Tag Archives: trattamento

L’agopuntura può ridurre i sintomi della menopausa

Published by:

menopausa e agopuntura

Un recente studio conclude che solo un corso relativamente breve di agopuntura potrebbe ridurre significativamente alcuni dei sintomi più spiacevoli della menopausa.
La menopausa inizia in genere nella sesta decade di vita e continua per una media di 4-5 anni.

I sintomi della menopausa possono ridurre il benessere generale e influenzare ogni aspetto della vita.

Sebbene i sintomi della menopausa siano curabili, i metodi attuali sono tutt’altro che perfetti.

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) è efficace per molte persone, ma, oltre ai suoi effetti collaterali, la TOS può aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno .

Per questo motivo, alcune persone scelgono terapie non ormonali. Tuttavia, questi spesso presentano anche un elenco di spiacevoli effetti collaterali, tra cui disturbi del sonno, vertigini, nausea e affaticamento .

Per questo motivo, la ricerca di interventi non farmaceutici per i sintomi della menopausa è all’ordine del giorno (maggiori informazioni su gravidanza sono disponibili sulla sezione mamme e gravidanza).

Un approccio alternativo
Negli ultimi anni, c’è stata un’oscillazione popolare in tutta la società verso le cosiddette terapie alternative o complementari. Alla base di una lunga serie di trattamenti c’è l’ agopuntura .

Con un antico pedigree e legioni di sostenitori appassionati, l’agopuntura si è avvicinata sempre di più alla medicina tradizionale.

Le persone hanno usato l’agopuntura per alleviare una vasta gamma di condizioni, tra cui depressione , dolore cronico, epilessia e schizofrenia , con vari livelli di successo.

Lo studio più recente, condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen, in Danimarca e dell’Università della Danimarca meridionale, Odense, mette il potere dell’agopuntura contro i sintomi della menopausa.

Sebbene altri studi abbiano considerato l’agopuntura come un possibile rimedio per i sintomi della menopausa, non sono state fornite prove definitive.

Come scrivono gli autori del presente studio, studi precedenti “sono stati criticati per limitazioni metodologiche, ad esempio, cattiva progettazione, dimensioni del campione inadeguate, controllo inadeguato o gruppi placebo , assenza di protocolli standardizzati e mancanza di dati sugli effetti avversi”.

Agopuntura e vampate di calore
NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Per indagare ulteriormente, i ricercatori hanno deciso di concentrarsi principalmente su un risultato: vampate di calore. Spesso continuando per un certo numero di anni , le vampate di calore colpiscono più di tre quarti delle persone che soffrono di menopausa e possono essere angoscianti.

Il loro studio ha incluso 70 donne che stavano vivendo la menopausa. Il team ha dato a metà delle donne una sessione di 15 minuti di agopuntura standardizzata a settimana per 5 settimane. Gli agopuntori coinvolti nello studio avevano una media di 14 anni di esperienza.

I restanti individui facevano parte del gruppo di controllo e non hanno ricevuto alcun intervento. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista BMJ Open questa settimana.

Ciascuno dei partecipanti ha completato un questionario che ha valutato la propria esperienza di sintomi della menopausa. Lo hanno compilato prima dell’inizio dello studio e poi dopo 3, 6, 8, 11 e 26 settimane. Il questionario riguardava i sintomi più comuni, tra cui vampate di calore, problemi di sonno, alterazioni della memoria, sintomi urinari e vaginali e alterazioni della pelle.

Dopo solo 3 settimane, i partecipanti al gruppo di agopuntura hanno notato una diminuzione delle vampate di calore.

Alla soglia delle 6 settimane, l’80% delle donne nel gruppo di agopuntura credeva che le sessioni le avessero aiutate.

L’agopuntura non ha solo ridotto le vampate di calore. Quelli del gruppo sperimentale hanno anche sperimentato cali significativi nella gravità o nella frequenza della sudorazione (inclusi sudorazioni notturne), disturbi del sonno, sintomi emotivi e problemi di pelle e capelli.

Il problema con il placebo
Sebbene i risultati fossero statisticamente significativi, gli autori notano che c’erano relativamente pochi partecipanti e la durata dello studio era solo breve.

Inoltre, un vecchio nemico – la mancanza di un placebo – perseguita i risultati. Come spiegano gli autori, “Attualmente non esiste un comparatore placebo di agopuntura validato”.

L’effetto placebo può essere particolarmente forte in situazioni in cui un individuo riceve attenzione individuale da un professionista invece di ricevere semplicemente una pillola.

Una tecnica che secondo i ricercatori potrebbe essere utile per studi futuri è l’agopuntura fittizia.

Agli osservatori e ai partecipanti non addestrati, l’agopuntura fittizia appare come l’agopuntura standard. La differenza fondamentale è che il medico o non posiziona gli aghi nei punti di agopuntura o non fora la pelle con loro.

Tuttavia, anche l’agopuntura fittizia non è l’ideale come controllo. Un intervento con placebo dovrebbe essere inattivo e, secondo alcuni autori , l’agopuntura fittizia impartisce un effetto più significativo rispetto ad altri placebo veramente inattivi.

Come spiegano gli autori, “uno studio che prova la finzione contro l’agopuntura reale non è uno studio controllato con placebo ma piuttosto uno studio che verifica due diversi tipi di agopuntura”.

La mancanza di un placebo adatto ha ostacolato e continuerà a ostacolare lo studio dell’agopuntura. Allo stato attuale, è molto facile immaginare come potrebbe essere possibile ottenere benefici misurati dell’agopuntura in altri modi. Ad esempio, l’attenzione di un medico, una pausa rilassante dal taglio e dalla spinta della vita quotidiana, parole rilassanti e, naturalmente, le aspettative potrebbero potenzialmente avere un effetto simile.

Come ammettono gli autori, “sebbene [agli agopuntori] sia stato ordinato di comportarsi in modo neutrale, le loro convinzioni in agopuntura avrebbero potuto influire sulla loro interazione con i partecipanti e probabilmente avere intensificato l’effetto placebo”.

Detto questo, per le donne che hanno deciso di non utilizzare trattamenti standard, l’agopuntura, indipendentemente dal fatto che i suoi benefici derivino dall’effetto placebo o meno, potrebbe essere un’opzione utile. C’è poco pericolo di eventi avversi gravi e, se qualcuno percepisce che i loro sintomi sono migliorati dopo l’agopuntura, questo è sicuramente l’obiettivo di qualsiasi intervento.

Trattare i sintomi dell’endometriosi a casa

Published by:

alleviare il doloreper endometriosi

L’endometriosi può causare periodi dolorosi, crampi e sanguinamento mestruale pesante. I rimedi casalinghi possono fornire sollievo controllando l’infiammazione, rilassando i muscoli e migliorando la salute generale.

L’endometriosi si verifica quando il tessuto che assomiglia al rivestimento dell’utero cresce altrove nel corpo. Il tessuto si chiama tessuto endometriale. Ad esempio, può svilupparsi sulle tube di Falloppio, sulle ovaie, sull’intestino o sulla vescica.

Il tessuto endometriale diventa più spesso all’inizio del periodo di una donna e perde durante le mestruazioni. Quando il tessuto situato all’esterno dell’utero inizia a cadere, può causare dolore, crampi o tessuto cicatriziale.

Mentre non esiste una cura assoluta per questa condizione, alcuni rimedi casalinghi possono alleviare il dolore e il disagio che comporta. In questo articolo, parliamo di 9 rimedi casalinghi per endometriosi, cause e quando consultare un medico.

Rimedi domestici per il dolore dell’endometriosi

  1. Calore
    Una bottiglia di acqua calda posta sul basso addome spesso aiuta ad alleviare il dolore durante le mestruazioni.
    Fare un bagno caldo o posizionare una piastra riscaldante o una bottiglia di acqua calda sull’addome inferiore può aiutare a rilassare i crampi muscolari pelvici, che dovrebbero ridurre il dolore.

