’articolo, che ora appare sulla rivista Nature Communications , delinea le loro scoperte.

Gli autori scrivono che il loro obiettivo principale era “studiare l’associazione delle assunzioni totali di sottoclassi di flavonoidi e flavonoidi con qualsiasi causa, mortalità correlata alle malattie cardiovascolari e correlata al cancro”.

I ricercatori volevano anche vedere come i fattori dello stile di vita come bere alcolici e fumare tabacco influissero sui benefici derivati ​​dai flavonoidi.

Ricerca flavonoide
Precedenti studi su flavonoidi hanno prodotto risultati interessanti. Negli studi a breve termine , sembrano aumentare alcuni marcatori di salute cardiovascolare. Altri articoli hanno descritto un potenziale ruolo antitumorale per i flavonoidi.

Sebbene ricerche precedenti abbiano accennato a benefici, ci sono lacune significative. Come spiegano gli autori del nuovo studio:

“Le prove degli studi osservazionali sono incomplete; gli studi sulla mortalità per cancro sono scarsi e sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire il ruolo specifico delle sottoclassi di flavonoidi e per determinare la dose di flavonoidi totali e specifici richiesta per ottenere il massimo beneficio.”

Per indagare, gli scienziati hanno preso i dati dalla coorte danese di dieta, cancro e salute. In totale, 56.048 adulti hanno preso parte. Durante il follow-up di 23 anni, 14.083 partecipanti sono morti.

Dopo aver controllato per una serie di fattori, gli autori concludono:

” [W] forniamo prove del fatto che un apporto dietetico realizzabile di sottoclassi di flavonoidi individuali e totali è associato a un minor rischio di tutte le cause, di malattie cardiovascolari e di mortalità per cancro.”

In particolare, hanno scoperto che coloro che consumavano ogni giorno circa 500 milligrammi (mg) di flavonoidi avevano il rischio più basso di decessi per cancro o malattie cardiovascolari. Al di sopra della soglia di 500 mg, non vi sono stati ulteriori benefici.

Gli scienziati hanno anche analizzato l’impatto di ciascuno dei sei tipi di flavonoidi. Hanno trovato lo stesso effetto su tutta la linea.
500 mg ogni giorno
Per mettere in prospettiva la soglia dei 500 mg, il ricercatore capo Dr. Nicola Bondonno fornisce un esempio attuabile:

“È importante consumare una varietà di diversi composti flavonoidi presenti in diversi alimenti e bevande a base vegetale. Questo è facilmente raggiungibile attraverso la dieta: una tazza di tè, una mela, un’arancia, 100 grammi di mirtilli e 100 grammi di broccoli fornire una vasta gamma di composti flavonoidi e oltre 500 mg di flavonoidi totali. “

I ricercatori hanno scoperto che i benefici dei flavonoidi erano particolarmente pronunciati nei partecipanti che attualmente fumavano e che consumavano più di due bevande alcoliche ogni giorno. Questi partecipanti hanno visto i maggiori benefici.

Tuttavia, il Dr. Bondonno sottolinea un punto importante, spiegando che “il consumo di flavonoidi non contrasta tutti i maggiori rischi di morte causati dal fumo e dall’elevato consumo di alcol. Di gran lunga la cosa migliore da fare per la salute è smettere di fumare e ridurre sull’alcool “.

Non è chiaro in che modo i flavonoidi possano ridurre il rischio di malattia. Tuttavia, alcuni scienziati ritengono che le loro qualità antinfiammatorie potrebbero essere importanti.

L’alcool e il tabacco aumentano entrambi i livelli di infiammazione e danneggiano i vasi sanguigni. Tuttavia, come spiega il Dr. Bondonno, “I flavonoidi hanno dimostrato di essere antinfiammatori e migliorare la funzione dei vasi sanguigni, il che potrebbe spiegare perché sono associati a un minor rischio di morte per malattie cardiache e cancro”.
Punti di forza e limitazioni
Questo studio ha punti di forza significativi – non ultimo il gran numero di partecipanti e la lunga durata del follow-up. Gli scienziati hanno anche acquisito una vasta gamma di caratteristiche, fattori dello stile di vita e altre informazioni rilevanti per affinare la loro analisi e ridurre il rumore statistico.

Tuttavia, ci sono sempre dei limiti. Ad esempio, lo studio è stato osservativo, il che significa che non è possibile dimostrare in modo conclusivo che i flavonoidi causano la diminuzione della mortalità e del rischio di malattia.

Ad esempio, come spiegano gli autori, esiste la possibilità che i flavonoidi siano “un marcatore di altri fattori dietetici non osservati e potenzialmente protettivi”.

È importante sottolineare che lo studio ha acquisito solo informazioni dietetiche all’inizio dello studio; c’è ogni possibilità che le diete dei partecipanti siano cambiate significativamente nei successivi 2 decenni.

