Un farmaco per il diabete è la chiave per un tumore al seno aggressivo?

Tags: , , ,

Una nuova ricerca ha scoperto che la metformina del farmaco contro il diabete modifica le cellule tumorali staminali in un modo che le rende più facili da usare con una nuova forma di trattamento.

I risultati potrebbero aiutare a trattare il cancro al seno triplo negativo, che è particolarmente aggressivo.


Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma aggressiva di cancro al seno che spesso si traduce in una scarsa prospettiva per le persone che ricevono una diagnosi per questo.

La maggior parte delle forme di cancro al seno dipendono da ormoni, come estrogeni e progesterone , per la crescita e la diffusione. Pertanto, il targeting di questi recettori ormonali offre una strada spesso di successo per il trattamento.

Tuttavia, a differenza di queste forme più diffuse di cancro al seno, triplo negativo tumori mancano tutti e tre i recettori ormonali: il recettore dell’estrogeno, il recettore del progesterone e il recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano.

Di conseguenza, i medici ritengono che questa forma di cancro sia particolarmente difficile da individuare e trattare. I tumori al seno tripli negativi costituiscono circa il 12% di tutti i tumori e negli Stati Uniti questa forma di cancro ha il doppio delle probabilità di verificarsi nelle donne nere rispetto alle donne bianche.

Recenti studi hanno indicato le cellule staminali cancerose come un potenziale bersaglio nel trattamento del carcinoma mammario triplo negativo. Le cellule staminali del cancro sembrano essere la chiave per la formazione e l’avanzamento dei tumori tripli negativi.

Ora, i ricercatori potrebbero aver trovato un modo per indebolire queste cellule e rendere i tumori più vulnerabili al trattamento.

Nello specifico, un team guidato da Jeremy Blaydes, un lettore di Cancer Cell Biology presso l’Università di Southampton, nel Regno Unito, ha scoperto che la metformina del farmaco contro il diabete modifica il metabolismo delle cellule staminali tumorali, rendendole più facili da raggiungere con una nuova forma di trattamento .

Blaydes e colleghi descrivono le loro scoperte nella rivista Carcinogenesis .
Un nuovo approccio taglia le cellule tumorali del 76%
Di solito, le cellule staminali del cancro al seno dipendono sia dall’ossigeno che dallo zucchero (glucosio) per produrre l’energia di cui hanno bisogno per sopravvivere e prosperare.

Tuttavia, in condizioni ambientali terribili, queste cellule possono adattare il loro metabolismo a fare affidamento più sul glucosio che sull’ossigeno.

Le cellule staminali del cancro, come tutte le cellule, possono abbattere il glucosio in piccoli pezzi di energia attraverso il processo di glicolisi .

Nel nuovo studio, Blaydes e il team hanno trattato le cellule staminali del cancro al seno con una bassa dose di metformina, un farmaco che abbassa i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2 .
Il team ha applicato una bassa dose di metformina alle cellule staminali del cancro al seno in coltura per un periodo prolungato di oltre 8 settimane.

Facendo così costretto le cellule del cancro al seno a sviluppare un glucosio “dipendenza”.

Le cellule che sono diventate eccessivamente affidamento su glucosio visualizzati anche tassi più elevati glicolisi, nonché una maggiore attività in un tipo di proteina chiamata ‘C-terminale della proteina di legame’ (CtBP). CtBPs anche carburante tumore crescita.

Il cambiamento del metabolismo delle cellule tumorali in questo modo li ha resi più vulnerabili al trattamento con farmaci che inibiscono il CtBP.

Complessivamente, l’applicazione di metformina alle cellule tumorali e quindi il “spegnimento” dei geni CtBP utilizzando gli inibitori del CtBP hanno ridotto la crescita delle cellule staminali tumorali del 76%.

“Il nostro lavoro ci ha dato il primo assaggio di come i cambiamenti nel metabolismo possono alterare il comportamento delle cellule staminali del cancro al seno e rivelano nuovi bersagli terapeutici”, commenta Blaydes, aggiungendo: “Stiamo solo iniziando a scalfire la superficie in quest’area di ricerca “.

” [W] e ora abbiamo bisogno di portare avanti lo sviluppo di inibitori del CtBP come farmaci per il cancro al seno. Speriamo che questi possano portare a nuove opzioni di trattamento per i malati di cancro al seno che ne hanno più bisogno”.

Jeremy Blaydes
Successivamente, i ricercatori hanno in programma di perfezionare ulteriormente gli inibitori del CtBP e testare varie combinazioni di metformina e inibitori del CtBP per arrestare la diffusione dei carcinomi mammari tripli negativi.