Tag Archives: tumori

Svegliarsi con il labbro gonfio:cause

Published by:

labbra gonfie le cause

Svegliarsi con un labbro gonfio può causare preoccupazione ad alcune persone. Un labbro gonfio può verificarsi per diversi motivi, tra cui una reazione allergica, una lesione o un’altra condizione medica.

Una persona può essere in grado di identificare cosa ha causato il gonfiore delle sue labbra pensando a quali attività ha svolto o quale cibo ha mangiato il giorno prima.

Continua a leggere per saperne di più sulle cause del risveglio con un labbro gonfio e su cosa può fare per trattarlo.

Cause

Di seguito sono elencate alcune delle possibili cause più comuni di svegliarsi con un labbro gonfio.

Angioedema
L’angioedema si riferisce al rapido gonfiore di un’area sottocutanea. Secondo il National Health Service (NHS) nel Regno Unito, l’angioedema colpisce comunemente gli occhi e le labbra. Tuttavia, il gonfiore non dura a lungo, di solito si risolve entro 48 ore.

È simile a una condizione della pelle chiamata orticaria o orticaria , ma colpisce diverse parti della pelle. Allo stesso tempo possono svilupparsi angioedema e orticaria.

L’orticaria provoca un’eruzione cutanea, mentre l’angioedema colpisce tipicamente la pelle e i tessuti sottocutanei, o gli strati sottocutanei e sottomucosi.

I sintomi dell’angioedema includono:

pelle gonfia
pelle rossa
eruzione cutanea pruriginosa (orticaria)
pelle dolorosa e tenera

Allergie
Le reazioni allergiche al cibo, ai farmaci o ad alcuni materiali, come il lattice, possono far gonfiare il labbro. Le reazioni allergiche al cibo di solito si sviluppano entro pochi minuti dal contatto con il cibo. Tuttavia, alcune reazioni possono richiedere ore per svilupparsi.

Sindrome da allergia orale
La sindrome da allergia orale , chiamata anche sindrome polline-cibo, è un tipo di reazione a frutta e verdura crude e ad alcune noci e semi che possono svilupparsi in età adulta.

I sintomi della sindrome da allergia orale sono prurito alla bocca o alla lingua e labbra o lingua gonfie. I sintomi colpiscono solo la bocca e non durano a lungo. Mangiare cibo crudo è il principale colpevole.

Se una persona si sveglia con le labbra gonfie, potrebbe aver mangiato cibo che ha innescato una reazione durante la notte o sviluppato una sensibilità ai farmaci nel tempo.

Cellulite
La cellulite è un’infezione batterica profonda della pelle che di solito colpisce le braccia e le gambe, ma può svilupparsi intorno alla bocca.

Di solito, i batteri che entrano nella pelle dopo un danno durante un intervento chirurgico o una lesione causano la cellulite.

I sintomi della cellulite includono gonfiore, arrossamento, tenerezza, dolore, vesciche e lividi.

Lesione
Lesioni alla bocca e alle labbra possono causare gonfiore. Le labbra contengono molto sangue e possono sanguinare molto. Tuttavia, guariscono anche rapidamente e spesso non hanno bisogno di punti.

Sunburn
Una persona può scottarsi dopo l’esposizione a una forte luce solare, lampade abbronzanti o lettini. La solarizzazione è una reazione infiammatoria della pelle e può causare gonfiore.

Se una persona ha esposto il viso a una forte luce solare durante il giorno, potrebbe svegliarsi con le labbra gonfie. Questo perché il picco di reazione per le scottature solari si verifica circa 24 ore dopo l’esposizione.

Distonia focale
La distonia focale è una condizione neurologica. Colpisce un particolare muscolo o gruppo muscolare in una zona del corpo, provocando contrazioni e posture muscolari involontarie.

La distonia cranica colpisce i muscoli del viso, comprese le labbra.

Una persona con distonia oromandibolare può avere difficoltà a deglutire, masticare, parlare, aprire e chiudere la bocca e avere spasmi alla lingua.

Condizioni rare
Le seguenti condizioni rare possono anche causare un labbro gonfio.

Sindrome di Miescher-Melkersson-Rosenthal
La sindrome di Miescher-Melkersson-Rosenthal (MRS) è una malattia neurologica rara che causa gonfiore a lungo termine del viso, tipicamente in una o entrambe le labbra. Può anche causare muscoli facciali indeboliti e una lingua screpolata, che sembrerà screpolata, divisa o piegata.

I sintomi inizieranno con un labbro superiore o inferiore gonfio. Anche le guance, le palpebre o un lato del cuoio capelluto possono gonfiarsi. Questo gonfiore si risolverà in diverse ore o giorni, ma il gonfiore può durare più a lungo ed essere più grave ogni volta che si verifica. Nel tempo, il gonfiore può diventare permanente.

I medici pensano che la MRS sia una condizione genetica. Tuttavia, può anche essere un sintomo di altre condizioni, come il morbo di Crohn o la sarcoidosi , una condizione infiammatoria che può colpire qualsiasi organo del corpo.

Cheilite granulomatosa
La cheilite granulomatosa è una condizione rara che fa gonfiare le labbra. È causato da:

dermatite allergica da contatto
Morbo di Crohn
sarcoidosi
granulomatosi orofacciale
cancro
infezioni
malattie genetiche
Il gonfiore della cheilite granulomatosa si verifica solo nelle labbra e di solito inizia con il gonfiore del labbro superiore. Come con la MRS, gli episodi ricorrenti possono provocare un gonfiore più grave che dura per periodi più lunghi.

Cancro orale
Alcuni tipi di cancro orale possono causare gonfiore alle labbra. I sintomi comuni del cancro orale possono includere:

lingua persistente e dolore alla mascella
un nodulo in bocca
ispessimento della pelle in bocca
macchie rosse o bianche su gengive, tonsille o rivestimento della bocca
difficoltà a deglutire o masticare
movimento ridotto nella mascella o nella lingua
Chirurgia, radioterapia , chemioterapia , immunoterapia e terapia farmacologica mirata sono opzioni di trattamento per il cancro orale. Se una persona manifesta uno di questi sintomi, dovrebbe consultare rapidamente un medico.

 

Linkwelove e l’utilizzo dei media per la prevenzione del cancro nei giovani

Published by:

linkwelove e la prevenzione nei giovani

Linkwelove sostiene che fruttare i social media come strumento di promozione della salute è una strategia promettente per incidere sui fattori di rischio comportamentali modificabili per il cancro e richiede ulteriori ricerche sullo sviluppo di strategie di comunicazione efficaci nei giovani adulti per prevenire il cancro nelle generazioni future.

Molti di questi comportamenti sanitari sono considerati fattori di rischio modificabili e, in una certa misura, possono essere più suscettibili al cambiamento e all’influenza durante i periodi di età critica nel corso della vita.

Gli studi di Linkwelove dimostrano che gli sforzi di prevenzione del cancro si sono concentrati tradizionalmente sugli anziani di età pari o superiore a 40 anni, che tendono a essere idonei per la maggior parte degli screening per il cancro e hanno una maggiore consapevolezza della salute poiché sperimentano naturalmente più problemi di salute con l’invecchiamento.

Tuttavia, molta meno attenzione è stata prestata alle strategie di prevenzione del cancro rivolte ai dati demografici dell’età più giovane, come quelli di età compresa tra 18-29 anni, e, in particolare, alle strategie su misura attraverso l’uso dei nuovi media. È indispensabile rivolgersi ai giovani adulti per promuovere comportamenti di prevenzione del cancro prima che il cancro si sviluppi.

Sebbene il cancro non si verifichi comunemente in questa fascia di età, è importante concentrarsi sulla prevenzione all’inizio della vita, poiché si ritiene che le esposizioni al cancro si verifichino prima nella vita e contribuiscano a tumori che sono più comunemente diagnosticati tra i 40 anni e più (ad es. , polmone, seno, colon-retto e prostata).

I comportamenti di prevenzione del cancro includono questi comportamenti a monte, che possono essere modificati prima nella vita e direttamente rilevanti per i giovani adulti, così come l’azione più prossimale del completamento dello screening raccomandato per il cancro, che generalmente non è rilevante per i giovani adulti per i tumori più comuni (seno , carcinoma della prostata e del colon-retto).