Questo è un trattamento comune per i crampi mestruali che può offrire un sollievo immediato.

Uno studio del 2001 ha testato l’efficacia dei cuscinetti riscaldanti su 81 donne con periodi dolorosi. Si è scoperto che l’uso di un pad riscaldante di basso livello era efficace quanto l’ibuprofene per alleviare il dolore.

  1. Massaggio pelvico
    Uno studio del 2010 ha scoperto che il massaggio dell’area pelvica, comprese parti dell’addome, dei lati e della schiena, è stato utile nel ridurre il dolore mestruale associato all’endometriosi.

Fare questo tipo di massaggio poco prima dell’inizio del periodo mestruale può essere più comodo. Può anche essere utile usare olio da massaggio.

  1. Antidolorifici da banco
    Gli antidolorifici da banco (OTC), come il paracetamolo, l’ibuprofene o il naprossene, sono stati sviluppati per combattere l’ infiammazione .

Ridurre l’infiammazione allevia spesso i crampi e il dolore. Un medico può determinare i migliori livelli di dosaggio.

  1. Curcuma
    La curcuma ha proprietà anti-infiammatorie. I ricercatori nel 2013 hanno dimostrato che la curcuma potrebbe inibire l’estradiolo, una forma di estrogeno . Questo può aiutare a prevenire le crescite.

Gli integratori di curcuma sono disponibili in capsule. La spezia si trova spesso nei tè e può essere aggiunta ai pasti.

  1. Cambiamenti dietetici
    Evitare prodotti lattiero-caseari, alimenti trasformati e glutine può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi.
    Alterare la dieta potrebbe ridurre i sintomi, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per determinare i migliori cambiamenti.

Tuttavia, ridurre al minimo il consumo di carne rossa e aumentare l’assunzione di frutta, verdura e cereali integrali può aiutare a migliorare la salute generale.

Alcuni esperti raccomandano una dieta di eliminazione. Ciò implica non mangiare cibi che tendono a causare infiammazione, quindi reintrodurli lentamente per determinare quali sono problematici per l’individuo.

Gli alimenti potenzialmente problematici includono:

latticini
glutine
alimenti trasformati
zuccheri
È importante tenere traccia dei sintomi in modo da poter identificare potenziali fattori scatenanti.

  1. Esercizio leggero
    L’esercizio fisico regolare aiuta a rilasciare endorfine. Questi ormoni “sentirsi bene” possono ridurre il dolore.

L’esercizio fisico può anche aiutare a ridurre i livelli di estrogeni nel corpo e migliorare i sintomi. Allungare prima e dopo ogni allenamento.

  1. Riposo
    Ottenere riposo extra è importante, specialmente durante le mestruazioni. Sdraiarsi di lato con le ginocchia tirate nel petto può aiutare ad alleviare il dolore o la pressione nella parte posteriore.
  2. Supplementi di erbe
    Gli integratori a base di erbe o altri possono aiutare a ridurre i sintomi, sebbene siano state condotte pochissime ricerche.

È importante parlare con un medico prima di assumere integratori a base di erbe. Le erbe non sono monitorate dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per qualità, dose o purezza.

  1. Acidi grassi Omega-3
    Gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a ridurre l’infiammazione. Si trovano naturalmente nei pesci grassi, come il salmone. Sono inoltre disponibili come supplemento giornaliero.

Cosa posso fare per una vescica iperattiva?

Published by:

vescica iperattiva

La vescica raccoglie l’urina dai reni e la espelle quando è piena. Se una vescica è iperattiva, una persona non può controllare quando sceglie di urinare e il numero di volte che urina durante il giorno.

La condizione si verifica quando la vescica di una persona stringe frequentemente o senza preavviso. Di conseguenza, potrebbe essere necessario utilizzare il bagno più frequentemente o l’urina potrebbe fuoriuscire.

La condizione è generalmente il risultato di una cattiva comunicazione tra il cervello e la vescica. Il cervello segnala alla vescica che è tempo di spremere e svuotare, ma la vescica non è piena. Di conseguenza, la vescica inizia a contrarsi. Questo provoca un forte bisogno di urinare.

Mentre la condizione può essere comune, non deve significare che una persona deve convivere con i sintomi. Sono disponibili molti trattamenti che possono aiutare le persone a ridurre i sintomi.

Symptoms
Una vescica iperattiva causerà un gruppo di sintomi, che possono influenzare la qualità della vita di una persona.

Una vescica iperattiva può causare una serie di sintomi diversi, tra cui la minzione più di otto volte al giorno e la perdita di urina quando sorge la necessità di urinare.
Esempi di questi sintomi includono:

Frequenza della minzione : una persona urina più di otto volte al giorno.
Nicturia : una persona non può dormire tutta la notte senza svegliarsi per urinare, di solito una o due volte.
Urgenza urinaria : una persona sperimenterà un impulso improvviso e incontrollabile di urinare.
Incontinenza da urgenza : una persona perde l’urina quando prova l’impulso di urinare.
Una persona con una vescica iperattiva può spesso sentirsi come se non fosse in grado di svuotare completamente la vescica. Possono usare il bagno e sentirsi come se dovessero tornare di nuovo poco tempo dopo.

I medici dividono la vescica iperattiva in due tipi in base ai loro sintomi. Il primo tipo è la vescica iperattiva, secca. Secondo il Cedars-Sinai Hospital, circa i due terzi delle persone con vescica iperattiva hanno la varietà secca.

Il secondo tipo è la vescica iperattiva, bagnata. Una persona con questa condizione sperimenta una vescica che perde. Quelli con vescica iperattiva, secca, non presentano i sintomi che perdono.

Fattori di rischio
Alcuni pazienti possono trasmettere i sintomi della vescica iperattiva come parte naturale dell’invecchiamento. Tuttavia, l’invecchiamento non è l’unico fattore di rischio che potrebbe aumentare il rischio di una persona di sperimentare una vescica iperattiva.

Ulteriori fattori di rischio includono:

danno ai nervi a causa di una storia di chirurgia
trauma alla parte superiore del corpo o al bacino che danneggia la vescica
avendo una condizione nota come idrocefalo a pressione normale , una causa di demenza
avere un’infezione del tratto urinario
storia di cancro alla vescica o alla prostata
storia di calcoli alla vescica
storia di condizioni che influenzano la funzione neurologica, come la sclerosi multipla , il morbo di Parkinson o l’ ictus
avendo attraversato la menopausa
mangiare una dieta ricca di alimenti che rendono la vescica più “irritabile” o probabilmente iperattiva
Esempi di tipi di alimenti che possono rendere iperattiva la vescica includono caffeina, alcool e cibi piccanti.

Un medico potrebbe non essere in grado di dire perché una persona manifesta sintomi di vescica iperattiva. I sintomi possono apparire spontaneamente.

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi quotidianamente approfondite scoperte scientifiche delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

When to see a doctor
Sebbene la vescica iperattiva non sia considerata una condizione pericolosa per la vita, la condizione può influire notevolmente sulla qualità della vita di una persona. Sono disponibili molti trattamenti per ridurre i sintomi, sebbene i medici non possano curare la condizione.

Svegliarsi di notte per usare il bagno può essere un segno di una vescica iperattiva. Se i sintomi persistono, può essere consigliato visitare un operatore sanitario.
Esempi di segni che una persona dovrebbe cercare un trattamento per una vescica iperattiva includono quando:

una persona non può dormire per tutta la notte senza svegliarsi per andare in bagno
una persona usa il bagno più di otto volte al giorno
una persona frequentemente avverte improvvisi impulsi di urinare e raramente arriva in bagno
una persona sperimenta regolarmente la perdita di urina
Una persona a volte può manifestare questi sintomi e tuttavia non rendersi conto del grado in cui li ha. Esistono diversi strumenti che possono aiutare a valutare la probabilità che i sintomi possano essere correlati alla vescica iperattiva.