Gli autori notano anche che il loro gruppo campione era prevalentemente bianco, quindi la relazione tra flavonoidi e risultati sulla salute potrebbe essere diversa in altre popolazioni.

In conclusione, questo studio aggiunge peso all’idea che i flavonoidi potrebbero proteggere la salute. Tuttavia, come sempre, gli scienziati dovranno svolgere ulteriori ricerche.

Nel frattempo, il consumo di maggiori quantità di frutta e verdura non danneggerà.

La scoperta dell’endometriosi apre la strada al trattamento non ormonale

Published by:

endometriosi trattamento

Gli scienziati hanno scoperto che un certo tipo di cellula immunitaria potrebbe essere la causa principale del dolore pelvico nelle donne con endometriosi. La scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per una condizione comune che colpisce molti milioni di donne.
L’endometriosi è una malattia che dura tutta la vita in cui un tessuto simile a quello che normalmente solca l’utero cresce anche all’esterno dell’organo, tipicamente nella cavità pelvica.

Le stime della World Endometriosis Research Foundation suggeriscono che l’endometriosi colpisce circa 176 milioni di donne in tutto il mondo.

Le crescite anormali o le lesioni dell’endometriosi possono causare infiammazione persistente , dolore e infertilità .

Altri sintomi includono mestruazioni dolorose e ovulazione , affaticamento , forti emorragie e dolore durante il rapporto sessuale.

Al momento, non esiste una cura per l’endometriosi. La chirurgia può rimuovere alcune lesioni e tessuto cicatriziale. I trattamenti ormonali possono offrire sollievo dai sintomi, ma spesso portano effetti collaterali dopo un uso prolungato. C’è un bisogno urgente di farmaci non ormonali.

Nel nuovo studio, i ricercatori delle università di Warwick e di Edimburgo, entrambi nel Regno Unito, hanno scoperto che la causa del dolore dell’endometriosi è un tipo di globuli bianchi chiamati macrofagi che hanno subito cambiamenti a seguito della condizione.
I macrofagi stimolano la crescita delle cellule nervose
La dottoressa Erin Greaves, autrice senior dello studio, che ricopre incarichi in entrambe le università, spiega che i trattamenti convenzionali che utilizzano gli ormoni sono “non ideali” perché mirano alla funzione ovarica e possono innescare effetti collaterali, come la soppressione della fertilità.

“Stiamo cercando di trovare soluzioni non ormonali”, aggiunge.
I macrofagi “modificati dalla malattia” stimolano la crescita e l’attività delle cellule nervose rilasciando l’ormone della crescita come fattore di crescita insulino-1 (IGF-1).

Precedenti studi avevano già dimostrato che i macrofagi hanno un ruolo centrale nello sviluppo dell’endometriosi. Le cellule immunitarie aiutano le lesioni a crescere e guidano anche lo sviluppo del loro apporto di sangue.

Ricerche più recenti hanno anche rivelato che i macrofagi aiutano i nervi a crescere nelle lesioni.

Lo scopo del nuovo studio, notano gli autori, “era determinare il ruolo meccanicistico dei macrofagi nella produzione del dolore associato all’endometriosi”.

Dopo aver eseguito vari test con cellule e topi, suggeriscono che il targeting dei macrofagi alterati potrebbe essere un nuovo modo per trattare il dolore dell’endometriosi.

Aprendo la strada a trattamenti non ormonali
Le lesioni dell’endometriosi attirano e contengono un gran numero di macrofagi. L’ambiente della malattia genera segnali che alterano la funzione delle cellule immunitarie.

Quando hanno esaminato colture cellulari di macrofagi modificati dalla malattia, i ricercatori hanno osservato come le cellule rilasciarono più IGF-1.

Hanno anche scoperto che i livelli di IGF-1 nel tessuto della cavità pelvica da donne con endometriosi erano più alti rispetto alle donne senza la condizione ed erano in linea con i loro punteggi del dolore.

In ulteriori esperimenti di coltura cellulare, i ricercatori hanno dimostrato che l’aggiunta di IGF-1 dai macrofagi favorisce la crescita e l’attivazione delle cellule nervose.

Un’ultima serie di test ha rivelato che prevenendo l’attività dell’ormone bloccando il recettore cellulare per IGF-1, “inverte il comportamento del dolore osservato nei topi con endometriosi”.

Il fatto che i segnali nell’ambiente tissutale locale possano alterare la funzione dei macrofagi non è nuovo. Tuttavia, queste scoperte gettano nuova luce su ciò che accade ai macrofagi nel caso specifico dell’endometriosi.

“Se possiamo conoscere il ruolo dei macrofagi nell’endometriosi”, spiega il dott. Greaves, “possiamo distinguerli dai macrofagi sani e indirizzare loro il trattamento mirato”.

” Questa scoperta andrà in qualche modo verso la ricerca di modi per alleviare i sintomi per le donne che [vivono con] endometriosi”.

Dr. Erin Greaves