E’ chiaro per gli sviluppatori di Link we Love che la generazione di giovani adulti nati dal 1995 in poi è considerata nativa digitale e definita come persone “nate o cresciute durante l’era della tecnologia digitale e quindi familiari con i computer e Internet fin dalla tenera età”.

I giovani di età compresa tra 18 e 29 anni sono gli utenti più frequenti dei social media; nel 2016 l’86% di essi ha utilizzato almeno un sito di social media e il 92% si è impegnato con 2 o più dispositivi contemporaneamente inclusi telefoni cellulari, tablet, PC e TV.

Per Linkwelove social media devono essere considerati una strategia di salute pubblica nei giovani adulti, semplicemente perché sono integrati nella loro vita quotidiana.

Per raggiungerli in modo efficace, le comunicazioni sanitarie devono avvenire ovunque si trovino, impegnandosi in piattaforme online come Linkwelove e devono anche essere personalizzate utilizzando messaggi di prevenzione del cancro efficaci e adatti in modo particolare a piattaforme online particolari.

Ad esempio, i messaggi di Twitter sono limitati a 280 caratteri e i messaggi di prevenzione del cancro alle popolazioni più giovani devono prendere in considerazione i fattori linguistici e culturali su come comunicare efficacemente e coinvolgere i giovani adulti attraverso Twitter.

In questo documento di approfondimento di Linkwelove, ci concentriamo sui social media e sull’uso passato nella prevenzione primaria del cancro nella popolazione generale e discutiamo di come questi studi possano essere applicati ai giovani adulti per ridurre il carico del cancro nella prossima generazione di anziani.

Riflettiamo sullo stato attuale del campo e offriamo una discussione su come la ricerca precedente abbia implicazioni nel considerare la misurazione e le questioni teoriche nelle direzioni future della ricerca. In particolare, forniamo un esempio di considerazioni teoriche dal nostro lavoro attuale.

I social media come strumento per promuovere la consapevolezza della salute: risultati di uno studio online sulla prevenzione del cancro cervicale.

Sotto revisione, presentato ad aprile 2019, descriviamo vari tipi di studi utilizzo dei social media per la comunicazione sanitaria con nativi digitali di giovani adulti con esempi di supporto.

Concentrarsi sulla prevenzione del cancro primario può ridurre la sua incidenza:per questo Linkwelove si rivolge anche alle aziende che vogliono ottenere maggiore visibilità nell’ambito della salute e della prevenzione del cancro fin dalla giobne età.

Il cambiamento dei comportamenti sanitari è fondamentale per la prevenzione del cancro.

I fattori modificabili di rischio di cancro includono comportamenti legati allo stile di vita correlati a vaccinazione, attività fisica, controllo e mantenimento del peso corporeo, consumo di alcol e uso del tabacco.

Queste abitudini di salute si formano spesso nella giovane età adulta, una fase di vita che attualmente si interseca con la crescente popolazione di nativi digitalila cui infanzia è avvenuta nell’era di Internet.

E’ palese per Linkwelove che i social media sono un mezzo di comunicazione fondamentale per raggiungere questa popolazione di nativi digitali.

Utilizzando una prospettiva del corso della vita, lo scopo di questo documento è quello di descrivere il panorama attuale della nascente ricerca usando i social media per indirizzare gli sforzi di prevenzione del cancro nei giovani adulti e proporre direzioni future per rafforzare le conoscenze scientifiche a supporto delle strategie dei social media per promuovere comportamenti di prevenzione del cancro .

Considerazioni teoriche di Linkwelove

Le considerazioni teoriche sono una componente importante nella conduzione di ricerche rigorose sui social media e sulla salute.

In particolare, gli interventi di modifica del comportamento sono guidati e testati in modo più efficace da strutture concettuali appropriate per il pubblico target.

Ad esempio, nel nostro lavoro passato e attuale, la teoria cognitiva sociale di Linkwelove, una teoria del comportamento sanitario a livello interpersonale, è stata la teoria più pertinente da applicare alle domande di ricerca incentrate sulle influenze dei social media sui comportamenti di salute.

Questa teoria comprende le influenze sociali sulla salute in un’ampia varietà di contesti e può naturalmente essere estesa all’ambiente dei social media.

La teoria cognitiva sociale viene utilizzata per spiegare come le persone imparano i comportamenti osservando gli altri e attraverso il rinforzo vicario.

Link we love sottolinea la causalità reciproca dei comportamenti tra il sé e la società, in cui i fattori personali sotto forma di eventi cognitivi, affettivi e biologici, modelli comportamentali ed eventi ambientali operano tutti come determinanti interagenti che si influenzano a vicenda bidirezionalmente, cioè “reciproco determinismo ”.

Come parte dell’ambiente, i social media basati sul Web inquadrano e rafforzano le norme sociali; i siti di social media e Linkwelove stesso hanno le loro “regole” per il rafforzamento di messaggi e contenuti in termini di Mi piace, condivisioni e commenti che sono molto più espliciti che nella vita di tutti i giorni.

Lo stato del cancro: siamo vicini a una cura?

Published by:

cura per il cancro?

Il cancro è la principale causa di morte in tutto il mondo. Da anni ormai i ricercatori hanno condotto studi meticolosi incentrati su come fermare questa malattia mortale sulle sue tracce.

Quanto siamo vicini a trovare trattamenti più efficaci?


L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) osserva che, in tutto il mondo, quasi 1 su 6 decessi sono dovuti a cancro .

Solo negli Stati Uniti, il National Cancer Institute (NCI) ha stimato 1.688.780 nuovi casi di cancro e 600.920 decessi correlati al cancro nel 2017.

Attualmente, i tipi più comuni di trattamento del cancro sono la chemioterapia , la radioterapia , la chirurgia del tumore e, nel caso del carcinoma della prostata e del carcinoma mammario, la terapia ormonale.

Tuttavia, altri tipi di trattamento stanno iniziando a raccogliere vapore: terapie che – da sole o in combinazione con altri trattamenti – hanno lo scopo di aiutare a sconfiggere il cancro in modo più efficiente e, idealmente, hanno meno effetti collaterali.

Le innovazioni nel trattamento del cancro mirano a risolvere una serie di problemi che in genere devono affrontare operatori sanitari e pazienti, incluso il trattamento aggressivo accompagnato da effetti collaterali indesiderati, la ricorrenza del tumore dopo il trattamento, la chirurgia o entrambi e i tumori aggressivi che sono resistenti ai trattamenti ampiamente utilizzati.

Di seguito, esaminiamo alcune delle più recenti scoperte della ricerca sul cancro che ci danno la rinnovata speranza che presto migliori terapie e strategie di prevenzione seguiranno l’esempio.

Rafforzare l’arsenale del sistema immunitario


Un tipo di terapia che ha attirato molta attenzione di recente è l’ immunoterapia , che mira a rafforzare l’arsenale esistente dei nostri corpi contro corpi estranei e cellule dannose: la risposta del nostro sistema immunitario alla diffusione dei tumori.

Ma molti tipi di cellule tumorali sono così pericolosi perché hanno modi di “ingannare” il sistema immunitario – o ignorandoli del tutto o altrimenti dando loro una ” mano amica “.


Pertanto, alcuni tipi di cancro aggressivo sono in grado di diffondersi più facilmente e diventare resistenti alla chemioterapia o alla radioterapia.

Tuttavia, grazie a esperimenti in vitro e in vivo, i ricercatori stanno ora imparando come potrebbero essere in grado di “disattivare” i sistemi di protezione delle cellule tumorali. Uno studio pubblicato lo scorso anno su Nature Immunology ha scoperto che i macrofagi, o globuli bianchi, che normalmente hanno il compito di “divorare” i detriti cellulari e altri “oggetti” estranei dannosi non sono riusciti a cancellare le cellule cancerose super aggressive.

Questo perché, nella loro interazione con le cellule tumorali, i macrofagi non leggevano uno ma due segnali intesi a respingere la loro azione di “pulizia”.