Esempi di questi strumenti includono:

Un quiz online su sintomi e gravità della vescica iperattiva, offerto dall’American Urological Association.
Un “diario della vescica” che una persona può conservare dei cibi e delle bevande che consumano, più la frequenza con cui vanno in bagno e manifestano sintomi come urgenza urinaria e incontinenza .
App per smartphone, che una persona può scaricare per aiutarle a tenere un diario della vescica, monitorando quanto bevono, il numero di viaggi in bagno e le perdite urinarie che si verificano.
L’uso di questi strumenti può aiutare a tenere traccia della regolarità dei sintomi di qualcuno e talvolta confermare che i sintomi sono motivo di preoccupazione.

Tuttavia, una persona dovrebbe sempre consultare il proprio medico se hanno sintomi alla vescica di cui sono preoccupati.

Lifestyle remedies
Alcuni cibi e bevande sono noti per contribuire all’irritazione della vescica. Di conseguenza, apportare cambiamenti nello stile di vita può aiutare una persona a ridurre la probabilità che sperimentino sintomi di vescica iperattiva.

Limitare l’assunzione di alcol e caffeina e smettere di fumare può essere raccomandato un cambiamento nello stile di vita.
Esempi di passaggi da eseguire includono:

Limitare l’assunzione di caffeina e alcol, che possono stimolare la vescica.
Mantenere un peso sano. L’eccesso di peso può esercitare troppa pressione sulla vescica di una persona.
Aumentare l’assunzione di fibre, che può ridurre il rischio di costipazione e la probabilità di una vescica iperattiva.
Regolare l’assunzione di liquidi in modo che una persona non beva così tanto liquido la sera. Questo aiuta a ridurre la probabilità che si svegli durante la notte con la necessità di urinare.
Smettere di fumare, poiché il fumo può essere irritante per la vescica.

Medical treatment
Un medico può raccomandare molti trattamenti per la vescica iperattiva, inclusi farmaci, cambiamenti nella dieta e terapia fisica . Raramente, un medico può raccomandare misure più invasive per trattare la condizione.

I medici possono prescrivere una serie di farmaci per trattare una vescica iperattiva. Questi farmaci sono generalmente noti come antispasmodici o anticolinergici. Riducono l’incidenza di spasmi muscolari, come gli spasmi nella vescica.

Esempi di questi farmaci includono:

ossibutinina (Ditropan)
solfienacina (Vesicare)
tolterodina (Detrol)
trospio (Sanctura)
Questi farmaci non sono privi di effetti collaterali, come secchezza delle fauci e costipazione. Le persone dovrebbero sempre parlare con il proprio medico per quanto riguarda i potenziali effetti collaterali.

Trattamenti terapeutici
Esistono numerosi trattamenti terapeutici per la vescica iperattiva. Un esempio è l’allenamento della vescica. Questo è un metodo usato per rafforzare i muscoli della vescica ritardando lo svuotamento. L’allenamento della vescica dovrebbe essere fatto solo con il consiglio e la direzione di un medico.

Esercizi per il pavimento pelvico e allenamento con i pesi vaginali sono anche metodi di terapia usati per rafforzare i muscoli della vescica. Gli specialisti, chiamati terapisti del pavimento pelvico, possono istruire una persona attraverso questi esercizi.

Approcci più invasivi
I medici utilizzano iniezioni di tossina botulinica (come BOTOX ) per ridurre gli spasmi muscolari alla vescica. Tuttavia, ciò potrebbe richiedere ulteriori iniezioni dopo alcuni mesi quando la tossina svanisce.

Se la vescica iperattiva di una persona non risponde a farmaci, terapia o altri trattamenti non invasivi, un medico può raccomandare un intervento chirurgico.

Un esempio è l’impianto di uno stimolatore del nervo sacrale. Questo stimolatore può aiutare a controllare gli impulsi nervosi alla vescica, rendendo i muscoli meno iperattivi.

Un’altra opzione è una procedura nota come citoplastica di aumento. Ciò comporta la sostituzione di parti della vescica di una persona con tessuto intestinale. Di conseguenza, la vescica di una persona è in grado di tollerare un volume maggiore di urina.

I ricercatori scoprono nuove condizioni autoinfiammatorie

Published by:

ricerca e malattie infiammatorie autoimmuni

Un team di specialisti provenienti da Australia e Stati Uniti ha identificato una nuova condizione autoinfiammatoria nell’uomo. Capiscono anche cosa lo provoca, il che può aiutare i ricercatori a trovare un trattamento adeguato.

Le condizioni autoimmuni si verificano quando la risposta immunitaria del corpo si attiva in modo anomalo. Quando ciò accade, si gira contro le cellule sane invece di reagire semplicemente ad agenti potenzialmente dannosi, come virus o batteri pericolosi, come dovrebbe.

Ricorrenti febbri con cause non chiare e diffuse infiammazione caratterizzare tali condizioni.

Sebbene non siano molto diffusi, i medici trovano spesso difficili da diagnosticare le condizioni autoinfiammatorie. Ciò è problematico, poiché queste condizioni possono avere un forte impatto sul benessere e sulla qualità della vita di una persona.

Finora, i ricercatori hanno identificato solo una manciata di condizioni autoinfiammatorie . Includono la febbre mediterranea familiare , la sindrome da febbre periodica associata alla criopirina , la malattia di Still e la febbre periodica, la stomatite aftosa, la faringite e la sindrome dell’adenite (PFAPA) .

Di recente, tuttavia, un team di esperti dell’Università di Melbourne in Australia e del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda, MD, ha scoperto un’altra condizione autoinfiammatoria.

ricercatori l’hanno definita “sindrome autoinfiammatoria indotta da RIPK1 resistente alla scissione”. Spiegano come l’hanno scoperto e quello che pensano potrebbe essere il percorso verso un trattamento in un documento di studio sulla rivista Nature .

Una scoperta “notevole”
L’interesse dei ricercatori è stato suscitato quando i membri di tre diverse famiglie hanno cercato il trattamento per un misterioso disturbo autoinfiammatorio le cui caratteristiche principali erano stati di febbre e gonfiore dei linfonodi.

Questi individui hanno riferito di aver manifestato i sintomi per la prima volta durante l’infanzia, sebbene abbiano persistito fino all’età adulta.

Per cercare di scoprire cosa ha causato questa condizione autoinfiammatoria sconosciuta, i ricercatori hanno esaminato il DNA degli individui. I ricercatori hanno trovato la causa principale della condizione quando hanno analizzato gli esomi nei campioni di DNA dalle persone che avevano la sindrome CRIA. L’esoma fa parte del materiale genetico di una persona che codifica per le proteine.

Osservando i campioni, i ricercatori hanno fatto l’intrigante scoperta che tutte le persone che avevano la sindrome di CRIA avevano un gene RIPK1 mutante .

Un team di specialisti provenienti da Australia e Stati Uniti ha identificato una nuova condizione autoinfiammatoria nell’uomo. Capiscono anche cosa lo provoca, il che può aiutare i ricercatori a trovare un trattamento adeguato.

I ricercatori hanno identificato una nuova condizione autoinfiammatoria, che hanno chiamato sindrome CRIA.
Le condizioni autoimmuni si verificano quando la risposta immunitaria del corpo si attiva in modo anomalo. Quando ciò accade, si gira contro le cellule sane invece di reagire semplicemente ad agenti potenzialmente dannosi, come virus o batteri pericolosi, come dovrebbe.

Ricorrenti febbri con cause non chiare e diffuse infiammazione caratterizzare tali condizioni.

Sebbene non siano molto diffusi, i medici trovano spesso difficili da diagnosticare le condizioni autoinfiammatorie. Ciò è problematico, poiché queste condizioni possono avere un forte impatto sul benessere e sulla qualità della vita di una persona.

Finora, i ricercatori hanno identificato solo una manciata di condizioni autoinfiammatorie . Includono la febbre mediterranea familiare , la sindrome da febbre periodica associata alla criopirina , la malattia di Still e la febbre periodica, la stomatite aftosa, la faringite e la sindrome dell’adenite (PFAPA) .

