Tag Archives: sintomi

Cos’è la malattia di Crohn?

Published by:

morbo di crohn

La malattia di Crohn è una condizione cronica o a lungo termine che provoca infiammazione del tratto digestivo. È un tipo di malattia infiammatoria intestinale. La malattia di Crohn può essere dolorosa, debilitante e, a volte, pericolosa per la vita.

La malattia di Crohn, chiamata anche ileite o enterite, può colpire qualsiasi parte dell’intestino, dalla bocca fino all’ano. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la parte inferiore dell’intestino tenue – l’ileo – è interessata.

I sintomi possono essere spiacevoli. Includono ulcere intestinali, disagio e dolore.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, la malattia di Crohn colpisce 26-199 persone per 100.000 . Sebbene la malattia di Crohn inizi in genere tra i 15 ei 40 anni, può iniziare a qualsiasi età.

Avere un sistema di supporto che capisce l’esperienza di avere Crohn è importante. IBD Healthline è un’app gratuita per le persone con diagnosi di Crohn. L’app è disponibile su AppStore e Google Play. Scarica qui: https://go.onelink.me/LOC7/3e87f450 .

Sintomi
Il dolore è comunemente sentito nella parte inferiore destra dell’addome, ma può interessare molte aree dell’intestino.
I sintomi della malattia di Crohn variano a seconda della parte dell’intestino interessata. I sintomi includono spesso:

Dolore : il livello di dolore varia tra gli individui e dipende da dove si trova l’ infiammazione nell’intestino. Più comunemente, il dolore si farà sentire nella parte in basso a destra dell’addome.
Ulcere nell’intestino : le ulcere sono aree grezze nell’intestino che possono sanguinare. Se sanguinano, il paziente potrebbe notare sangue nelle loro feci.
Ulcere della bocca : questi sono un sintomo comune.
Diarrea : può variare da lieve a grave. A volte possono esserci muco, sangue o pus . Il paziente può avere l’impulso di andare ma non trova nulla.
Affaticamento : gli individui spesso si sentono estremamente stanchi. La febbre è anche possibile durante la fatica .
Appetito alterato : è possibile che l’appetito sia molto basso.
Perdita di peso : questo può derivare da una perdita di appetito.
Anemia : una perdita di sangue può portare all’anemia .
Sanguinamento rettale e ragadi anali : la pelle dell’ano si screpola, causando dolore e sanguinamento.
Altri possibili sintomi:

artrite
uveite (infiammazione degli occhi)
eruzione cutanea e infiammazione
infiammazione del dotto biliare o del fegato
crescita ritardata o sviluppo sessuale, nei bambini
Colite ulcerosa vs. morbo di Crohn
Mentre la colite ulcerosa provoca infiammazione e ulcere nello strato superiore del rivestimento dell’intestino crasso, tutti gli strati dell’intestino possono essere infiammati e con ulcere nella malattia di Crohn.

Inoltre, l’infiammazione si verifica nella malattia di Crohn ovunque lungo l’intestino; nella colite ulcerosa, appare solo nell’intestino crasso (colon e retto).

Le viscere del paziente con malattia di Crohn possono avere sezioni sane normali tra le parti malate, mentre, nella colite ulcerosa, il danno appare in modo continuo.

Dieta
I bambini con malattia di Crohn potrebbero aver bisogno di formule liquide ad alto contenuto calorico, specialmente se la loro crescita ne è compromessa.

La maggior parte dei pazienti con morbo di Crohn afferma che i seguenti alimenti possono aumentare la diarrea e i crampi:

grani voluminosi
latticini
cibi piccanti
alcool
Alcune persone non hanno voglia di mangiare. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario nutrirsi per via endovenosa per un breve periodo.

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Trattamento
I cereali voluminosi, come quelli contenuti nel pane, possono peggiorare la malattia di Crohn.
Il trattamento può comportare farmaci, interventi chirurgici e integratori alimentari.

L’obiettivo è controllare l’infiammazione, correggere i problemi nutrizionali e alleviare i sintomi.

Non esiste una cura per la malattia di Crohn, ma alcuni trattamenti possono aiutare riducendo il numero di volte in cui un paziente manifesta recidive.

Il trattamento della malattia di Crohn dipende da:

dove si trova l’infiammazione
la gravità della malattia
complicazioni
la risposta del paziente al precedente trattamento per i sintomi ricorrenti
Alcune persone possono avere lunghi periodi, anche anni, senza alcun sintomo. Questo è noto come remissione. Tuttavia, di solito ci saranno ricorrenze.

Poiché i periodi di remissione variano così tanto, può essere difficile sapere quanto sia stato efficace il trattamento. È impossibile prevedere quanto durerà un periodo di remissione.

Farmaci per la malattia di Crohn
Farmaci anti-infiammatori : molto probabilmente il medico inizierà con la mesalamina (sulfasalazina), che aiuta a controllare l’infiammazione.
Cortisone o steroidi : i corticosteroidi sono farmaci contenenti cortisone e steroidi.
Antibiotici : fistole, stenosi o interventi chirurgici precedenti possono causare una proliferazione batterica. I medici generalmente lo tratteranno prescrivendo ampicillina, sulfonamide, cefalosporina, tetraciclina o metronidazolo.
Sostituzioni antidiarroiche e fluide : quando l’infiammazione si attenua, la diarrea di solito diventa meno problematica. Tuttavia, a volte il paziente può aver bisogno di qualcosa per la diarrea e il dolore addominale.
Biologics
I biologici sono un nuovo tipo di farmaco che gli scienziati hanno sviluppato da un organismo vivente. Riducono la risposta immunitaria del corpo prendendo di mira le proteine ​​che portano all’infiammazione.