Questa conoscenza, tuttavia, ha anche mostrato agli scienziati la strada da percorrere: bloccando i due percorsi di segnalazione rilevanti, hanno riabilitato i globuli bianchi per fare il loro lavoro.


Virus terapeutici e innovativi “vaccini”


Un’arma sorprendente nella lotta contro il cancro potrebbe essere il virus terapeutico , come rivelato da una squadra del Regno Unito all’inizio di quest’anno. Nei loro esperimenti, sono riusciti a utilizzare un reovirus per attaccare le cellule tumorali cerebrali lasciando da sole le cellule sane.

“Questa è la prima volta che è stato dimostrato che un virus terapeutico è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica”, ha spiegato gli autori dello studio, che “apre la possibilità [che] questo tipo di immunoterapia possa essere utilizzata per trattare di più persone con tumori cerebrali aggressivi “.

Un’altra area di miglioramento dell’immunoterapia sono i “vaccini dendritici”, una strategia in cui le cellule dendritiche (che svolgono un ruolo chiave nella risposta immunitaria del corpo) vengono raccolte dal corpo di una persona, “armate” con antigeni specifici del tumore – che insegneranno loro a “caccia” e distrugge le cellule tumorali rilevanti – e iniettato di nuovo nel corpo per rafforzare il sistema immunitario.

In un nuovo studio , i ricercatori svizzeri hanno identificato un modo per migliorare l’azione di questi vaccini dendritici creando recettori artificiali in grado di riconoscere e “rapire” minuscole vescicole che sono state collegate alla diffusione dei tumori nel corpo.

Collegando questi recettori artificiali alle cellule dendritiche nei “vaccini”, le cellule terapeutiche sono abilitate a riconoscere le cellule cancerose dannose con maggiore precisione.

È importante sottolineare che recenti studi hanno dimostrato che l’immunoterapia può funzionare meglio se somministrata in tandem con la chemioterapia, in particolare se i farmaci chemioterapici vengono somministrati per primi e vengono seguiti con l’immunoterapia.

Ma questo approccio presenta alcune insidie; è difficile controllare gli effetti di questo metodo combinato, quindi a volte i tessuti sani possono essere attaccati insieme ai tumori.

Tuttavia, scienziati di due istituzioni della Carolina del Nord hanno sviluppato una sostanza che, una volta iniettata nel corpo, diventa gelatinosa: un ” sistema di impalcature bioresponsivo “. L’impalcatura può contenere contemporaneamente sia la chemioterapia che i farmaci immunoterapici, rilasciandoli sistematicamente nei tumori primari.

Questo metodo consente un migliore controllo di entrambe le terapie, garantendo che i farmaci agiscano solo sul tumore bersaglio.

La rivoluzione delle nanoparticelle


Parlando di strumenti appositamente sviluppati per fornire farmaci direttamente al tumore e cacciare i micro-tumori con precisione ed efficienza, negli ultimi due anni si è assistito a un “boom” nello sviluppo delle nanotecnologie e delle nanoparticelle per i trattamenti del cancro.

Le nanoparticelle potrebbero essere “un punto di svolta” nel trattamento del cancro.

Le nanoparticelle sono particelle microscopiche che hanno attirato così tanta attenzione nella ricerca clinica, tra gli altri campi, perché ci offrono la possibilità di sviluppare metodi precisi e meno invasivi per affrontare le malattie.

Vitally, possono colpire le cellule tumorali o i tumori del cancro senza danneggiare le cellule sane nell’ambiente circostante.

Alcune nanoparticelle sono state ora create per fornire un trattamento ipertermico molto mirato, che è un tipo di terapia che utilizza temperature calde per ridurre i tumori del cancro.

L’anno scorso, scienziati dalla Cina e dal Regno Unito sono riusciti a escogitare un tipo di nanoparticella ” autoregolante ” in grado di esporre i tumori al calore evitando il contatto con i tessuti sani.

“Questo potrebbe potenzialmente essere un punto di svolta. nel modo in cui trattiamo le persone che hanno il cancro”. Ha detto uno dei ricercatori incaricati di questo progetto.

Questi minuscoli veicoli possono anche essere usati per colpire le cellule staminali tumorali . Sono cellule indifferenziate che sono state collegate alla resilienza di alcuni tipi di cancro di fronte a trattamenti tradizionali come la chemioterapia.

Pertanto, le nanoparticelle possono essere “caricate” con farmaci e impostate per “dare la caccia”. Inseguendo le cellule staminali tumorali per prevenire la crescita o il ripetersi di tumori.

Gli scienziati hanno sperimentato nanoparticelle piene di farmaci nel trattamento di vari tipi di cancro, tra cui il carcinoma mammario e il carcinoma endometriale .

Non meno importante, i veicoli minuscoli chiamati ” nanoprobes ” possono essere utilizzati per rilevare la presenza di micrometastasi. Che sono tumori secondari così piccoli che non possono essere visti usando i metodi tradizionali.

Il dott. Steven K. Libutti, direttore del Rutgers Cancer Institute del New Jersey nel New Brunswick, definisce le micrometastasi “il tallone d’Achille della gestione chirurgica del cancro” e sostiene che le nanoprobbe “fanno molto per risolvere [tali] problemi”.

Strategie di “fame” tumorale


Un altro tipo di strategia che i ricercatori hanno studiato negli ultimi tempi è quello di “affamare” i tumori.nutrienti di cui hanno bisogno per crescere e diffondersi. Questo, sottolineano gli scienziati, potrebbe essere una grazia salvifica nel caso di tumori aggressivi e resistenti che altrimenti non potrebbero essere sradicati efficacemente.


Un nuovo metodo per “attaccare” il cancro è “morire di fame” le cellule tumorali fino alla morte.
Tre diversi studi – i cui risultati sono stati tutti pubblicati nel gennaio di quest’anno – hanno esaminato i modi per tagliare le scorte nutrizionali dei tumori.

Uno di questi studi ha esaminato i modi per fermare la glutammina , un aminoacido presente in natura, dall’alimentazione delle cellule tumorali.

Alcuni tumori, come seno, polmone e colon, sono noti per utilizzare questo aminoacido per sostenere la loro crescita.

Bloccando l’accesso delle cellule tumorali alla glutammina, i ricercatori sono riusciti a massimizzare l’impatto dello stress ossidativo. Un processo che alla fine induce la morte cellulare su queste cellule.

Alcuni tipi aggressivi di carcinoma mammario possono essere fermati impedendo alle cellule di “nutrirsi” di un particolare enzima. Che li aiuta a produrre l’energia di cui hanno bisogno per prosperare.

Un altro modo per impoverire le cellule tumorali di energia è bloccando il loro accesso alla vitamina B-2. Come hanno osservato i ricercatori dell’Università di Salford nel Regno Unito.

Come afferma un autore dello studio, “Questo si spera sia l’inizio di un approccio alternativo per arrestare le cellule staminali tumorali”. Questa strategia potrebbe aiutare le persone sottoposte a trattamento antitumorale per evitare gli effetti collaterali tossici della chemioterapia.

Trattamenti contro il cancro ed epigenetica


L’epigenetica si riferisce ai cambiamenti causati nei nostri corpi da alterazioni nell’espressione genica. Che determinano se compaiono determinate caratteristiche o se determinate “azioni” sono influenzate a livello biologico.

Secondo una ricerca che ha affrontato l’impatto di tali cambiamenti, molti tumori, nonché i comportamenti delle cellule tumorali, sono determinati da fattori epigenetici .

“I recenti progressi nel campo dell’epigenetica hanno dimostrato che le cellule tumorali umane ospitano anomalie epigenetiche globali, oltre a numerose alterazioni genetiche.”

“Queste alterazioni genetiche ed epigenetiche interagiscono in tutte le fasi dello sviluppo del cancro, lavorando insieme per promuovere la progressione del cancro.”

Pertanto, è cruciale per gli specialisti capire quando e dove intervenire e l’espressione di quali geni. Potrebbero aver bisogno per accendersi o spegnersi, a seconda del loro ruolo nello sviluppo del cancro.

Uno studio , ad esempio, ha scoperto che il gene responsabile dell’avvento della malattia di Huntington. Produce un insieme di molecole la cui azione potrebbe effettivamente prevenire l’insorgenza del cancro.