Di recente, tuttavia, un team di esperti dell’Università di Melbourne in Australia e del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda, MD, ha scoperto un’altra condizione autoinfiammatoria.

I ricercatori l’hanno definita “sindrome autoinfiammatoria indotta da RIPK1 resistente alla scissione”. Spiegano come l’hanno scoperto e quello che pensano potrebbe essere il percorso verso un trattamento in un documento di studio sulla rivista Nature .

Una scoperta “notevole”
L’interesse dei ricercatori è stato suscitato quando i membri di tre diverse famiglie hanno cercato il trattamento per un misterioso disturbo autoinfiammatorio le cui caratteristiche principali erano stati di febbre e gonfiore dei linfonodi.

Questi individui hanno riferito di aver manifestato i sintomi per la prima volta durante l’infanzia, sebbene abbiano persistito fino all’età adulta.

Per cercare di scoprire cosa ha causato questa condizione autoinfiammatoria sconosciuta, i ricercatori hanno esaminato il DNA degli individui. I ricercatori hanno trovato la causa principale della condizione quando hanno analizzato gli esomi nei campioni di DNA dalle persone che avevano la sindrome CRIA. L’esoma fa parte del materiale genetico di una persona che codifica per le proteine.

Osservando i campioni, i ricercatori hanno fatto l’intrigante scoperta che tutte le persone che avevano la sindrome di CRIA avevano un gene RIPK1 mutante .

NOTIZIE MEDICHE OGGI NEWSLETTER
Resta informato. Ricevi la nostra newsletter giornaliera gratuita
Aspettatevi ogni giorno approfondimenti topografici sostenuti dalla scienza delle nostre migliori storie. Tocca e mantieni la tua curiosità soddisfatta.

Enter your email
La tua privacy è importante per noi

Questo gene codifica per la proteina specializzata (enzima) con lo stesso nome, che svolge un ruolo cruciale nella regolazione della morte cellulare programmata (necroptosi).

“I percorsi di morte cellulare hanno sviluppato una serie di meccanismi integrati che regolano i segnali infiammatori e la morte cellulare perché l’alternativa è così potenzialmente pericolosa”, spiega il dott. Najoua Lalaoui, uno dei principali ricercatori coinvolti in questo studio.

“Tuttavia, in questa malattia, la mutazione in RIPK1 sta superando tutti i normali controlli ed equilibri esistenti, con conseguente morte e infiammazione incontrollata delle cellule”, sottolinea.

La scoperta ha fornito la chiave per comprendere come si è sviluppata la condizione autoinfiammatoria appena scoperta, sottolinea un altro degli autori principali, il dottor Steven Boyden.

” Abbiamo sequenziato l’intero esoma di ciascun paziente e scoperto mutazioni uniche nello stesso identico amminoacido di RIPK1 in ciascuna delle tre famiglie. È notevole, come un fulmine che colpisce tre volte nello stesso posto. Ognuna delle tre mutazioni ha la stessa risultato – blocca la scissione di RIPK1 – che mostra quanto sia importante la scissione RIPK1 nel mantenere la normale funzione della cellula. “

Dr. Steven Boyden

Sulla buona strada per trovare un trattamento?
Sebbene la condizione sia un nuovo arrivato nella fase clinica e non abbia un trattamento apparente, gli specialisti che l’hanno scoperta sostengono che la risposta alla sindrome CRIA risiede probabilmente nella causa che la guida.

“Comprendere il meccanismo molecolare con cui la sindrome CRIA provoca l’infiammazione offre l’opportunità di arrivare alla radice del problema”, osserva l’autore co-leader Dr. Dan Kastner, che è uno dei principali specialisti in condizioni infiammatorie.

Il dott. Kastner spiega che lui e i suoi colleghi hanno già iniziato a cercare possibili modi per trattare questa condizione. In effetti, hanno già trattato alcune persone con sindrome di CRIA con farmaci anti-infiammatori, come corticosteroidi ad alto dosaggio e prodotti biologici.

Mentre alcune persone hanno mostrato miglioramenti significativi dopo il trattamento, altre non hanno migliorato o sperimentato effetti collaterali.

Ma i ricercatori rimangono fiduciosi che troveranno una terapia adeguata per tutti coloro che sono affetti dalla condizione appena scoperta.

“Gli inibitori di RIPK1 possono essere esattamente ciò che il medico ha ordinato per questi pazienti”, afferma il dott. Kastner. “La scoperta della sindrome di CRIA suggerisce anche un possibile ruolo per RIPK1 in un ampio spettro di malattie umane, come colite, artrite e psoriasi.”

E ci sono altre buone notizie: gli inibitori di RIPK1 sono già disponibili per i ricercatori, quindi i test in corso potrebbero essere in grado di perfezionare e perfezionare i trattamenti caso per caso.

Cosa sapere sulle vertigini cervicali

Published by:

vertigini e dolori cervicali

La vertigine si riferisce a una sensazione di vertigini o rotazione. Le vertigini cervicali sono un tipo di vertigine che deriva da una certa postura o movimento del collo.
Alcuni esperti usano il termine “vertigini cervicogeniche” per descrivere più accuratamente questa condizione. Altri nomi includono vertigini propriocettive , vertigini cervicogene e vertigini cervicali.

Sebbene gli effetti della gravità o l’orientamento della testa influenzino la vertigine, la vertigine cervicale non è correlata all’orientamento della testa.

Esistono diverse cause di vertigine cervicale, come un trauma al collo o una cattiva postura. Il trattamento prevede di affrontare eventuali problemi muscolari o medici di base e ci sono anche modi per aiutare a prevenire alcune forme di vertigine cervicale.

Questo articolo esamina le cause, i trattamenti e la diagnosi di vertigine cervicale e discute quando una persona dovrebbe consultare un medico.

Che cos’è la vertigine cervicale?
Vertigine è il termine medico per vertigini gravi o sensazione di una sensazione di rotazione nel corpo.

Una persona può sentirsi come se il mondo ruotasse intorno a loro. Potrebbero anche sentirsi come se stessero girando, anche se stanno fermi.

Chiunque si sia girato in tondo e poi si sia fermato ha avvertito una forma di vertigine. Una volta che smettono di girare, sembra che il corpo continui a girare.

Le vertigini si verificano spesso a causa di un problema all’orecchio interno o di altre condizioni, che possono compromettere il centro di equilibrio del corpo. Con vertigini cervicali, tuttavia, la causa delle vertigini è nel collo.

La vertigine cervicale stessa è generalmente un sintomo di un problema di fondo, come una lesione al collo. Una persona sperimenterà spesso sintomi di vertigini dopo un evento scatenante, in genere da girare improvvisamente la testa. Questa vertigine può durare da qualche minuto a qualche ora.

Una persona con vertigini cervicali può anche manifestare sintomi come:

perdita di coordinazione
perdita di equilibrio
mal di testa
mal d’orecchie
ronzio nelle orecchie
nausea
vomito
difficoltà di concentrazione
I sintomi possono peggiorare in alcune persone dopo l’esercizio fisico o dopo cose minori come starnuti o alzarsi troppo in fretta.
Le cause
un medico che esamina il collo di un paziente.
Le persone con vertigini cervicali spesso riferiscono di avere dolore al collo.
Esistono alcune potenziali cause di vertigine cervicale, molte delle quali sono correlate a lesioni traumatiche al collo o lesioni croniche a lungo termine.

La diagnosi stessa è ancora piuttosto controversa. In effetti, uno studio sulla rivista Archives of Physiotherapy rileva che gli operatori sanitari non comprendono appieno la causa esatta dei sintomi e che diagnosticare con precisione la condizione è difficile.

Al momento non esiste un test o una risorsa definitiva per la condizione, quindi i medici di solito testano altre cose ed eliminale per trovare vertigini cervicali.

Un recente studio sulla rivista Laryngoscope Investigative Otolaryngology ha scoperto che le persone con vertigini cervicali possono apparire ai medici come persone con emicrania che hanno anche lesioni al collo e il 94% delle persone con vertigini cervicali riferisce di avere dolore al collo.