I biologici sembrano aiutare le persone con la malattia di Crohn.

Esempi di prodotti biologici per Crohn includono:

infliximab (Remicade)
adalimumab (Humira)
6-mercaptopurina (purinetolo)
metotressato
imuran (azatioprina)
certolizumab pegol (Cimzia)
I trattamenti biologici possono avere effetti collaterali, tra cui vomito, nausea e una resistenza più debole alle infezioni.

Alcuni studi suggeriscono che l’uso di sostanze biologiche può ridurre la possibilità che una persona abbia bisogno di un intervento chirurgico addominale entro 10 anni al 30 percento . Prima dell’introduzione del biologico, i ricercatori hanno messo questa cifra al 40–55 percento.

I prodotti biologici sembrano anche ridurre il rischio di effetti avversi che possono insorgere quando una persona usa corticosteroidi.

Esistono diversi tipi di farmaci biologici e gli individui reagiscono in modo diverso a loro. Un medico consiglierà un’opzione adatta e potrebbe suggerire di provare un’alternativa o una combinazione di farmaci se il primo non funziona.

Chirurgia
La maggior parte dei pazienti con malattia di Crohn potrebbe aver bisogno di un intervento chirurgico ad un certo punto. Quando i farmaci non controllano più i sintomi, l’unica soluzione è quella di operare. La chirurgia può alleviare i sintomi che non hanno risposto ai farmaci o correggere le complicanze, quali ascesso, perforazione, sanguinamento e blocco.

La rimozione di parte dell’intestino può aiutare, ma non cura la malattia di Crohn. L’infiammazione ritorna spesso nell’area accanto a dove è stata rimossa la parte interessata dell’intestino. Alcuni pazienti con malattia di Crohn possono richiedere più di un’operazione durante la loro vita.

In alcuni casi, è necessaria una colectomia, in cui viene rimosso l’intero colon. Il chirurgo farà una piccola apertura davanti alla parete addominale e la punta dell’ileo viene portata sulla superficie della pelle per formare un’apertura chiamata stoma. Le feci escono dal corpo attraverso la stomia. Una custodia raccoglie le feci. I medici affermano che un paziente con stomia può continuare a condurre una vita normale e attiva.

Se il chirurgo può rimuovere la sezione malata dell’intestino e quindi ricollegarla, non è necessario alcuno stoma.

Il paziente e il suo medico devono considerare la chirurgia con molta attenzione. Non è appropriato per tutti. Il paziente deve tenere presente che dopo l’operazione, la malattia si ripresenterà.

Molte persone con la malattia di Crohn possono vivere una vita normale e attiva, svolgere un lavoro, crescere famiglie e funzionare con successo.

Le cause
Il fumo può aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Crohn.
La causa esatta della malattia di Crohn non è chiara, ma si ritiene che derivi da una reazione anormale nel sistema immunitario.

La teoria è che il sistema immunitario attacca alimenti, batteri buoni e sostanze benefiche come se fossero sostanze indesiderate.

Durante l’attacco, i globuli bianchi si accumulano nel rivestimento dell’intestino e questo accumulo innesca l’infiammazione. L’infiammazione porta a ulcerazioni e lesioni intestinali.

Tuttavia, non è chiaro se il sistema immunitario anormale causi la malattia di Crohn o ne derivi.

I fattori che possono aumentare il rischio di infiammazione includono:

fattori genetici
il sistema immunitario dell’individuo
fattori ambientali
Circa 3 su 20 persone con Crohn hanno un parente stretto con la condizione. Se un gemello identico ha la malattia di Crohn, anche l’altro gemello ha una probabilità del 70% di averlo.

Un batterio o un virus può svolgere un ruolo. I batteri E. coli sono stati collegati alla malattia di Crohn, per esempio.

Il fumo è un altro fattore di rischio.

Diagnosi
Un medico chiederà alla persona eventuali segni e sintomi. Un esame fisico può rivelare un nodulo nell’addome, causato quando i cappi delle viscere infiammate si incastrano insieme.

I seguenti test possono aiutare nella diagnosi:

esami delle feci e del sangue
biopsia
sigmoidoscopia, in cui un tubo corto e flessibile (sigmoidoscopio) viene utilizzato per studiare l’intestino inferiore
colonscopia, dove viene utilizzato un tubo lungo e flessibile (colonscopio) per studiare il colon
endoscopia , se si verificano sintomi nella parte superiore dell’intestino. Un telescopio lungo, sottile e flessibile (endoscopio) scende attraverso l’esofago nello stomaco.
TAC o clisma opaco a raggi X per rivelare cambiamenti all’interno dell’intestino

complicazioni
Se i sintomi sono gravi e frequenti, la probabilità di complicanze è maggiore. Le seguenti complicanze possono richiedere un intervento chirurgico:

emorragia interna
stenosi, in cui una parte dell’intestino si restringe, causando l’accumulo di tessuto cicatriziale e il blocco parziale o completo dell’intestino
perforazione, quando si sviluppa un piccolo foro nella parete dell’intestino, da cui il contenuto può fuoriuscire, causare infezioni o ascessi
fistole, quando si forma un canale tra due parti dell’intestino
Ci possono essere anche:

una carenza di ferro persistente.
problemi di assorbimento del cibo.
rischio leggermente più elevato di sviluppare il cancro all’intestino .

