Una nuova terapia a rilascio singolo potrebbe combattere molte forme di cancro

Utilizzando modelli murini, i ricercatori dell’Università della California di Los Angeles hanno sviluppato una terapia sperimentale che aumenta i livelli di un tipo di cellula immunitaria che sembra in grado di combattere diverse forme di cancro.


Le cellule invarianti di killer naturali (iNKT) sono un tipo di potente cellula immunitaria in grado di combattere molti “intrusi” diversi tra cui le cellule tumorali.

I corpi umani contengono relativamente poche di queste cellule, limitando quanto possono contribuire a sopprimere la crescita tumorale . Tuttavia, la loro potenza li rende candidati ideali per l’immunoterapia antitumorale innovativa.

E questo è esattamente ciò che un team di ricercatori dell’Università della California di Los Angeles (UCLA) ha deciso di fare. Utilizzando modelli murini di diverse forme di cancro, gli scienziati hanno testato una nuova terapia che aumenta il potenziale delle cellule iNKT.

I ricercatori hanno dettagliato i loro esperimenti in un documento di studio che ora appare nella rivista Cell Stem Cell .

“Lacosa veramente eccitante è che possiamo dare questo trattamento solo una volta, e aumenta il numero di cellule iNKT a livelli che possono combattere il cancro per la vita dell’animale.”

senior autore Lili Yang, Ph.D.

Nuova terapia è efficace in modelli in vitro


Nel documento studio, i ricercatori spiegano che ciò che rende queste cellule immunitarie speciale è che – a differenza di altre cellule del sistema immunitario – che “hanno la notevole capacità di rivolgersi a più tipi di cancro” in una sola volta.

Guardando a precedenti studi clinici, i ricercatori hanno anche scoperto che le persone con il cancro che hanno naturalmente i livelli più elevati di cellule iNKT tendono a vivere più a lungo di coetanei con livelli più bassi.

“Sono cellule molto potenti, ma sono naturalmente presenti in tali piccoli numeri nel sangue umano che di solito non possono fare la differenza terapeutico”, spiega Yang.

Attraverso i loro recenti esperimenti, i ricercatori hanno voluto creare una forma di terapia che stimolasse il corpo a produrre più cellule iNKT su base permanente. Il team sperava di trovare una terapia “a parto singolo”, per così dire.


Per fare ciò, gli scienziati hanno ingegnerizzato geneticamente una forma di cellule staminali – cellule staminali ematopoietiche dal midollo osseo – per svilupparle in cellule iNKT. Hanno chiamato le cellule risultanti “cellule T killer naturali invarianti ingegnerizzate da cellule staminali ematopoietiche” (HSC-iNKT).

Quindi, per vedere se le cellule funzionavano come previsto, i ricercatori hanno testato cellule HSC-iNKT nei topi a cui avevano trasferito sia il midollo osseo umano che i tumori di origine umana, tra cui il mieloma multiplo (una forma di tumore del sangue) e il melanoma ( tumori solidi).

Il team ha scoperto che l’esperimento ha avuto successo: le cellule HSC-iNKT sono state in grado di differenziare e formare cellule iNKT e questo processo è continuato per il resto della vita dei roditori. Non solo, ma i topi che avevano trattato presentavano anche un’efficace soppressione della crescita tumorale sia del mieloma multiplo che del melanoma.

“Un vantaggio di questo approccio è che si tratta di una terapia cellulare monouso che può fornire ai pazienti un approvvigionamento permanente di cellule iNKT”, afferma Yang.

I ricercatori hanno anche specificato che le cellule iNKT rappresentavano il 60% della conta totale delle cellule T nei topi sottoposti alla terapia HSC-iNKT rispetto ai topi di controllo, che rappresenta un aumento significativo.

Inoltre, i ricercatori affermano di poter controllare quante cellule iNKT producono i topi semplicemente modificando la programmazione delle cellule HSC-iNKT.

Sebbene questo trattamento sia, finora, solo a livello di ricerca preclinica, e non è chiaro se questo stesso processo sarebbe altrettanto efficace nell’uomo, gli investigatori dell’UCLA ritengono che la premessa sia promettente.

Tanto più che fanno notare, dal momento che la procedura per il trapianto di cellule staminali nel midollo osseo nell’uomo è già in atto e i medici la usano per altri interventi terapeutici.