I muscoli, i nervi e le articolazioni del collo inviano segnali, inclusi segnali sull’orientamento del corpo, al cervello inferiore e all’orecchio interno. Questo fa parte dello sforzo del corpo per rimanere equilibrato e coordinato.

I problemi che elenchiamo di seguito potrebbero causare uno o più segnali di accensione errata, causando sintomi che includono vertigini cervicali:

Aterosclerosi
I blocchi nelle arterie del collo possono portare a lesioni nell’area che potrebbero causare vertigini. Ciò potrebbe essere dovuto all’aterosclerosi , che è l’ispessimento delle pareti delle arterie.
lesioni
Lesioni traumatiche, come ad esempio un incidente automobilistico o altre cause di colpo di frusta , possono causare danni alla testa e al collo, con conseguenti vertigini cervicali.

Gli interventi chirurgici al collo possono anche causare complicazioni alla vertigine cervicale, specialmente se il sito dell’intervento era vicino al tronco cerebrale o ha danneggiato le arterie nell’area del collo e della testa.

L’osteoartrite
L’osteoartrosi avanzata nell’area può portare alla spondilosi cervicale . Ciò provoca l’usura delle vertebre del collo, che può esercitare una pressione eccessiva sui nervi, sulle arterie o sul midollo spinale stesso. Ciò potrebbe inviare segnali inappropriati al cervello o bloccare il flusso di sangue, causando vertigini.

Un disco scivolato
I dischi scivolati sono più comuni nelle aree della parte bassa della schiena, sebbene possano verificarsi ovunque nella colonna vertebrale.

Un disco scivolato, o ernia del disco, si verifica quando il centro più morbido di un disco spinale fuoriesce attraverso una fessura nella colonna vertebrale. In alcuni casi, non provoca sintomi. In altri casi, tuttavia, può spingere in un nervo o un’arteria e causare sintomi che possono includere vertigini cervicali.

Cattiva postura
Una cattiva postura può anche contribuire alla vertigine cervicale. Nel tempo, la colonna cervicale può comprimersi a causa della cattiva postura seduta o di problemi come “collo del testo”, in cui una persona spesso piega il collo per guardare dispositivi elettronici o libri.

Ciò può esercitare una pressione extra sulle arterie del collo e può causare dolore e vertigini al collo.

Trattamenti e rimedi
Dopo aver eliminato altre cause del problema e aver diagnosticato la vertigine cervicale, un medico consiglierà un trattamento a seconda della causa sottostante specifica.

Il trattamento generalmente include anche la gestione dei sintomi, utilizzando uno o più farmaci per bilanciare i sintomi mentre i medici lavorano per trattare la condizione di base. Ciò può includere l’assunzione di farmaci per alleviare le vertigini, nonché farmaci per ridurre il dolore e rilassare i muscoli.

La maggior parte dei medici raccomanderà anche terapie come la terapia fisica e l’allenamento della postura per aiutare a creare spazio nel collo, aumentare la gamma di movimento e costruire la forza nei muscoli. Questo da solo può rivivere la pressione nell’area e aiutare a ridurre i sintomi.

powered by Rubicon Project

Fattori di rischio
I ricercatori non hanno ancora un elenco completo dei fattori di rischio per le vertigini cervicali.

L’età può essere un fattore di rischio, poiché l’usura generale può aumentare la tensione al collo.

L’aterosclerosi può anche svolgere un ruolo, poiché la riduzione del flusso sanguigno nelle arterie può ridurre il flusso sanguigno verso le aree del cervello e dell’orecchio interno che controllano la coordinazione e l’equilibrio.

Una cattiva postura mette anche una pressione eccessiva sulla testa e sul collo, il che può portare allo sviluppo di nuovi sintomi o a peggiorare i sintomi esistenti.

Prevenzione
Prevenire la vertigine cervicale non è possibile in ogni caso, poiché alcune cause – come gli incidenti del veicolo – potrebbero non essere prevenibili. Tuttavia, le persone possono adottare una serie di passaggi per aiutare a prevenire altre cause.

Ad esempio, l’esercizio dei muscoli del collo per mantenerli forti può aiutare a mantenere il peso al di fuori dei dischi cervicali e ridurre la pressione nella zona.

Quando si è seduti, mantenere la testa, le spalle e la colonna vertebrale allineate può ridurre la pressione nel collo ed evitare l’usura delle strutture delicate.

Anche l’allungamento regolare del collo, il massaggio regolare o l’allineamento chiropratico e l’uso di impacchi caldi per rilassare l’area potrebbero aiutare.
Sommario
Nella maggior parte dei casi, è possibile trattare e gestire le vertigini cervicali. Le persone con grave degenerazione nel collo possono avere più difficoltà a trattare la condizione, sebbene la gestione dei sintomi possa essere possibile per migliorare la loro qualità di vita.

La diagnosi di vertigine cervicale è difficile. Richiede ai medici di escludere molte altre condizioni e problemi gravi prima di atterrare sulla vertigine cervicale.

Chiunque manifesti sintomi come dolore al collo e vertigini dopo aver girato il collo dovrebbe collaborare con il proprio medico per diagnosticare e trattare il problema di fondo.

La scoperta dell’endometriosi apre la strada al trattamento non ormonale

Published by:

endometriosi trattamento

Gli scienziati hanno scoperto che un certo tipo di cellula immunitaria potrebbe essere la causa principale del dolore pelvico nelle donne con endometriosi. La scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per una condizione comune che colpisce molti milioni di donne.
L’endometriosi è una malattia che dura tutta la vita in cui un tessuto simile a quello che normalmente solca l’utero cresce anche all’esterno dell’organo, tipicamente nella cavità pelvica.

Le stime della World Endometriosis Research Foundation suggeriscono che l’endometriosi colpisce circa 176 milioni di donne in tutto il mondo.

Le crescite anormali o le lesioni dell’endometriosi possono causare infiammazione persistente , dolore e infertilità .

Altri sintomi includono mestruazioni dolorose e ovulazione , affaticamento , forti emorragie e dolore durante il rapporto sessuale.

Al momento, non esiste una cura per l’endometriosi. La chirurgia può rimuovere alcune lesioni e tessuto cicatriziale. I trattamenti ormonali possono offrire sollievo dai sintomi, ma spesso portano effetti collaterali dopo un uso prolungato. C’è un bisogno urgente di farmaci non ormonali.

Nel nuovo studio, i ricercatori delle università di Warwick e di Edimburgo, entrambi nel Regno Unito, hanno scoperto che la causa del dolore dell’endometriosi è un tipo di globuli bianchi chiamati macrofagi che hanno subito cambiamenti a seguito della condizione.
I macrofagi stimolano la crescita delle cellule nervose
La dottoressa Erin Greaves, autrice senior dello studio, che ricopre incarichi in entrambe le università, spiega che i trattamenti convenzionali che utilizzano gli ormoni sono “non ideali” perché mirano alla funzione ovarica e possono innescare effetti collaterali, come la soppressione della fertilità.

“Stiamo cercando di trovare soluzioni non ormonali”, aggiunge.
I macrofagi “modificati dalla malattia” stimolano la crescita e l’attività delle cellule nervose rilasciando l’ormone della crescita come fattore di crescita insulino-1 (IGF-1).

Precedenti studi avevano già dimostrato che i macrofagi hanno un ruolo centrale nello sviluppo dell’endometriosi. Le cellule immunitarie aiutano le lesioni a crescere e guidano anche lo sviluppo del loro apporto di sangue.

Ricerche più recenti hanno anche rivelato che i macrofagi aiutano i nervi a crescere nelle lesioni.

Lo scopo del nuovo studio, notano gli autori, “era determinare il ruolo meccanicistico dei macrofagi nella produzione del dolore associato all’endometriosi”.

Dopo aver eseguito vari test con cellule e topi, suggeriscono che il targeting dei macrofagi alterati potrebbe essere un nuovo modo per trattare il dolore dell’endometriosi.