L’agopuntura può ridurre i sintomi della menopausa

Published by:

menopausa e agopuntura

Un recente studio conclude che solo un corso relativamente breve di agopuntura potrebbe ridurre significativamente alcuni dei sintomi più spiacevoli della menopausa.
La menopausa inizia in genere nella sesta decade di vita e continua per una media di 4-5 anni.

I sintomi della menopausa possono ridurre il benessere generale e influenzare ogni aspetto della vita.

Sebbene i sintomi della menopausa siano curabili, i metodi attuali sono tutt’altro che perfetti.

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) è efficace per molte persone, ma, oltre ai suoi effetti collaterali, la TOS può aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno .

Per questo motivo, alcune persone scelgono terapie non ormonali. Tuttavia, questi spesso presentano anche un elenco di spiacevoli effetti collaterali, tra cui disturbi del sonno, vertigini, nausea e affaticamento .

Per questo motivo, la ricerca di interventi non farmaceutici per i sintomi della menopausa è all’ordine del giorno.

Un approccio alternativo
Negli ultimi anni, c’è stata un’oscillazione popolare in tutta la società verso le cosiddette terapie alternative o complementari. Alla base di una lunga serie di trattamenti c’è l’ agopuntura .

Con un antico pedigree e legioni di sostenitori appassionati, l’agopuntura si è avvicinata sempre di più alla medicina tradizionale.

Le persone hanno usato l’agopuntura per alleviare una vasta gamma di condizioni, tra cui depressione , dolore cronico, epilessia e schizofrenia , con vari livelli di successo.

Lo studio più recente, condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen, in Danimarca e dell’Università della Danimarca meridionale, Odense, mette il potere dell’agopuntura contro i sintomi della menopausa.

Sebbene altri studi abbiano considerato l’agopuntura come un possibile rimedio per i sintomi della menopausa, non sono state fornite prove definitive.

Come scrivono gli autori del presente studio, studi precedenti “sono stati criticati per limitazioni metodologiche, ad esempio, cattiva progettazione, dimensioni del campione inadeguate, controllo inadeguato o gruppi placebo , assenza di protocolli standardizzati e mancanza di dati sugli effetti avversi”.

Agopuntura e vampate di calore
NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Per indagare ulteriormente, i ricercatori hanno deciso di concentrarsi principalmente su un risultato: vampate di calore. Spesso continuando per un certo numero di anni , le vampate di calore colpiscono più di tre quarti delle persone che soffrono di menopausa e possono essere angoscianti.

Il loro studio ha incluso 70 donne che stavano vivendo la menopausa. Il team ha dato a metà delle donne una sessione di 15 minuti di agopuntura standardizzata a settimana per 5 settimane. Gli agopuntori coinvolti nello studio avevano una media di 14 anni di esperienza.

I restanti individui facevano parte del gruppo di controllo e non hanno ricevuto alcun intervento. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista BMJ Open questa settimana.

Ciascuno dei partecipanti ha completato un questionario che ha valutato la propria esperienza di sintomi della menopausa. Lo hanno compilato prima dell’inizio dello studio e poi dopo 3, 6, 8, 11 e 26 settimane. Il questionario riguardava i sintomi più comuni, tra cui vampate di calore, problemi di sonno, alterazioni della memoria, sintomi urinari e vaginali e alterazioni della pelle.

Dopo solo 3 settimane, i partecipanti al gruppo di agopuntura hanno notato una diminuzione delle vampate di calore.

Alla soglia delle 6 settimane, l’80% delle donne nel gruppo di agopuntura credeva che le sessioni le avessero aiutate.

L’agopuntura non ha solo ridotto le vampate di calore. Quelli del gruppo sperimentale hanno anche sperimentato cali significativi nella gravità o nella frequenza della sudorazione (inclusi sudorazioni notturne), disturbi del sonno, sintomi emotivi e problemi di pelle e capelli.

Il problema con il placebo
Sebbene i risultati fossero statisticamente significativi, gli autori notano che c’erano relativamente pochi partecipanti e la durata dello studio era solo breve.

Inoltre, un vecchio nemico – la mancanza di un placebo – perseguita i risultati. Come spiegano gli autori, “Attualmente non esiste un comparatore placebo di agopuntura validato”.

L’effetto placebo può essere particolarmente forte in situazioni in cui un individuo riceve attenzione individuale da un professionista invece di ricevere semplicemente una pillola.

Una tecnica che secondo i ricercatori potrebbe essere utile per studi futuri è l’agopuntura fittizia.