Ora, la sfida dei ricercatori è quella di incanalare il potenziale terapeutico di questo processo senza innescare la malattia di Huntington. Tuttavia, gli scienziati sono fiduciosi.

“Riteniamo che una terapia del cancro a breve termine potrebbe essere possibile per alcune settimane”, afferma l’autore senior dello studio.

Un altro recente studio è stato in grado di stabilire che i tumori mammari positivi al recettore degli estrogeni che diventano resistenti alla chemioterapia. Ottengono la loro resilienza attraverso mutazioni genetiche che “conferiscono un vantaggio metastatico al tumore”.

Ma questa conoscenza ha anche dato ai ricercatori la “rottura” di cui avevano bisogno per elaborare un trattamento migliorato per tumori così ostinati. Una terapia di combinazione che eroga il fulvestrante del farmaco chemioterapico insieme a un inibitore enzimatico sperimentale.

Cancro: perché i test devono migliorare

Published by:

farmaci e loro efficacia sul cancro

I ricercatori continuano a sviluppare nuovi farmaci per combattere il cancro e mentre alcuni sono effettivamente efficaci, altri non mantengono mai la loro promessa.

Un nuovo studio ora spiega perché molti farmaci antitumorali potrebbero non funzionare come pensano i loro sviluppatori. Ma all’interno del problema sta anche la soluzione.
Il cancro colpisce milioni di persone in tutto il mondo e, in alcuni casi, non risponde alle forme di terapia che i medici prescrivono di solito.

Per questo motivo, i ricercatori continuano a cercare farmaci sempre più efficaci in grado di bloccare il cancro. A volte, queste nuove terapie sono all’altezza delle aspettative dei loro sviluppatori, mentre altre volte non sono all’altezza.

Mentre la ricerca di migliori farmaci antitumorali continua, un nuovo studio ha scoperto che molti dei nuovi farmaci che funzionano spesso prendono di mira meccanismi diversi rispetto a quelli per cui gli scienziati li intendevano.

Questo potrebbe anche spiegare perché molti nuovi farmaci non funzionano.

La scoperta proviene da un team di scienziati del Cold Spring Harbor Laboratory di New York, che inizialmente aveva deciso di studiare una questione diversa. Jason Sheltzer, Ph.D. e il team inizialmente volevano identificare i geni che avevano legami con bassi tassi di sopravvivenza tra le persone che ricevevano il trattamento del cancro.

Ma questo lavoro li ha portati a trovare qualcosa che non si aspettavano: che MELK , una proteina precedentemente legata alla crescita del cancro, non influisce sulla progressione del tumore.

Poiché i tumori del cancro contengono alti livelli di MELK, i ricercatori avevano pensato che le cellule tumorali usassero questa proteina per proliferare. Pensavano che arrestando la produzione di MELK, ciò avrebbe rallentato la crescita tumorale .

Tuttavia, Sheltzer e colleghi hanno scoperto che questo non era vero. Quando hanno usato la tecnologia specializzata di editing genetico (CRISPR) per “spegnere” i geni che codificavano la produzione di MELK, si è scoperto che ciò non influiva sulle cellule tumorali, che continuavano ad aumentare come prima.

Se un obiettivo terapeutico che i ricercatori ritenevano fosse così promettente non funzionava come previsto dagli scienziati, questo potrebbe valere anche per altri obiettivi terapeutici? “La mia intenzione era di indagare se MELK fosse un’aberrazione”, osserva Sheltzer.

Falsi presupposti per nuovi farmaci?


Nel presente studio – i cui risultati compaiono sulla rivista Science Translational Medicine – Sheltzer e colleghi hanno studiato se il “meccanismo d’azione” descritto di 10 nuovi farmaci rappresenti accuratamente il loro funzionamento.

I ricercatori hanno testato tutti e 10 i farmaci in studi clinici, con l’aiuto di circa 1.000 volontari, tutti i quali avevano ricevuto una diagnosi di cancro.

“L’idea di molti di questi farmaci è che bloccano la funzione di una determinata proteina nelle cellule tumorali”, spiega Sheltzer.

“E quello che abbiamo mostrato è che la maggior parte di questi farmaci non funziona bloccando la funzione della proteina che sono stati segnalati per bloccare. Quindi questo è ciò che intendo quando parlo di meccanismo d’azione”, continua Sheltzer.

Il ricercatore suggerisce inoltre che “[in qualche modo, questa è una storia della tecnologia di questa generazione”. Gli investigatori spiegano che prima che la tecnologia di modifica genetica diventasse un mezzo più diffuso per fermare la produzione di proteine, gli scienziati usavano una tecnica che permetteva loro di agire sull’interferenza dell’RNA.
Questo è un processo biologico attraverso il quale le molecole di RNA aiutano a regolare la produzione di proteine ​​specifiche. Tuttavia, i ricercatori spiegano che questo metodo può essere meno affidabile rispetto all’utilizzo della tecnologia CRISPR. Inoltre, potrebbe arrestare la produzione di proteine ​​diverse da quelle inizialmente previste.

Quindi il team ha proceduto a testare l’accuratezza del meccanismo d’azione dei farmaci utilizzando CRISPR. In un esperimento, si sono concentrati su un farmaco in fase di sperimentazione che ha lo scopo di inibire la produzione di una proteina chiamata “PBK”.

Il risultato? “Si scopre che questa interazione con PBK non ha nulla a che fare con il modo in cui uccide effettivamente le cellule tumorali”, afferma Sheltzer.


Trovare il vero meccanismo d’azione


Il passo successivo è stato scoprire quale fosse il vero meccanismo d’azione del farmaco. Per fare questo, i ricercatori hanno preso alcune cellule tumorali e le hanno esposte al presunto farmaco bersaglio del PBK in alte concentrazioni. Quindi, hanno permesso alle cellule di adattarsi e sviluppare resistenza a quel farmaco.

“I tumori sono altamente genomicamente instabili. A causa di questa intrinseca instabilità, ogni cellula cancerosa in un piatto è diversa da quella accanto ad essa. Una cellula cancerosa che acquisisce casualmente un cambiamento genetico che blocca l’efficacia di un farmaco avrà successo dove le altre sono ucciso “, spiega Sheltzer.

“Possiamo trarne vantaggio. Identificando questo cambiamento genetico, possiamo [anche] identificare come il farmaco stava uccidendo il cancro”, continua.

I ricercatori hanno scoperto che le cellule tumorali utilizzate hanno sviluppato la loro resistenza al farmaco evolvendo una mutazione in un gene che produce un’altra proteina: CDK11.

Le mutazioni significavano che il farmaco non poteva interferire con la produzione della proteina. Ciò ha suggerito che, anziché PBK, CDK11 potrebbe essere il vero bersaglio del farmaco in prova.

“Molti farmaci che vengono testati nei pazienti con cancro umano tragicamente non finiscono per aiutare i pazienti con cancro”, osserva Sheltzer. Aggiunge che se gli scienziati cambiassero il modo in cui conducono i test preclinici, potrebbero ottenere una comprensione più accurata di come funzionano i farmaci e di chi hanno maggiori probabilità di aiutare.

“Se questo tipo di prove venisse regolarmente raccolto prima che i farmaci entrassero negli studi clinici, potremmo essere in grado di fare un lavoro migliore assegnando ai pazienti terapie che hanno maggiori probabilità di fornire qualche beneficio. Con questa conoscenza, credo che possiamo adempiere meglio alla promessa di medicina di precisione “.

Jason Sheltzer, Ph.D.

Le diete povere di grassi apportano benefici alla salute delle donne

Published by:

dieta senza grassi e cancro

Una nuova ricerca che dura da quasi 2 decenni scopre che una dieta povera di grassi favorisce la salute delle donne.

Secondo una nuova ricerca, una dieta povera di grassi che include molta frutta e verdura favorisce la salute delle donne a lungo termine (anche nel periodo di gravidanza come nel caso del burro).
Studi precedenti su ratti e topi hanno scoperto che i roditori che seguono una dieta ricca di grassi sviluppano più tumori rispetto a quelli che seguono una dieta povera di grassi.