Aprendo la strada a trattamenti non ormonali
Le lesioni dell’endometriosi attirano e contengono un gran numero di macrofagi. L’ambiente della malattia genera segnali che alterano la funzione delle cellule immunitarie.

Quando hanno esaminato colture cellulari di macrofagi modificati dalla malattia, i ricercatori hanno osservato come le cellule rilasciarono più IGF-1.

Hanno anche scoperto che i livelli di IGF-1 nel tessuto della cavità pelvica da donne con endometriosi erano più alti rispetto alle donne senza la condizione ed erano in linea con i loro punteggi del dolore.

In ulteriori esperimenti di coltura cellulare, i ricercatori hanno dimostrato che l’aggiunta di IGF-1 dai macrofagi favorisce la crescita e l’attivazione delle cellule nervose.

Un’ultima serie di test ha rivelato che prevenendo l’attività dell’ormone bloccando il recettore cellulare per IGF-1, “inverte il comportamento del dolore osservato nei topi con endometriosi”.

Il fatto che i segnali nell’ambiente tissutale locale possano alterare la funzione dei macrofagi non è nuovo. Tuttavia, queste scoperte gettano nuova luce su ciò che accade ai macrofagi nel caso specifico dell’endometriosi.

“Se possiamo conoscere il ruolo dei macrofagi nell’endometriosi”, spiega il dott. Greaves, “possiamo distinguerli dai macrofagi sani e indirizzare loro il trattamento mirato”.

” Questa scoperta andrà in qualche modo verso la ricerca di modi per alleviare i sintomi per le donne che [vivono con] endometriosi”.

Dr. Erin Greaves

Puoi prendere il cancro da un’altra persona?

Published by:

il cancro è contagioso?

Panoramica

Il cancro non è una malattia che puoi “afferrare”. Questo perché un sistema immunitario sano identifica immediatamente le cellule cancerogene e le libera prima che possano crescere e diffondersi.

Ci sono alcune prove che il cancro può essere diffuso attraverso trapianti di organi se il tuo sistema immunitario è debole. Inoltre, il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro può aumentare se sei esposto a batteri infettivi o virus come il papillomavirus umano (HPV), che sono contagiosi.

Ma in generale, non è possibile ottenere il cancro da un’altra persona o trasmetterla a qualcun altro. Entriamo nei dettagli sul perché il cancro non può essere diffuso e il numero molto piccolo di casi in cui il rischio può essere aumentato.

Puoi prendere il cancro?


La risposta più semplice qui? No, non puoi prendere il cancro.

A differenza di altre condizioni batteriche o virali contagiose, il cancro non può essere diffuso in nessuno dei seguenti modi:

  • baciare o scambiare sputi in qualche modo, ad esempio condividendo utensili o uno spazzolino da denti
  • avere rapporti sessuali, protetti o non protetti
  • entrare in contatto con il sangue di qualcuno che ha il cancro
  • toccando la pelle di qualcuno con il cancro della pelle
  • condividere un sedile del water con qualcuno che ha il cancro
  • respirando aria che qualcuno con il cancro ha espirato


Il cancro si verifica a causa di danni o mutazioni nel DNA che costituiscono cellule altrimenti sane.

Nel tempo, le cellule sane si spengono e vengono sostituite con DNA danneggiato. Queste cellule danneggiate si moltiplicano e alla fine causano la crescita di tessuto canceroso intorno all’area, che può quindi diffondersi in altre parti del corpo (noto come cancro metastatico).

Se già le cellule cancerose entrano nel corpo di qualcuno con un sistema immunitario sano, il sistema immunitario è in una posizione molto migliore per combattere e distruggere le cellule cancerose prima che possano crescere e diffondersi.

Puoi prendere il cancro da un genitore?


Il cancro non è contagioso come una tipica malattia infettiva, ma i tuoi genitori possono trasmettere geni che possono aumentare il rischio di sviluppare determinati tipi di cancro, che sono chiamati tumori ereditari.

Questi geni includono:

Geni oncosoppressori. Questi geni sono responsabili di impedire alle cellule di crescere senza controllo. Se mutano, possono causare la formazione di tumori. Gli esempi includono p53 , Rb e APC .
DNA per la riparazione del DNA. Questi geni aiutano a correggere gli errori del DNA prima che le cellule si dividano. Se questi geni mutano, non possono impedire la diffusione degli errori del DNA, permettendo alle cellule cancerose di svilupparsi e crescere senza controllo. Gli esempi includono BRCA1 e BRCA2 .


Tieni presente che avere questi geni non significa che sei sicuro di avere il cancro in qualche momento della tua vita. Come molti altri geni, questi geni sono influenzati da vari fattori, come ad esempio la dieta o l’ambiente, che influenzano se si ottiene il cancro.

Può un cancro essere passato a un feto durante la gravidanza?


Le probabilità di far passare il cancro al bambino alla nascita sono molto basse. Anche avere il cancro durante la gravidanza è un evento raro di per sé – accade solo in giro1 su 1000 gravidanze Trusted Source.

Il cancro può diffondersi alla placenta mentre il bambino è nel grembo materno, ma la ricerca lo trova Fonte affidabile estremamente rara.

Ecco un caso in cui il cancro è stata diffusa da madre a figlio: Nel 2009, una donna in Giappone con leucemia linfoblastica acuta (ALL) passò cellule cancerose al suo bambino non ancora nato attraverso la placenta.

La donna morì poco dopo la nascita a causa di complicazioni da parte di TUTTI e il bambino nacque senza segni di cancro alla madre, come si aspettavano i medici.

Ma dopo 11 mesi, i medici hanno scoperto che il bambino aveva ereditato una mutazione nel suo gene BCR-ABL1 da sua madre. Ciò ha causato il sistema immunitario del bambino di non riconoscere che le cellule erano cancerose e combatterle, e alla fine ha sviluppato tumori cancerosi.

Ancora una volta, questo è un caso estremamente unico che collega il cancro di una donna a una specifica mutazione genetica che gli ha permesso di diffondersi da madre a figlia. Casi come questo sono molto rari.

Riesci a prendere il cancro da un’infezione contagiosa?


Alcune condizioni infettive possono aumentare il rischio di sviluppare il cancro. Se contraggono un’infezione con un individuo che ospita determinati virus o batteri, il rischio di cancro aumenta.

Ecco alcune condizioni infettive che hanno dimostrato di aumentare alcuni rischi di cancro:

Papillomavirus umano (HPV) . L’HPV è un’infezione trasmessa sessualmente (STI) che è considerata una delle principali cause di cancro cervicale . Due ceppi, 16 e 18,causa una fonte attendibile di quasi il 70 percento di tutti i casi di cancro cervicale.


Epatite B e C. L’epatite B e hepat i tis C sono virus che possono infettare il fegato e causare danni al fegato . Entrambi possono andare via senza trattamento. Ma in alcuni casi, l’infezione può diventare cronica e aumentare il rischio di cancro al fegato .


Virus dell’immunodeficienza umana (HIV) . L’HIV indebolisce il tuo sistema immunitario nel tempo. Questo ti rende più suscettibile al cancro poiché i globuli bianchi noti come cellule T perdono la capacità di combattere le cellule cancerose.


Virus Epstein-Barr (EBV) . Comunemente nota con il termine improprio “malattia del bacio”, EBV contiene aproteina chiamata BNRF1 Trusted Source che può danneggiare le cellule del naso e della bocca, aumentando il rischio di cancro nasofaringeo.


Helicobacter (H.) pylori . H. pyloriè un batterio intestinale che può causareulcere allo stomacose cresce fuori controllo. Questo può aumentare il tuorischio di sviluppare lo stomaco o il cancro intestinale Fonte affidabile.

Che dire del trapianto di organi o tessuti?


Ottenere il cancro da un trapianto di organi è raro. Succede solo in circaFonte di fiducia di 2 su ogni 10.000 trapianti. E molte precauzioni sono prese prima di trapiantare un organo. Ciò include assicurarsi che il donatore non abbia un cancro o una storia familiare di cancro.