Agli osservatori e ai partecipanti non addestrati, l’agopuntura fittizia appare come l’agopuntura standard. La differenza fondamentale è che il medico o non posiziona gli aghi nei punti di agopuntura o non fora la pelle con loro.

Tuttavia, anche l’agopuntura fittizia non è l’ideale come controllo. Un intervento con placebo dovrebbe essere inattivo e, secondo alcuni autori , l’agopuntura fittizia impartisce un effetto più significativo rispetto ad altri placebo veramente inattivi.

Come spiegano gli autori, “uno studio che prova la finzione contro l’agopuntura reale non è uno studio controllato con placebo ma piuttosto uno studio che verifica due diversi tipi di agopuntura”.

La mancanza di un placebo adatto ha ostacolato e continuerà a ostacolare lo studio dell’agopuntura. Allo stato attuale, è molto facile immaginare come potrebbe essere possibile ottenere benefici misurati dell’agopuntura in altri modi. Ad esempio, l’attenzione di un medico, una pausa rilassante dal taglio e dalla spinta della vita quotidiana, parole rilassanti e, naturalmente, le aspettative potrebbero potenzialmente avere un effetto simile.

Come ammettono gli autori, “sebbene [agli agopuntori] sia stato ordinato di comportarsi in modo neutrale, le loro convinzioni in agopuntura avrebbero potuto influire sulla loro interazione con i partecipanti e probabilmente avere intensificato l’effetto placebo”.

Detto questo, per le donne che hanno deciso di non utilizzare trattamenti standard, l’agopuntura, indipendentemente dal fatto che i suoi benefici derivino dall’effetto placebo o meno, potrebbe essere un’opzione utile. C’è poco pericolo di eventi avversi gravi e, se qualcuno percepisce che i loro sintomi sono migliorati dopo l’agopuntura, questo è sicuramente l’obiettivo di qualsiasi intervento.

Cosa posso fare per una vescica iperattiva?

Published by:

vescica iperattiva

La vescica raccoglie l’urina dai reni e la espelle quando è piena. Se una vescica è iperattiva, una persona non può controllare quando sceglie di urinare e il numero di volte che urina durante il giorno.

La condizione si verifica quando la vescica di una persona stringe frequentemente o senza preavviso. Di conseguenza, potrebbe essere necessario utilizzare il bagno più frequentemente o l’urina potrebbe fuoriuscire.

La condizione è generalmente il risultato di una cattiva comunicazione tra il cervello e la vescica. Il cervello segnala alla vescica che è tempo di spremere e svuotare, ma la vescica non è piena. Di conseguenza, la vescica inizia a contrarsi. Questo provoca un forte bisogno di urinare.

Mentre la condizione può essere comune, non deve significare che una persona deve convivere con i sintomi. Sono disponibili molti trattamenti che possono aiutare le persone a ridurre i sintomi.

Symptoms
Una vescica iperattiva causerà un gruppo di sintomi, che possono influenzare la qualità della vita di una persona.

Una vescica iperattiva può causare una serie di sintomi diversi, tra cui la minzione più di otto volte al giorno e la perdita di urina quando sorge la necessità di urinare.
Esempi di questi sintomi includono:

Frequenza della minzione : una persona urina più di otto volte al giorno.
Nicturia : una persona non può dormire tutta la notte senza svegliarsi per urinare, di solito una o due volte.
Urgenza urinaria : una persona sperimenterà un impulso improvviso e incontrollabile di urinare.
Incontinenza da urgenza : una persona perde l’urina quando prova l’impulso di urinare.
Una persona con una vescica iperattiva può spesso sentirsi come se non fosse in grado di svuotare completamente la vescica. Possono usare il bagno e sentirsi come se dovessero tornare di nuovo poco tempo dopo.

I medici dividono la vescica iperattiva in due tipi in base ai loro sintomi. Il primo tipo è la vescica iperattiva, secca. Secondo il Cedars-Sinai Hospital, circa i due terzi delle persone con vescica iperattiva hanno la varietà secca.

Il secondo tipo è la vescica iperattiva, bagnata. Una persona con questa condizione sperimenta una vescica che perde. Quelli con vescica iperattiva, secca, non presentano i sintomi che perdono.

Fattori di rischio
Alcuni pazienti possono trasmettere i sintomi della vescica iperattiva come parte naturale dell’invecchiamento. Tuttavia, l’invecchiamento non è l’unico fattore di rischio che potrebbe aumentare il rischio di una persona di sperimentare una vescica iperattiva.

Ulteriori fattori di rischio includono:

danno ai nervi a causa di una storia di chirurgia
trauma alla parte superiore del corpo o al bacino che danneggia la vescica
avendo una condizione nota come idrocefalo a pressione normale , una causa di demenza
avere un’infezione del tratto urinario
storia di cancro alla vescica o alla prostata
storia di calcoli alla vescica
storia di condizioni che influenzano la funzione neurologica, come la sclerosi multipla , il morbo di Parkinson o l’ ictus
avendo attraversato la menopausa
mangiare una dieta ricca di alimenti che rendono la vescica più “irritabile” o probabilmente iperattiva
Esempi di tipi di alimenti che possono rendere iperattiva la vescica includono caffeina, alcool e cibi piccanti.