Alcuni di questi studi si riferivano in particolare al carcinoma del colon-retto , mentre altri hanno dimostrato che una dieta ricca di grassi ha favorito la crescita tumorale nei modelli murini di carcinoma mammario .

Più recentemente, studi sull’uomo hanno suggerito che seguendo un piano dietetico a basso contenuto di grassi potrebbe migliorare la salute e la durata della vita delle donne che hanno ricevuto una diagnosi di cancro al seno.

Spinto da questa ricerca esistente, Ross Prentice, Ph.D. – un membro dei programmi di prevenzione del cancro e biostatistica presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center, a Seattle, WA – e colleghi della Women’s Health Initiative (WHI) hanno iniziato a esaminare ulteriormente i benefici di una dieta a basso contenuto di grassi per le donne in postmenopausa.

In particolare, gli scienziati hanno seguito quasi 50.000 donne in postmenopausa per 2 decenni, nel tentativo di determinare gli effetti di una dieta a basso contenuto di grassi sul carcinoma mammario, sul carcinoma del colon-retto e sul rischio di malattie cardiache .

Prentice e il team hanno pubblicato i loro risultati sul Journal of Nutrition .
Risultati dello studio dopo un follow-up di 20 anni
I ricercatori hanno inizialmente ideato lo studio, chiamato la prova di modifica dietetica, nel 1993.

All’epoca, Prentice e colleghi hanno arruolato 48.835 donne in postmenopausa che vivono negli Stati Uniti e ne hanno assegnato il 40% a un intervento dietetico a basso contenuto di grassi che mirava anche a maggiori assunzioni di frutta, verdura e cereali. L’altro 60% dei partecipanti ha seguito la dieta abituale.
Dopo un periodo di follow-up mediano di 8,5 anni, l’analisi non ha rivelato differenze significative tra il gruppo di intervento e il gruppo di controllo, in termini di rischio di carcinoma del colon-retto, rischio di carcinoma mammario o rischio di malattia coronarica .

Tuttavia, dopo un follow-up mediano di 19,6 anni, gli scienziati hanno scoperto benefici persistenti, come segue:

Le donne che avevano avuto un tumore al seno e che seguivano una dieta povera di grassi “con [a] corrispondente aumento di verdure, frutta e cereali” avevano il 15–35% in meno di probabilità di morire per qualsiasi causa.


Le donne nel gruppo di intervento avevano il 13–25% in meno di probabilità di sviluppare diabete insulino-dipendente .
I soggetti che non avevano la pressione alta o una storia di malattie cardiovascolari all’inizio dello studio avevano una probabilità del 15-30% in meno di sviluppare malattie coronariche durante il periodo di follow-up.
“La prova di modifica dietetica della WHI ha fornito alle donne approfondimenti sulla nutrizione e sulla prevenzione delle malattie per alcuni anni”, afferma Prentice.

“Gli ultimi risultati supportano il ruolo della nutrizione nella salute generale e indicano che le diete povere di grassi ricchi di frutta, verdura e cereali hanno benefici per la salute senza effetti avversi osservati.”

Punti di forza e limiti dello studio


Gli autori riconoscono anche i punti di forza e i limiti del loro studio.

Dicono che la progettazione randomizzata e controllata dell’intervento e il periodo di follow-up a lungo termine riducono al minimo i pregiudizi e rafforzano le conclusioni. Tali tratti non sono comuni nella ricerca nutrizionale, affermano i ricercatori.

Tuttavia, alcune delle limitazioni includono il fatto che lo studio aveva mirato alla riduzione totale del grasso corporeo, ma non mirava in particolare a ridurre il grasso saturo o insaturo. Inoltre, i ricercatori non hanno raccomandato un aumento in particolare dei cereali integrali, ma nel complesso dei cereali.

Queste omissioni lasciano “molte domande importanti sulla nutrizione e sulle malattie croniche non esaminate”.

Tuttavia, “La riduzione del grasso nella dieta con corrispondente aumento di verdure, frutta e cereali ha portato a benefici correlati al cancro al seno, [malattia coronarica] e diabete, senza effetti avversi”, concludono gli autori.

Garnet Anderson, Ph.D., coautore dello studio e vicepresidente senior e direttore della divisione di scienze della salute pubblica di Fred Hutchinson, commenta i risultati. Anderson è anche il principale investigatore del Centro di coordinamento clinico WHI di Fred Hutchinson.

“Il semplice numero di nuove diete e tendenze nutrizionali può essere travolgente per le persone che vogliono semplicemente sapere, ‘Cosa dovrei mangiare?’ […] Mentre ci sono molte diete che forniscono benefici a breve termine come la perdita di peso, questo studio convalida scientificamente gli effetti a lungo termine sulla salute di una dieta povera di grassi “.

In che modo la dieta cheto può aiutare a curare il cancro?

Published by:

cheto e cancro : i vantaggi

Una nuova ricerca sui topi suggerisce che tenere sotto controllo la glicemia usando la dieta chetogenica o un farmaco per il diabete potrebbe aiutare a curare alcuni tumori aumentando l’efficacia della chemioterapia standard.


La dieta chetogenica consiste in cibi ricchi di grassi, alimenti che contengono un’adeguata quantità di proteine ​​e una bassissima quantità di carboidrati .

Normalmente, il corpo umano ottiene la sua principale fonte di energia (zucchero) dai carboidrati.

Tuttavia, la dieta chetogenica priva il corpo di glucosio, inducendo uno stato di ” chetosi “.

Durante la chetosi, il corpo è costretto a scomporre il grasso immagazzinato anziché lo zucchero per produrre una fonte alternativa di energia.

La dieta chetogenica, o “cheto”, esiste da secoli. Tradizionalmente, alcuni lo hanno usato come terapia per condizioni come il diabete e l’ epilessia .

Nuovi studi hanno iniziato a esaminare il potenziale terapeutico della dieta cheto per altre condizioni, come il cancro , la sindrome dell’ovaio policistico e il morbo di Alzheimer .

Il potenziale della dieta cheto come trattamento del cancro
Ad esempio, ricerche recenti hanno suggerito che la dieta cheto potrebbe integrare le terapie standard per il cancro come la chemioterapia e la radioterapia .

La dieta potrebbe aumentare il potere del trattamento convenzionale del cancro inducendo selettivamente lo stress ossidativo metabolico nelle cellule tumorali, ma non in quelle normali.
Altri studi hanno anche suggerito che alcuni tumori dipendono fortemente dal glucosio per produrre energia. Quindi, limitare l’accesso delle cellule cancerose allo zucchero può essere un modo valido di sensibilizzarle alla chemioterapia.

Una nuova ricerca esplora la dieta cheto come potenziale via per il trattamento del cancro. Jung-Whan Kim, assistente professore di scienze biologiche all’Università del Texas a Dallas, è l’autore corrispondente del nuovo studio.

Utilizzando un modello murino di carcinoma polmonare ed esofageo, Kim e colleghi hanno limitato i livelli di glucosio circolante dei roditori alimentando loro una dieta chetogenica e somministrando loro un farmaco per il diabete che impedisce ai reni di riassorbire lo zucchero nel sangue.

I ricercatori hanno pubblicato il loro articolo sulla rivista Cell Reports . Meng-Hsiung Hsieh è il primo autore.

La dieta cheto e il carcinoma a cellule squamose
Kim e il suo team hanno precedentemente dimostrato che un tipo di cancro chiamato carcinoma a cellule squamose (SCC) si affida molto di più al glucosio per sostenere la sua “capacità antiossidante e la sopravvivenza” rispetto ad altri tipi di cancro, come adenocarcinoma polmonare.

Quindi, nel nuovo studio, il team ha affermato che la limitazione del glucosio renderebbe SCC più vulnerabile al trattamento. Hanno alimentato topi con tumori xenotrapianti o una dieta chetogenica composta dallo 0,1% di carboidrati o una normale dieta chow.

“La crescita del tumore xenotrapianto di SCC […] polmonare e SCC […] esofageo è stata significativamente inibita dalla dieta chetogenica rispetto ai normali gruppi alimentati con cibo”, riportano gli autori dello studio.