Nei casi dove ciò accade, fonte attendibile, di solito è a causa di due fattori principali:

Il tuo sistema immunitario è soppresso da farmaci intesi a impedire al tuo corpo di respingere il nuovo organo come se fosse un oggetto estraneo.
Sei già a rischio di sviluppare il cancro , in particolare il cancro della pelle o il cancro del rene.

Gestione del dolore e perché è così personale

Published by:

gestione del dolore

La maggior parte dei pazienti pensa alle medicine contro il dolore in termini di sintomi che trattano.

“Questa è la mia medicina per il mal di testa, e questa è la mia medicina per l’artrite”, dicono spesso.

Gli operatori sanitari hanno maggiori probabilità di classificare i farmaci per il dolore in base al loro modo di lavorare: alcuni sono anti-infiammatori, alcuni influenzano le terminazioni nervose e altri influenzano il modo in cui il cervello percepisce il dolore.

Ma la verità è che non importa come classifichi le medicine per il dolore, non c’è modo di sapere se ti aiuteranno finché non le proverai per te stesso.

La maggior parte delle persone non si rende conto che la gestione del dolore è personale.

La ricerca sta iniziando a aiutarci a capire perché le persone rispondono ai farmaci in modo così diverso, e un giorno probabilmente saremo in grado di personalizzare i piani di trattamento con maggiore successo.

Per ora, ci sono diversi motivi genetici noti per cui i farmaci antidolorifici sono più o meno efficaci per un individuo rispetto all’altro.

I geni influenzano :

Il numero di enzimi che abbattono i farmaci e li rimuovono dal corpo.

Alcune persone hanno un numero maggiore di questi enzimi e quindi richiedono più farmaci per sentire i suoi effetti antidolorifici. Altri possono essere fortemente colpiti anche da piccole dosi di droga.

Le variazioni del recettore della medicina del dolore possono rendere un farmaco efficace e un altro (quasi la stessa medicina) inefficace nell’alleviare il dolore.

Differenze nelle molecole portanti che trasportano la medicina del dolore attraverso il flusso sanguigno e nelle cellule che provocano sensazioni di dolore. Alcune persone hanno meno molecole portatrici per portare la medicina sul luogo del dolore.

Il numero di molecole di neurotrasmettitore “uomo medio” che passano lungo la risposta al dolore. Troppe di queste molecole possono ridurre il legame con i farmaci e disattivare l’effetto antidolorifico di alcuni farmaci.

Quando il dolore è grave, possono essere necessari i farmaci prescritti. Tuttavia, il dolore da lieve a moderato può essere efficacemente gestito con farmaci da banco (OTC) .

Approccio iniziale

Credo in partenza in basso, approccio lento a trovare la più piccola dose efficace di farmaci antidolorifici. Consiglio sempre ai miei pazienti di leggere e seguire tutte le istruzioni riportate sull’etichetta Drug Facts per accertarsi che non si sovrappongano accidentalmente ai principi attivi.

Quando scelgo un antidolorifico con i miei pazienti, la prima cosa che penso sono i potenziali effetti collaterali.

Alcuni farmaci (come i farmaci antinfiammatori non steroidei come l’ibuprofene e il naproxen sodico) possono essere duri sul rivestimento dello stomaco o causare sanguinamento nelle persone a rischio. Altri medicinali (come il paracetamolo) possono danneggiare il fegato se usati in eccesso, mentre i farmaci antidolorifici possono causare stitichezza e sonnolenza.

La migliore medicina del dolore per iniziare è quella che è meno probabile che possa causare danni alla persona specifica.

La prossima cosa che chiedo è se la medicina abbia funzionato o meno per il paziente in passato.

L’esperienza precedente è uno dei migliori indicatori del successo futuro. Poiché so che il mio paziente ha un numero unico e determinato geneticamente di enzimi, trasportatori e recettori, l’esperienza precedente con i farmaci antidolorifici mi darà una buona idea di quanto bene lo tollereranno di nuovo e se sarà efficace.

Tipologie di dolore.

  • Il dolore è causato da infiammazione (da un infortunio, un intervento chirurgico o un’artrite), considererò un medicinale con proprietà principalmente antinfiammatorie.
  • Se il dolore è causato da tensioni (come il mal di testa) o complicate dalla febbre, potrei considerare prima il paracetamolo.
  • Se il dolore proviene da un nervo (come la sciatica o la neuropatia), userò i farmaci antidolorifici che funzionano specificamente per il dolore nervoso.
  • Quando il dolore è complicato dalla depressione, potrei discutere altre medicine e approcci.

A volte, le combinazioni di farmaci sono significativamente più efficaci di un farmaco da solo nel trattamento del dolore (questo è il motivo per cui alcuni antidolorifici prescritti sono combinazioni di oppioidi e paracetamolo).

Quando si utilizza più di un medicinale antidolorifico, è importante confrontare gli ingredienti attivi sia con i farmaci prescritti che con i prodotti OTC per assicurarsi che non si verifichino overdose accidentali.

Raccomando anche di consultare un operatore sanitario se ci sono preoccupazioni circa le interazioni tra farmaci o se il paziente è già in un numero significativo di farmaci che potrebbero interagire con le sue scelte di medicina del dolore OTC.

La linea di fondo è che la scienza sta ancora recuperando la gestione del dolore. Forse un giorno un semplice esame del sangue ci aiuterà a determinare il miglior regime di terapia del dolore per un determinato paziente in un dato momento.

Ma fino ad allora, l’unica soluzione è adottare una strategia di prove ed errori attenti (evitare effetti collaterali indesiderati, usare le dosi più basse e consultare un medico quando il dolore è grave). Non preoccuparti troppo se una medicina specifica è “la migliore” per il tuo dolore. La gestione del dolore è molto personale, quindi dovrai scoprire la tua soluzione migliore.

Tumori cerebrali

Published by:

tumori al cervello

Panoramica

Un tumore al cervello è una massa o una crescita di cellule anormali nel cervello.

Esistono molti diversi tipi di tumori cerebrali. Alcuni tumori cerebrali non sono cancerogeni (benigni) e alcuni tumori cerebrali sono cancerogeni (maligni). I tumori cerebrali possono iniziare nel cervello (tumori cerebrali primari), oppure il cancro può iniziare in altre parti del corpo e diffondersi al cervello (tumori cerebrali secondari o metastatici).

Quanto velocemente cresce un tumore al cervello può variare notevolmente. Il tasso di crescita e la localizzazione di un tumore cerebrale determinano come influenzerà la funzione del sistema nervoso.

Le opzioni per il trattamento del tumore al cervello dipendono dal tipo di tumore al cervello che hai e dalle sue dimensioni e posizione.

Tipi


Neuroma acustico
astrocitoma
Metastasi cerebrali
Carcinoma del plesso coroideo
craniofaringioma
Tumori embrionali
ependimoma
glioblastoma
glioma
Il medulloblastoma
meningioma
oligodendroglioma
Tumori cerebrali pediatrici
Pineoblastoma
Tumori ipofisari


Sintomi


I segni e i sintomi di un tumore al cervello variano notevolmente e dipendono dalla dimensione, dalla posizione e dal tasso di crescita del tumore cerebrale.

I segni e i sintomi generali causati da tumori cerebrali possono includere:

Nuovo esordio o cambiamento nel modello del mal di testa
Mal di testa che diventano gradualmente più frequenti e più gravi
Nausea o vomito inspiegabili
Problemi di visione, come visione offuscata, visione doppia o perdita della visione periferica
Perdita graduale di sensazione o movimento in un braccio o una gamba
Difficoltà con l’equilibrio
Difficoltà di parola
Confusione nelle questioni quotidiane
Cambiamenti di personalità o comportamento
Convulsioni, soprattutto in qualcuno che non ha una storia di convulsioni
Problemi di udito
Quando vedere un dottore
Prendi un appuntamento con il tuo medico se hai segni e sintomi persistenti che ti riguardano.