Un medico potrebbe non essere in grado di dire perché una persona manifesta sintomi di vescica iperattiva. I sintomi possono apparire spontaneamente.

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

When to see a doctor
Sebbene la vescica iperattiva non sia considerata una condizione pericolosa per la vita, la condizione può influire notevolmente sulla qualità della vita di una persona. Sono disponibili molti trattamenti per ridurre i sintomi, sebbene i medici non possano curare la condizione.

Svegliarsi di notte per usare il bagno può essere un segno di una vescica iperattiva. Se i sintomi persistono, può essere consigliato visitare un operatore sanitario.
Esempi di segni che una persona dovrebbe cercare un trattamento per una vescica iperattiva includono quando:

una persona non può dormire per tutta la notte senza svegliarsi per andare in bagno
una persona usa il bagno più di otto volte al giorno
una persona frequentemente avverte improvvisi impulsi di urinare e raramente arriva in bagno
una persona sperimenta regolarmente la perdita di urina
Una persona a volte può manifestare questi sintomi e tuttavia non rendersi conto del grado in cui li ha. Esistono diversi strumenti che possono aiutare a valutare la probabilità che i sintomi possano essere correlati alla vescica iperattiva.

Esempi di questi strumenti includono:

Un quiz online su sintomi e gravità della vescica iperattiva, offerto dall’American Urological Association.
Un “diario della vescica” che una persona può conservare dei cibi e delle bevande che consumano, più la frequenza con cui vanno in bagno e manifestano sintomi come urgenza urinaria e incontinenza .
App per smartphone, che una persona può scaricare per aiutarle a tenere un diario della vescica, monitorando quanto bevono, il numero di viaggi in bagno e le perdite urinarie che si verificano.
L’uso di questi strumenti può aiutare a tenere traccia della regolarità dei sintomi di qualcuno e talvolta confermare che i sintomi sono motivo di preoccupazione.

Tuttavia, una persona dovrebbe sempre consultare il proprio medico se hanno sintomi alla vescica di cui sono preoccupati.

Lifestyle remedies
Alcuni cibi e bevande sono noti per contribuire all’irritazione della vescica. Di conseguenza, apportare cambiamenti nello stile di vita può aiutare una persona a ridurre la probabilità che sperimentino sintomi di vescica iperattiva.

Limitare l’assunzione di alcol e caffeina e smettere di fumare può essere raccomandato un cambiamento nello stile di vita.
Esempi di passaggi da eseguire includono:

Limitare l’assunzione di caffeina e alcol, che possono stimolare la vescica.
Mantenere un peso sano. L’eccesso di peso può esercitare troppa pressione sulla vescica di una persona.
Aumentare l’assunzione di fibre, che può ridurre il rischio di costipazione e la probabilità di una vescica iperattiva.
Regolare l’assunzione di liquidi in modo che una persona non beva così tanto liquido la sera. Questo aiuta a ridurre la probabilità che si svegli durante la notte con la necessità di urinare.
Smettere di fumare, poiché il fumo può essere irritante per la vescica.

Medical treatment
Un medico può raccomandare molti trattamenti per la vescica iperattiva, inclusi farmaci, cambiamenti nella dieta e terapia fisica . Raramente, un medico può raccomandare misure più invasive per trattare la condizione.

I medici possono prescrivere una serie di farmaci per trattare una vescica iperattiva. Questi farmaci sono generalmente noti come antispasmodici o anticolinergici. Riducono l’incidenza di spasmi muscolari, come gli spasmi nella vescica.

Esempi di questi farmaci includono:

ossibutinina (Ditropan)
solfienacina (Vesicare)
tolterodina (Detrol)
trospio (Sanctura)
Questi farmaci non sono privi di effetti collaterali, come secchezza delle fauci e costipazione. Le persone dovrebbero sempre parlare con il proprio medico per quanto riguarda i potenziali effetti collaterali.

Trattamenti terapeutici
Esistono numerosi trattamenti terapeutici per la vescica iperattiva. Un esempio è l’allenamento della vescica. Questo è un metodo usato per rafforzare i muscoli della vescica ritardando lo svuotamento. L’allenamento della vescica dovrebbe essere fatto solo con il consiglio e la direzione di un medico.

Esercizi per il pavimento pelvico e allenamento con i pesi vaginali sono anche metodi di terapia usati per rafforzare i muscoli della vescica. Gli specialisti, chiamati terapisti del pavimento pelvico, possono istruire una persona attraverso questi esercizi.

Approcci più invasivi
I medici utilizzano iniezioni di tossina botulinica (come BOTOX ) per ridurre gli spasmi muscolari alla vescica. Tuttavia, ciò potrebbe richiedere ulteriori iniezioni dopo alcuni mesi quando la tossina svanisce.

Se la vescica iperattiva di una persona non risponde a farmaci, terapia o altri trattamenti non invasivi, un medico può raccomandare un intervento chirurgico.

Un esempio è l’impianto di uno stimolatore del nervo sacrale. Questo stimolatore può aiutare a controllare gli impulsi nervosi alla vescica, rendendo i muscoli meno iperattivi.

Un’altra opzione è una procedura nota come citoplastica di aumento. Ciò comporta la sostituzione di parti della vescica di una persona con tessuto intestinale. Di conseguenza, la vescica di una persona è in grado di tollerare un volume maggiore di urina.

