Un composto di broccoli e cavolo aiuta a sopprimere la crescita del tumore

l corpo ha i suoi meccanismi per combattere il cancro, ma a volte sono troppo deboli per sopprimere la crescita del tumore. Ora, gli scienziati hanno scoperto che broccoli, cavoli e altre verdure crocifere contengono un composto che potrebbe rinvigorire uno di questi meccanismi innati.


I ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, Massachusetts, della Harvard Medical School, hanno visto che il composto indolo-3-carbinolo (I3C) ha impedito la crescita del tumore in un modello murino di cancro alla prostata .

In un documento di studio scientifico , spiegano che I3C promuove il PTEN, una proteina soppressore del tumore “la cui attività è spesso diminuita nei tumori umani “.

Il team ha trovato un percorso molecolare in cui la proteina WWP1 altera e indebolisce il soppressore del tumore PTEN. WWP1 è attivo in diversi tumori umani.

Tuttavia, la loro indagine rivela che I3C può inattivare WWP1 disattivando il suo gene. Questo sprigiona tutta la potenza del PTEN per limitare la crescita del tumore.

“Abbiamo trovato un nuovo giocatore importante che guida un percorso critico per lo sviluppo del cancro”, afferma l’autore senior dello studio, il dott. Pier Paolo Pandolfi, direttore del Cancer Center e Cancer Research Institute del Beth Israel Deaconess Medical Center.

Suggerisce che il percorso è “un tallone d’Achille” [che] possiamo mirare con opzioni terapeutiche
Cancro e verdure crucifere
Il cancro si manifesta quando le cellule anomale crescono fuori controllo, invadono i tessuti e si diffondono. La neoplasia può colpire quasi ogni parte del corpo.

Secondo l’ Organizzazione mondiale della sanità (OMS) , il cancro ha causato 9,6 milioni di morti nel 2018 e il suo impatto economico è in aumento. Nel 2010, il costo totale del cancro in tutto il mondo era di circa $ 1,16 miliardi.
Esistono più di 100 tipi di cancro, ciascuno a seconda del tipo di cellula in cui inizia.

Gli scienziati hanno anche identificato sei segni distintivi del cancro a livello cellulare. Questi funzionano sostenendo i segnali di crescita, evitando la soppressione dei tumori, sfuggendo alla morte delle cellule, promuovendo la replicazione infinita, creando un rifornimento di sangue e innescando l’invasione e la diffusione.

C’è un crescente bisogno di farmaci nuovi e convenienti per curare il cancro. I ricercatori si rivolgono sempre più al mondo vegetale alla ricerca di composti naturali che potrebbero soddisfare questo requisito.

Studi precedenti hanno identificato composti che combattono il cancro nelle verdure crocifere, come cavoli, cavoli , broccoli ecavoletti di Bruxelles. Hanno suggerito che i composti operano su geni che promuovono alcune delle caratteristiche del cancro.
Ripristinare la soppressione del tumore
Il recente studio aggiunge a questa conoscenza. Il team sapeva già che il PTEN è normalmente un potente soppressore del tumore. Tuttavia, nel cancro, il gene della proteina può essere assente, alterato, down-regolato o silenzioso.

È raro che il gene sia del tutto assente; ciò richiederebbe la cancellazione di entrambe le copie che ogni persona porta. Spesso, ciò che accade è che i tumori hanno bassi livelli di proteina PTEN, perché, ad esempio, è attiva solo una delle due copie.

Ciò ha portato il dott. Pandolfi e il suo team a chiedersi se ci potrebbe essere un modo per ripristinare il PTEN alla sua piena capacità di soppressione del tumore e la misura in cui ciò potrebbe impedire la crescita dei tumori.

Per indagare su queste domande, hanno deciso di individuare i percorsi molecolari che attivano il PTEN.

Utilizzando cellule tumorali umane e un modello murino di cancro alla prostata, hanno identificato che la proteina codificata da WWP1 riduce la capacità del PTEN di sopprimere i tumori.

Ulteriori indagini sulla forma molecolare e sull’attività biochimica del WWP1 hanno rivelato che la piccola molecola I3C era un “inibitore naturale e potente del WWP1”.

Tuttavia, la squadra non sta suggerendo che mangiare molte verdure crucifere potrebbe avere lo stesso effetto. Per cominciare, una persona dovrebbe mangiare circa 6 chili di germogli crudi al giorno per raggiungere un livello efficace di I3C.

Invece, il dott. Pandolfi e i suoi colleghi stanno cercando altri modi per usare questa conoscenza. Continueranno a esaminare come funziona il WWP1 e se potrebbero esserci altre molecole con potere ancora maggiore per bloccarlo.

” Questi risultati aprono la strada a un approccio di riattivazione del cancro onirico da lungo tempo ricercato.”Dott. Pier Paolo Pandolfi