“Sia la dieta chetogenica che la restrizione farmacologica della glicemia da sole hanno inibito l’ulteriore crescita dei tumori [SCC] nei topi con carcinoma polmonare “, afferma Kim.

“Mentre questi interventi non hanno ridotto i tumori, hanno impedito loro di progredire, il che suggerisce che questo tipo di cancro potrebbe essere vulnerabile alla restrizione del glucosio”, aggiunge.

Tuttavia, la restrizione del glucosio non ha influenzato altri tumori non SCC. “I nostri risultati suggeriscono che questo approccio è specifico del tipo di cellula tumorale. Non possiamo generalizzare a tutti i tipi di cancro”, afferma Kim.

” La scoperta chiave del nostro nuovo studio sui topi è che una dieta chetogenica da sola ha un certo effetto inibitorio sulla crescita tumorale in [SCC] […]. Quando l’abbiamo combinato con il farmaco per il diabete e la chemioterapia, è stato ancora più efficace. “

Jung-Whan Kim

Risultati che spostano il paradigma
I ricercatori hanno anche studiato i livelli di zucchero nel sangue in campioni di 192 persone con SCC del polmone o dell’esofago. Li hanno quindi confrontati con quelli di 120 persone con adenocarcinoma polmonare.

“Sorprendentemente”, afferma Kim, “abbiamo trovato una solida correlazione tra una maggiore concentrazione di glucosio nel sangue e una peggiore sopravvivenza tra [le persone] con [SCC]”.

“Non abbiamo trovato tale correlazione tra i pazienti con adenocarcinoma polmonare. Questa è un’osservazione importante che implica ulteriormente la potenziale efficacia della restrizione del glucosio nell’attenuare la crescita [SCC]”, aggiunge.

Sebbene gli autori riconoscano che questo studio era preclinico e che sono necessarie ricerche più approfondite, i risultati, dicono, indicano un “cambio di paradigma” nel trattamento del cancro.

“La manipolazione dei livelli di glucosio nell’ospite sarebbe una nuova strategia diversa dal semplice tentativo di uccidere direttamente le cellule tumorali”, afferma Kim.

“Credo che questo sia parte di un cambiamento di paradigma dal prendere di mira le cellule tumorali stesse. L’immunoterapia è un buon esempio di ciò, in cui il sistema immunitario umano è attivato per inseguire le cellule tumorali”.

“Forse possiamo manipolare un po ‘il nostro sistema biologico o attivare qualcosa che abbiamo già in atto per combattere in modo più efficace il cancro”, conclude.

Semplici cambiamenti nella dieta possono ridurre il rischio di cancro, aumentare la durata della vita

Published by:

flavonoidi e cancro

Un nuovo studio che ha coinvolto oltre 50.000 partecipanti per un periodo di 2 decenni ha concluso che il consumo di cibi ricchi di flavonoidi potrebbe evitare le malattie e prolungare la vita.

Numerose ricerche si sono concentrate sul ruolo dell’alimentazione nel rischio di malattia e nella mortalità.

Nonostante l’interesse crescente, è un argomento notoriamente difficile da studiare per una serie di ragioni, e trarre conclusioni attendibili su come il cibo influisce sugli esiti sanitari specifici è una sfida.

Sebbene sia ovvio che il cibo è vitale per la nostra sopravvivenza, è difficile approfondire i dettagli di come i singoli composti influenzano la malattia e la mortalità nell’uomo.

Detto questo, i ricercatori hanno ora stabilito con fermezza e scientificamente che mangiare più frutta e verdura è associato a un ridotto rischio cardiovascolare e di mortalità generale.

Tuttavia, come la frutta e la verdura proteggano la salute è meno noto; sebbene sia probabilmente coinvolta una vasta gamma di sostanze nutritive, molti ricercatori ritengono che i flavonoidi abbiano un ruolo significativo.
La famiglia dei flavonoidi
I flavonoidi sono una classe di sostanze chimiche chiamate polifenoli. Sono presenti in una vasta gamma di alimenti naturali, tra cui frutta, verdura, cioccolato fondente, vino rosso e tè.

Questi composti hanno sei sottoclassi:

flavonoli
flavan-3-oli
flavanoni
flavoni
antociani
isoflavoni
Ognuno di questi ha il potenziale di avere un impatto sul corpo in modi diversi e in diversi gradi.
Di recente, un gruppo di scienziati dell’Università Edith Cowan in Australia ha iniziato a studiare se questi composti potessero effettivamente prolungare la vita e proteggere la salute.

L’articolo, che ora appare sulla rivista Nature Communications , delinea le loro scoperte.

Gli autori scrivono che il loro obiettivo principale era “studiare l’associazione delle assunzioni totali di sottoclassi di flavonoidi e flavonoidi con qualsiasi causa, mortalità correlata alle malattie cardiovascolari e correlata al cancro”.

I ricercatori volevano anche vedere come i fattori dello stile di vita come bere alcolici e fumare tabacco influissero sui benefici derivati ​​dai flavonoidi.

Ricerca flavonoide
Precedenti studi su flavonoidi hanno prodotto risultati interessanti. Negli studi a breve termine , sembrano aumentare alcuni marcatori di salute cardiovascolare. Altri articoli hanno descritto un potenziale ruolo antitumorale per i flavonoidi.

Sebbene ricerche precedenti abbiano accennato a benefici, ci sono lacune significative. Come spiegano gli autori del nuovo studio:

“Le prove degli studi osservazionali sono incomplete; gli studi sulla mortalità per cancro sono scarsi e sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire il ruolo specifico delle sottoclassi di flavonoidi e per determinare la dose di flavonoidi totali e specifici richiesta per ottenere il massimo beneficio.”

Per indagare, gli scienziati hanno preso i dati dalla coorte danese di dieta, cancro e salute. In totale, 56.048 adulti hanno preso parte. Durante il follow-up di 23 anni, 14.083 partecipanti sono morti.

Dopo aver controllato per una serie di fattori, gli autori concludono:

” [W] forniamo prove del fatto che un apporto dietetico realizzabile di sottoclassi di flavonoidi individuali e totali è associato a un minor rischio di tutte le cause, di malattie cardiovascolari e di mortalità per cancro.”

In particolare, hanno scoperto che coloro che consumavano ogni giorno circa 500 milligrammi (mg) di flavonoidi avevano il rischio più basso di decessi per cancro o malattie cardiovascolari. Al di sopra della soglia di 500 mg, non vi sono stati ulteriori benefici.

Gli scienziati hanno anche analizzato l’impatto di ciascuno dei sei tipi di flavonoidi. Hanno trovato lo stesso effetto su tutta la linea.
500 mg ogni giorno
Per mettere in prospettiva la soglia dei 500 mg, il ricercatore capo Dr. Nicola Bondonno fornisce un esempio attuabile:

“È importante consumare una varietà di diversi composti flavonoidi presenti in diversi alimenti e bevande a base vegetale. Questo è facilmente raggiungibile attraverso la dieta: una tazza di tè, una mela, un’arancia, 100 grammi di mirtilli e 100 grammi di broccoli fornire una vasta gamma di composti flavonoidi e oltre 500 mg di flavonoidi totali. “

I ricercatori hanno scoperto che i benefici dei flavonoidi erano particolarmente pronunciati nei partecipanti che attualmente fumavano e che consumavano più di due bevande alcoliche ogni giorno. Questi partecipanti hanno visto i maggiori benefici.

Tuttavia, il Dr. Bondonno sottolinea un punto importante, spiegando che “il consumo di flavonoidi non contrasta tutti i maggiori rischi di morte causati dal fumo e dall’elevato consumo di alcol. Di gran lunga la cosa migliore da fare per la salute è smettere di fumare e ridurre sull’alcool “.

Non è chiaro in che modo i flavonoidi possano ridurre il rischio di malattia. Tuttavia, alcuni scienziati ritengono che le loro qualità antinfiammatorie potrebbero essere importanti.