Quali trattamenti naturali possono aiutare le persone con il cancro al seno?

Published by:

cancro al seno cure naturali

La terapia standard per il cancro al seno può includere chirurgia, chemioterapia e radioterapia. I trattamenti naturali possono anche aiutare le persone a gestire i sintomi del cancro al seno e gli effetti collaterali dei farmaci, nonché a rafforzare le difese del corpo.
Molte persone ritengono che l’utilizzo di terapie naturali e complementari aiuta a promuovere una salute generale migliore e li fa sentire che sono proattivi nel trattamento del cancro .

Tuttavia, mentre i trattamenti naturali possono aiutare a sostenere la terapia standard per il cancro al seno , non possono sostituirlo. Le persone che considerano l’uso di questi trattamenti dovrebbero parlare con il proprio medico in anticipo.

In questo articolo, esploriamo alcune delle terapie naturali e complementari per le persone sottoposte a trattamento per il cancro al seno. Copriamo anche le opzioni di trattamento medico.

Agopuntura
L’agopuntura ha le sue radici nella medicina tradizionale cinese e può aiutare una persona a gestire i sintomi e gli effetti collaterali che possono causare i trattamenti standard per il cancro al seno.

L’agopuntura consiste nel posizionare delicatamente gli aghi molto sottili in specifici punti di pressione nella pelle. Secondo il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH) , gli studi suggeriscono che questo processo può stimolare il cervello e il sistema nervoso per aiutare a ridurre il dolore.

Il National Cancer Institute cita alcuni studi clinici che suggeriscono che l’agopuntura può aiutare ad alleviare la nausea e il vomito derivanti da trattamenti di chemioterapia . Notano anche che prove limitate indicano che l’agopuntura può anche aiutare a ridurre il dolore da cancro in alcune persone.

Chiunque sia curioso di sapere se l’agopuntura potrebbe essere utile dovrebbe parlare con il proprio medico.

Terapia di massaggio
La massoterapia è il processo di stimolazione manuale dei tessuti della pelle e dei muscoli. Molte persone dicono che aiuta a favorire il rilassamento e può anche aiutare ad alleviare il dolore e l’ ansia , ma le prove scientifiche a sostegno di queste affermazioni sono limitate.

Nonostante questo, le linee guida NCCIH per i medici raccomandano la terapia di massaggio come uno dei diversi approcci che possono aiutare a migliorare la qualità della vita di una persona e alleviare:

stress
ansia
fatica
depressione
Tuttavia, è essenziale vedere un massaggiatore che capisce le esigenze uniche di qualcuno sottoposto a trattamento del cancro.

Tai chi e qi gong
Tai chi e qi gong sono due esercizi basati sul movimento che hanno avuto origine in Cina. Entrambe le pratiche mirano a spostare e bilanciare le energie naturali all’interno del corpo e porre una forte attenzione alla respirazione e alla meditazione.

Queste pratiche possono aiutare a ridurre lo stress e il dolore e migliorare la mobilità e la salute mentale . Molte persone trovano anche tai chi e qi gong utili durante il trattamento del cancro.

Secondo l’ NCCIH , le ricerche indicano che praticare il tai chi può migliorare l’umore e la qualità della vita nelle persone affette da cancro. Tuttavia, i ricercatori hanno effettuato meno studi sui benefici del qi gong.

Biofeedback
Il biofeedback è un tipo di terapia che mira a insegnare alle persone come identificare e controllare alcuni aspetti involontari del corpo, come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la tensione muscolare.

Durante una sessione di biofeedback, un terapista collega la persona a un dispositivo elettrico che fornisce segnali visivi o uditivi ogni volta che si verificano sottili cambiamenti fisiologici nel corpo. Monitorando e rispondendo a questi segnali, la persona tenta di imparare come controllare certe funzioni.

Alcuni studi suggeriscono che il biofeedback può aiutare le persone malate di cancro a gestire i sintomi e gli effetti collaterali del trattamento, secondo l’ NCCIH . Tuttavia, è importante praticare il biofeedback sotto la guida di un terapista autorizzato.
Reiki
Il Reiki è una terapia alternativa basata sulla convinzione che una persona può usare le mani per dirigere l’energia attorno al corpo per promuovere la guarigione.

Alcune persone scoprono che il Reiki li aiuta a sentirsi più rilassati e allevia il dolore e l’ansia. Tuttavia, secondo l’ NCCIH , i risultati degli studi scientifici sui benefici del Reiki sono stati incoerenti.

Dieta
Una dieta sana ed equilibrata è vitale per la salute generale, ma mangiare bene può anche aiutare a sostenere il corpo durante il trattamento del cancro.

I consigli di dieta generale includono riduzione o limitazione:

alimenti ad alto contenuto di grassi
cibi salati
cibi affumicati o carbonizzati
carni lavorate
Le persone possono anche considerare di aggiungere più cibi ricchi di vitamine e minerali alle loro diete, come verdure, frutta e altri cibi interi.

supplementi
Oltre a una dieta sana, alcuni integratori possono anche aiutare a sostenere il corpo durante il cancro al seno.