Le cause


I tumori cerebrali primari hanno origine nel cervello stesso o in tessuti vicino ad esso, come nelle membrane che coprono il cervello (meningi), i nervi cranici, la ghiandola pituitaria o la ghiandola pineale.

I tumori cerebrali primari iniziano quando le cellule normali acquisiscono errori (mutazioni) nel loro DNA. Queste mutazioni permettono alle cellule di crescere e dividersi a tassi più elevati e di continuare a vivere quando le cellule sane moriranno. Il risultato è una massa di cellule anormali, che forma un tumore.

Negli adulti, i tumori cerebrali primari sono molto meno comuni rispetto ai tumori cerebrali secondari, in cui il cancro inizia altrove e si diffonde al cervello.

Esistono molti diversi tipi di tumori cerebrali primari. Ognuno prende il nome dal tipo di cellule coinvolte. Esempi inclusi:

Gliomi. Questi tumori iniziano nel cervello o nel midollo spinale e comprendono astrocitomi, ependimomi, glioblastomi, oligoastrocitomi e oligodendrogliomi.


Meningiomi. Un meningioma è un tumore che origina dalle membrane che circondano il cervello e il midollo spinale (meningi). La maggior parte dei meningiomi non è cancerogena.


Neuromi acustici (schwannoma). Questi sono tumori benigni che si sviluppano sui nervi che controllano l’equilibrio e l’udito che porta dall’orecchio interno al cervello.


Adenomi ipofisari Questi sono per lo più tumori benigni che si sviluppano nella ghiandola pituitaria alla base del cervello. Questi tumori possono influenzare gli ormoni ipofisari con effetti in tutto il corpo.


Medulloblastoma. Questi sono i più comuni tumori cerebrali cancerogeni nei bambini. Un medulloblastoma inizia nella parte inferiore della schiena del cervello e tende a diffondersi attraverso il fluido spinale. Questi tumori sono meno comuni negli adulti, ma si verificano.


Tumori a cellule germinali. I tumori a cellule germinali possono svilupparsi durante l’infanzia dove si formeranno i testicoli o le ovaie. Ma a volte i tumori delle cellule germinali influenzano altre parti del corpo, come il cervello.


Craniofaringiomi. Questi tumori rari e non cancerosi iniziano vicino alla ghiandola pituitaria del cervello, che secerne ormoni che controllano molte funzioni del corpo. Man mano che il craniofaringioma cresce lentamente, può colpire la ghiandola pituitaria e altre strutture vicino al cervello.


Il cancro che inizia altrove e si diffonde al cervello


I tumori cerebrali secondari (metastatici) sono tumori che derivano da un tumore che inizia in altre parti del corpo e quindi si diffonde (metastatizza) al cervello.

I tumori cerebrali secondari si verificano più spesso nelle persone che hanno una storia di cancro. Ma in rari casi, un tumore cerebrale metastatico può essere il primo segno di cancro che ha avuto origine in altre parti del corpo.

Negli adulti, i tumori cerebrali secondari sono molto più comuni dei tumori cerebrali primari.

Qualsiasi tumore può diffondersi al cervello, ma i tipi comuni includono:

Cancro al seno
– al colon
Cancro al rene
– ai polmoni
Melanoma

Fattori di rischio

Nella maggior parte delle persone con tumori cerebrali primari, la causa del tumore non è chiara. Ma i medici hanno identificato alcuni fattori che possono aumentare il rischio di un tumore al cervello.

I fattori di rischio includono:

Esposizione alle radiazioni.

Le persone che sono state esposte a un tipo di radiazione chiamata radiazioni ionizzanti hanno un aumentato rischio di tumore al cervello. Esempi di radiazioni ionizzanti includono la radioterapia usata per trattare il cancro e l’esposizione alle radiazioni causata dalle bombe atomiche.

Storia familiare di tumori cerebrali.

Una piccola porzione di tumori cerebrali si verifica in persone con una storia familiare di tumori cerebrali o una storia familiare di sindromi genetiche che aumentano il rischio di tumori cerebrali.

Trattamento collutorio “magico” efficace per il dolore alla bocca causato dalla radioterapia

Published by:

colluttorio per radioterapia

Magico collutorio, “un risciacquo orale contenente difenidramina, lidocaina e antiacidi, riduce significativamente il dolore da mucosite orale, ulcere della bocca, in pazienti sottoposti a radioterapia per tumori della testa e del collo rispetto a plaecbo.

Questi sono stati i risultati di una multi-istituzione studio clinico di fase III, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto da Robert Miller, MD, un emerito Mayo Clinic, radiologo oncologo, il Dr. Miller ei suoi colleghi hanno pubblicato le loro scoperte martedì 16 aprile a JAMA.

“Il nostro gruppo ha pubblicato uno studio nel 2012 che mostra che un risciacquo orale di doxepina ha ridotto il dolore correlato alla mucosite orale, rispetto al placebo”, afferma il dott. Miller. “Tuttavia, non ci sono stati grandi studi randomizzati controllati che studiano i potenziali benefici del collutorio magico.”

La dottoressa Miller e i suoi colleghi hanno studiato 275 pazienti tra novembre 2014 e maggio 2016. Hanno scoperto che il dolore correlato alla mucosite orale era significativamente inferiore rispetto a doxepina e collutorio magico contro il placebo. Hanno anche scoperto che sia i doxepin che i risciacqui magici per il collutorio erano ben tollerati dai pazienti.

“La radioterapia può causare ulcere alla bocca perché è progettata per uccidere le cellule in rapida crescita, come le cellule tumorali”,. Dice il co-autore Terence Sio, M.D., un oncologo della Mayo Clinic in Arizona. “Sfortunatamente, anche le cellule sane nella tua bocca si dividono e crescono rapidamente e possono essere danneggiate durante la radioterapia, che può causare disagio. Siamo lieti di aver identificato un metodo comprovato per aiutare a curare il disagio di questo effetto collaterale”.

La ricerca è stata condotta attraverso l’Alliance for Clinical Trials in Oncology e ha incluso investigatori di queste istituzioni:

Campus della Mayo Clinic in Arizona, Florida e Minnesota
Wichita Community Oncology Research Program, Wichita, Kansas
Southwest Clinical Oncology Research Consortium Community Oncology Research Program, Spartanburg, South Carolina
Centro per il cancro globale di Roswell Park, Buffalo, New York
L’Ohio State University Wexner Medical Center, Columbus, Ohio

A proposito dell’Alleanza

L’Alliance for Clinical Trials in Oncology sviluppa e conduce studi clinici con nuove e promettenti terapie antitumorali. Utilizza la migliore scienza per sviluppare strategie di trattamento e prevenzione ottimali per il cancro e ricerca metodi per alleviare gli effetti collaterali del cancro e dei trattamenti contro il cancro.

L’Alleanza ha ricevuto una borsa di studio dal National Cancer Institute come membro del National Cancer Institute National Clinical Trials Network oltre a una borsa di studio per servire come base di ricerca per il programma di ricerca oncologica della National Cancer Institute Community.

L’alleanza comprende quasi 10.000 specialisti del cancro presso ospedali, centri medici e cliniche di comunità in tutti gli Stati Uniti e in Canada. Scopri di più sull’alleanza.

A proposito di Mayo Clinic Cancer Center

In qualità di istituzione leader finanziata dal National Cancer Institute, la Mayo Clinic Cancer Center conduce ricerche di base, cliniche e di scienze della popolazione. Traducendo le scoperte in metodi migliorati di prevenzione, diagnosi, prognosi e terapia. Per informazioni sugli studi clinici sul cancro, contattare l’ufficio referral per le prove cliniche al numero 1-855-776-0015 (numero verde).

A proposito di Mayo Clinic

Mayo Clinic è un’organizzazione no-profit impegnata nella pratica clinica, nell’istruzione e nella ricerca, che fornisce assistenza completa e competente a tutti coloro che necessitano di cure.