L’alcool e il tabacco aumentano entrambi i livelli di infiammazione e danneggiano i vasi sanguigni. Tuttavia, come spiega il Dr. Bondonno, “I flavonoidi hanno dimostrato di essere antinfiammatori e migliorare la funzione dei vasi sanguigni, il che potrebbe spiegare perché sono associati a un minor rischio di morte per malattie cardiache e cancro”.
Punti di forza e limitazioni
Questo studio ha punti di forza significativi – non ultimo il gran numero di partecipanti e la lunga durata del follow-up. Gli scienziati hanno anche acquisito una vasta gamma di caratteristiche, fattori dello stile di vita e altre informazioni rilevanti per affinare la loro analisi e ridurre il rumore statistico.

Tuttavia, ci sono sempre dei limiti. Ad esempio, lo studio è stato osservativo, il che significa che non è possibile dimostrare in modo conclusivo che i flavonoidi causano la diminuzione della mortalità e del rischio di malattia.

Ad esempio, come spiegano gli autori, esiste la possibilità che i flavonoidi siano “un marcatore di altri fattori dietetici non osservati e potenzialmente protettivi”.

È importante sottolineare che lo studio ha acquisito solo informazioni dietetiche all’inizio dello studio; c’è ogni possibilità che le diete dei partecipanti siano cambiate significativamente nei successivi 2 decenni.

Gli autori notano anche che il loro gruppo campione era prevalentemente bianco, quindi la relazione tra flavonoidi e risultati sulla salute potrebbe essere diversa in altre popolazioni.

In conclusione, questo studio aggiunge peso all’idea che i flavonoidi potrebbero proteggere la salute. Tuttavia, come sempre, gli scienziati dovranno svolgere ulteriori ricerche.

Nel frattempo, il consumo di maggiori quantità di frutta e verdura non danneggerà.

Le bevande zuccherate possono aumentare il rischio di cancro

Published by:

zuccheri e cancro

Un nuovo studio osservazionale trova un legame tra il consumo di bevande zuccherate, incluso il 100% di succhi di frutta, e il rischio di cancro.

Le bevande che sono al 100% a base di frutta senza zucchero aggiunto possono avere un legame con il rischio di cancro, secondo un nuovo studio.
Da qualche tempo, i ricercatori hanno collegato le bevande zuccherate a una vasta gamma di rischi per la salute.

Obesità , diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari sono solo alcune delle condizioni che studi precedenti hanno associato a bevande zuccherate.

Alcuni studi sui roditori hanno suggerito che lo zucchero aggiunto nelle bevande analcoliche può guidare la diffusione del cancro e alimentare la crescita del tumore .

Ora, una nuova ricerca esplora ulteriormente il legame tra bevande zuccherate e cancro. Lo studio osservazionale, che appare su The BMJ , trova un’associazione tra l’assunzione elevata di bevande zuccherate e il cancro.

Eloi Chazelas, del Centro di ricerca epidemiologica e statistica della Sorbona di Parigi in Francia, è il primo autore dello studio.


Studiare bevande zuccherate e rischio di cancro


Chazelas e il team hanno esaminato i legami tra l’assunzione di bevande zuccherate e varie forme di cancro in 101.257 adulti francesi di età compresa tra 42 anni, in media. I ricercatori hanno ottenuto i dati dallo studio NutriNet-Santé.

Le bevande che hanno esaminato includevano “bevande zuccherate con zucchero” come bevande analcoliche, sciroppi, bevande alla frutta, succhi di frutta al 100% senza zucchero aggiunto, bevande zuccherate a base di latte, bevande sportive e bevande energetiche.

I ricercatori hanno anche considerato bevande dolcificate artificialmente, cioè “tutte le bevande contenenti dolcificanti non nutritivi, come bevande analcoliche dietetiche, sciroppi senza zucchero e bevande dietetiche a base di latte”.
Utilizzando questionari alimentari online 24 ore su 24, i ricercatori hanno valutato il consumo dei partecipanti di 3.300 diversi tipi di alimenti e bevande. Inoltre, l’osservazione clinica dei partecipanti è continuata per un massimo di 9 anni.

Durante questo periodo, i ricercatori hanno esaminato il rischio di “cancro globale, al seno, alla prostata e al colon-retto “.

Chazelas e colleghi hanno rappresentato potenziali confondenti, tra cui l’età, il sesso, l’educazione, il rischio ereditario di cancro e i fattori dello stile di vita, come il comportamento del fumo e i modelli di esercizio.

Un rischio del 22% più elevato di cancro al seno


Nel periodo di follow-up, 2.193 persone hanno sviluppato il cancro per la prima volta; avevano 59 anni al momento della diagnosi, in media. Tra tutti questi casi c’erano 693 di carcinoma mammario , 291 di carcinoma prostatico e 166 carcinoma del colon-retto.

L’analisi ha rivelato che per un aumento giornaliero di 100 millilitri nell’assunzione di bevande zuccherate, il rischio di cancro complessivo è aumentato del 18% e il rischio di cancro al seno è aumentato del 22%.

Quando i ricercatori hanno analizzato il rischio di succhi di frutta al 100% separatamente, questi hanno anche aumentato il rischio di cancro complessivo e cancro al seno. Tuttavia, lo studio non ha trovato collegamenti con il cancro del colon-retto o il cancro alla prostata.

Al contrario, le bevande dietetiche non aumentavano il rischio di cancro. Gli scienziati spiegano che le persone che hanno consumato bevande dietetiche lo hanno fatto in quantità molto ridotte, quindi suggeriscono di interpretare questo particolare risultato con cautela.

Punti di forza e limiti dello studio


Chazelas e colleghi espongono anche i punti di forza e di debolezza della loro ricerca.

In primo luogo, la “grande dimensione del campione e la sua valutazione dettagliata e aggiornata” delle bevande consumate rafforzano i risultati, scrivono i ricercatori.

Tuttavia, i risultati potrebbero non essere ampiamente generalizzabili, poiché la coorte di studio non è rappresentativa della popolazione più ampia, continuano.

“Poiché i partecipanti alla coorte NutriNet-Santé erano più spesso donne”, affermano, “con comportamenti attenti alla salute e livelli socio-professionali ed educativi più elevati rispetto alla popolazione francese generale, ciò avrebbe potuto comportare una minore incidenza di cancro rispetto a stime nazionali “.

Altre limitazioni includono l’incapacità di determinare la causalità e potenziali errori di misurazione. Tuttavia, gli autori ipotizzano che le bevande zuccherate possano aumentare il rischio di cancro perché lo zucchero influenza il grasso viscerale, la glicemia e i marker infiammatori, tutti studi precedenti correlati con un rischio di cancro più elevato.

I ricercatori concludono:

” Questi dati supportano la pertinenza delle raccomandazioni nutrizionali esistenti per limitare il consumo di bevande zuccherate, compreso il 100% di succo di frutta, nonché azioni politiche, come le restrizioni fiscali e di marketing mirate alle bevande zuccherate, che potrebbero potenzialmente contribuire alla riduzione dell’incidenza del cancro.”

Nuova strategia antitumorale “nasconde i farmaci come grassi”

Published by:

nuovi farmaci

Utilizzando una nuova tecnica che nasconde i farmaci antitumorali come grassi, i ricercatori sono riusciti a somministrare in modo sicuro dosi molto più elevate dei farmaci rispetto al solito nel sito dei tumori del cancro nei modelli di topo.

Un nuovo metodo di “travestimento” potrebbe consentire ai ricercatori di somministrare in modo sicuro dosi di farmaci antitumorali molto più elevate contro i tumori.
“È come un cavallo di Troia”, afferma il prof. Nathan Gianneschi, della Northwestern University di Evanston, Illinois.

Il Prof. Gianneschi sta parlando di una nuova strategia che lui e i suoi colleghi hanno recentemente ideato per fornire farmaci antitumorali ai siti tumorali .

Attraverso questo nuovo approccio – che i ricercatori hanno testato nei topi e che descrivono in un documento di studio che appare sul Journal of American Chemical Society – il team è stato in grado di fornire una dose molto più elevata di un farmaco chemioterapico comune per attaccare le cellule tumorali .

“[Il farmaco] sembra un piccolo acido grasso, quindi i recettori del tumore lo vedono e lo invitano”, spiega il prof. Gianneschi. “Quindi il farmaco inizia a metabolizzarsi e uccide le cellule tumorali”, continua.