Secondo un articolo di recensione del 2016 , alcune ricerche suggeriscono che alcune persone affette da cancro potrebbero trovare utili i seguenti supplementi a base di erbe:

Curcuma
tè verde
Echinacea
aglio
ginseng
cohosh nero
Tuttavia, il NCCIH riferisce che le prove per l’assunzione di integratori antiossidanti durante il trattamento del cancro sono in conflitto, con alcuni studi che suggeriscono che potrebbero persino essere dannosi. Esempi di potenti antiossidanti includono vitamine A, C ed E e beta carotene .

È anche essenziale essere consapevoli del fatto che alcuni integratori possono avere effetti collaterali o interagire negativamente con altri farmaci, compresi i farmaci antitumorali. Le persone con tumore al seno dovrebbero parlare al proprio medico prima di assumere qualsiasi integratore.

canapa
L’uso medico di cannabis e prodotti a base di cannabis sta guadagnando popolarità, in parte a causa del mutamento delle normative che consente una maggiore ricerca scientifica sui benefici della pianta. Mentre la cannabis non è un trattamento per il cancro, i suoi composti possono aiutare ad alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia , come nausea e vomito.

Tuttavia, solo alcuni paesi e Stati americani consentono l’uso medico della cannabis. Pertanto, è essenziale che una persona controlli la legalità della cannabis medica nel luogo in cui vive prima di ottenerla o utilizzarla per qualsiasi scopo.
Terapie olistiche
Alcune terapie olistiche mirano a promuovere la pace e l’equilibrio nello stato mentale di una persona, che aiutano a promuovere il rilassamento e ridurre lo stress.

Le terapie che le persone con tumore al seno possono trovare utili includono:

meditazione
aromaterapia
journaling
arte terapia
musico-terapia
danza terapia
Trattamento medico per il cancro al seno
I medici non raccomandano le pratiche complementari e alternative come trattamento primario per il cancro al seno, ma possono aiutare a sostenere i trattamenti standard.

Il trattamento per il cancro al seno dipende da diversi fattori, tra cui:

il tipo di cancro al seno
il livello e il grado del cancro
se la persona ha attraversato la menopausa
la salute generale della persona e le preferenze personali
I medici di solito raccomandano una combinazione di trattamenti per il cancro al seno. Le opzioni di trattamento possono includere:

chirurgia
chemioterapia
radioterapia
immunoterapia
terapia ormonale
terapia mirata
Ci sono anche in genere molte prove cliniche in corso per il trattamento del cancro che una persona può scegliere di partecipare.

Sommario
I medici non raccomandano terapie naturali e complementari per sostituire i trattamenti standard per il cancro al seno. Tuttavia, alcune di queste terapie possono aiutare a ridurre gli effetti collaterali del farmaco e sostenere il corpo e la mente di una persona durante il trattamento e il recupero.

Le persone che prendono in considerazione terapie naturali o complementari per il cancro al seno dovrebbero prima parlare con il proprio medico. Un medico può anche consigliare sulle opzioni di trattamento standard e affrontare eventuali problemi che una persona potrebbe avere sui sintomi o sugli effetti collaterali dei farmaci.

Malattia di Kawasaki

Published by:

Kawasaki bambini

La malattia di Kawasaki, indicata anche come sindrome di Kawasaki o sindrome del linfonodo mucocutaneo, colpisce i bambini e comprende diversi sintomi:

  • febbre
  • eruzione cutanea
  • gonfiore delle mani e dei piedi
  • irritazione e arrossamento del bianco degli occhi
  • ghiandole linfatiche gonfie nel collo
  • irritazione e infiammazione della bocca, delle labbra e della gola


Questi effetti della malattia di Kawasaki sono raramente seri. La fase acuta della condizione dura in genere 10-14 giorni o più. La maggior parte dei bambini guarisce completamente. Ma, in alcuni casi, la malattia di Kawasaki può portare a complicazioni cardiache a lungo termine.

La malattia prende il nome dal Dr. Tomisaku Kawasaki, un pediatra giapponese. La condizione è probabilmente esistita per un lungo periodo, ma non è stata riconosciuta come una sindrome separata fino al 1967.

Causa


La causa della malattia di Kawasaki è sconosciuta. Non sembra essere ereditario o contagioso. Poiché la malattia si verifica frequentemente in focolai all’interno di una popolazione, la causa probabile è un agente infettivo (come un virus).

A volte più di un bambino in una famiglia può sviluppare la malattia di Kawasaki, che può indicare una predisposizione genetica per la sindrome.

Incidenza


L’incidenza della malattia di Kawasaki è più alta in Giappone che in qualsiasi altro paese, sebbene la malattia sia stata segnalata in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti, la condizione è più frequente tra i bambini di origine asiatica-americana, ma può verificarsi in qualsiasi gruppo etnico o razziale. È la causa più comune di cardiopatia acquisita nei bambini in questo paese.

Negli ultimi anni, la malattia di Kawasaki ha avuto la tendenza a verificarsi in focolai localizzati, più spesso in inverno o all’inizio della primavera.

La malattia di Kawasaki colpisce quasi sempre i bambini. La maggior parte dei pazienti ha meno di 5 anni; l’età media per i bambini affetti dalla sindrome è di circa 2. I ragazzi sviluppano la malattia quasi il doppio delle ragazze.

Implicazioni per la salute del cuore


Il cuore può essere colpito da un bambino su quattro che ha la malattia di Kawasaki.

A volte i danni si verificano ai vasi sanguigni che forniscono il muscolo cardiaco (le arterie coronarie) e al muscolo cardiaco stesso. Un indebolimento di un’arteria coronaria può provocare un ingrossamento o gonfiore della parete dei vasi sanguigni (un aneurisma).

I bambini con meno di 1 anno di solito sono i più gravemente ammalati e sono maggiormente a rischio di complicanze cardiache.

Insufficienza cardiaca

Published by:

infarto

Il termine “infarto” fa sembrare che il cuore non funzioni più e non c’è nulla che possa essere fatto. In realtà, l’insufficienza cardiaca significa che il cuore non sta pompando come dovrebbe. L’insufficienza cardiaca congestizia è un tipo di insufficienza cardiaca che richiede la ricerca tempestiva di cure mediche, anche se a volte i due termini sono usati in modo intercambiabile.
l tuo corpo dipende dall’azione di pompaggio del cuore per fornire sangue ricco di ossigeno e di nutrienti alle cellule del corpo. Quando le cellule sono nutrite correttamente, il corpo può funzionare normalmente. Con insufficienza cardiaca, il cuore indebolito non può fornire alle cellule abbastanza sangue. Ciò si traduce in affaticamento e mancanza di respiro e alcune persone hanno la tosse. Le attività quotidiane come camminare, salire le scale o trasportare generi alimentari possono diventare molto difficili.
Insufficienza cardiaca è un termine usato per descrivere un cuore che non può tenere il passo con il suo carico di lavoro. Il corpo potrebbe non ottenere l’ossigeno di cui ha bisogno.
L’insufficienza cardiaca è una condizione grave e di solito non esiste una cura. Ma molte persone con insufficienza cardiaca conducono una vita piena e piacevole quando la condizione viene gestita con farmaci per lo scompenso cardiaco e cambiamenti salutari dello stile di vita. È anche utile avere il supporto di familiari e amici che comprendono la tua condizione.

Come funziona il cuore normale
Il normale cuore sano è una pompa forte, muscolosa, un po ‘più grande di un pugno. Pompa sangue continuamente attraverso il sistema circolatorio.

Guarda un’animazione del flusso di sangue attraverso il cuore .

Il cuore ha quattro camere, due a destra e due a sinistra:

Due camere superiori chiamate atri (uno è chiamato atrio)
Due camere inferiori chiamate ventricoli
L’atrio destro preleva il sangue depurato dall’ossigeno dal resto del corpo e lo rimanda ai polmoni attraverso il ventricolo destro, dove il sangue diventa ossigenato.

Il sangue ricco di ossigeno viaggia dai polmoni all’atrio sinistro, quindi al ventricolo sinistro, che lo pompa al resto del corpo.

Il cuore pompa il sangue ai polmoni ea tutti i tessuti del corpo attraverso una sequenza di contrazioni altamente organizzate delle quattro camere. Perché il cuore funzioni correttamente, le quattro camere devono battere in modo organizzato.
Cos’è l’insufficienza cardiaca?
L’insufficienza cardiaca è una condizione cronica e progressiva in cui il muscolo cardiaco non è in grado di pompare abbastanza sangue per soddisfare i bisogni del corpo di sangue e ossigeno. Fondamentalmente, il cuore non può tenere il passo con il suo carico di lavoro.

Guarda un’animazione di insufficienza cardiaca .

All’inizio il cuore cerca di rimediare a questo:

Ingrandimento. Il cuore si estende per contrarsi più forte e tenere il passo con la richiesta di pompare più sangue. Con il passare del tempo, il cuore si ingrandisce.
Sviluppare più massa muscolare. L’aumento della massa muscolare si verifica perché le cellule contratte del cuore si ingrandiscono. Ciò consente al cuore di pompare più forza, almeno inizialmente.
Pompaggio più veloce. Questo aiuta ad aumentare l’output del cuore.
Il corpo cerca anche di compensare in altri modi:

I vasi sanguigni si restringono per mantenere alta la pressione sanguigna, cercando di compensare la perdita di energia del cuore.
Il corpo allontana il sangue dai tessuti e organi meno importanti (come i reni), dal cuore e dal cervello.
Queste misure temporanee mascherano il problema dell’insufficienza cardiaca, ma non lo risolvono. L’insufficienza cardiaca continua e peggiora fino a quando questi processi di compensazione non funzionano più.

Alla fine il cuore e il corpo non riescono a tenere il passo, e la persona sperimenta la stanchezza, i problemi respiratori o altri sintomi che di solito provocano un viaggio dal medico.

I meccanismi di compensazione del corpo aiutano a spiegare perché alcune persone potrebbero non diventare consapevoli della loro condizione fino a diversi anni dopo che il loro cuore inizia a declinare. (È anche una buona ragione per fare un controllo regolare con il medico.)

L’insufficienza cardiaca può coinvolgere il lato sinistro del cuore, il lato destro o entrambi i lati. Tuttavia, di solito colpisce prima il lato sinistro.