Non solo questa nuova strategia sembra fornire una dose di farmaco più elevata alle cellule tumorali in modo più efficace, ma sembra anche avere una tossicità inferiore – e quindi un minor numero di effetti collaterali – rispetto agli attuali metodi di consegna.

Consegna sicura di dosi di farmaco molto più elevate
Il “cavallo di Troia” sviluppato dal Prof. Gianneschi e dal suo team è un acido grasso a catena lunga che può legarsi ai farmaci ad entrambe le estremità. Una volta legato al farmaco selezionato, il composto si “nasconde” all’interno dell’albumina sierica umana, la principale proteina presente nel plasma sanguigno.

L’albumina sierica umana è in grado di trasportare diverse molecole, compresi gli acidi grassi, trasportandole facilmente in diversi siti del corpo.

” È come se l’acido grasso avesse una mano su entrambe le estremità: uno può afferrare il farmaco e uno può afferrare le proteine. L’idea è quella di mascherare i farmaci come grassi in modo che entrino nelle cellule e il corpo è felice di trasportarli in giro. “

Prof. Nathan Gianneschi
Poiché l’albumina sierica umana fornisce molti tipi di nutrienti cellulari, i recettori sulle superfici cellulari “raccolgono” queste informazioni e “ingoiano” queste varie molecole.

Le cellule tumorali sono anche più avide delle cellule sane, poiché cercano di crescere e diffondersi. Pertanto, le cellule tumorali assorbono i nutrienti dell’albumina sierica umana a una velocità maggiore.

Quando l’albumina trasporta anche farmaci antitumorali nascosti, le cellule tumorali inghiottono erroneamente anche quelle, secondo i ricercatori. Ma non appena le cellule tumorali elaborano i nutrienti e il farmaco nascosto, muoiono.

Ricerche recenti indicano che gli scienziati possono “insegnare” ai batteri a distruggere il cancro.

Nel presente studio, il team di ricerca ha testato questo approccio in modelli murini di tre tipi di cancro, vale a dire il cancro alle ossa , il pancreas e il colon . I ricercatori hanno utilizzato un paclitaxel, un farmaco chemioterapico comunemente usato e comunemente approvato, che hanno attaccato all’acido grasso a catena lunga appositamente creato.

I ricercatori hanno scoperto che, nel modello di topo, questo tipo di parto ha portato alla completa eliminazione dei tumori.

Inoltre, il team ha osservato che questo sistema ha permesso loro di erogare una dose 20 volte superiore di paclitaxel, rispetto ad altre due formulazioni di farmaci che erano state approvate dalla Food and Drug Administration (FDA).

E anche se la dose era molto più alta del solito, i ricercatori hanno scoperto che il nuovo sistema di somministrazione era anche 17 volte più sicuro di altre formulazioni, con meno potenziali effetti collaterali.

“I farmaci di piccole molecole comunemente usati entrano nei tumori – e in altre cellule. Sono tossici per i tumori ma anche per l’uomo. Quindi, in generale, questi farmaci hanno effetti collaterali orribili”, ha osservato il prof. Gianneschi.

“Il nostro obiettivo è aumentare la quantità che entra in un tumore rispetto ad altre cellule e tessuti. Ciò ci consente di dosare quantità molto più elevate senza effetti collaterali, il che uccide i tumori più velocemente”, spiega.

La nuova ricerca offre la speranza di metodi più efficaci e sicuri per somministrare farmaci antitumorali ai tumori nei pazienti umani.

I cani sono più bravi a rilevare il cancro “che la tecnologia avanzata?”

Published by:

olfatto dei cani e prevenzione tumori

Poiché i cani hanno un olfatto estremamente sensibile, i ricercatori sono sempre più interessati a scoprire se sono in grado di rilevare la malattia. Un nuovo studio che lavora con i beagles ha scoperto che possono “annusare” con successo il cancro del polmone con estrema precisione.
Dati recenti indicano che il cancro del polmone non a piccole cellule “è il secondo tumore più comune ” che i medici diagnosticano tra i pazienti negli Stati Uniti. Questo tipo di cancro è anche responsabile del maggior numero di decessi correlati al cancro.

Per questo motivo, la diagnosi precoce è fondamentale.

Affrontare il cancro del polmone nelle sue fasi iniziali può consentire ai medici di trovare e applicare i trattamenti più efficaci.

Ma i metodi più comuni di diagnosi del cancro del polmone – tramite TC e PET – possono essere molto costosi e talvolta inaccurati o inaffidabili.

Un nuovo studio si è rivolto alle capacità di sniffing superiori dei cani per scoprire se i cani potevano rilevare con precisione il cancro ai polmoni semplicemente usando il loro olfatto.

“L’acutezza olfattiva di un cane è almeno 10.000 volte più sensibile di quella di un umano, che è probabilmente dovuta al loro più espansivo epitelio olfattivo e ai recettori olfattivi e alla loro capacità di trattenere l’aria nel loro rinofaringe durante l’espirazione”, spiegano gli autori dello studio nel Journal of American Osteopathic Association .

Il gruppo di ricerca – guidato dal Prof. Thomas Quinn del Lake Erie College of Osteopathic Medicine di Erie, PA – ha lavorato con tre beagles, che hanno addestrato per “fiutare” il cancro del polmone non a piccole cellule nei campioni di plasma (sangue).

Il Prof. Quinn e colleghi hanno scelto i beagles perché sono segugi del profumo, un tipo di cane che le persone tradizionalmente allevano per cacciare piccoli animali selvatici durante una caccia.

“I beagle sono un membro di medie dimensioni della famiglia di segugi del profumo e hanno 225 milioni di recettori olfattivi, mentre gli umani hanno 5 milioni di recettori olfattivi”, osservano gli autori dello studio.
Come i nasi dei cani possono migliorare il rilevamento
Inizialmente i ricercatori hanno addestrato quattro beagles per 8 settimane, anche se uno mostrava scarso interesse nel compito assegnato, quindi non prendeva parte allo studio.

Dopo il periodo di addestramento, il team ha invitato i tre beagles a distinguere correttamente tra i campioni di sangue raccolti da individui con carcinoma polmonare non a piccole cellule e una serie di campioni di sangue ottenuti da individui sani.

I ricercatori hanno collocato tutti i campioni in una stanza, a un’altezza in cui i cani potevano annusarli comodamente. Il team aveva addestrato i beagles a sedersi quando potevano sentire l’odore del cancro, o a procedere se il campione proveniva da una persona sana.

I cani hanno operato con successo la distinzione tra i due tipi di campioni, identificando la presenza di cancro con specificità del 97,5% e sensibilità del 96,7%.

“Stiamo usando i cani per selezionare gli strati di profumo fino a quando non identificheremo i biomarcatori del tell-tale”, afferma il Prof. Quinn, aggiungendo che mentre “[t] qui c’è ancora molto lavoro da svolgere, [… ] stiamo facendo buoni progressi. “

Allo stato attuale, i ricercatori stanno completando uno studio testando la capacità dei cani di identificare diverse altre forme di cancro, tra cui il cancro al seno e il tumore del colon-retto .
Questa volta, i beagles avranno accesso ai campioni di respiro del paziente, che i ricercatori hanno raccolto chiedendo ai volontari di respirare in una maschera speciale. Mentre i risultati di questo studio devono ancora apparire online o stampati, gli investigatori dicono che continuano a supportare l’eccezionale acuità dei cani nell’individuare il cancro.

In futuro, il gruppo di ricerca è interessato a separare i campioni raccolti dai pazienti oncologici in frazioni contenenti specifici biomarcatori, in modo che possano addestrare i cani a identificare i segni separati associati alla presenza di cancro.

“In questo momento, sembra che i cani abbiano una migliore capacità naturale di schermare il cancro rispetto alla nostra tecnologia più avanzata: una volta scoperto ciò che sanno e in che modo, potremmo riuscire a recuperare”.

Prof. Thomas Quinn
In definitiva, gli scienziati sperano di sviluppare un test di screening da banco economico che consenta alle persone di auto-rilevare la presenza del cancro semplicemente inspirando.